Godo essere comandato

Scritto da , il 2020-09-22, genere incesti

Mia madre mi lascia un messaggio sul tavolo dela cucina dicendomi che Stefano mio cugino di 18 anni nel pomeriggio per tutta la settimana viene da noi e la sera passano i suoi a prenderlo suona nel momento che entravo in doccia io ho 17 anni metto un asciugamano in vita e apro eccolo ci abbracciamo e gli dico della doccia che la vuole fare anche lui sale e si spoglia nudo entriamo in doccia ci laviamo da piccoli ci lavavamo insieme e giocavamo spruzzandoci acqua addosso e riempiendosi di sapone la schiena mi ha ordinato di lavarla e sciaqquarla bene e io ho ubbidito poi mi ha fatto inginocchiare e gli ho lavato i piedi salendo le cosce e inguine delicatamente e il suo menbro cresceva davanti la mia faccia grosso e lungo prendeva per la testa avvicinandomi al cazzone e con tono fermo e deciso cagna bacialo tutto e mi spingeva io eseguivo ordini poi dovevo succhiarlo e ingoiarlo tutto in gola mi teneva la testa facendomi soffocare .mi alzava e mi appoggiava al muro mi dava con il suo cazzone colpi sulle chiappe e sculacciate sui fianchi e in faccia dovevo stare zitto e mi piaceva godevo tremavo e avevo brividi per servirlo in attesa del piacere usciti e lo dovevo asciugare tutto passare la lingua nel solco delle natiche e leccargli il buchetto mi ha fatto stendere nel letto e mi ha messo un indumento intorno alla faccia dicendomi di non parlare e aprendomi le gambe mi ha bagnato il culetto di saliva e appoggiato il cazzone faceva fatica ad entrare e mi sculacciava incitandomi a muovermi verso il cazzo e farlo entrare tutto e lo fatto mi ha scopato dandomi colpi forti e decisi mi sono eccitato e quando stava per godere lo ha tolto e mi ha detto di aprire la bocca e succhiare e ingoiare tutto lo sperma e dovevo farlo come una cagna vogliosa poi si è steso sotto e io sono salito e saòivo e scendevo sul suo cazzone lui mi stringeva le chiappe dandomi il ritmo e sono venuto e lo dovuta leccare tutta dalle mie mani e schizzato anche lui lo pulito a dovere .lo abbiamo fatto anche il giorno dopo mentre mi inculava mi chiedeva se mi piaceva e se volevo altro cazzo che mi faceva impazzire e far piacere altri maschi io ero la puttanella di turno ero sua e lui adesso era il mio Signore padrone e dovevo eseguire i suoi ordini , il giorno dopo mi ha fatto la doccia e mi ha lavato dentro con il doccino poi mi ha spogliato nudo e legato le mani e una benda scura che non vedevo niente e mi ha seduto sul divano in salotto ho sentito uno squillo di cell e sentivo bisbigliare dei passi e una mano che mi girava la testa e la avvicinava ad un grosso cazzo doppio largo che facevo fatica a ingoiare e mi strizzavano i capezzoli mi toccavano il corpo mi hanno alzato e messo a pecorina mentre succhiavo le loro mani dentro il buchetto poi il mio viso tra due manone e una lingua che cercava di entrare in bocca e ci siamo baciati con passione e voglia tremavo dal piacere volevo che non smettessero più le mie mani si sono slegate e ho afferrato i cazzi li segavo duri e caldi mi sono sentito alzare e prendere in braccio e portarmi su un letto io e questo sconosciuto baciavamo poi sceso a leccarmi tutto akzandomi le gambe sotto tra le natiche mi ha leccato il culetto riempiendolo di saliva una mano mi preso il braccio e ho afferrato un cazzone lo portato verso la mia bocca e ansimavo e mugolavo e gemevo avevo voglia di cazzo e lo dicevo datemi il cazzo spaccatemi tutto tutti uno alla volta vi faccio godere prendetemi sono vostro e mi aperto e le gambe sulle sue spalle e ha spinto il cazzone dentro faceva piano alla fine entrato tutto mi ha abbracciato e si è mosso dentro e fuori lo sentivo nello stomaco spingevo da sotto e ero cosi eccitato che strusciandomi sulla sua pancia sono venuto gridando e urlando e mi hanno messo un cazzo in bocca girato a pecorina uno dietro e uno in bocca quello dietro stantuffava e nel momento di godere ha detto che culetto fantastico e ho riconosciuto la voce mi sono tolto la benda e mio zio e mio cugino mi stavano sfondando e sono venuto di nuovo , mi hanno raccontato che tra di loro da tempo c'è sesso e mi hanno coinvolto per godere di piu' avevano capito che ero gay dopo la doccia abbiamo mangiato e bevuto e ho voluto farlo uno alla volta me li sono goduti non li ho fatti godere ma alla fine mi sono messo tra loro due i due cazzoni insieme nel culo e li ho fatti impazzire insieme sono venuti riempiendomi e facendomi leccare la sborra che colava sulle cosce Una sabato sera mio cugino è venuto a prendermi e mi ha portato in cantiere chiuso siamo andati dove si cambiano gli operai c è un divano letto grande ci stavano 6 uomini di tutte le età nudi e si accarezzavano i cazzi ci siamo salutati poi mio zio mi spinto davanti alle sue gambe dicendomi fai vedere quanto ti piace il cazzo e come sei brava a succhiarli e ho iniziato facendomi scomparire il cazzo tutto in gola avendo i complimenti dei maschi poi prendendomi per i capelli mi ha trascinato da loro e ho iniziato uno per uno a leccare e succhiarli e altri mi infilavano le mani nel culo e toccare il buchetto mi hanno steso sul tavolo a gambe aperte e davanti succhiavo e dietro mi sbattevano i cazzoni dentro chi durava chi schizzava prima girando a turno qualcuno mi segava eccitandomi e due volte sono venuto poi doppia uno fisso sotto il più grosso e altri a turno lo infilavavano e dopo la quarta botta schizzavano nel culo ho goduto tanto mi sentivo una grande troia finito loro mio zio e mio cugino mi hanno scopato alla grande un pomeriggio dopo aver fatto una banck mi ha confessato che da ragazzi lui e mio padre giocavano a dottore e infermiera e mio padre era super dotato era un porcello a letto . e mi ha detto come poterlo eccitare Lunedi mio padre resta a casa e mi sono dato per malato ho detto avevo la febbre e lui venuto in camera ero senza slip e facevo finta di dormire girato mostrando il culo come entrato ho fatto finta di sognare e muovevo il culo in su e giu ansimando e gemendo mi strusciavo sul lenzuolo e alzavo i reni mostrando le chiappe con le mani mi toccavo i capezzoli e ho iniziato con voce sensuale e porca dai bello ho voglia senti come ti voglio senti il mio corpo come vibra al tocco delle tue mani accarezzami ti prego adesso e mi agitavo siiiiii cosi e le sue mani sul mio culetto vieni abbracciami non vuoi che altri si approffitano del mio corpo vero e tuo prendilo e ho allungato la mano sul lenzuolo verso il pantalone e si è avvicinato ha sbottonato la lampo e ha tirato fuori la bestia cazzo grosso doppio e lungo lo afferrato e lo tirato verso di me si è sbottonato e mi passav la mano nel culo mi sono calato e lo leccato e succhiato tremava e ansimava e mi dice brava piccola sei brava continua e denudato mi ha girato si è allungato su di me e mi ha baciato ci siamo arrotolati e girati l suo cazzone tra le mie gambe lo fatto mettere sotto e con la saliva e la crema sono riuscito a farlo scivolare tutto mi teneva per i f ianchi e mi scendeva e saliva facendolo uscire e entrare stavo per svenire mi strusciavo baciandolo e sono venuto e lui la raccolta la bevuta e mi ha baciato passandomela in bocca e mi ha scopato alla grande mi ha chiesto chi fosse stato il primo gli ho detto che lo avrebbe saputo al più presto adesso scopiamo in famiglia e quando vogliono facciamo delle sortite con altri maschi ma mi hanno promesso tre negroni vediamo

Questo racconto di è stato letto 6 8 7 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.