Filo di perle III

Scritto da , il 2020-09-13, genere esibizionismo

Terzo movimento: Bianco
(è il foglio su cui lasciar colare le parole, sfilandosele di dosso, con un inchiostro speciale composto da sangue che corre, gocce di sudore e un filo dei miei umori. Raccontare non solo il proprio corpo ma anche i propri desideri, le voglie, le emozioni)




Quando slacciai la cintura e la lasciai cadere a terra i suoi occhi brillarono di un nuovo inestimabile tesoro, la strinse fra le mani, la ripiegò su sé stessa per saggiarne la resistenza, poi la distese per la sua lunghezza poggiandoci sopra la punta della lingua. La lentezza esasperata di quella corsa umida sul cuoio rosso trasformò in un istante una semplice cintura in un’icona di puro erotismo. Mi tornò in mente il giorno in cui l’avevo acquistata, senza ovviamente poterne immaginare un utilizzo simile, sospirai scuotendo la testa. Continuavo a stupirmi di lui e di me stessa, complici, in quella giostra di desideri e di scoperte.
Nicola sembrò esitare, in preda a un’emozione più forte, il suo istinto gli aveva proposto un nuovo incredibile azzardo, era arrivato il momento di scoparsi davvero la mia vita, o ciò che la circondava.
Si alzò sulle ginocchia, con la cintura in una mano, l’altra prese il bordo dei boxer e li abbassò di colpo, il suo sesso duro mi riempì gli occhi, libero e sfacciato, ondeggiava fra i lucidi riflessi di una splendida eccitazione. Rapita e incredula lo vidi avvolgere la mia cintura lungo l’asta, lentamente, un giro alla volta, sparpagliando qualsiasi mio pensiero e annegandomi il basso ventre: era bellissimo.
Perverso, eppure in qualche modo raffinato; sporco, nel senso di vero, autentico, libero di esibire le proprie pulsioni. L’immagine di me stessa, in piedi e ancora vestita, che guarda quell’uomo in ginocchio, nudo, che si lascia accarezzare da qualcosa che mi appartiene mi tormenta ancora oggi, quando ci ripenso. Non si stava masturbando, si limitava a stringere la cintura sulla propria carne, carezzandosi col cuoio, godendo di quel contatto che a lui doveva sembrare estremamente trasgressivo e a me pareva decisamente unico.
Dopo quella sera divenne impossibile tornare a indossare quella cinta rossa senza pensare a quella scena, senza immaginare ogni volta l’impossibile traccia dei suoi giochi, mi sentii violata come non mi era mai successo. Il contatto dei corpi si perde, giorno dopo giorno, quello degli oggetti può essere eterno.

Per ogni pezzo di me che gli concedevo lui saliva sulla scala misteriosa delle sue voglie, solleticando la mia insaziabile curiosità, che altro avrebbe fatto dopo?
Divenni impaziente, mi slacciai i pantaloni e li trascinai in basso, accarezzando le mie gambe con la stoffa aderente, poi ne uscii, un piede alla volta, era la femminilità di una donna che voleva e io gliela sbattei in faccia. Spalancò gli occhi e la bocca, sorpreso dallo spettacolo che gli stavo offrendo, ero, come detto, in quel periodo in cui le mie serate potevano finire in tanti modi diversi e avevo già acquisito sapiente malizia per sorprendere un uomo. I pantaloni con cui mi aveva vista alla festa celavano il segreto raffinato di un paio di calze autoreggenti e l’audacia di un perizoma nero, il cui filo era così sottile da farmi apparire nuda.
Il respiro della seduzione prevede a mio avviso una regola tanto semplice quanto efficace: se vuoi piacere, devi piacerti. Nessuna scomoda costrizione, ammaliare sé stesse, in lunghe sessioni davanti allo specchio, consente di usare i capi di lingerie con una luce diversa e infinitamente stimolante. Presi a issarmi sulle punte dei piedi, una alla volta, come fossi su un invisibile step da palestra, sentivo i muscoli gonfiarsi, i polpacci, le cosce, i glutei, non so neanche da dove mi venne fuori l’idea per quello spettacolo improvvisato, c’era un’altra me a condurre i miei gesti, consapevole di essere osservata, come un’attrice che trova naturalezza nella finzione.
Il contatto improvviso del suo dito sulla mia caviglia mi bloccò, era la prima volta che toccava il mio corpo, anche se attraverso il nylon delle calze. Fermo in quel punto sembrava voler indicare qualcosa, un nuovo dettaglio che, ad altri, sarebbe risultato banale o addirittura imperfetto; spiai le sue dita e trovai un piccolo graffio sulla pelle, causato chissà come, che per lui doveva rappresentare qualcosa di particolarmente rilevante.
«Questa.. – disse rompendo finalmente il silenzio – questa sei tu!».
«Dimmi perché!» rispose una voce roca che non sembrava neanche più la mia.
Prese ad accarezzarlo, leggermente, come se in quell’impercettibile segno ritrovasse tracce della mia identità, poi iniziò un’altra delle sue lezioni. Mi spiegò che quel graffio mi apparteneva, evidenziava il fatto, mai troppo scontato, che quella gamba e quella pelle erano mie. «È come rintracciare una pennellata distratta sulla tela di un capolavoro – mi disse fissandomi la caviglia – d’improvviso l’opera diventa così umana da apparire infinitamente divina». Non riuscii a trattenere una risatina che mi arrivava direttamente dal cuore, quel pazzo ai miei piedi non la smetteva di sorprendermi, riprogrammando la mia concezione del corpo esposto.
Fece poi scorrere il suo dito verso l’alto, lisciando la calza, in un brivido reciproco che parve incepparsi in prossimità della balza in pizzo, lì si fermò, pronto a una nuova provocazione.
Si alzò in piedi e mi venne ancora più vicino, liberò il suo sesso dalla cintura e lo usò per fare ciò che stava facendo il suo dito. Dallo specchio ci spiavo, quasi in apnea, avvertii chiaramente una scossa nel momento in cui la punta arrossata del suo cazzo si posò sulla balza elastica delle calze che avevo scelto di indossare quel pomeriggio, ignara di tutto quello che sarebbe successo.
Ci si strusciava contro, godendo visibilmente del contatto ruvido del pizzo sulla sua carne, se lo teneva con la mano usandolo per ricalcare il motivo raffinato del ricamo. Mi scappò un gemito, sentivo quella pressione così leggera solleticarmi dentro, da qualche parte, come avessi appena scoperto sconosciute zone erogene del mio corpo, il pizzo ci accarezzava entrambi, sottile arabesco ricamato che amplificava le vibrazioni del piacere.
Chiudevo gli occhi e li riaprivo, col respiro che iniziava ad accelerare, Nicola si lasciò guidare dalle mie reazioni, capì di poter osare ancora di più, che niente avrebbe ostacolato il suo strampalato modo di avermi.
Prese il bordo della calza, sfiorandomi con le dita, lo sollevò dalla mia pelle e ci infilò dentro la cappella, piegandola a forza verso il basso. Volle entrare proprio lì, dove la femmina si veste da donna, scopandosi dolcemente sia l’una che l’altra.
Macchie umide mi scivolarono sulla pelle, allargandosi sulla trama della calza, per un attimo pensai che sarebbe venuto così, in un modo incredibilmente assurdo, iniziai a fissarlo dallo specchio in attesa dell’esplosione che già immaginavo colarmi sulla coscia. Quale assurda immagine era quella lì, ci vidi dentro la perdita di una strana forma di verginità, una “prima volta” che mi riempì di autentico stupore. Com’è possibile, mi chiedo ancora oggi, godere di una cosa del genere? Eppure, lo ricordo, presi a miagolare senza rendermene conto, poggiai le mani sul lavandino chinandomi leggermente in avanti ma, così facendo, gli mostrai involontariamente altri mondi che aspettavano solo di essere violati.
Di nuovo il contatto del suo dito mi sorprese, nell’incrocio fra i due fili del perizoma, prese a scorrerci sopra per fare un immaginario disegno della mia biancheria intima. Prima la linea orizzontale e poi giù, seguendo il filo che mi scendeva fra le natiche, sfiorando ciò che il cotone non riusciva a nascondere. La combinazione fra il suo tocco delicato e l’intrusione nella calza mi torturava, avvertii la sensazione calda dell’eccitazione, sentii il bisogno di togliermi anche il maglione e la canottiera, operazione che richiese prima che mi sfilassi il bracciale d’acciaio.
Lì si bloccò, mi prese il cerchio dalle mani, iniziando a osservarlo con attenzione, il cazzo sgusciò via dalla calza e per un istante ondeggiò libero come una molla, ebbi la forte tentazione di stringerlo con la mano ma imposi a me stessa l’attesa, era tutto troppo forte per bruciare via gli attimi dedicati alle scoperte.
Nicola si portò il bracciale alla bocca e prese a ricoprirlo di tanti piccoli tenerissimi baci, era un trasformista, mutava rapidamente in moltiplici versioni di sé, porco, amante originale, schiavo in adorazione della mia figura o padrone indiscusso di tutta la scena, un regista, che proiettava il film delle sue fantasie sulla tela bianca del mio corpo. Dopo aver assaggiato il ferro con la lingua me lo rinfilò, era lì che lo voleva, lì dove lo aveva visto la prima volta.
Tornò poi alla sua nuova scoperta, afferrò il bordo del perizoma e iniziò a giocarci, sollevandolo ritmicamente, come un ragazzino dispettoso. Non so se fosse cosciente dell’effetto che aveva questa operazione sul mio corpo, se lo facesse per amplificare la mia eccitazione, la sua o forse quella di entrambi, sta di fatto che ogni volta che tirava quel laccio dietro la mia schiena il triangolo anteriore si infilava fra le mie labbra più intime, ormai fradice.
Mi morsi la lingua, chiusi gli occhi, con la pancia sottosopra tra emozione e disperazione, per quanto ancora avremmo giocato? Quanto avrebbe resistito la mia curiosità contro la smania del mio corpo? E come faceva lui a resistere così? Avevo ormai solo il reggiseno, le calze e il perizoma, altri uomini mi avrebbero già sbattuta contro quel lavandino in quelle condizioni, a molti di loro era bastato molto meno.
Nicola invece continuava a tormentarmi, traendo evidentemente immensa soddisfazione da queste continue provocazioni, forse mi voleva semplicemente sfinire e fu così che lo sentii infilare il suo sesso sotto la linea elastica del mio intimo raffinato, voleva prendersi anche quello, in posizione scomoda ma evidentemente efficace.
Continuò a muoversi, simulando la meccanica dell’amplesso, strusciava la sua erezione contro la pelle tesa dei miei glutei in un contatto sempre più intimo eppure ancora così lontano dal sesso come lo avevo conosciuto fino a quel momento. Gocce di voglia umida mi bagnavano la pelle, sembrava volesse marchiarmi, farmi sua prima ancora di avermi.
Non ne potevo davvero più! Feci uno sbuffo nervoso, gli piantai gli occhi contro attraverso lo specchio e lo trovai a guardarmi con un’espressione indecifrabile, chissà cosa pensava, chissà che intenzioni aveva, qualcosa mi esplose dentro all’improvviso, portando la mia immaginazione in un posto nuovo. Il lampo di un’intuizione riallineò i miei pensieri, era arrivato il tempo di rispondere a quel duello erotico, tempo per vedere davvero fino a che punto si sarebbe spinto.
Mi mossi piano, sentii il suo sesso sfuggire via dal mio corpo, feci qualche passo solo apparentemente incerto, ora davvero iniziavo a capirlo, ero anche io ebbra di follia, libera di mostrare l’altra mia faccia, quella più oscura.
Arrivai al water, feci un giro su me stessa, abbassai di colpo il perizoma e mi misi seduta, riempiendo ogni gesto di un nuovo significato, allargai spudoratamente le cosce e attesi.
Lo stimolo avevo iniziato ad avvertirlo già da qualche minuto, in condizioni normali avrei preso la strada del bagno allontanandomi con discrezione ma eravamo già lì e lui mi aveva dimostrato di volere ogni cosa mi appartenesse, “vorrei che tu facessi le tue cose, come se io non ci fossi” mi aveva detto, avrebbe apprezzato anche quello?
La fantasia erotica si sporge sul bordo di un precipizio, sospesa fra realtà e immaginazione, la sua vertigine può restare sopita per anni e non manifestarsi mai, oppure può precipitare all’improvviso, alle tre di notte di un qualsiasi sabato sera, portandosi dietro qualsiasi tipo di lucidità, in un volo verticale che non avresti mai pensato di poter fare davvero.
Rilassarsi fu la parte più difficile, trasmettere alla schiena il giusto respiro per compiere un gesto così intimo e delicato, chiusi gli occhi e non riuscii a non scoppiare a ridere, quando l’imbarazzo non trova il coraggio di manifestarsi spesso va a nascondersi dietro reazioni scomposte e apparentemente fuori luogo.
Una risata isterica, con gli occhi serrati, provando a illudere me stessa di essere davvero sola, mi concentrai più che potevo ma, eccitata com’ero, qualcosa dentro di me continuava a rifiutarsi, snervandomi. Non sapevo cosa stesse facendo Nicola ma capii che col suo silenzio immobile stava provando in qualche modo ad aiutarmi.
Poi, con un fremito di sollievo, successe.
I muscoli si rilassarono, una musica nuova riempì la stanza, un fruscio d’acqua piccolo e intermittente, gli occhi sbatterono come ali di farfalla aprendosi sul mio spettatore, inginocchiato fra le mie gambe, a osservare con stupore il mio nuovo regalo dorato.
«Sei.. assolutamente.. perfetta..» disse, con la faccia di uno che sta assistendo a un miracolo.
Il fruscio divenne fiume, brulicando sotto ogni poro della mia pelle, era più di una semplice pipì, era probabilmente la più grossa trasgressione che avessi mai provato in tutta la mia vita. Perfetta, quella parola si era accesa nella mia testa, portandomi a provare un piacere tutto nuovo, quello della libertà più spregiudicata. Potente, così mi sentivo, donna capace di ogni cosa, anche la più proibita, fiamma viva che acceca di assoluta immorale disobbedienza.
Nicola era come imbambolato, deglutiva, continuando a fissarmi fra le gambe come volesse imparare a memoria le pieghe umide del mio sesso, mi inarcai aprendo ulteriormente le cosce mentre le ultime gocce scintillavano fra le mie labbra, volevo essere guardata proprio lì, volevo dargli tutto quello che, ne ero certa, nessuna donna gli aveva mai dato. Lì mi aveva portato la mia curiosità, percorrendo il sentiero delle strampalate voglie di un maschio avevo infine incontrato una nuova me stessa.
Che darei per riuscire a raccontare gli occhi che avevo in quel momento, strafatta dalla vertigine di sentirmi, anche io, immensamente sporca.
Strappai qualche quadrato di carta igienica e li usai per accarezzarmi la fica, poi glieli regalai, lasciandoli cadere fra le sue gambe. Il mio odore pungente aleggiava fra le quattro mura del bagno e improvvisamente non ne provavo alcuna vergogna. Lo vidi raccogliere il mio piccolo dono e avvicinarlo al naso, mi alzai in piedi, lasciando a terra quelle mutandine ormai inutili, mi incamminai per uscire dal bagno prendendo i dischetti e il latte detergente: avevo improvvisamente una gran voglia di struccarmi, come fossi tornata a casa, da sola, in una sera come tante.
Camminare, anche quello però, aveva assunto improvvisamente un significato diverso.

Enfatizzare il proprio corpo, mescolando persona e personaggio, uscire da me stessa e usare i suoi occhi, per guardarmi sfilare da dietro con indosso solo il reggiseno, le calze autoreggenti e un bracciale d’acciaio. Ondeggiare coi fianchi più del necessario per il solo gusto di accendere il cuore di chi guarda e di chi legge, in un cocktail di esibizionismo che prevede parti uguali di imbarazzo ed eccitazione. L’arte del mostrarsi e poi subito sparire, come lo scatto di un flash che regala un’improvvisa fugace istantanea del mio culo, bianco, che si dimena come posseduto su un ritmo che fa più o meno così:

https://youtu.be/0Nt8dJ6rMZI


[continua]

Questo racconto di è stato letto 9 0 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.