L'iniziazione di Francesco Cap.: IV

Scritto da , il 2020-09-27, genere prime esperienze

Cap.: IV


Il piccolo giovinetto, una volta timido e titubante, ora, spinto dal desiderio slacciava e apriva gli indumenti dell’uomo che per primo aveva intuito la sua vera indole. Le sue mani si muovevano istintivamente, senza soste, incalzate e sospinte da baci, sbaciucchi e sfiori. Dal torso le palme scivolavano e ritornavano in alto , come a voler conoscere anche con il tatto la persona desiderata; si insinuavano in aree coperte per tastarle e far annusare l’afrore e poi incrociandosi pizzicavano e offrivano quella parte a nuoci lascivi baci; mentre quelle si muovevano incontrollate, il giovinetto, appiccicato al pube dell’uomo, aspirava a pieni polmoni i profumi che quel posto emanava per aprire poi le sue labbra sulla forma che si ingrossava ed allungava lasciando tracce di sofferenza sui tessuti che la coprivano.
“Siii, … bravissimo. … ohhhhhhhh, … vai avanti, … liberami, … svestimi completamente. … Lui ti vuole, … sente il tuo respiro, … il tuo desiderio. E’ là sotto che piange e suda. … Vai, Antinoo mio, a dargli ristoro e sollievo con le tue labbra, … con la lingua. Che le tue mani lo possano stringere e slittare in continuo, con variazioni di movimenti e di pressioni. … Vai, piccolo mio, toglimi questi pantaloni e fammi sentire sul tessuto degli slip le tue calde, umide labbra, … i tuoi soffi, il tuo respiro, … e poi…”
Francesco con piccoli, sinuosi e languidi gesti riuscì a scoprire in parte quel fisico che bramava di vedere interamente. Era con la lingua sulla forma ricoperta da un leggero tessuto bianco, quando percepì il salaticcio. Urine venivano indirizzate sulle sue labbra o sul tessuto delle mutandine. Lappava, succhiava, aspirava quei liquidi che impedivano alla sua vista di scorgere la forma del desiderio. Si muoveva con la bocca e la lingua su tutto l’indumento che copriva l’anima dell’uomo. Diede l’impressione ai presenti che quel tiepido, odoroso dorato fiotto lo avesse acceso, stimolato a volere proteggere, addirittura, ciò che vi si nascondeva. Le sue mani, guidate da impulsi libidinosi scorrevano, guizzavano e passavano dall’esterno all’interno e sotto quei boxer ondeggiando e oscillando per condurre il nascosto ad …, … a uscire, … a farsi vedere. L’indumento andò giù verso i piedi … e quello che era nascosto si erse e si presentò in tutta la sua magnificenza e splendore.
Il glande era lucido, brillava quasi con bagliori del fuoco, turgido, di un rosso cupo e splendente; teso allo spasimo. La superficie sembrava seta amaranto. Sulla cima la piccola apertura sembrava un sesso femminile in miniatura, con i suoi bordi in rilievo, piccoli ma visibili. Senza labbra, né piccole né grandi, con il piccolo orifizio che si ergeva sulla collina divenuta di color rubino. Lungo le pareti le vene si erano ingrossate e pompavano sangue per la sua lucentezza ed elasticità. Goccioline scendevano dalla piccola fessura, goccioline quasi invisibili che rendevano ancora più lucente la sua superficie.
Il pene sembrava un grande pistillo di un fiore del paradiso terrestre. Bastava immaginare delle corolle larghe e profumate, con petali dai colori fantastici intorno, che quello che si ergeva dal corpo era proprio il pistillo eretto di un fiore dell’Eden, di un fiore fantastico, di un fiore fiabesco.
“Guardalo, … toccalo, … annusalo, … prendilo, … per domarlo devi proseguire nella violenza, … Inizia a leccare le sue grosse radici, produttrici e conservatrici di ambrosia, … puliscile e lavale con la tua saliva, … serrale nella tua cavità orale, … frustale con la punta della tua lingua e continua finché non comprendono che sei tu il suo padrone e che a te devono obbedienza, … per te devono produrre e a te devono concedere quello che proteggono e conservano. Hanno bisogno che tu prenda la grossa prugna, posta sul vertice del fusto che presso loro inizia, per farla entrare nella tua calda, umida, flautata reggia, … difesa da tanti soldatini bianchi. Con il tuo scudiero frustala, battila, percuotila, … e … trovato il peduncolo che serve per portarle ordini, … violentalo e maltrattalo anche con i soldatini, finché snervato, stanco, sfinito non implorerà, urlerà, di aprire le serrande per far sgorgare, erompere e schizzare nel tuo salone un fluido, simile all’ambrosia o al nettare degli dei. … e dopo, raggiante e felice per il successo, come paggio prode, probo e fedele, tieni per te e solo per la tua privata mescita interrata, i doni dolci e sciropposi che quei rizomi simili a uova ti hanno ceduto.”
“Hans, anche mio fratello Alessandro ha trovato un amante, degno di questo appellativo. … e ora osserva gli spasmi, … le contrazioni, … i colpi, … il desiderio di sfuggire alla capitolazione, … ascolta gli urli simili a quelli che tu, mio caro Federico, strappi alle mie corde vocali quando ti prendo, ti violo o ti stupro sfasciandoti. Tu, mio Hans, osserva come il membro di mio fratello entra e come viene ricevuto e spinto sino all’esofago. … Il nostro Francesco strabuzza gli occhi, … ma, nonostante la violenza che Alessandro gli infligge, lui sorride con quegli occhi, riconoscente per averlo testato e provato.”
“Ahhhhhhhhhhhhhhhhhhh, … siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii, … bevi, piccola piovra … ecco … prendi … ingoia … tenera, delicata, dolce puttana. Ahhhhhhhhh … siiiiiiiiiiii … mi stai svuotando … ahhhhhhhh … ssssssiiiiiiiii … grazie, mia piccola puttana, mio piccolo amante. … Grazie. … e ora piccolo conduttore strofinati, massaggiati e vieni con le tue mani, mentre ti irroro. Tu non sai quanta estasi ti prende quando, masturbandoti, qualcuno ti bagna con la sua dorata, tepida, inebriante pioggia.”
“Uhhmmmmmm … siiii …ohhhmm … Grazie, … grazie Alessandro … è stato bellissimo …ooooohhhhhhhhhhh … siiiiiiiiiiiiiiiii!” Piccole gocce trasparenti sprizzarono verso l’alto per terminare il loro percorso nella coppa protesa, verso di lui, da Federico.
“Ohhhhh … siiii, … così. Forza! … ohhhhhhhhhhh … eeeehhhhffffffffffff … … e ora vieni, … alzati e lasciati stringere. … Che le nostre emozioni, i nostri pianti, mossi dal desiderio, si confondano … che le nostre anime si bagnino degli umori che abbiamo versato. Vieni mio piccolo … amato balilla … viene a confondere e mescere i residui che restano nelle nostre uretre … e … mischiati … rimangano essiccati sui nostri strumenti e inguini. Ohhhhh, … Massimo, tu hai Federico, che vive e partecipa … e condivide le nostre scoperte … penso di aver trovato in questo ragazzino, il fringuello … la tortora che cercavo. Poche ore fa non sapeva niente … aveva solo il desiderio, ma non sapeva che cosa fosse o volesse dire fare sesso, prendere in bocca un pene o il significato di sperma o di sborra. … e ora, … poco fa … mi ha tolto l’anima … solo con la lingua e la bocca, … ma in questo … oh, … anche tu, Federico … Hans di Massimo, … hai collaborato. Tu non sai quanto mi sia eccitato nel vedere un ragazzino che mi massaggiava con la lingua, mentre tu mi pisciavi sopra. Come tu sai … mio carissimo amico ed condiviso amante di Massimo il ricevere sul proprio organo sessuale una calda, lunga pioggia dorata, conduce di per sé all’orgasmo … prova a pensarla abbinata ad una lingua che frulla i tuoi testicoli e che beve … da sopra loro. Questo è stato il frangente in cui sono finito in un’estasi eiaculatoria di straordinaria sublime intensità. … Anfffffff, … perdonatemi, … ma penso che sia giunto il momento di terminare la sua igiene intima e di lavarci un po’ anche noi. Per cui …”
“Il bagno è già pronto a ricevervi. … Andate voi due, … ché io rimarrò in sala per pulire e togliere le tracce che abbiamo lasciato. Tenetelo tra voi, … lasciatelo vedere, toccare, ansimare per l’attesa del suo momento; che guardi gli specchi e si veda tra due meravigliosi esemplari maschili maturi. Lavatelo, … anche nelle sue aperture. … e poi, issato, preparatelo per l’enema con la testa appoggiata al cristallo e il culo ben in alto. Ci sarò per godermi lo spettacolo dell’introduzione della cannula e dei sussulti e spasmi e degli sforzi finali a trattenere.”
“Ti alletta e attrae assistere dal vivo a sequenze erotiche tra uomini, eh Federico?”. Rifilando uno sculaccione al suo amante.
“Grazie Massimo, … anche questo tipo di perversione deve provare, … però nella sala degli specchi … che possa contemplarsi mentre viene sculacciato. … volesse il cielo che ne avesse due, ... uno da succhiare mentre un altro colpisce e perfora il suo delicato, plastico, caldo sederino.”
“Beh, … è fattibile, ma successivamente, altrimenti non arriviamo a quello che desideriamo tutti.” … dandogli anche lui, ridendo, un sonoro sciack.
I due fratelli erano sotto la doccia uno fronte l’altro. Francesco, dopo aver insaponato e sciacquato i loro didietro usando il suo fisico, su loro richiesta, trusciando, strofinando, frizionando, comprimendosi ai corpi, sgusciando e slittando lentamente si ritrovò a sandwich tra loro. Aveva un pube di uno sul suo sederino con un pendaglio pendente che cresceva e spingeva sollevandosi e spingendosi contro il suo perineo, mentre l’altro chiedeva, appoggiandosi, di far conoscenza, anche intima e profonda, del fresco, fiorente germoglio. Le loro mani, prese da lussuria di sapere e di relazione, girovagavano perdendosi volutamente in caldi, palpitanti, intimi nascondigli. Le lingue, precedute da rivoli vaporosi, stuzzicavano, allettavano e toccavano in continuazione punti sensibilissimi e delicati. … e la vista, allettata e spinta dalla passione crescente, trasmetteva immagini che nell’inconscio di ognuno si trasformavano in desideri di voluttà, penetrazione e possesso guidati dal sottofondo musicale della brama, della libidine e della concupiscenza. I suoni si trasformarono da ansimi e boccheggi in esortazioni a cedere ed aprirsi. Il culetto eccitato di Francesco, più volte visitato ed esplorato da dita, si spingeva contro parti, inalberate e dure, per conoscerle e viverle nel suo interno.
“Questo tuo Francesco ti darà le medesime gioie e delizie che Federico dà a me. Lo condivideremo e possederemo, oltre che tra noi, anche con altri. Sarà con Federico un collaboratore prezioso per l’azienda. Tu sai, fratello mio, che il mondo dell’economia fonda le sue radici sul sesso. Aumenteranno, anche con la sua opera, i profitti.”
“Hai ragione; però, ora, voglio godermelo condividendolo con te, Federico e Placido e poi sarà lui a chiedere se vorrà collaborare con la nostra attività. Per ora non perdiamoci in chiacchere e prepariamolo ad entrare nel nostro mondo a pieno diritto, perché è straordinario per come si apre e si presta a ricevere.”
Il ragazzino, mentre ascoltava con interesse quello che i fratelli asserivano su di lui, osservava e ispezionava quelle misure che lo inebriavano … che piacevano … attirandolo, ma anche …
“Non aver timore, … entreranno … entreranno, … e come che entreranno. Accederò per primo io, per non sfasciarti e lesionare il tuo anello, avendolo più moderato. Ti sentirai pieno, gonfio, sazio come non mai, … e godrai; ma, come per tutti, con la prima penetrazione proverai dolore e non poco, … però, … che cos’è il dolore con l’estasi che vivrai dopo? … dopo il dolore subentra l’appagamento e il piacere. … e ora piccolo, dolce, delizioso ragazzino sali su quel vetro, … inginocchiati e stenditi con la testa aderente al piano, … natiche ben divaricate e alte, … mostra il tuo fiore, … la tua Actinia, …il tuo fiore del vento. Lascia che, tramite la sua bocca ed entrando nel suo celenteron con una piccola cannula si possa pulire, lavare, purificare il suo interno. Non temere il fastidio: in seguito chiederai di farlo sempre!”
Il serico orifizio dell’ano sembrava una bocca chiusa nell’atteggiamento di baciare
Il giovane balilla, con il culetto in alto, proseguiva nel suo viaggio verso la meta agognata, la sodomizzazione, verso … Alessandro, verso …quelle mani che lo avevano ghermito, rapito per condurlo nell’universo a cui apparteneva. … per farsi prendere, avvincere e stringere; … per divenire nido di volatili bisognosi di un caldo, tenero, levigato riparo. Il suo orifizio unto, forzato, perforato con l’aiuto di un liquido cremoso bianco, venne penetrato da una cannula collegata, tramite un dotto, ad una sacca gonfia di tiepido latte.
Che meravigliosa sensazione sentirsi riempire l’intestino di tepori, mentre mani, mani … e mani percorrono il tuo corpo dalle ginocchia all’addome, dai glutei al dorso e spesso - per non si sa quale motivo - ti ghermiscono una tua parte con le uova pendenti e te la stringono, muovendosi in avanti e indietro. … e questa tua sensazione diventa sublime quando le tue natiche vengono graffiate o morse. Ecco Massimo e Alessandro si erano divisi il corpo e ognuno giocava con la parte che deteneva, pizzicandola, graffiandola, raschiandola, mordendola. Il giovinetto sotto quella nuova, ma diversa sevizia, aveva ripreso a sussultare, ansimare, uggiolare, tendendosi, … arcuandosi e allungandosi, dando modo di essere riempito dei liquidi preparati per la lavanda del suo intestino senza avvertire disturbi. … e le mani proseguivano con le loro stimolazioni.
“Allora? … ti ha deliziato, conquistato … il clistere a base di latte or ora terminato?”
“Sì, ma ora devo … ho bisogno … mi serve … mi scappa … devo … hanfffanff … hannffffff … fa male … non ce la faccio … devoooooooooooooo!”
Francesco fu deposto sul water per scaricare quello che gli era stato immesso. L’enema fu ripetuto con minor supplizio post immissione.

Questo racconto di è stato letto 1 9 1 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.