Ravenant 4 - Un'altra storia

Scritto da , il 2020-09-12, genere pulp

Ravenant 4 – Un’altra storia

Tippi si sveglia tossendo sangue. La sua pelle riluce di bianco perlaceo, i capezzoli rosa risaltano come piccoli budini alla fragola, la sua fica stilla sangue e sperma. Urla, si rotola, si abbraccia le gambe
Attendo che la fase passi, rimanendo seduta su uno sgabello sotto un poster di lady Gaga. Il mio sangue sta mutando ogni cellula del suo corpo e la renderà simile a me.
Tippi cade di schiena, ansante, un codino ai lati della testa sciolto e sparpagliato quasi a ventaglio “Ben tornata”
Lei sobbalza a sedere, le mani al petto, le tette che sobbalzano leggermente “Chi sei? Cosa fai in casa mia?”
“Io sono quella che ti ha riportato indietro”
“Indietro da dove?” si guarda, si rende conto che è nuda, poi nota il sangue e nota che ce l’ha sparso un po’ d’dappertutto “Cosa?” indietreggia “Per favore..” pensa che io l’abbia aggredita
“Adesso ascolta bene quello che ti dirò. So che sarà difficile da assimilare ma, ti prego di credermi” come si fa a controllare un redivivo? “Hai conosciuto un uomo qualche ora fa, Kennet?”
“Sì.. è tuo marito?”
“No, sto cercando di trovarlo”
“Perché?”
“Perché ha fatto la stessa cosa che ha fatto a te: mi ha ucciso” Lei mi guarda e annuisce una volta sola. Mi crede pazza ma, è normale. Faccio segno al ventre e poi alla fronte “Quattro proiettili all’addome e uno alla fronte”
“Senti.. io, non so cosa vuoi da me ma, ti prego, non dirò nulla a nessuno..”
“Tippi” lo dico ad alta voce. Lei sobbalza, sembra quasi in soggezione “Alzati” lei obbedisce. Io faccio altrettanto . Mi avvicino a lei, frugo nella tasca, estraggo un coltello a serramanico. Non c’è altro modo. Movimento rapido, colpo al ventre. Lei, stupita, spalanca gli occhi, indietreggia reggendosi lo stomaco.
Abbassa lo sguardo “Mi hai.. Ma, cosa?.. Non sanguino” Il redivivo, a differenza del Primorde, non ha sangue in corpo “Perché?”
“Tu sei morta” dico semplicemente “E io ti ho riportato indietro usando il mio sangue”
Incomincio a a raccontarle di che natura è ora, cosa sono io e quello che siamo destinate a fare. Ci vuole un po’ ma, alla fine, sembra accettare la situazione. Si accascia a terra e comincia a piangere. Cosa strana, i redivivi non posso sanguinare ma possono piangere.
Controllo l’orologio che tiene appesa ad una parete: mezzanotte e 35. Sei ore per dare la caccia a Kennet prima di tornare nella mia fase mortale.
Abbraccio Tippi, la faccio sedere sul letto. Penso che una piccola pausa sesso non possa guastare. Incomincio a baciarla, prima sui seni, poi scendo verso l’ombelico e, infine, arrivo alla sua fica e comincio a leccarla. Lei mugugna e io affondo di più, raccogliendo i suoi umori: saliva, sangue e sperma, un mix che mi manda in tilt e mi fa afferrare i fianchi di Tippi e a premere la faccia, quasi volessi entrare dentro di lei.
Risalgo veloce, cerco la sua bocca, lei si avvinghia e mi toglie i vestiti. I nostri corpi diventano uno solo, i nostri sessi sfregano tra di loro, le nostre bocche cercano il nostro reciproco respiro. Entriamo in orgasmo insieme, felici e appagate. Ecco, un’altra cosa che un redivivo riesce a provare: il piacere del sesso
“Tippi.. Qual è il tuo vero nome?” chiedo mentre mi rivesto
“Tippen”
“Nome strano”
“L’ha scelta mia madre tirando fuori a caso le tessere dello scarabeo” ride
“Tippi è carino” dico “Sei pronta ad andare in caccia?”
“Sì, voglio trovare quel bastardo e tagliargli l’uccello” dice lei risoluta
“Allora muoviamoci” compongo il numero di VAssili

“Dunque, sono stata vittima di un serial Killer?” Tippi, aria avvilita, seduta al mio fianco della Mini, gioca con i pollici e non aggiunge altro
“Ho fatto anche io lo stesso errore. Mi sono fatta abbindolare per mesi dalla sua bella faccia e grande cazzo. E poi, cinque bang ed eccomi qui” arriviamo al parcheggio del Pony Jumper, parcheggio pieno imballato. Riesco ad incastrarmi tra un lampione e un bidone della differenziata. Parcheggio, scendiamo, entriamo.
Dentro, la massa di gente urlante è pigiata come dentro un cesto d’uva. A fatica mi muovo verso il bancone. Qualcuno mi tocca il culo ma, non mi giro in dietro e rompergli la mano. Manca solo che si scateni una rissa da saloon. Una rossa avvolta da un boa di struzzo si sta lustrando il palo, circondato da una folla ululante. VAssili è arrampicato su uno sgabello a sorseggiare un coctail di color azzurro, con un ombrellino bianco che sporge da esso.
Al bancone vedo il mio amico barman, quello che mi dovrei scopare quando stacca alle 3.00. Mi vede e mi sorride raggiante. Poi vede Tippi e aggrotta le sopracciglia “Ciao Vass” saluto
“Ehi, bella signora! Hai avuto fortuna” saluta il giovane barman
“Ehi, come ti chiami?”
“Matt”
“Ok Matt, c’è un angolo appartato dove io e i miei amici possiamo parlare in tranquillità?”
“Oh” fa lui osservandoci “Beh, pensavo che dopo..”
“Ah, tranquillo, ti avanziamo qualcosa” lo rassicuro
“Allora potete usare il mio camerino, sul retro” fruga sotto il bancone e mi presta le sue chiavi
“Avanziamo cosa?” chiede Vassili quando siamo davanti alla porta del camerino
“Gli ho promesso del sesso selvaggio, prima, quando sono passata a cercare Tippi. Adesso che ci ha visti insieme, pensa che faremo un’orgia”
“Oh.. mmm.. E’ per questo che mi hai chiamato?”
“No, a meno che tu non voglia chiamare Miriam la chiromante”
“Davvero?”
“No VAss, non siamo qui per un’orgia” lo spingo dentro il camerino. Ambiente piccolo con armadietto metallico, due sedie, una brandina, un frigo bar, una sedia e il poster di Tom Cruise appeso ad una parete “Ora, siamo punto e a capo”
“Mi spiace” dice Tippi avvilita
“Non è colpa tua. Come ti ho detto, ci sono cascata anche io”
“Dunque, lei è una ravenant?” Vassili si avvicina a lei con la curiosità di uno scienziato di fronte ad una nuova scoperta “Incredibile” allunga mano per toccarla ma, Tippi si ritrae, a metà tra lo spaventato e l’ostile
“Tranquilla Tippi, non morde” la rassicuro “E tu, evita di toccarla”
“Ok, ok”
“Cos’abbiamo?” chiedo
Tippi si mette a spostare oggetti sulla scrivania del barman Matt “Vorrei tanto avere dei poteri psichici” dice lei sollevando un medaglione con un disegno strano
“Svanisce sempre nell’aria. Non arriva mai con l’auto vicino al luogo di caccia, non si fa filmare, se ne va a a casa della vittima, ci fa sesso e poi la uccide. Ritorna in un qualche modo e poi?”
“E poi.. boh? Sembra un fantasma” commenta VAssili
“La tua amica Miriam è una vera chiromante? O un fenomeno da baraccone?”
“Legge le carte, guarda la sfera, cose così..”
“Ok, non è vera”
“Beh,lei è..”
“Porca troia”
La porta del camerino si apre e Matt fa il suo ingresso, quasi nudo, tranne per un perizoma rosso che gli copre a malapena il pacco “Oh, scusate, credevo di essere in ritardo” sorride lui. Poi, vedendo le nostre facce, chiede “C’è qualcosa che non va?”
Diavolo. Ma il mio tocco ormonale funziona così tanto da far sbarellare i maschi. “Matt” lo tocco, assumendo una posa e una voce sensuale “Per quanto abbia una gran voglia di assaggiare il tuo cazzo, in questo momento ti chiedo di essere paziente e finire di parlare con questi amici, se non ti spiace” gli tocco il pacco “Non ti spiace, vero?”
“No” dice estasiato “No, vi lascio tranquilli” e se ne va.
Squilla un cellulare, Vassili risponde “Uh, Miriam” si gira verso la porta. Poi di nuovo verso di noi “Scusate” balbetta “privato” ed esce come se gli prudesse il culo
“LA passera chiama” commento
“Allora?Che si fa?” chiede Tippi “Cosa dobbiamo fare?”
“Bella domanda. Quel figlio di puttana ci continua a sfuggire come un’anguilla” mi tolgo la giacca e la poggio su una sedia.Poi, afferro Tippi, la faccio alzare e comincio a spogliarmi “Scusa ma, ho voglia di passera” e, quando è completamente nuda,m’inginocchio davanti a lei e comincio a leccarla la sua dolce fichetta, morbida, fragrante, così ricca di umori. Resto vestita, cerco la sua bocca, la sua lingua. Le mie mani corrono sulle sue gambe, i fianchi, fino ai seni. Ho voglia ancora di fica. La succhio come un’ostrica, lei geme.
Vassili entra in quel momento di orgasmo “Oh” fa. Lascio che Tippi spurghi i suoi umori, io mi alzo e osservo Vassili: ha la faccia di uno che ha appena visto qualcosa di spaventoso
“La tua bella chiromante ha voglia di predirti il futuro?” chiedo
“Ci.. Ci sono novità” dice lui. Ha la voce che trema “Miriam ha delle notizie sul misterioso Kennet”
“Miriam?” faccio sorpresa “Le hai parlato di lui? Di me?”
“Beh, lei è una di noi.. Conosce il mito. Poi, se serve a rintracciare Kennet..”
“Cos’ha scoperto?”
“Alcuni suoi informatori.. spiritici.. Le hanno detto di aver avvertito la sua presenza nella zona dei vecchi magazzini Dalton”
“La vecchia riseria” dice Tippi
“Sai dove si trova?”
“Un posto abbandonato che è andato a fuoco qualche anno fa” annuisce Tippi
“Ringrazia Miriam da parte mia” dico a Vassili “C’è altro?”
“No” ma sfugge il mio sguardo. Che diavolo gli prende?

L’uomo si erige nudo davanti a lei. La sua forza virile eretta con la punta scoperta. La donna è nuda, i polsi legati ad un palo,le gambe spalancate, le caviglie legate a dei morsetti. Lui ride in una maniera beffarda, accarezzandosi il sesso, sfiorandosi la punta. Lei non può gridare per via di un bavaglio che le stringe la bocca. Una bella donna, non si può parlare di fica ma, di una bellezza patinata uscita fuori da una di quelle immagini da pin up anni 50, coi capelli biondi e ricci, gli occhi grandi e tette voluminose.
L’uomo afferra una grossa pistola e la punta alla faccia della ragazza. Poi, aiutandosi con la mano sinistra, piega verso il basso il proprio sesso ed entra dentro la giovane imbavagliata. Spinge con ferocia nella sua vagina e ci da dentro come un matto, le grosse tette che sussultano, gli occhi aperti e imploranti verso la canna della pistola.
L’uomo la stupra più volte, poi viene dentro e fuori di lei. Alla fine lui sorride, si volta verso una telecamera e dice “E’ venuta bene, non trovi?” e spegne la registrazione
La donna mugugna dietro il bavaglio. L’uomo si avvicina a lei e le toglie il bavaglio “Sei un bastardo” dice lei



=fine 4 =

Questo racconto di è stato letto 4 5 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.