Il cuore di Odino

Scritto da , il 2020-09-24, genere esibizionismo

“La colazione è il pasto più importante della giornata!” esclama Enrico mentre spalma un'ingente quantità di nutella sopra una fetta di pane. In forma smagliante, già sbarbato e vestito di tutto punto, con la valigia pronta per andare in aeroporto, mentre noialtri sbadigliamo ferocemente, Alessandro in boxer e maglietta, rigorosamente scalzo, e io con indosso il mio pigiama preferito, quello con Totoro che sbadiglia, e le pantofole pelose.

Alessandro versa il caffè per tutti, afferra al volo il significato della mia espressione disperata, mi dà un buffetto sulla guancia e cerca di spiegare a Enrico che finché il caffè non è entrato in circolo è prudente non chiacchierare troppo, né a voce troppo alta, anzi forse è il caso di non chiacchierare proprio se ci tiene alla vita.

“Scusa, piccola" sussurra piano Enrico dandomi un bacio sui capelli.

“Dammi due minuti, mi metto qualcosa addosso e ti accompagno" gli fa Alessandro, prima di infilarsi nel bagno.

Io mi trascino pesantemente verso il divano, stropicciandomi gli occhi “non potevi prendere un volo con un orario più umano?”

“Non avrei potuto essere in tempo per la riunione con il Megadirettore Galattico… Sarò via solo due giorni… ti mancherò almeno un poco?” mi dice stringendomi in un abbraccio.

“Uhm… forse…un po'” gli rispondo infilandomi di più nella sua stretta.

Quando escono di casa il sole non è ancora sorto, fuori l'aria è pungente, cosi dopo aver salutato i miei uomini sulla soglia mi rifugio sul divano intabarrata nel mio plaid di pile, in attesa che Alessandro torni dall'aeroporto.

“Ehi dormigliona… sono tornato" mi risveglia con un bacio, sedendosi di fianco a me, e sistemando le mie gambe sul suo grembo afferra il telecomando e accende la TV.

“Dovremmo iniziare a pensare a cosa fare questo inverno” gli dico appena i neuroni riprendono a connettersi “Enrico ha il suo lavoro, ma noi? Non possiamo continuare a tergiversare, gli altri anni di questo periodo avevamo già i biglietti pronti per la stagione invernale…”

“Non mi va di partire, Alice. Vorrei provare a fare qualcosa di diverso.”

“Che hai in mente?”

“La stagione è andata bene, abbiamo messo da parte abbastanza per fermarci un po' e nel frattempo pianificare. Pensavo di potenziare l'offerta di corsi, anticipando la riapertura in primavera. Vorrei mettere radici. Non ho più voglia di fare il giramondo…”

“E non ti va di allontanarti da Enrico, dico bene?”

“Non è così anche per te?”

“Forse… comunque non mi dispiace l'idea di diventare stanziali…”

“Andata, allora. Ne parlerò con Luca, e magari anche Enrico potrà darci una mano con la
promozione.”

Restiamo sul divano a sonnecchiare un po’ con la TV accesa, finché un messaggio su whatsapp ci annuncia l'arrivo a destinazione di Enrico. Lo correda di un'immagine, il simbolo di tre triangoli intrecciati fra loro, il cuore di Odino. “Questi siamo noi" scrive.

“Bello!” fa Alessandro “Potremmo farci un tatuaggio…” scorre con i polpastrelli, lentamente dalle dita dei piedi verso la caviglia, sollevando leggermente l'orlo del pigiama “qui, ti starebbe benissimo" indica un punto proprio sopra il malleolo. “Oppure" prosegue risalendo lungo la coscia fino alla cintura, e scoprendomi il fianco arriva fin quasi sotto il seno “potresti farlo qui, sul costato, un piccolo marchio vicino al cuore…”

“uhm…” mugolo sotto le sue carezze “e tu dove lo faresti?” mi allungo per sfilargli la maglietta, ricambiando le sue carezze con entrambe le mani sul petto e le spalle. Scorro delicatamente le dita lungo il suo addome, sentire la sua pelle calda e vellutata sotto i miei palmi mi fa sospirare.

“Mmm… facciamo un sondaggio…” prende il cellulare e ci scatta una foto, con lui che poggiato con la guancia sul mio costato tira fuori la lingua e mi lecca la pelle, digita velocemente “idee per un tattoo? Alice lo farebbe qui! E io?” e invia a Enrico mentre io ancora rabbrividisco al suo tocco.

La risposta arriva immediata: una foto ravvicinata di lui che abbassa leggermente il pantalone con la cintura slacciata, mostrando il promontorio definito della spina iliaca, fin quasi all'attacco del pube. A didascalia: “qui starebbe benissimo!”

La foto è un close-up, ma non così vicino da nascondere l'evidente curva che tende la stoffa dello slip blu notte che Enrico indossa sotto gli eleganti pantaloni gessati. Mentre mi mostra il display, Alessandro ha un guizzo negli occhi, riconosco quello sguardo malizioso e quel ghigno che prelude a uno dei suoi folli slanci.

“Che ne dici di rilanciare?” mi solleva la maglia, posizionandone l'orlo a coprire appena le areole e stringendomi da sotto un seno con la mano sinistra, scatta un'altra foto. Me la mostra: ritrae il suo polso in primo piano, ma ciò che si intravede è inequivocabile.

Scrive: “Che ne dici del polso per me e plesso solare per la nostra sirena?”

Mentre attende la risposta continua a massaggiarmi scoprendo completamente i due seni, svelando i miei capezzoli ormai inturgiditi da quel tocco e dall'insolita situazione… Mi sciolgo sotto le sue carezze. Come prima sul costato, anche ora spinge in fuori la lingua lasciando una scia calda e umida dalla mia pancia fino alla base del collo. Il trillo di whatsapp non interrompe il suo assalto ai capezzoli, mentre mi succhia guardiamo entrambi il display…

È la mano di Enrico… il close-up stavolta è davvero ravvicinato: il suo pugno stringe qualcosa che si intravede appena… la didascalia recita “idea fantastica… ma anche la mano sarebbe un bel posto per un tatuaggio…” corredato da un emoji che fa l'occhiolino.

Ho una vampata di calore non appena mi rendo conto di cosa sto guardando: Enrico stringe nel pugno il suo sesso e a quanto si può dedurre dall'inquadratura, è parecchio in tiro!

Un secondo trillo indica l'arrivo di un messaggio vocale, la voce roca di Enrico sussurra: “ho solo pochi minuti prima dell'inizio della riunione… non posso concentrarmi se penso a voi così…” quello che sta facendo mentre parla è chiaro oltre ogni ragionevole dubbio…

Alessandro aumenta il ritmo delle succhiate, la testa mi gira, e quando lui mi dice “ti voglio, adesso" non capisco più nulla…

“Fammi un video…” gli sussurro mentre gli abbasso i pantaloni, il suo sesso ormai turgido gli rimbalza sulla pancia. Io lo afferro alla base con una mano mentre mi avvicino fino a poggiare la lingua sul suo glande congestionato.

Mi prodigo in una performance speciale per i miei due uomini, uno che riceve le mie attenzioni e l'altro che le guarderà sul display del suo cellulare.

Mi sembra così di poterli soddisfare entrambi contemporaneamente, mi sento potente e su di giri, mentre Alessandro cerca a fatica di mantenere il telefono mentre gode del mio assalto.

Inspiro il suo odore inebriante, premo con la lingua sul suo punto più sensibile circondandolo con le labbra, mentre la mano lo tiene ben saldo e il pollice spinge con un massaggio circolare sulla base. Alterno con qualche affondo, faccio scorrere la mano su e giù sull'asta, seguita dalla bocca fin dove son capace di arrivare, spingo ancora un po’ di più, voglio superare me stessa…

Risalgo verso la punta ormai viscida della mia saliva, mi stacco solo un momento guardando verso l’obiettivo, e prima ancora che l'ultimo filo di saliva separi le mie labbra da lui lo riprendo e ricomincio il mio lavoro.

Sentire la sua carne calda che mi invade la bocca mi accende al punto che quasi mi scordo di tutto quello che mi circonda, videocamera compresa. E credo che anche Ale ormai non sia più in grado di mantenere l'inquadratura ferma. La sua sinistra sulla mia nuca ormai preme dando il ritmo ai miei affondi, e fa appena in tempo ad avvertirmi con un “eccomi, eccomi…” che mi riporta in me: apro la bocca per mostrare i copiosi fiotti bianchi che fuoriescono e ormai mi colano lungo il collo…

Con questa scena termina il nostro video, ma lo invieremo solo stasera, quando saremo sicuri che Enrico sarà nella sua camera d'albergo tutto solo… e mentre aspettiamo, ora è arrivato il momento per Ale di ricambiare.

Questo racconto di è stato letto 1 4 9 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.