Una calda domenica d'agosto in piscina con amici

Scritto da , il 2020-09-21, genere scambio di coppia

Io e Laura eravamo fidanzati da oltre un anno e convivevamo assieme da ormai 8 mesi. Laura era una ragazza molto solare e simpatica, piena di amiche e abbastanza disinibita a letto.
Una domenica una sua amica, che avevo visto solo un paio di volte, ci invitò in piscina a casa sua. Era agosto, un caldo rovente, temperature africane e l’invito fu subito ben accetto per starsene in ammollo tutto il giorno in acqua.
La sua amica si chiamava Roberta, qualche anno più di me e Laura, ed era fidanzata con Matteo da qualche mese, il suo toyboy visto che lui era molto più giovane di lei.

Arrivammo a casa di Roberta, suonammo e subito dopo si sentì un rumore metallico che fece aprire il cancello della villa. La casa era del padre, costruttore edile arricchito negli anni 80 con la costruzione di interi quartieri della città.
Dopo una cinquantina di metri di stradina di ghiaia arrivammo di fronte l’ingresso di casa, parcheggiammo l’auto di Laura e a piedi ci dirigemmo verso quella che pareva essere l’ingresso. Intorno alla villa il giardino copriva due campi da calcio e in fianco a casa c’era il patio e la piscina, non enorme ma nemmeno una pozza d’acqua.
Roberta si presentò in costumino nero con il reggiseno a triangolo e sotto il perizoma. Fisicamente non era da dieci ma gli si poteva dare tranquillamente un 6 più. Culo abbastanza sodo e appena appena un pò seduto, come tette arrivava forse ad una seconda ed era alta 1,65 circa. Viso con lo stesso punteggio. Passava le selezioni di miss italia per il rotto della cuffia diciamo.
Dietro di lei si palesó anche il fidanzato Matteo, bel ragazzo di Milano, in città per studiare e abbastanza simpatico per le volte che gli avevo parlato. Un pò fissato col fisico ma nemmeno troppo come certi che conosco.

Roberta ci fece gli onori di casa e ci fece entrare. Subito dopo l’ingresso si apriva un ampio salone con delle grandi finestre e la cucina. La cucina era tutta in muratura, con pentole e padelle di rame appese un pò ovunque, molto in stile provenzale boho-chic ma allo stesso tempo molto elegante. Passata la cucina si apriva un ampio salone che poi dava sul patio e poco più in là la famosa piscina.
Roberta ci fece strada fino ai lettini coperti da un ombrellone enorme bianco crema.
Mettemmo giù i nostri zaini e ci spogliammo rimanendo in costume pure noi. Laura in costume era davvero esagerata. Era alta 1,70 e con la sua quarta naturale e il costume a triangolo avrebbe fatto girare la testa anche ad un gay. Sotto c'era il perizomino fucsia con i laccetti laterali che facevano solo venir voglia di tirarglieli per vederla nuda. Io e lei ci eravamo conosciuti ad un corso di ballo. Lei cassiera di banca aveva qualche anno più di me e i suoi 32 anni li dimostrava tutti ed era proprio la cosa che mi affascinava di più saperla un pò più grande, nonostante non avesse figli mi dava comunque l’idea di una milf, sia per la sensualità che esprimeva ma anche per il modo di vestire, sempre molto provocante ma mai volgare. Era la classica che la faceva annusare a molti ma poi la dava solo a me….o almeno così credevo ingenuamente.

Dopo qualche minuto a mangiare un pò di anguria che Roberta ci aveva offerto ci tuffammo in piscina a rinfrescarci. La piscina partiva da un metro e mezzo fino ad arrivare a due metri e mezzo di profondità. L’acqua era fresca ed il panorama di piante ed alberi tutto intorno era davvero spettacolare.
Mancavano solo l’unicorno e il fenicottero rosa gonfiabili per le foto per Instagram ma erano troppo kitch per una casa del genere.
Rimanemmo un pò a mollo a chiaccherare, scherzavamo, ogni tanto palpavo le tettone a Laura senza farmi sgamare dagli altri due, le toccavo la patatina finchè parlava con Roberta, insomma la stuzzicavo un pochino finchè eravamo sotto acqua. Sapevo che le piacevano le situazioni un pò da voyeur.
Dopo un pò andai sotto acqua, mi infilai con la testa tra le gambe di Laura e me la misi sulle spalle e la tirai su dall’acqua tenendola in equilibrio con le mani. Poco dopo Matteo fece lo stesso con Roberta e io esclamai “bene e adesso guerra sia” e cominciai a muovermi verso l’altra coppia. Ci avvicinammo e Laura riuscì subito a far perdere l’equilibrio a Roberta e a farla cadere in acqua. “Bene uno a zero” dissi io. Ricominciammo ma Roberta con una mossa scorretta riuscì a prendere il costume di Laura e a tirarglielo su facendogli uscire le tette. Laura d’istinto se le coprì con le mani e così cadde in acqua. Scoppiammo tutti a ridere. “Non vale, non vale” ripetè Laura uscendo con la testa dall’acqua e con il reggiseno del costume in mano. Io ritornai sotto acqua e la tirai su di nuovo. Laura era sopra di me con queste due tette a pera che sballonzolavano di qua e di la. Gli occhi di Matteo seguivano quel ben di dio che gli si era materializzato davanti ai suoi occhi così per magia, ma adesso Laura era determinata a fare lo stesso a Roberta ed infatti riuscì a farlo nel giro di qualche piccolo scontro in acqua e così pure Roberta rimase in topless ma non voleva cadere dalle spalle di Matteo. Roberta aveva due belle tette, piccole rispetto a Laura ma con una bella forma e due bei chiodini al posto dei capezzoli. Matteo nel mentre, anche se a me la cosa diede un pò fastidio, cominció a tirare uno dei laccetti del perizoma di Laura e a slacciarglielo. Non si tolse solo perchè la parte davanti del costume era tenuta su dalla mia testa. Alla fine scivolai all’indietro e Roberta cadde sopra a Laura e dopo qualche secondo emerse dall’acqua con il perizoma slacciato di Laura in mano esclamando “abbiamo vintooo!!”. “Eh no” disse Laura ”facciamone un’altra”. E mi rimontò completamente nuda sulle spalle decisa a prendersi la rivincita.
Le ragazze sopra a me e Matteo se ne davano di santa ragione per buttarsi giù ma alla fine ricaddero l’una sopra l’altra e Roberta emerse dall’acqua col suo costume in mano e disse “ok mi arrendo ecco il mio costume! Me lo tolgo da sola perchè non ce la faccio più, bastaaa”. Non la vedevo per via dell’acqua ma saperla nuda mi aveva fatto eccitare parecchio. Le due poi si avvicinarono tra loro e si bisbigliarono qualcosa all’orecchio. Mi potevo già immaginare cosa ma le lasciai giocare…..le rispettive fidanzate cominciarono ad avvicinarsi a noi uomini e prima di arrivare a noi si immersero in acqua e Laura cominciò a volermi sfilare i boxer. La lasciai fare facendo finta anche di non volere e venne fuori dall’acqua tenendo i miei boxer come un trofeo. Roberta fece lo stesso anche se Matteo pareva essere davvero restio a farseli togliere ma alla fine eravamo tutti nudi in acqua….e la cosa mi piaceva tantissimo. “Dai facciamo un'altra battaglia” disse Roberta “ma scambiamoci!” “come scambiamoci?” dissi io “si dai” fece Roberta “io e te” contro Matteo e la tua fidanzata”. Roberta venne verso di me e si girò. Io mi immersi in acqua e non curante del cloro nell’acqua tenni gli occhi aperti per guardarla senza costume da dietro e le infilai la testa tra le gambe e la alzai. Mi sentivo la sua patatina sul mio collo ma l’acqua fredda della piscina teneva a bada la mia erezione. Ci avvicinammo a Matteo e Laura e quando fu abbastanza vicino a Laura lasciai le mani dalle gambe di Roberta che stavo tenendo e le posai sulle tette di Laura che si mise a urlare e a ridere nello stesso momento e sbilanciandosi cadde all’indietro.
Io e Roberta esultammo per la vincita finale e mi lanciai in acqua all’indietro con lei. Venni su e Roberta fece lo stesso ma rimase dietro di me e rimanendo alle mie spalle mi prese il cazzo con una mano e me lo tirò avanti e indietro mimando una sega. Poi mi passò in fianco e mi sorrise ridendo. Io rimasi davvero allibito ma mi rituffai in acqua e andai da Laura. Gli altri due uscirono dalla scaletta completamente nudi e si adagiarono sui lettini mentre io e Laura rimanemmo ancora in ammollo qualche altro minuto. Poco dopo mi sedetti a bordo piscina. Laura fece qualche altra nuotatina intorno a me e poi rimanendo dentro l’acqua venne da me e si mise tra le mie ginocchia.

Eravamo entrambi nudi ma lei continuava a strusciarsi il mio piede tra le sue gambe. Il mio cazzo cresceva sempre più e lei se ne accorse. Mi girai per vedere se gli altri due se ne potevano accorgere ma si stavano coccolando avvinghiati sopra il lettino girati dall’altra parte. Mi distesi un pó all’indietro apponggiandomi a terra con i palmi delle mani e lasciai svettare il mio cazzo duro di fronte il viso di Laura. Anche lei si giró verso i due e vedendo che erano impegnati in coccole ed effusioni ne approfittó per prendermelo in bocca e dargli una succhiatina. Io continuavo a rimanere girato a controllare gli altri due, vedevo il braccio di Roberta andare su e giù e m’immaginavo già cosa stesse facendo pure lei. Mi rigirai verso Laura certo che non si fossero disturbati a guardarci ma dopo un minuto sentì Roberta “ehhm ehmm”. Laura si buttó indietro e si immerse in acqua un pó presa dalla vergogna e io pure con un balzo mi buttai in acqua cercando di nascondere la mia erezione. “Mi spiace disturbarvi ma volevo sapere se volevate uno spritz per rinfrescarvi un pó visto che qui la situazione mi sembra abbastanza bollente ahahaha” disse la Roby. Io e Laura rispondemmo di si molto volentieri e uscimmo dall’acqua con un leggero imbarazzo. Recuperai il mio costume e me lo infilai. Laura invece incurante degli sguardi di Matteo rimase nuda, con la sua strisciolina di pelo sulla patatina e le sue abbondanti tette all’aria e si sdraiò a pancia in giù sul lettino.

Dopo qualche minuto mi alzai con la scusa di andare in bagno ed entrai in casa. In cucina c’era Roberta intenta a preparare lo spritz. “Oh proprio te cercavo” mi disse “ho bisogno di un uomo che mi apra la bottiglia di prosecco”. E me lo disse completamente nuda davanti a me. Patatina rasata a zero e due bei capezzoli ancora duri. Io rimasi pietrificato ma mi ripigliai subito e lei notando questa cosa accennó un sorriso malizioso. Mi passó la bottiglia e cominciai ad aprire la gabbia che teneva il tappo rimanendo girato verso il banco della cucina. Roberta era quasi dietro di me. “Cosa ci fai con il costume?” disse “siamo tutti nudi...dai su” e mentre lo diceva mi abbassó il costume. Io avevo la bottiglia su entrambe le mani intento ad aprirla e non potei opporre resistenza e come successe in piscina mi prese il cazzo in mano e cominció a giocarci. La lasciai fare ma d’istinto guardai fuori dalla finestra per controllare che non arrivasse Laura o Matteo. I due erano ancora sul lettino ad abbronzarsi integralmente e quindi appoggiai la bottiglia e mi girai. Baciai Roberta con la lingua e dopo pochi secondi lei si inginocchió ai miei piedi prendendomelo in bocca. Non male le amiche della mia fidanzata pensai. Dopo un minuto di spompinamento la feci alzare, le succhiai un pó i capezzoli duri e la appoggiai alla cucina e da dietro, stringendo tra le mie mani i suoi glutei, mi infilai con il viso tra le sue natiche leccando tutto quello che trovavo mentre lei continuava a preparare i drink. Le spinsi la lingua anche dentro il suo buchino e lei ebbe un fremito ma subito dopo si giró e mettendosi a novanta me lo riprese in bocca. Io allungai una mano e gliela misi da sopra tra le natiche cercando di infilargli qualche dito dentro la sua fighetta bagnata. Con la coda dell’occhio notai peró un movimento provenire dai lettini ed esclamai “oh cazzoo….si sono alzati e stanno venendo qui”. Roberta peró continuava a succhiarmelo e non voleva toglierselo dalla bocca ma io andai indietro e sgattaiolai fuori da una porta che portava alla scala del piano superiore dove c’erano i bagni le camere. Per fortuna mi ricordai all’ultimo di raccogliere il mio costume da terra e scappai fuori dalla cucina.

Tornai dopo qualche minuto, con i miei boxer addosso e un'espressione innocente dipinta sul viso. Non c’era nessuno, erano già usciti e tornati sui lettini. Arrivai e Laura mi disse “oh ma ti sei perso?” “Eh no...quasi, sta casa è enorme e non capivo più come uscirne”. Risposi ridendo.
“Ma cosa ci fai ancora con il costume?” Mi ripetè Roberta col suo solito sorriso da zoccola in volto. “siamo tutti amici tutti fratelli….guarda Laura...non si fa mica nessun problema a rimanere nuda davanti a noi...te li fai tu scusa che sei un uomo? per caso sei timido? dai tieni qui uno spritz magari ti smolli un pó”. E Laura “ se la padrona di casa di dice di girare nudo per casa sua approfittane, non succede spesso che una donna ti dica di spogliarti” “appunto” aggiunse l’altra con il suo sorrisino malizioso.
Così obbedì e me li abbassai...di nuovo.
Mi sdraiai sul lettino e mi rilassai con il mio cazzo al vento.
Eravamo disposti con me a lato destro, Laura e Roberta al centro e subito dopo Matteo. Roberta si mise seduta girata verso il lettino di Laura per bere il suo spritz e ingoió un cubetto di ghiaccio, poi se lo prese dalla bocca e lo strinse tra le dita osservando Laura distesa a pancia in su a prendere il sole. Cominció a strofinarglielo sulla pancia e Laura sussultó esclamando “uh che freddo...brrr” ma poco dopo si sciolse subito lasciando un piccola pozza d’acqua sull’ombelico. Poi Roberta ne prese un altro e cominció a passarglielo sopra i capezzoli che diventarono subito turgidi. Io e Matteo guardavamo divertiti di sottecchi cominciando a sudare sia per la situazione che per il caldo afoso. Quando tutto il cubetto di ghiaccio si sciolse la Roby ne pescó un altro ma stavolta cominció a passarlo sul pube di Laura che divertita se ne stava con gli occhi chiusi a godersi il refrigerio. Poi Roby si spinse con il ghiaccio tra le gambe di Laura sussurrandole “hai abbastanza fresco adesso?” “Oh si” rispose Laura divaricando ancor di più le gambe. La Roby quindi ne pescó un altro dal bicchiere e lo fece passare tra le labbra della patatina della mia compagna e poi quel che ne rimase se lo mise in bocca. La situazione stava prendendo la giusta piega pensai. Roberta si giró verso Matteo e gli disse “tesoro vai a prendere il cestello del ghiaccio e portamelo che adesso la facciamo impazzire!” Matteo si alzó di scatto e corse in cucina. Tornó poco dopo con un cestello Veuve Clicquot arancione pieno di cubetti di ghiaccio e lo mise ai piedi di Roberta. Ne raccolse uno e ricominció a passarglielo sui capezzoli e velocemente scese strofinandoglielo sulla pancia per farlo finire tra le sue cosce, glielo passó tra le labbra e glieló mise in bocca a Matteo “com’è amore? Buona?” “Mmmh fece lui...deliziosa”. Laura quindi aprì gli occhi e mi guardó come a capire se mi stava bene giocare ma non ebbe bisogno di risposta quando vide la mia erezione e infatti esclamó “uh vedo che ti piace è?” “Si direi proprio di si...ma vorrei assaggiarla pure io”. Roberta non se lo fece ripetere due volte, prese un altro cubetto e lo strofinó sul clitoride di Laura “no no” dissi io “quella la conosco già” “intendevo la tua” guardando Roberta. Lei fece finta di non sentire e ridendo si mi mise in bocca il ghiaccio quasi del tutto sciolto.
“Intanto divertiamoci con lei...poi vedremo” mi rispose subito dopo. “Anzi dammi una mano tesoro” disse a Matteo che si sedette al mio posto e cominció anche lui a stuzzicarla col ghiaccio passandoglielo timidamente sui capezzoli mentre Roberta si concentrava più giù. Io rimasi in piedi e mi misi dietro a Laura con il mio cazzo che le dondolava sopra la sua testa. Guardavo le sue enormi tette strofinate dal ghiaccio, con le goccioline d’acqua che cadevano in mezzo al suo torace, con Matteo che cominciava a toccargliele oltre che a passarle il ghiaccio sopra.

Ogni tanto Laura aveva qualche tremito, sia per il freddo del ghiaccio che per la situazione erotica e spesso addocchiava il mio cazzo ma non aveva il coraggio di fronte agli altri due di prenderselo in bocca. Ora i padroni di casa si erano scambiati i ruoli e Matteo con la mano libera pizzicava con le dita i capezzoli della mia compagna mentre con l’altra mano le passava il ghiaccio tra le gambe accarezzandole la strisciolina di pelo che aveva sopra alla patatina. Roberta cominció a passarsi il ghiaccio sulle sue tette e sulla sua patatina e con un dito cominció a masturbarsi guardandoci. La situazione che tanto aspettavo da anni stava decollando. Laura rimaneva sempre distesa sul lettino con Matteo, anche lui con il cazzo duro che svettava da seduto, che avendo terminato il ghiaccio aveva cominciato a masturbare Laura di fronte a me. Io lo lasciavo fare, certo che poi avrei presto ricambiato lo stesso con la sua tipa. Era tutto un gioco di sguardi che si incrociavano. Io guardavo le mani di Matteo sopra al corpo della mia fidanzata ma allo stesso tempo mi piaceva guardare Roberta che si masturbava di fronte a tutti e guardava me, Laura che cercava il mio cazzo finchè Matteo la toccava, era tutto molto sensuale e molto particolare e i due aperitivi ci facevano piacere ancora di più la situazione. Io andai a sedermi in fianco a Roberta, Laura ne approfittó per allungare una mano e masturbarmi mentre Matteo continuava a farla impazzire con le sue mani. Roberta si alzó e si sporse dall’altra parte del lettino verso il suo fidanzato e cominció a baciarlo poi gli sussurró qualcosa in un orecchio e lui si alzó in piedi sopra il lettino e Roberta cominció a spompinarlo. Presi io il posto di Matteo e cominciai a infilare due dita dentro la figa della mia compagna e nello stesso tempo cercai di avvicinare il mio cazzo al suo viso. Laura si tiró subito su di scatto e si sporse verso di me e se lo mise in bocca tutto fin giù in gola, stava morendo dalla voglia di farlo già da un pó. Eravamo incrociati tutti sopra a Laura, avevo Roberta alla mia sinistra e il suo culo in fianco a me con le sue tette che si muovevano sopra alla pancia di Laura, Matteo che stava in equilibrio sul lettino appoggiando un piede su quello di Laura, se qualcuno sbagliava qualcosa saremmo caduti uno sopra l’altro facendoci seriamente male. Dopo qualche minuto Roberta si staccó dal cazzo di Matteo e venne a cercare la bocca piena di Laura. Io mi allontanai un pó indietro e lasciai che si limonassero tra di loro, era un chiaro segnale che ora poteva succedere di tutto tra noi quattro con tutto questo scambio di salive. Difatti dopo poco Roberta tornó a sedersi in fianco a me togliendo la mano di Laura e prendendomelo in mano e cominciando ad andare su e giù. La mia compagna cominció a fare lo stesso con il compagno di Roberta guardandomi e passandosi la lingua tra le labbra. Era davvero arrivata al limite della sua perversione pensai, ma potevo sbagliarmi perchè forse poteva andare ancora oltre. Io mi girai verso Roberta e cominciai a baciarla poi con una mano cercai la patatina di mia moglie, le infilai dentro due dita e le portai alla bocca di Roberta e che se le leccó con gusto. Poi mi imitó e lo stesso fece lei ma questa volta le mise in bocca a Matteo, stavamo tutti attingendo dallo stesso pozzo. Il mio cazzo era duro come la roccia e Roberta stava aumentando il ritmo della sua mano sul mio cazzo. Mi sganciai da lei, la feci distendere all’indietro sul lettino e le divaricai le gambe. Presi un cubetto di ghiaccio e cominciai a passarglielo sopra le sue belle labbrette gonfie e quando fu ben bagnata e rinfrescata ci infilai le due solite dita che poi portai alla bocca di Laura che mi guardava incantata per quello che stavo facendo di fronte a lei. Laura all’inizio non sembrava volerle leccare ma gliele infilai dentro alla bocca quasi a forza e passó da non volerle a non lasciarmele più. Rifeci la stessa cosa e poi la limonai di gusto. Roberta si fece spazio e si mise a cavalcioni sopra a Laura facendo un bel 69. Io mi misi in ginocchio con il viso all’altezza del culo di Roberta e del viso di Laura che titubante cominció a leccarle il clitoride. Credo fosse la sua prima volta che la leccava e quindi le spianai la strada e mi buttai in mezzo e cominciai a leccare il buchino di Roberta, poi le sue labbra e poi baciavo Laura. Laura si fece coraggio e con la lingua tutta aperta cominció a leccarla come si fa con un cono gelato.

L’eccitazione era alle stelle specialmente quando sputavo sopra al culo di Roberta e la mia saliva finiva in bocca alla mia compagna dopo essere passata in mezzo alle labbra della padrona di casa. Stavo esplodendo tra i gemiti e i sospiri delle due maiale. Mi tirai indietro e mi sedetti sul lettino per dare tregua al mio cazzo. Dovevo davvero rimanere concentrato per non venire. Altrimenti sarebbe finito tutto. Matteo prese il mio posto, facendo spola tra limonare la sua compagna e poi tornare su a slinguarle il culo. Ogni tanto le lingue di Matteo e Laura si incrociavano ma ormai mi pareva fosse tutto concesso visto che pure io avevo limonato con Roberta poco prima. Matteo peró ad un certo punto buttó in avanti Roberta spostandola da sopra Laura e si mise a cavalcioni sul lettino offrendo alla bocca della mia fidanzata il suo cazzo. Laura che ormai non capiva più niente, complice i due aperitivi e l’eccitazione del momento, non si risparmió e cominció letteralmente ad ingoiarlo. Io rimasi un pó stupito della cosa, specie quando Matteo cominció a scoparla in bocca facendole uscire saliva da tutta la bocca. Roberta sgattololó via e si inginocchió a terra di fronte a me e cominció a rasserenarmi con un suo pompino, ogni tanto alzava la testa e voleva che la limonassi. Almeno così io e Laura eravamo pari. Dopo poco cominció a tossire e si giró verso di me per cercare respiro, probabilmente le era andato di traverso. Cominció a sputare saliva non proprio come una signora e spinse via Matteo e si tiró su seduta. Forse ci aveva messo troppa foga. Riprese fiato e si mise nella stessa posizione di Roberta e dopo aver preso possesso del mio cazzo cominció a succhiarmelo assieme alla sua amica. Io ero arrivato al limite. Non resistevo più. Erano anni che desideravo una cosa simile. Avevo l’eccitazione che non riuscivo più a controllare. Mi alzai in piedi lo misi un pó nella bocca di entrambe ma venni in bocca solo a Laura e uno schizzo colpì anche una guancia di Roberta. Laura ingoió tutto molto felicemente e io dopo essermi completamente svuotato e ripulito nella sua bocca mi buttai sdraiato sul lettino. Esausto. La mia compagna passó un dito sulla guancia di Roberta raccogliendo la mia goccia di sperma e dopo essersi leccata il dito deglutì rumorosamente. Le due si misero a ridere divertite dalla cosa e istintivamente si girarono entrambe verso Matteo, l’unica preda rimasta.

Sembravano due lupi che avevano visto un agnellino indifeso. Lui invece le aspettava a braccia aperte...e a cazzo duro. Lo raggiunsero rimanendo inginocchiate, se lo passarono tra le loro bocche leccandoselo e baciandosi tra di loro e poi Roberta si sedette sopra di lui e cominció a scoparlo. Laura andò a strofinargli le tette in faccia. Poi le fece leccare a Matteo ed infine si inginocchió di fronte a loro guardando il cazzo di Matteo che appariva e scompariva dentro alla fica di Roberta. Matteo cominció a stantuffarla con un ritmo sempre più regolare e veloce. Stava arrivando al traguardo pure lui. Ad un certo punto Roberta inarcô la schiena ed emise un urlo che duró diversi secondi. A occhio e croce aveva raggiunto un orgasmo di tutto rispetto. Matteo diede ancora qualche colpo assestato e poi lo tiró fuori all’ultimo venendole sopra alla sua patatina rasata e uno schizzo da record arrivó fin sopra le sue tette. Io guardavo divertito la cosa sdraiato sul lettino finchè non vidi la mia fidanzata avanzare in ginocchio verso il compagno della sua amica e ripulire da ogni goccia di sperma il suo cazzo per poi andare a leccare quello che c’era sopra la fighetta della Roby e infine ripulire quello che era arrivato sulle sue tette, poi leccarle ancora i capezzoli e infine baciarla con la bocca completamente sporca di sperma e con le gocce che le scendevano dalle labbra. Peggio di un film della GGG. Rimasi letteralmente basito e a bocca aperta, non credevo che Laura fosse così porca e troia. La cosa mi sembró davvero esagerata e a fine giornata ne avrei parlato ma adesso mancava solo lei a raggiungere l’orgasmo e io sapevo la maniera più veloce quale fosse. Mi alzai e la raggiunsi, rimanendo ben lontano dalla sua bocca. La feci distendere sul lettino, le divaricai le gambe e gliele alzai, mi bagnai due dita dentro al cestello del ghiaccio ormai totalmente sciolto e gliele infilai dentro alla sua fica spingendo le dita dentro fino in fondo e facendole andare verso l’alto, come un uncino, il metodo più veloce per far venire una donna.
Cominciai ad accelerare il ritmo. Matteo e Roberta si misero intorno a guardarla. Roberta, non ancora stanca, cominció a leccarle e succhiarle i capezzoli e poi con la lingua completamente fuori e distesa le cominció a leccare la bocca riempiendole in pochi secondi il viso di saliva, poi si allontanava un pochino e le sputava in bocca. La cosa parve piacere molto alla mia compagna di merende, come del resto anche a me, e nel giro di pochi secondi sentì i muscoli pelvici stringere le mie dita che continuavano a stantuffarla e Laura urló di piacere che credo la sentirono a kilometri di distanza.
Sfiniti ci alzammo tutti e ci tuffammo in acqua, io mi presi un materassino gonfiabile e mi ci sdraiai sopra a prendere il sole. Stanchissimo ma felice di aver coronato un sogno.
Dopo qualche mese, giusto il tempo di dividere le cose della casa dove convivevamo, io e Laura ci lasciammo. Lei rimase nella casa che avevamo preso in affitto mentre io, dopo un bel pó di fatica e un lungo corteggiamento riuscii a mettermi assieme a Roberta. Ora convivo nella dependance della villa dei suoi genitori ed ogni tanto quando loro partono per i weekend al mare noi invitiamo qualche amica in piscina. Solo amiche, possibilmente single, dove oltre a bagnarci in piscina godiamo anche di qualche tramonto dorato con la pioggia...cosa che io non conoscevo ma che Roberta mi ha fatto apprezzare assieme alle sue amiche che porta a casa dai corsi di zumba che frequenta ultimamente. Più porche di Laura.
Ma questo ve lo racconto la prossima volta oppure scrivetemi a:
sambooth2020 chiocciola gmail punto com
per scoprire come si gioca.
Ciao

Questo racconto di è stato letto 1 3 4 0 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.