Ravenant 8 - Un'altra storia

Scritto da , il 2020-09-21, genere pulp

RAVENANT 7 – UN’ALTRA STORIA

L’asta turgida si erge davanti a me, priva di peli, assolutamente perfetta e già scapellata. Avidamente dischiudo le labbra e incomincio a suggere la regale cappella. Dico regale perché, colui al quale sto facendo un pompino, è considerato un re tra i suoi pari.
Fisico scolpito, ogni muscolo al proprio posto e un cazzo che sembra l’albero della cuccagna. Ha un’aurea dorata che lo pervade, il volto perfetto di un angelo, occhi blu cielo profondissimi, capelli mossi, soffici.
Lecco la sua verga lentamente mentre lui, seduto su un trono di pietra scolpita, mi osserva con aria sorniona.
Tippi si avvicina e si lascia infilare le sue dita nella fica. La vedo sciogliersi in piccoli orgasmi. Io prendo a succhiare più forte. Lui, con un cenno, mi indica il suo cazzo e capisco che mi devo impalare sopra. Obbedisco e sento tutta la sua pienezza e il suo calore. E desidero che non esca mai più dalla sua fica.
“Dunque” la sua voce è profonda, sembra miele che cola “State cercando qualcosa che possa uccidere un Athropal?”
Sono ancora cavalcioni a lui, le mani sulle sue spalle. Incredibile come possa restare ancora rigido dopo quella cavalcata e quella sborrata subito seguita “Tu conosci Miriam?”
“Sì, l’ho conosciuta tempo fa. Venne da me chiedendomi come si potesse svegliare un Athropal”
Lo guardo stupita “Tu, hai fatto..?”
“Non mi sottraggo alle richieste di chi si spinge fino a qui. Io richiedo un tributo e poi cedo alle richieste, qualsiasi siano le forme e la natura di esse”
“Sei tu che hai detto a Miriam che aveva bisogno dell’essenza sessuale di un ravenant con un uomo, mentre si trasformava?”
“Non di un uomo qualsiasi, ma di un re”
“Perché hai accettato una cosa simile?”
“Perché è questo quello che mi sono imposto di fare. Nessuna negazione a chi arriva da me. In fondo, cosa chiedo di male?”
Mi alzo da lui, il suo cazzo che scivola dalla mia fica simile ad una spada tolta dal fodero “Perché vuole risvegliare questo Athropal?”
“Per avere ciò che le era stato negato. Aveva perso un figlio facendo sesso con un ravenant. E un ravenant glielo avrebbe restituito”
La leggenda di cui mi parlava Yaga “Quanto è vecchia Miriam?”
“Quando nacque lei, i Crociati assediavano Gerusalemme”
“Come posso ucciderla?”
“Quando lei rilascerà l’essenza sessuale che ti ha rubato, l’Athropal comincerà a svegliarsi e si evolverà in una forma umana. Nell’attimo di questa trasformazione, entrambi i soggetti saranno mortali. Tieni” mi porge un astuccio nero. Dentro ci sono tre quadrelli di balestra lunghi 20 cm, in platino “Queste frecce sono state unte del sangue di un Dio. Una di queste nel petto o nella testa dell’Athropal e lui cadrà come un qualsiasi essere vivente”
“Cosa succede se il Rito di formazione si conclude e l’Athropal nasce completamente?”
“Tieni” mi porge una moneta
“Cos’è?”
“Sacrificherai qualcosa che ti appartiene per rendere l’Athropal vulnerabile. MA dovrai utilizzarlo solo se non riuscirai ad ucciderlo con le frecce”
“Cosa dovrei sacrificare?”
“Augurati di non scoprirlo mai”

“Uh..WOW!” fa Tippi “Se mi sento elevata”
“Decisamente sì”
Scendiamo una lunga scalinata in pietra, tra una stretta gola. Sopra di noi, nubi grigio ferro si chiudono con un soffio, occultando il castello di pietra dove abbiamo ricevuto il Dono per uccidere l’Athropal. Più in basso, Yaga ci sta aspettando fumando il solito spinello “Chi era quell.. Essere?” chiede Tippi
“Si chiama Yamadriel e appartiene alla stirpe dei Caduti”
“Caduti? Un angelo Caduto vuoi dire?”
“Sì, un Caduto, così mi ha spiegato Yaga”
“Un Caduto, come Lucifero?”
“Sì Tippi, abbiamo fatto sesso con un angelo Caduto”
“Cazzo, che figata”

“Allora, piaciuta la cavalcata celestiale” chiede Yaga vedendoci arrivare
“Direi divina” commento
“Una figata pazzesca” esulta Tippi
“Adesso dove si va?” chiedo
“Adesso andiamo verso nord dove ci aspetta un idrovolante che ci porterà all’isola di Pietra Sirena”
“Che posto è?”
“un’isola rocciosa grande meno di un km, dove esiste una grossa quercia. Lì è celato l’abominio Athropal che Miriam vuole risvegliare”
“Cosa vi ha dato il Caduto?” chiede VAssili
“Tre frecce e una moneta”
“La moneta” dice con tono tenue Yaga “Spera di utilizzare le tre frecce, allora”

L’idrovolante scivola sotto un cielo grigio e minaccioso. Lontano, i riflessi del mare catturano lampi di un temporale.
L’idrovolante è uno di quelli che hanno la stiva di carico simile al becco di un pellicano, dal color giallo canarino e due motori montati sulle ali. A pilotare c’è un uomo dalla pelle scura che Yaga ha salutato con il nome di Desmond
Dietro c’è abbastanza spazio e ci si sta comodi “Raggiungeremo il luogo dove l’Athropal è stato nascosto” dice Yaga “Qui c’è una pozza, dove Miriam si immergerà insieme all’Essenza che vi ha rubato. Lì partorirà la sua unione con l’Athropal”
“Che storia” commento “E dire che fino a pochi giorni fa ero un impiegata frustrata che vendeva il corpo al miglior offerente”
“E io una barista che mostrava le tette in un night club” aggiunge Tippi
Vassili non dice niente. Se ne sta in disparte, con aria cupo e pensierosa. Forse pensa a Miriam e alla fregatura che ha ricevuto “Vass?”
Lui si riscuote, ci fissa aggrottando la fronte “Non riesco a credere di come sono stato così stupido” dice dopo un po’
“Farai la cosa giusta quando ce la troveremo davanti?” chiedo
Lui sembra offendersi “Dubiti ancora di me, dopo quello che ho fatto per Tippi?”
Mi avvicino a lui, gli afferro il braccio “Se ci fosse l’occasione giusta per ucciderla..”
“LA ucciderò”
D’impeto, lo bacio. Lui non rifiuta, non mi respinge. Sento che il vigore spinge per uscire. Gli libero il sesso e glielo stringo come se avessi in mano una mazza. Di colpo, veloce, glielo ingoio e mi metto a fargli un pompino da manuale. Ci spogliamo, m’impalo sopra il suo turgore, lascio che mi afferri mentre mi scuoto sopra di lui. Con la coda dell’occhio intuisco Tippi e Yaga che si stanno baciando e masturbando a vicenda.
L’orgasmo mi scuote e mi libera. Ma non è solo l’orgasmo che fa vibrare il mio corpo. La fusoliere prende a vibrare violentemente “Turbolenza” dice Yaga “Credo che il Rito è nel pieno della sua funzione”
E non solo il Rito. La fase di trasformazione è appena iniziata. Affronterò l’Athropal e la sua nuova combriccola di amici, in forma umana “Cazzo” esclamo dopo la trasformazione. L’idrovolante ammara sulle onde impetuose.


Zaya.
Arrampicati sugli scogli taglienti come rasoi, sbarchiamo sull’isola della Sirena. Il cielo sopra di noi sembra impazzito..
“Oh cazzo” fa VAssili alzando lo sguardo verso l’alto
Fiere dalle nude zanne sguainate, simili a cani degli Inferi, la schiena arcuata e la coda che sembra una frusta, ci osserva dall’alto sbavando “Ecco, mi sembrava che andasse liscio come l’olio” commento demoralizzata
“Sono solo Segugi Ombra. Sparate alla testa o al cuore” spiega Yaga “E non fatevi uccidere. Chi muore per zanna di segugio, non ha possibilità di tornare indietro”
“Anche per i ravenant?” chiede Tippi preoccupata
“Soprattutto per i Ravenant”
“Ah, adesso sì che sono preoccupata”

Fine parte 8


Questo racconto di è stato letto 4 7 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.