Ravenant 5 - Un'altra storia

Scritto da , il 2020-09-14, genere pulp

RAVENANT 5-UN’ALTRA STORIA

La vecchia riseria è un grande capannone che sorge a nord est della città. Nell’aria c’è ancora un vago odore di bruciato. In un angolo giace la carcassa di un vecchio furgone. Tutto ha un aspetto decadente: assi inchiodate su porte e finestre, tetto sfondato, crepe nei muri. Una vecchia saracinesca sgangherata è alzata a metà nella zona di carico. Sembra il set di un film horror. C’è la luna opaca che fa capolino dietro a nubi grigie. C’è una brezza leggera che fa sollevare lembi di carta. C’è un gufo da qualche parte “Niente lupi?” commento guardandomi in giro
“Pensavo si nascondesse in un posto più raffinato” commenta Tippi
Vassili non ha detto nulla durante il viaggio, seduto dietro con aria lugubre e mogia. Guardo l’orologio: meno di due ore e l’alba arriverà, lasciando il posto a Zaya e al suo corpo più mortale. Portabagagli, valigetta nera. Apro. Dentro due grosse calibro 45 e diversi caricatori. A Tippi passo una Beretta 9mm “Vass?”
“Io..” si scuote le mani contro il bavero del suo giubbotto “Non è che mi piacciono le armi”
“C’è qualche problema, Vass?” chiedo
“Io, no.. Perché?”
“Sei strano VAss. E’ da quando hai ricevuto quella telefonata da Miriam che ti comporti in modo strano”
“No.. non è nulla” mi sfugge lo sguardo “Davvero..” lo afferro per un braccio, gli afferro la faccia e gliela giro verso di me “Cosa non mi stai dicendo”
“Io.. Io” sento il suo uccello gonfiarsi contro la mia gamba. Abbasso la mano sinistra, gli slaccio la zip dei pantaloni e glielo afferro “Cosa?.. Uh.. Io.. Lui mi ha chiamato” dice lui soffocando un gemito
“Lui, cosa?” gli stringo l’uccello così forte che lui urla di dolore. Vassili mi ha tradito e collabora con Kennet “Perché?”
“Lui.. ha Miriam” la crime sgorgano e rigano le sue guance “Mi ha mandato un filmato dove la violenta senza pietà. Mi ha detto che dovevo portarti ai magazzini, o lei sarebbe morta”
“Sei un traditore VAssili” gli sibila in faccia Tippi “Lo uccidiamo?” guarda verso di me
“Non ancora” avvicino la mia bocca al suo orecchio “Ti aiuteremo con Miriam Vass. Dopodichè, prenderai i tuoi stracci e sparirai dalla mia vista. Se ti rivedo, ti tratto come una delle mie qualsiasi vittime”
“Mi spiace Zaya..”
Stringo “Io sono il Gris, ora. Te lo ripeto Vassili. Prendi Miriam e vattene. O ti darà la caccia e poi stuprerò il tuo cadavere. Intesi?”
“Ok, ok” gli lascio andare il pacco mentre lui scivola a terra reggendoselo e mugugnando
“Che si fa?” chiede Tippi
“Stiamo al gioco e vediamo che succede” rispondo

La porta si apre con un cigolio da film horror. Non sto a pensare che, se era più silenzioso era meglio. Grazie a VAssili, il nostro arrivo è un annuncio sicuro e il cigolio della porta più l’eco di risonanza, equivale all’entrata in scena con tutta la banda.
Avanziamo sicure, spavalde, forti dei nostri corpi immortali.
Davanti a noi si apre un vasto spazio intervallato da colonne. Nell’aria, odore di muffa, polvere e farina stantia. Voci. In fondo, uno schermo gigante sta proiettando un film porno. Un uomo che sta stuprando una ragazza dalle grandi tette, i polsi legati in alto, le gambe aperte e fermate da morsetti. Riconosco l’uomo e la donna “Ma che diavolo?” fa Tippi
Kennet sta stuprando Miriam sul monitor. Arriviamo nell’attimo in cui lui esce da lei e la irrora di sperma.
I nostri piedi scricchiolano sul pavimento ricoperto da chicchi di riso e segatura di legno. Un brivido mi percorre, sento le gambe come se si avvolgessero di spine. Tippi la vedo barcollare e lanciarmi uno sguardo perplesso “MA cosa?”
Già, cosa. Zaya non lo sa ma il Gris sì. E porca di quella puttana vacca, ci sono caduta come una novellina. Il pavimento è ricoperto di segatura di legno, sì ma, non legno comune. Questa segatura può provenire da una albero delle streghe che tanto cari furono all’epoca dell’Inquisizione. L’unico elemento carico di magia in grado di bloccare un ravenant. E lo può fare grazie all’aggiunta di un incantesimo di costruzione “Merda, ci siamo cascate con tutte le mutande” commento
“Ma che piacere rivedere le mie piccole troie” dice una voce a me nota “Finalmente, non vedevo l’ora di rivedervi”
Kennet appare da dietro lo schermo, trascinando una legata Miriam, la quale crolla a terra in ginocchio “Viscido verme bastardo” sibilo alzando il braccio. Ma sembra fatto di piombo. Mi concentro e riesco a portare la pistola in posizione di tiro e sparare un colpo, prima di crollare in ginocchio. Il proiettile colpisce Kennet in pieno petto ma, mia sorpresa, invece del classico fiore rosso sangue, appare una macchia nera e della polvere color ruggine scivola da essa “Sei un cazzo di ravenant” faccio stupita. MA perché dovrei stupirmi? Lui sapeva già da prima che noi eravamo ravenant, altrimenti non avrebbe saputo dell’albero della strega
“Hai quello che volevi” dice VAssili alle nostre spalle “Ora, per favore, ridammi Miriam e fammi andare via”
“Mmm, non so” ride Kennet “Tu vuoi andare, Miriam?”
“Avevamo fatto un patto” dice VAssili puntandogli contro un revolver
Kennet ride “Andiamo, mi minacci con una pistola?” si abbassa verso Miriam, le afferra e stringe una tetta “Ci siamo divertiti, sai?”
Vassili spara ma, come visto prima, i proiettili sono solo noiosi insetti “Smettila, coglione” dice Kennet
Una figura si avvicina alle spalle di Vassili, la pistola puntata alla tempia “Giù la pistola”
“Cazzo” faccio
“Cazzo” ripete Tippi
Dietro la pistola c’è Matt. Più vestito, con un medaglione dal disegno strano appeso al collo “Hai sentito cos’ha detto il padrone?” padrone? Vuoi vedere che Matt è il ravenant personale di Kennet?
Vassili alza le mani e lascia cadere la pistola a terra “Ok. Datemi Miriam”
“Ci vuoi già lasciare, Vass? Resta ancora un po’ a fare due chiacchiere” Kennet si avvicina al cerchio ma si ferma mezzo metro prima “Dunque, che dire?” fa il pensieroso “Che ne direste di togliervi i vestiti?”
“Vuoi fare una piccola orgia tra amici? Vieni pure?” sorrido beffarda
Lui ride “Preferisco guardare, per ora” si volta verso Vassili “Amico Vass, che ne diresti di aiutare le nostre ospiti?” Matt si posiziona dietro a Miriam e le punta la pistola alla nuca
Vassili obbedisce ed entra nel cerchio. Naturalmente, a lui, il legno della strega non ha effetto
“Scusate” dice lui imbarazzato. Incomincia da me, prima la mia giacca, poi la mia camicetta, in maniera frettolosa e tremolante
“Su Vass, un po’ di sensualità nello spogliare una donna. Fai così anche con Miriam quando vi spogliate per fare l’amore?” ride “Allora, facciamo due chiacchiere. Sì, sono un ravenant, come te Zaya. Si, Matt è il mio schiavo, come tu hai fatto con Tippi” Vassili mi toglie gli stivali , poi passa alla cintura e la zip dei pantaloni. Me li sfila, rivelando mutandine di pizzo nero. Sotto la camicetta un reggiseno nero che fatica a contenere le mie tette “Provengo da un villaggio ucraino, ai piedi dei monti Beschidi. La mia famiglia è una comunità gitana.. era, è più giusto dire, prevalentemente pacifica. Un giorno, un membro della nostra comunità, fece un torto alla famiglia dei Gregor, potente della criminalità a sud di Kiev. Un torto così grave che prevedeva la morte della mia gente. Le donne vennero stuprate davanti ai loro figli e mariti, poi uccise. E gli uomini per ultimi, senza pietà.
Io ero uno di loro. Venni colpito da quattro proiettili al ventre e uno alla testa. Sì, lo usai per i miei successivi omicidi. Ma non morii subito perché, il Gris che era in me si svegliò e ancorò la mia anima trasformandomi in un ravenant primorde. Sorvoliamo su quello che accadde dopo ai Gregor.
Dopo quei fatti, lasciai l’Ucraina e migrai in America e cominciai a fare quello che mi riusciva meglio: uccidere” intanto VAssili mi ha sganciato il reggiseno lasciando libere le mie tette e tolte le mutandine, lasciandomi la fica in mostra. Poi si sposta verso Tippi e riprende con lo spogliarello “Volevo te, Zaya. Io sapevo che tu avevi il Gris della tua tribù. La mia intenzione era quella di risvegliare il tuo Gris. Ti ho avvicinato, ti ho circuita, ti ho sedotta, ti ho ucciso. E ora, sei qui davanti a me, come Gris, pronta per la mia fase del piano” lo dice con quel tono mellifluo tipico dei cattivi di James Bond. Tono in cui il cattivo fa il suo soliloquio spiegando perché lui stava per distruggere il Mondo o scatenare una guerra “Ok, Vassili, unisciti al gruppo” Anche VAssili incomincia a spogliarsi, mentre Kennet prosegue nel suo discorso di cui spero finisca al più presto “Matt” gli fa cenno. Matt si avvicina e si toglie il medaglione. Miriam, dalla sua posizione in ginocchio, si alza e si muove verso il ginocchio, sedendosi a gambe incrociate “Tieni Vass, indossalo” Vassili indossa il medaglione “Su Tippi, Zaya, fategli il servizietto”
“Sei un pervertito figlio di puttana, Kennet”
“Kennet è un nome d’arte, quello vero è Boris Yamka ma, poco importa. Quello che veramente importa è che ora, l’amico Vassili si faccia una bella scopata con voi due”
“Cos’è questa pagliacciata Kennet, o Boris di come cazzo ti chiami? Perché uccidermi e farmi diventare un ravenant? Qual è il tuo scopo?”
“Tra pochi minuti è l’alba. Te lo dirò. Ora VAss..”

..Tippi si avvicina all’uccello di Vassili, un po’ molle tra le gambe, glielo afferra e comincia a masturbarlo…

Parte5

Questo racconto di è stato letto 3 0 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.