A.N.A.L.E. Meglio così

Scritto da , il 2020-09-26, genere comici

Guardo l'orologio che ho sul polso, tutto sommato non è così tardi, forse riesco anche a farmi un giretto a piedi nei dintorni dell'albergo per sgranchirmi un po' prima di riprendere l'aereo. La sala colazioni è semivuota, e meno male, perché tra i capelli raccolti ad ananas, la canottiera con la scritta “OGGI MORDO!”, i pantaloncini corti e gli occhiali da sole da day-after non farei una gran figura… Mi accaparro uno dei tavolini più defilati con una bella ciotola di latte d'avena (miracolo! Quasi nessun albergo lo serve), un caffè e un quintale di muesli con le scaglie di cioccolato fondente.

Da lontano scorgo Lucrezia, si è messa giù da gara per la colazione! Ma non mi nota, e io sono troppo stracciona-style per farle un cenno di avvicinarsi. Il fatto è che la colazione è un rito che si consuma in silenzio, dopo, quando il caffè sarà in circolo, potrò andare a darmi una rassettata e magari sforzarmi di fare l'animaletto socievole…

Certo che è stata proprio una serata folle… chissà cosa racconterò una volta rientrata a casa… ho qualche vuoto di memoria, sarà che sto invecchiando, non reggo più l'alcol come un tempo…

Rigiro il cucchiaio nella ciotola e inframmezzo i pensieri al compiacimento dello scricchiolio del muesli sotto i denti.

Hermann… ricordo di aver ballato con lui. Si, mi ha offerto da bere. E poi? frammenti senza senso.

Poi buio.

Fino a che non l'ho ritrovato riverso come uno straccio sul pianoforte, non si muoveva! M'ha fatto prendere un colpo!

E intorno non c'era più nessuno, tutti imboscati. E mica potevo lasciarlo lì così!

“Ohi malefadadu, a buffare pius pagu siada…” ho pensato fra me e me…

Non è che io fossi messa molto meglio, anche il mio blackout era piuttosto consistente. Quindi, me lo son caricato su una spalla e l'ho trascinato in camera mia, che tanto non era certo in grado di dirmi dove stava la sua!

“Figa che trip!” ha biascicato, chissà quanta roba avrà avuto in corpo, mi ha chiesto i gingerini e poi ha iniziato uno sproloquio sconclusionato su Lucrezia, una pineta, le formichine e un pornoattore degli anni 70.

Dalle mie parti si direbbe “ubriaco come San Lazzaro".

Lungo tutto il tragitto in ascensore non ha fatto altro che parlare di questa roba. Il pianoforte stregato, una lotta epica fra lui e Lucrezia… boh, magari si saranno bisticciati, tanto qui si sa che è come il ballo del liceo, hai voglia a crescere, le dinamiche sempre quelle rimangono… Che io ci capivo poco all'epoca, di tutti gli intrighi e i drammoni adolescenziali, figuriamoci oggi…

Dalla mia postazione vedo arrivare qualcuno alla spicciolata, riconosco Gwyn e Browser, pian piano la sala si riempie, anche Alba è appena entrata, e proprio come ieri sera, si ferma a chiacchierare un po' con tutti elargendo sorrisi.

Chissà che avranno fatto gli altri, coperti dal buio della notte… se questi muri potessero parlare…

Ah, ecco là Hermann… spero non mi veda… inizio ad appallottolarmi come un riccio.

Cerco di mimetizzarmi tra le tende arretrando in stile Homer Simpson… no merda! Mi ha visto. Mi saluta con la mano. Si avvicina a grandi passi, con un sorriso sghembo.

“Ciao. Si può sedere? Ieri notte è stata complicata, non so neanche di preciso tutto quel che è successo. Se devo sapere qualcosa, dimmelo.”

Momento imbarazzo… spero gli occhiali da sole siano sufficienti a mascherare l'arcobaleno di colori che deve aver assunto la mia faccia!

Quando siamo arrivati nella mia stanza, ero su di giri, lo ammetto… mi andava di giocare. Tutta la serata era come un lungo preliminare, il sesso era un sottinteso quasi palpabile in ogni discorso… e l'alcol a fiumi non aiuta certo a tenersi le mutande addosso.

Comunque una cosa ancora non mi spiego: ok, svarionava, però non era ubriaco perso da non reggersi in piedi, e decisamente là sotto aveva un durello mica da ridere… eppure… oh, manco un timido tentativo di approccio. Valli a capire gli uomini.

E quindi, sarà perché lui faceva l'amicone, mi ha punto sull'orgoglio di femmina, com’è, come non è, non so neanche io perché, quando si è seduto sul letto mi si è proiettata nel cervello una scena da film, e la mia vena esibizionista ha preso il sopravvento.

Con un sorriso malizioso gli ho detto “vuoi il gingerino, o preferisci qualcosa di più dolce?”

Ha strabuzzato gli occhi. Non credo mica che abbia capito subito.

Così, scrollati i capelli all'indietro, ho sfilato diadema e orecchini, e lentamente ho scoperto le spalle lasciando cadere le bretelline dell'abito blu. Ho tirato su i capelli con entrambe le mani, civettuola, provocante, mentre ondeggiavo sinuosamente i fianchi in una danza sensuale.

Sembrava apprezzare, davvero: con gli occhi fuori dalle orbite seguiva ogni mio movimento, incitandomi a proseguire con un uggiolio.

Ondeggiando davanti al suo viso ho sganciato le balze dell'abito che sono cadute sul pavimento in mille soffici volute, rivelando le gambe, le cosce morbide inghirlandate nel pizzo delle autoreggenti, e lasciandomi così con indosso il solo bustier incrostato di pietre, scintillante di mille sfumature azzurre, che mi strizzava la vita accentuando le mie forme già burrose, e una mutandina in pizzo che poco lasciava all’immaginazione. Mi sentivo sensuale, irresistibile… Ho sfilato i tacchi, e ho iniziato il mio spettacolo.

Lui quasi ululava.

Carezzandomi lentamente sono risalita fino al bordo in pizzo delle calze.

Ho iniziato a far scorrere la prima lungo la gamba, gli occhi fissi nei suoi, l’atmosfera stava scaldandosi al punto giusto… io come Sofia Loren e lui Marcello Mastroianni.

Mi sfilo la calza accarezzandomi la pelle dorata, seguendo con le mani il sinuoso sentiero che dalla coscia si dipana fino alla punta del piede, che tendo languidamente come nella migliore performance burlesque, per poi liberarlo di scatto dalla seta che, appallottolata, lancio nella sua direzione, sicura che avrebbe afferrato al volo quell'oggetto di desiderio.

E lui cosa fa? Si porta la calza al viso, chiude gli occhi con un’espressione di estasi dipinta sul volto, e poi!? Riverso all'indietro, si addormenta di botto sopra il copriletto! E ha iniziato pure a russare!

“Tranquillo, va tutto bene, grazie. Non è successo niente.”

Ecco, appunto. Niente di niente.

Siede di fronte a me, sento i suoi occhi che mi scrutano, mentre io non riesco a guardarlo in faccia. Santo subito chi ha inventato gli occhiali da sole…

“Ricordo a malapena di essere entrato in ascensore. Poi mi son svegliato nel tuo letto, ho tolto il disturbo e sono andato via."

“No, no figurati, nessun disturbo… ci siamo addormentati subito, crollati sul letto come due sacchi di patate. Tutto qui.”

Sucunnemmammarua, ma sul serio non ricordi nulla?

“Sicura sicura? Davvero, me lo diresti se avessi fatto qualcosa che ti ha dato fastidio, vero? Non è che ci ho provato con te?”

“Ma no, che vai a pensare…”

Infatti. Proprio no.

“Ehi, se vuoi mordermi fai pure, ecco" mi porge l'indice, proprio davanti al naso.

Io abbasso leggermente l'occhiale scuro, per mostrargli il mio sguardo interrogativo.

Lui indica il mio petto “La maglietta… Ti devo sempre spiegare tutto.”

“Ah, già.” Rimetto su l'occhiale, e mi scappa una risata.

E niente, Hermann riesce sempre a farmi ridere.

“Grazie, per ora il muesli è sufficiente".

Alla fine… Amici! Ma sì… Meglio così!




Questo racconto di è stato letto 1 0 6 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.