Mia moglie 13 - Dopo un'altra notte di sesso,tutto era pronto per la grande orgia.

Scritto da , il 2020-09-14, genere tradimenti

-E' orribile tutto quello che ti è successo amore...vado dai carabinieri a denunciare tutti.-

Aveva detto il marito in un enfasi di orgoglio di maschio ferito.

-Ma no,ma no tesoro,non denunciamo nessuno,la mia vendetta è già bell'è pronta.

Lo renderò più cornuto di quanto non sia già e lo sputtanerò mostrando i filmini della moglie quando se la scopano a tutto l'ufficio minacciandolo anche di mettere tutto in rete.

Così il bastardo non potrà più licenziarmi ed anzi,dovrà fare tutto quello che voglio io.

Ho già in mente come prima cosa di farla scopare da Dahjr e dagli altri due magazzinieri che mi hanno violentata oggi e se Giorgio (che l'ha già scopata)è d'accordo,anche da lui.

Avrei in mente di mettere in atto questo piano già dopodomani quando avremmo previsto di andare a fare quel giro nel bosco.

Ho pensato che anziché andare io tu e Giorgio,convochiamo anche loro e già godo all'idea che anche tu ti chiaverei la moglie del capo sborrandola nella fica e mettendola magari incinta come lui voleva fare con me ah!ah!ah!.-

Aveva detto Lara al marito mentre lo guardava con lampi sadici che sprizzavano dai suoi occhi stanchi e arrossati e rideva in modo sguaiato.

-Amore,sono già le diciannove passate e tra un'ora viene a pranzo da noi Giorgio,come faremmo ad accoglierlo con te così conciata?-

-Non preoccuparti per me amore,io rimango esattamente come sono in questo momento così anche lui si rende conto di come sono stata trattata e della giustezza della vendetta che gli chiederò di compiere insieme a noi.

Dopo quelle ultime parole e della decisione che il marito non avrebbe potuto contrastare,lei gli si era fatta incontro ed abbracciandolo lo aveva spinto sul divano dove si era fatta coccolare sino all'arrivo del suo amante.

Quando Giorgio era arrivato,aveva trovato Lara ancora distesa sul divano e benché piuttosto malmessa nell'aspetto,aveva il viso sorridente e gli occhi che sprizzavano gioia.

Le carezze e i bacini del marito erano stati davvero un toccasana per il suo morale.

Mentre l'amante la osservava nella sua doppia immagine,lei si era alzata ed andandogli incotro,lo aveva abbracciato baciandolo con passione sulla bocca.

-Che cos'hai Lara che sei così conciata?-

-Poi ti racconto Giorgio,ma adesso sono eccitata ed ho un urgente bisogno di sentirti dentro di me.-

Presolo per mano,l'aveva subito condotto in camera da letto e mentre lo trascinava,aveva chiesto al marito di occuparsi di preparare la tavola per la cena.

Giunti in camera,mentre si spogliavano lui aveva subito capito che vi era qualcosa di strano per via dei segni che lei aveva sul corpo e per il forte odore di sesso che aveva addosso:

-Cos'è successo Lara,cosa sono quei segni e...quest'odore?-

-L'odore che senti è sperma,quanto ai segni,poi ti racconto.....vuoi che mi lavi prima di fare l'amore?-

La rivelazione che quel pungente odore fosse sperma e sudore,l'avevo eccitato ed il suo cazzo,senza bisogno di alcun preliminare,si era gonfiato ed inturgidito in un sol colpo.

Lei senza neanche aspettare una sua reazione,l'aveva trascinato sul tappetino accanto al letto e ponendosi su di lui,si era impalata sul suo cazzo e l'aveva cavalcato sino a farlo sborrare con fiotti che dall'utero parevano schizzarle sino in gola.

Mentre facevano la doccia insieme,lui,col cazzo sempre duro dall'eccitazione che non pareva placarsi,continuava a tempestarla di domande alle quali lei dava vaghe risposte.

-Non farmi domande adesso Giorgio,ti racconterò tutto a tavola ma adesso è ora di dare ancora soddisfazione al tuo amichetto arrapato.-

Detto questo,inginocchiandosi davanti a lui sotto lo scroscio di acqua,lo aveva spompinato sino a farselo sborrare ancora in bocca.

A tavola,mentre il marito serviva la cena,lei gli aveva raccontato tutto compreso il piano diabolico che aveva in mente.

Lui si era subito mostrato entusiasta dall'idea con l'unica riserva sul ruolo che lei voleva riservare al marito.

-Ma come farà il cornuto a scopare quella troia se non riesce neanche con te?-

-Stavolta sbagli Giorgio perché ieri,l'ho messo alla prova e devo dirti che è riuscito persino a farmi godere.-

Dopo aver terminato la cena e messo a punto il piano,loro erano andati a dormire nel letto matrimoniale mentre il marito,era andato da solo nella cameretta con l'uccellino chiuso nella sua gabbietta.

-Ciao Elisa,hai visto quello che ti ho mandato ieri sera?-

Al mattino successivo aveva chiesto Lara al telefono alla moglie del suo capo in un'ora in cui lui era fuori per la sua corsetta mattutina.

-Si l'ho visto cazzo...altro che se l'ho visto quel porco ma anche tu,sei un bella troia!-

-Lascia stare me che ieri sono stata violentata da tuo marito e quella manica di porci.

Quanto alla troia,ti consiglierei di andarci cauta giacché io e te ci assomigliamo molto e abbiamo anche condiviso diversi cazzi.

Ma veniamo al punto.........-

Inizialmente Elisa pareva titubante giacché aveva già degli impegni col marito per quella domenica e non sapeva come liberarsi:

-Ma come non sai come fare?

E' semplice,non gli dici niente e quando lui esce per il suo giretto mattutino,ti prepari e noi ti veniamo a prendere.

A lui devi solo lasciare un bigliettino con su scritto"Sarò fuori tutto il giorno e non so a che ora torno!Ciao"

Dopo aver preso gli accordi con Lisa,aveva chiamato Dhajr al telefonino informandolo della cosa e chiedendogli di rintracciare gli altri due giacché,essendo sabato e non avendo i loro cellulari,lei non avrebbe saputo come fare.

-Se poi hai un amico nero come te,porta anche lui!-

Aveva concluso.

Poi aveva chiamato una sua collega d'ufficio anche lei costretta a scopare col capo ed anche lei col marito cornuto e l'aveva coinvolta nel gioco.

segue





Questo racconto di è stato letto 3 8 3 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.