Ravenant 6 - Un'altra storia

Scritto da , il 2020-09-17, genere pulp

RAVENANT 6 – UN’ALTRA STORIA
GRIS
Tippi si avvicina all’uccello di Vassili, un po’ molle tra le gambe. Glielo afferra e comincia a masturbarlo piano, strizzandogli un po’ i testicoli
Cosa cazzo vuoi Kennet? Qual è il fine ultimo?
Mi avvicino a VAssili e comincio a baciarlo. Lui ricambia, incerto e allunga le mani a toccarmi le tette, a strizzarmi le areole. Sotto, Tippi lo ha fatto rizzare e prende a succhiarglielo avida “Cosa vuole da me Kennet” ansimo nel suo orecchio
“Non lo so” risponde lui “Ti giuro, non lo so”
Una bassa cantilena si diffonde nell’aria. Miriam ha cominciato a salmodiare quello che sembra un incantesimo “Miriam?” il ciondolo al collo di Vassili emette una strana luce bluastra
“Sei stato tu a dirgli che sono una ravenant?”
“No”
“oppure..”
“Io voglio Miriam”
“Credo che ti abbia inculato Vass. Miriam è con loro”
“No” Tippi risucchia con uno schiocco la cappella di Vassili. Io mi inginocchio e comincio a succhiare anche io, le lingue che danzano sull’asta, le labbra che ne saggiano la carne e, poi, io e Tippi che ci stuzzichiamo la fica con le dita
“prendimi” dico a VAssili. Il mio corpo stava formicolando. Tra poco sarei diventata nuovamente Zaya
“Non fermatevi” ordina Kennet “Vassili, continua a scoparla”
Lui ci da dentro, il cazzo è talmente duro da farmi male. Non dovrei sentire dolore, invece lo sento. Dolore per il vigore di Vassili. Dolore per la trasformazione del gris verso Zaya. Mi sento in fiamme, i capezzoli che diventano punte di grafite, la fica che brucia. Il corpo sembra percorso da una colonna di formiche. E poi c’è la luce avvolgente dal ciondolo di Vassili, che trova il suo culmine di luce nell’attimo dell’orgasmo. Sì, orgasmo..

Zaya
Orgasmo. Mi riempie, cola tra le gambe. Sono di nuova Zaya. Il Gris è tornato a dormire nel profondo del mio inconscio.
Io e VAssili siamo avvolti in un bozzolo di luce, caldo, rilassante “Cosa diavolo sta succedendo?” chiedo ansante.
Linee fluttuanti, sinuose come serpi, ci avvolgono. Vassili circondato, con punte di nebbia che strisciano sui suoi capezzoli, sull’ombelico, attorno al suo uccello. A me, avvolgono le tette, le areole, entrano nella fica. Piacere unico, orgasmo dilatato. Sono di nuovo Zaya. Questo vuol dire che l’albero della strega non ha più effetto su di me?
Le spire mi sollevano verso l’alto, le braccia portate sopra la testa, i piedi penzoloni, legate a qualcosa di invisibile. La luce si dissipa e rivela Miriam, ora in piedi che regge sul palmo della mano, una sfera bianca, lattiginosa. Kennet si sta rivestendo e si porta alle spalle della maga, poggiandole le mani sulle spalle e carezzandola dolcemente “Perché Miriam?” chiede VAssili con tono lamentoso “Perché mi hai ingannato?”
“Vassili caro” dice Miriam facendo roteare la sfera di luce sulle dita come un giocoliere “Davvero pensavi che il mio interesse verso di te, fosse amore e sesso?” e scoppia a ridere accarezzando languidamente il volto di Kennet
“Perché?” chiedo io “Cos’è quella luce?”
“Questo è l’Essenziale, l’energia estratta dalla vostra libido nel momento stesso del passaggio dalla notte al giorno. Il momento in cui tu torni umana, l’orgasmo che è apice”
“Come potevi sapere che l’orgasmo sarebbe arrivato in quel momento?” chiede VAssili affranto
“Perché è una maga, o una strega.. Baba. Ha gettato l’incantesimo, ci ha legati e ha fuso i nostri sensi. Ora ha quel che vuole, qualsiasi cosa le possa servire”
“Una perfetta forma di energia sessuale, equilibrio tra un atto d’amore fatto da un umano e un ravenant nella sua fase di transizione. Due individui appartenenti alla stessa stirpe uniti dalla mia magia”
“Perché? A che scopo?”
“Non ha importanza” risponde Miriam la traditrice “Importa che voi rimaniate qui mentre io concludo i miei affari” volta le spalle e si allontana “Kennet”
“Bene” sorride Kennet cambiando caricatore alla sua pistola. Mentre i legacci magici si sciolgono e ci fanno cadere a terra. Kennet prende la mira su Tippi e spara. Tippi urla, si piega su sé stessa e cade bocconi a terra. MA cosa? Non deve sentire dolore, lei è la parte non morta di un ravenant. Eppure, eccola lì, con il sangue color ruggine che scivola fuori da una tetta e la pelle comincia a ramificarsi in rami neri “Zaya..”
“Proiettili di albero della strega” sorride Kennet “Infusi di potente magia consacrata. Che peccato, la tua amica si avvizzirà e diverrà polvere nel giro di poche ore. A meno che..” sorride. Ci volta le spalle e si allontana
“A meno che cosa?” urlo “Kennet! Torna indietro! A meno che cosa?” MA lui è già scomparso fuori dall’edificio
“Sono stato uno stolto” piange Vassili
“Un povero coglione” rettifico correndo al capezzale di Tippi
“Zaya, il mio corpo brucia” i rami neri crescono sulla pelle, gonfiandola e sfrigolando
“Quanto tempo.. Quanto tempo le resta?”
“Vista la velocità in cui si propaga, direi quattro, massimo cinque ore” risponde laconico Vassili
“C’è un modo per interrompere questo processo?”
“Io.. Forse mi ricordo di qualcosa.. Ma non so se..”
“Dimmelo”
“Beh, ti sembrerà strano ma, per rallentarlo fino al tramonto deve essere scopata”
“Sei serio?”
“Sono serio”
Guardo Tippi che boccheggia e la sua pelle bianca che diventa un disegno nero “Sesso maschile?”
“Sì”
“Sei in grado di reggere tanto?”
“No ho questo favore ma, se vuoi salvarla, posso chiamare un paio di amici che possono darci una mano. Ops, l’uccello”
Guardo verso Tippi e le carezzo la testa “Chiamali”

I due amici sono diventati dieci bellocci dal fisico palestrato, che sono parte del clan di Vassili. Sono arrivati su un camper e sono entrati con la grazia di una carica di bufali. Vassili racconta loro cosa è successo e quello che devono fare. Nell’attimo stesso in cui si aspettava, Vassili si è offerto con il primo turno e ha cominciato a scopare la febbricitante Tippi.
Insieme a loro c’è un tizio che sembra essersi teletrasportata dagli anni 60: capelli lunghi e biondi fermati in fronte da una fascia rosa, fisico magro e asciutto, tette non tanto grandi, ma un bel culo strizzato in due pantaloni bianchi a gambe d’elefante. Ai piedi due sandaletti da spiaggia. Ha una giacchetta senza maniche, aperta sul davanti, a mettere in mostra il suo ventre piatto e il seno nudo. Fuma qualcosa che spande fumo verdastro “Ciao, mi chiamo Yaga Petrovich, terza cugina di Vassili” mi tende la mano. Ricambio. Quando me la stringe, avverto uno strano brivido che mi percorre il braccio e arriva fino al cervello.
I nerboruti amici di Vassili sono tutti nudi e cominciano la loro performance su Tippi. Lei urla di dolore e di piacere mentre i prodi maschi entrano dentro di lei. Sono preoccupata per lei. Se qualcosa andasse storto e lei non ce la facesse?
Yaga mi sfiora il braccio. Mi sorride benevola e dice “Andrà tutto bene. I miei ragazzi sono vigorosi e la mia magia le aiuta a non perdere la loro libido” tira una boccata dalla canna che si sta fumando e mi invita a sedermi a terra. Sedute a gambe incrociate, io mi sono rivestita ma, il clima da set pornografico che si respira lì dentro, oltre il fumo della canna di Yaga, mi fanno girare la testa e, mi tolgo ancora i vestiti, rimanendo solo con slip e reggiseno “Cazzo che tette” ride lei allungando una mano Me ne servirebbero un po’” infila un dito tra le coppe e allunga l’elastico per sbirciare meglio. La lascio fare e spero che vada oltre
“Le vedi meglio se me lo slaccio” porto le mani dietro la schiena e faccio scattare il gancetto del reggiseno. Con uno snap lieve, le coppe cadono a terra e lascia libere le mie gemelle “Tocca pure”
Lei sorride ancora di più “Non fraintendere” dice toccando la mia tetta destra “A me piacciono gli uccelli ma, ogni tanto, mi concedo qualche passera” indica con il capo il mucchio selvaggio sopra Tippi, poi torna a guardare me e comincia a titillare i miei capezzoli “Dunque, mia cara, in che casino ti sei cacciata?”

Questo racconto di è stato letto 4 0 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.