Filo di perle II

Scritto da , il 2020-09-12, genere esibizionismo

Secondo movimento: Nero
(è un vecchio vinile che gira, su cui scivolano le tracce intime dei propri segreti, la canzone morbosa e fin troppo dettagliata di una notte che fino a ieri faceva parte dei ricordi di due sole persone)




Di come ci ritrovammo infine a camminare per strada alle due del mattino ricordo poco, forse fu lui a offrirsi di accompagnarmi a casa e visto che abitavo poco distante dal festeggiato decidemmo di farla a piedi, insieme, come due spettri nell’oscurità.
L’atmosfera lunare della città silenziosa faceva da eco alla nostra conversazione, improvvisamente sciolta da una sorta di istantanea confidenza, ci piaceva ascoltarci, eravamo proiettati verso una notte da passare insieme anche se, ovviamente, nessuno lo aveva ancora dichiarato.
Mi offrì anche il suo braccio, ci infilai dentro la mano e lui la prese fra le sue, quello non posso dimenticarlo, fu il nostro primo contatto. Riprese a parlare di me, a svelare altre sfumature della mia femminilità, come un timido professore che tiene una lezione il cui unico argomento sei proprio tu. Mi parlò dello smalto, apprezzò la cura con cui era stato dipinto sulle unghie, disse che un tono così scuro fosse particolarmente adatto alla mia pelle chiara. Io lo ascoltavo, lasciandogli osservare la mia mano, limitandomi a commentare di tanto in tanto le sue osservazioni; era tutto così strano, sembrava di parlare con un uomo insolito, preda di una sorta di adorazione nei miei confronti. Mi fece sentire in qualche modo più bella, non so come spiegarlo, sottolineava cose sul mio abbigliamento a cui forse neanche io avevo fatto caso. La scelta della cintura rossa che spiccava sui vestiti scuri o il modo in cui la lampo degli stivali disegnava i miei polpacci, ne era assolutamente rapito e io lo ero da lui. Ridevo, lo prendevo in giro, provavo inutilmente a smorzare una tensione fisica che ormai era davvero palese.

Quelli che vogliono farti un apprezzamento di solito ti dicono che hai gli occhi belli o un sorriso luminoso, i più audaci arrivano a confessarti che hai proprio un bel paio di tette. Lui invece pareva attratto più dalla femminilità che dalla femmina, in una costante lusinga per ciò che ero, in ogni sfumatura di me.
Stretta contro il suo corpo avvertivo chiara la pressione involontaria del suo braccio contro il mio seno, come se sotto a quel tappeto di chiacchiere ci fosse un altro dialogo, quello silenzioso dei corpi e io, che sono sempre stata timida ma di certo non ingenua, volevo che lo sentisse.
Non un adone di certo, non era uno di quei ragazzi che si distinguono per la prestanza fisica o per il modo estremamente sicuro di fare, non sempre riusciva a sostenere il mio sguardo e coi tacchi ero addirittura più alta di lui. Aveva però un suo fascino, diverso, meno esibito e meno scontato.
Ci ritrovammo all’improvviso senza più strada da percorrere, le parole si spensero nel vuoto dei puntini sospensivi e... ci baciammo, sotto le mie finestre.
Impossibile capire chi dei due abbia fatto quel passo in più, verso l’altro, forse la sua voglia di scoprirmi e la mia curiosità si erano semplicemente date appuntamento davanti alla porta di casa mia. Assaggiare la sua bocca, sentire le sue mani sui miei fianchi, sferrare un colpo decisivo nel duello della nostra seduzione. Volevo sapere, volevo capire come fosse un uomo così diverso dagli altri, come avrebbe reagito aprendogli le porte della mia casa e, ovviamente, del mio letto. Come faceva l’amore una persona così attenta ai dettagli? Come godeva la sua voce timida, come si sarebbe dibattuto fra delicatezza e carnalità? Di certo non potevo ancora immaginare quello che sarebbe successo di lì a poco, prima che il copione venisse completamente stravolto.
Perché quando fai entrare un uomo in casa tua l’elenco dei gesti da compiere prima del sesso si srotola più o meno sempre nello stesso modo.
I complimenti per la casa, lo sguardo su quelle vecchie foto appese vicino al divano, le vibrazioni di imbarazzo reciproco nell’aver svelato spiragli di improvvisa intimità e poi, infine, la fuga in bagno, congedandosi col più classico dei “mettiti comodo, io torno subito”. La fuga è un momento assolutamente necessario e non solo per sistemarsi il trucco, piuttosto perché dà tempo ai due contendenti di affilare le armi prima dello scontro. Ci sono stati uomini che hanno approfittato della pausa per denudarsi completamente e inscenare il forte impatto di una provocazione non sempre gradita. Il concetto di “tempo” come detto ha la sua importanza.
Nicola ovviamente non fece così, lo ritrovai fuori dalla porta del bagno, necessitava anche lui di un pausa e io fui costretta per una volta a interpretare la parte di quella che aspetta, consumando il tempo a intrecciare pensieri e aspettative.
Il tempo dell’attesa però divenne inspiegabilmente lungo, così tanto che iniziai pure a preoccuparmi, cosa stava facendo dentro il mio bagno?
«Tutto bene?» chiesi giunta alla porta e il suo «Sì..» di risposta risuonò insolito, rigato da una qualche emozione che non potevo di certo immaginare.
«Posso entrare?» domandai confusa, forse stava male, forse aveva bisogno di aiuto. Con la mente tornai a quella volta in cui fui costretta a fare da infermiera, a un altro ragazzo, che per accendere il motore della propria mascolinità aveva evidentemente abusato di carburante alcolico, finendo a passare la notte riverso sul mio divano.
Quando aprii la porta però mi ritrovai davanti agli occhi una scena assolutamente indecifrabile.
Nicola se ne stava seduto sulla tavoletta chiusa del water, completamente vestito, teneva fra le mani il mio beauty case dei trucchi e lo osservava, come fosse uno scrigno dei tesori.
Non dissi niente, sentivo che quell’uomo seduto nel mio bagno era sul punto di sbottonarsi per lasciarmi intravedere brandelli della sua misteriosa personalità, incrociai le braccia e mi misi a guardarlo, poggiata alla porta, in un’atmosfera quasi surreale. Aprì la bocca poi la richiuse, come fosse sul punto di fare chissà quale confessione finché, finalmente, iniziò a parlare, con voce bassa ed emozionata, parole che probabilmente non riesco a ricordare del tutto ma di cui non può sfuggirmi la loro sorprendente essenza.

«È bellissimo..
il tuo bagno intendo.. è davvero bellissimo..
è.. pieno di cose.. cose che ti appartengono.. oggetti che sfiori ogni giorno..
è come guardarti per quella che sei veramente.. è quasi.. un privilegio!».
Poi infilò la mano nel beauty, con fremito di entrambi, ne estrasse un piccolo flacone di vetro pieno per metà che riconobbi come lo smalto che avevo sulle unghie.
Prese a osservarlo, con attenzione, lo avvicinò agli occhi, pareva essere in cerca delle mie impronte digitali, era in estasi, e io, con la bocca socchiusa dallo stupore, ero assolutamente stravolta. Non lo avevo di certo mai conosciuto un uomo che vuole ardentemente le mie impronte.
Mi rividi, eseguire i gesti rituali che avevo compiuto proprio quel pomeriggio, prima di andare alla festa, le immagini del prima e del dopo si fusero fra loro e per un istante ebbi l’impressione di assistere a qualcosa di un’incredibile eleganza, Nicola mi dimostrava di essere così attratto da me da desiderare ogni cosa mi appartenesse, in ogni tempo in cui l’avevo abitata.
Quando la sua lingua si posò sul vetro, assaggiandomi, riconobbi il brivido di una particolare eccitazione, fisica, certo ma anche sorprendentemente mentale, quasi spirituale. Guardavo le sue mani, quasi tremanti, percepivo il timore nell’avermi appena introdotto nel suo modo, davvero particolare, di intendere il piacere. Quella lingua si era appena poggiata su di me, su qualcosa che mi apparteneva, aveva trovato una strada inedita e sconosciuta per arrivarmi dentro.

Chissà quante altre donne prima di me si erano ritrovate in quella situazione e lo avevano etichettato come un banale maniaco deviato, donne evidentemente meno curiose di me che invece avevo una gran voglia di scoprire dove sarebbe andato a finire.
«Ho una gran voglia di te..
ce l’ho dalla prima volta che ti ho vista ma..
come faccio a perdermi tutto questo? – disse aprendo la mano sul mio piccolo bagno – io vorrei poter godere di tutto.. di ogni cosa che ti appartiene..».
«Vuoi scoparti il mio bagno?» provai a dire, cedendo alla mia solita voglia di provocazione, era il modo con cui spesso cercavo di far uscire allo scoperto le persone. Pensandoci è una cosa che ogni tanto faccio tutt’ora, purtroppo. Riuscii però a farlo sorridere e a dargli coraggio per una risposta che mi trafisse definitivamente.
«Piuttosto vorrei scoparmi la tua vita!».

Cos’era davvero che voleva da me? Che cosa intendeva con quella frase? Voleva giocare? Sarebbe bastato un passo per toccarmi, per prendersi tutto quello che un uomo desidera da una donna, questo lo sapevamo entrambi, eppure aveva trovato il coraggio per proporre uno scenario diverso.
«E come si fa? Come funziona?» dissi camminando sui tacchi alti, d’improvviso quel luogo così familiare mi sembrò molto meno banale di quanto potessi immaginare, era assolutamente vero quello che mi aveva detto, lì dentro c’ero io, c’era la mia più intima quotidianità e il fatto che lui ne fosse così attratto continuava ad accrescere il mio stato di compiacimento.
«Vorrei che tu.. facessi le tue cose.. come se io non ci fossi.. come se fossi tornata a casa da sola stasera».
Sembrava, come dire, commosso! Quanto può essere potente spogliare i propri desideri? E quanto può essere invece letale sventolarli di fronte a un animale curioso, perennemente in cerca di nuove tracce da fiutare?

Sorrisi, guardai la mia immagine allo specchio e dichiarai, in un sospiro, che ero pronta a giocare con lui.
«Va bene, facciamolo..
ma.. – lasciai sospesa quell’obiezione, consapevole di quanto la misura delle parole faccia parte della meccanica della seduzione – io farò come se tu non ci fossi.. solo se tu farai altrettanto.. dovrai sentirti libero.. di fare tutto quello che vuoi».
Ignorarsi per ritrovarsi improvvisamente più vicini, liberare qualsiasi forma di istinto per scoprire cose che non sarebbero mai venute fuori in una tradizionale scopata, c’era questo sul piatto e io non avevo nessun motivo per tirarmi indietro.
Nicola sembrava incredulo, di nuovo muoveva le labbra cercando inutilmente le parole da dire, forse voleva chiedermi conferma di quello che avevo appena detto. Si limitò a fare un cenno d’assenso con occhi accesi dall’emozione.
Il mio viso nello specchio sorrideva, il riflesso della luce sugli occhiali da vista mi nascondeva gli occhi, ero nervosa, come quando sei alle prese con una “prima volta”, i brividi mi correvano lungo la schiena, chissà quali sensazioni provava quell’uomo, praticamente sconosciuto, dietro di me. Abbassai lo sguardo per un istante, provai a concentrarmi sul fatto di essere veramente da sola in una sera come tante, poi iniziai a muovermi, scoprendo un nuovo significato dei gesti, ciò che avrei fatto in modo sbrigativo ora si compieva quasi con maliziosa sacralità, divenni anche io spettatrice di me stessa, dando respiro a ogni singolo movimento.

Una cosa mi fu subito chiara, quel gioco non contemplava alcuna fretta, la notte era ancora lunga e intuii il bisogno comune di fare tutto con estrema calma per cui il primo gesto che feci fu assolutamente semplice, iniziai a lavarmi le mani provando a ignorare del tutto la presenza del mio ospite indiscreto.
Lui fece altrettanto, iniziando ad aggirarsi per il bagno, sembrava attratto da ogni cosa, sfiorava le piastrelle, afferrava i flaconi e ne annusava il contenuto, sorrideva di tanto in tanto come apprezzasse le mie scelte cosmetiche. Io lo spiavo dallo specchio facendo molta attenzione a non intercettare il suo sguardo, il contatto degli occhi avrebbe potuto togliere spontaneità al nostro reciproco spettacolo. Chi stava guardando chi? Ero io a mostrargli la mia vita oppure era lui a concedermi il privilegio di osservare i suoi desideri?
Poi arrivò la prima sorpresa, con assoluta nonchalance prese a spogliarsi, un indumento alla volta, fino a rimanere con i soli boxer. Non posso negare di aver arricciato le labbra, in un moto di ingenuo disappunto. La me stessa più carnale scalpitava mentre lui dimostrava di essere un abile giocatore, insieme ai vestiti aveva sfilato via strati di superficialità, in una coreografia che aveva la necessità di stimolare entrambi, senza alcuna fretta.
Col senno di poi mi rendo conto che, più che per mostrarsi, la sua svestizione aveva lo scopo di raggiungere un livello ancora più intimo con ciò che lo circondava, godendo la trasgressione di poter girare seminudo nel mio bagno.
Tornai a me stessa, alle mie cose, mi asciugai le mani e Nicola si illuminò, mi venne improvvisamente vicino, prese l’asciugamano imitando i miei gesti, accarezzando la spugna ancora umida, cercandoci dentro il ricordo tattile della mia pelle.
Due pazzi forse, due splendidi pazzi racchiusi in una minuscola prigione di libertà, ciò che penso della follia l’ho già detto, sa essere affascinante come poche altre cose e non aver alcuna idea degli sviluppi del nostro gioco mi riempiva di una frenesia quasi elettrica, era arrivato il momento di fare un passo in più, ne avevo un assoluto bisogno.
La mia mano raggiunse la lampo dello stivale, la stessa che lui aveva osservato per tutta la sera, la feci scorrere con lentezza, riempiendo il silenzio di un brusio metallico, una musica che non avevo mai avuto modo di apprezzare in quel modo.
Lui si avvicinò, lentamente, sedendosi a terra per osservare da vicino quella semplice operazione, «Bravissima..» disse con un filo di voce, come avessi inscenato chissà quale spettacolo erotico: la meraviglia di una zip che scende, le falde di pelle nera che si aprono accasciandosi, svelando l’improvvisa confidenza della mia caviglia.
Uno stivale, poi l’altro, poggiandoli proprio vicino alle sue gambe incrociate, i piedi improvvisamente nudi, velati dal nylon scuro delle calze, le dita che si muovevano percorse da un fremito di timidezza, nessun uomo mi aveva mai chiesto una cosa del genere e ne avevo conosciuti, anche di quelli infatuati dalle trame ipnotiche del feticismo ma qui, c’era altro, una forma di adorazione più grande, rivolta non solo a una parte del mio corpo ma a tutta l’interezza del mio essere donna.

Non disse niente ma intuii quanto avesse apprezzato la sorpresa del ritrovate sulle unghie dei piedi lo stesso smalto che aveva decantato durante la nostra passeggiata notturna, quelle piccole rivelazioni fatte camminando sottobraccio mi apparivano già così lontane, in un tempo molto piccolo avevamo deviato il consueto percorso carnale per approcciarne un altro, assolutamente cerebrale.
Lo guardai allungare le mani verso i miei stivali, afferrarli con cura, accarezzarli percorrendo le linee arcuate del tacco alto con la purezza di un bambino a cui hanno regalato un nuovo giocattolo, il più agognato. L’immagine del suo braccio che ci entra dentro, a toccare chissà cosa, forse il tepore del mio corpo impresso sulla suola, mi diede uno scossone, riconobbi in quel gesto una strana e inusitata forma di penetrazione. Vederlo poi infilarci il naso mi mosse dentro un certo inevitabile imbarazzo ma ero stata proprio a io a dirgli di fare tutto ciò che desiderava, le falde dello stivale accarezzate dalla sua barba, la stessa pelle che era stata stretta contro la mia pelle, qualsiasi cosa rappresentasse per lui divenne improvvisamente potente anche per me.
Il dettaglio di cui mi accorsi subito dopo ebbe l’effetto di una scarica elettrica, fra le sue gambe i boxer apparivano gonfi, sagomati in orizzontale da una possente erezione. Non credo ci sia modo più efficace per far capire a una donna quanto, tutto ciò che ti sta concedendo, ti piaccia da impazzire.
Chissà, mi chiedevo, chissà se sono la prima a lasciarlo giocare in questo modo. Forse era quello che speravo e l’idea si sciolse nella mia pancia, provocandomi l’unica reazione possibile alla sua erezione, mi accorsi di essere umida, solleticata dalle innumerevoli sensazioni che ci attraversavano entrambi.
Fili invisibili tesi fra i nostri corpi, come fossero l’uno la marionetta dell’altro, esiste un’eccitazione più forte di quella che si può provare senza neanche sfiorarsi?



[continua]


https://youtu.be/Kd9Ky8amObI

Questo racconto di è stato letto 6 3 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.