Filo di perle

Scritto da , il 2020-09-11, genere esibizionismo

Suite in quattro parti

Primo movimento: Ouverture



Chi sono io?

Questa insolita domanda apre il romanzo Nadja scritto da quel folle visionario di André Breton e a me sembra un ottimo modo per dichiarare al lettore su quale campo verrà disputato il duello di questo testo. Non credo ci sia metafora più efficace per descrivere il “gesto artistico” della contesa, epica e suggestiva, tra due soggetti che si incontrano per dare dimostrazione del proprio valore.
In questo caso, ad esempio, da una parte dello schermo c’è il Lettore, un ruolo troppo spesso sottovalutato, a cui spetta invece un compito fondamentale: quello di dare vita al testo con la propria immaginazione. Un testo è nulla senza un paio di occhi che lo accarezzano, leggendolo. Il lettore è quindi assoluto coprotagonista della “sfida” letteraria, pronto ad afferrare, a perdersi, a criticare, a snobbare e soprattutto a emozionarsi nel caso in cui il suo contendente, l’Autore, riesca a sferrare colpi efficaci.
Iniziare un tale duello con il sibilo affilato di quella domanda crea un cortocircuito secondo il quale l’autore – o per meglio dire l’autrice – dichiara fin da subito che la tenzone avrà luogo sul sentiero polveroso della sua identità. Vuole forse compiere l’iperbole esibizionista di parlare di sé stessa, della sua vita reale? Vuole spogliarsi dalla consueta teatralità delle sue storie per mostrare la sacra nudità del suo cuore?
Rispondere a queste due ultime domande è dannatamente semplice e farlo è il mio guanto di sfida: sì, è quello che ho intenzione di fare. Voglio eludere la maschera del personaggio e raccontare una storia che ha a che fare con la mia vita, per una volta; voglio offuscare i cieli stellati dell’immaginazione e raggruppare le parole intorno al fuoco vivo di un episodio, reale, che rappresenta di fatto una delle esperienze più assurde che io abbia mai vissuto.

Mi rendo perfettamente conto di quanto questa dichiarazione d’intenti possa apparire come la bieca introduzione a un trucco da prestigiatrice, neanche troppo originale da queste parti ma non ho altro modo di presentare la mia storia se non chiedendovi la spicciola moneta della fiducia.
Proprio per questo ci tengo a precisare fin da ora che le vicende narrate in questo testo risulteranno in qualche modo “romanzate”, arricchite da sfumature irreali che serviranno solo a coprire le piccole crepe in cui il mio imbarazzo andrà a rifugiarsi, di tanto in tanto, poco avvezzo a sostenere un duello di questo tipo ma la sostanza, se avete ancora voglia di sfidarla insieme a me, è assolutamente concreta.
I nomi dei personaggi ad esempio sono di pura fantasia, perché l’intimità del nome ha un valore quasi sacro, nelle lettere che lo compongono risiede il codice genetico di una vita intera. Gli esseri umani che indossano quei nomi fittizi sono invece ferocemente autentici, illuminati dal flash di un’istantanea mentre danzavano nel buio costante delle loro vite.
Per raccontare un’esistenza intera a volte basta provare a svelarne un solo frammento, purché sia puro e sincero. I bravi scrittori ci riescono, chissà come fanno.
Io, per ora, ho solo quella domanda.
Vezzosa e sbarazzina, si adorna di quel ricciolo interrogativo ma la sua eco, crea un vuoto di vertigine:

Chi sono io?

Il primo passo da fare su questa corda sospesa si compie con una certa rassicurante ovvietà: io, sono una donna. Non diversa da tante altre eppure assolutamente unica, come tutte le altre del resto. Ho meno degli anni che mi state immaginando addosso e un gusto spietato per i dettagli, Il che, mi sono resa conto, è una sorta di condanna per una che ha la folle ambizione di raccontare storie.
Mi perdo spesso, mentre racconto, consumo granelli di tempo a esplorare anfratti di esistenza assolutamente inutili, convinta dal mio istinto che proprio lì, nel meraviglioso mondo del superfluo, vada ad annidarsi spesso l’anima vera delle cose.
Mi trovo a disagio ad usare la parola “anima” ma in questo caso il codice è così efficace da convincermi a disobbedire alle mie fin troppo rigorose resistenze. Prendetelo come un colpo meno incisivo, tanto per rifiatare un po’.
Potremmo a questo punto azzardare una risposta al quesito bretoniano: io sono una donna che racconta storie con l’istinto di perdersi nei dettagli.

C’est trop long chérie, direbbe il caro André, decisamente troppo lunga per un’affermazione che ha l’ambizione di essere esistenzialista, senza contare il fatto che si riferisce soltanto a un aspetto della mia vita, quello – squisitamente amatoriale – della scrittura.

Vi ho chiesto fiducia e non posso fare altro che ripagarla con tutta la sincerità possibile dichiarando, senza ulteriori giri di parole, che io una risposta ce l’ho già. Chiara, lampante, apparentemente scontata eppure tremendamente centrata, in equilibrio splendido sulle infinite dimensioni che formano la mia identità. Una di quelle scintille d’intuizione che ti salta agli occhi in un qualsiasi pomeriggio di fila al supermercato, la vedi e non puoi fare a meno di sorridere, con una certa dose di imbarazzo.

Chi sono io?
Io sono una donna, curiosa.

Voilà, semplice ed efficace, come ogni intuizione dovrebbe essere, in grado di percorrere infinite distanze nel più breve tempo possibile. Potrebbe bastare da sola a raccontare un’intera esistenza? Forse no – questo come detto riesce ai fuori classe - ma in questo caso rappresenta una valida introduzione agli intrecci di questa vicenda.
Non ve la dimenticate però la storia dei dettagli perché ad esempio, quella virgola inserita prima dell’ultima parola, ha per me un significato quasi sacro, come una minuscola apnea sospesa che permette poi di planare, con appagante leggerezza, sul piano dorato della dichiarazione conclusiva, sancita dal respiro di quel bellissimo punto finale.
Io sono una donna, curiosa.
Attenzione però, lungi da me lasciare al Lettore la fin troppo semplice deduzione della curiosità intesa come sinonimo di intelligenza. Non sto dicendo di essere una donna intelligente (non sto dicendo neanche il contrario tanto per intenderci).
Voglio solo parlare di come la curiosità abbia rappresentato nella mia vita l’attitudine che spesso mi ha piegata a fare le scelte che oggi definiscono ciò che sono. Sembra un paradosso ma vi assicuro che ha senso: la mia curiosità mi ha resa una donna curiosa, come fosse una sorta di fonte che mette sete invece che dissetare.
Pensate a un animale, che fiuta il vento e non resiste alla tentazione di percorrere sentieri impervi e sconosciuti per il solo gusto di sapere cosa si cela alla fine del percorso. Sovente capita che al termine dell’avventura ci sia un bel predatore e questo mi sembra davvero un esempio lampante della sottile differenza che c’è tra intelligenza e curiosità.
Io sono una persona curiosa e non riesco a trattenere questo mio bisogno di sapere cosa c’è dietro una porta chiusa, posso muovermi piano, un passo alla volta, posso allungare la mano con incertezza ma alla fine, statene certi, io arriverò ad afferrare quella maniglia e a ruotarla, con un brivido di eccitazione che supera, per intensità, molte delle altre esperienze possibili nella vita.
È questa meccanica che governa i miei istinti e la cosa diventa ancora più evidente quando si parla di esperienze legate alla mia vita sessuale. La prima volta che ho infilato la mano dentro le mutande di un uomo? L’ho fatto esclusivamente per questo, per il brivido della scoperta. La prima volta che, quella stessa mano, ho iniziato a muoverla? Con un certo stupore da perte del fortunato che mi considerò una ragazza piuttosto precoce. Stessa cosa. Ero assolutamente stregata dall’estetica di un gesto nuovo, che non mi apparteneva direttamente e che volevo assolutamente fare mio. Non ricordo assolutamente come sia andata, dal punto di vista strettamente sessuale ma so bene quante emozioni mi hanno percorso la schiena all’idea di aprire quella porta – o per meglio dire quella patta – e scoprire cosa ci fosse dietro.

Chi sono io? Questo adesso lo sapete, o almeno avete un’informazione cardine che può aiutarvi a capire perché, quella notte, illuminata dalla luce tenue del mio bagno, io abbia detto “Va bene, facciamolo”.
L’accenno di un sorriso, i denti che rigano le labbra, il cuore che inciampa emozionato su quella virgola posta tra la dichiarazione arresa del “va bene” e l’innesco esplosivo del “facciamolo”.
Continuo ad essere convinta del fatto che il sesso si faccia col cuore, inteso come muscolo ovviamente, è lui il primo a eccitarsi, pompando sangue nelle vene così forte da annebbiare qualsiasi percezione. Quando si parla di “chimica” forse ci si riferisce proprio a questo, ai moti idraulici del corpo, scatenati dalle emozioni, anche quando si nascondono nelle crepe dell’infinito superfluo. Uno sguardo, un movimento della mano, una proposta insolita, il baluginino di uno scenario così inedito e stimolante da solleticare tutti i fili della mia curiosità.
Ci sono esseri umani che sanno incuriosire più degli altri, questo è certo. Decodificano le proprie intenzioni, sanno nascondersi al momento giusto lasciando minuscole tracce del loro passaggio, scie luminose verso la loro sfuggente personalità e la cosa davvero letale è quando lo fanno con naturalezza, senza l’ombra di alcuna furbizia, avvolti magari dell’elegante mantello della timidezza.
Nicola era esattamente così. Non parlava, piuttosto sussurrava, con voce profonda, seguendo armonie assolutamente misteriose, ritmate dalla giusta dose di ironia. I suoi occhi poi, sembravano in grado di inquadrare cose che a tutti gli altri sfuggivano.

Che mi stesse guardando, quella sera, me ne accorsi quasi subito, pur senza essere particolarmente morboso il suo sguardo mi intercettava ogni volta che mi muovevo tra gli altri invitati alla festa. Non che fossi particolarmente “in tiro” ma una cosa bisogna dirla su di me, su come sono fatta: se ascolto una bella musica, io, divento bellissima.
C’è anche chi dice che quando ascolto una canzone che mi piace sembro semplicemente una matta quindi, non so, forse intendiamo semplicemente la stessa cosa e la chiamiamo in due modi diversi d’altronde esistono poche cose affascinati come la follia.
Mi trasformo, questo è vero, mi distraggo, disegnando invisibili architetture con le dita che si muovono nell’aria; chiudo gli occhi su passaggi strumentali particolarmente efficaci, bisbiglio parole e commenti screziati, parlo coi musicisti come se potessero davvero ascoltarmi, sembro posseduta e, per qualcuno evidentemente, divento irresistibile.
La cosa che mi accende davvero è che mi sento estremamente libera, tolgo maschere e strutture, quando una macchina si affianca alla mia ad un semaforo e mi guarda mentre ascolto la mia musica sono convinta che per un solo infinitesimo istante è come se quello sconosciuto mi vedesse nuda.

“I was listening/listening to the rain/i was hearing/hearing something else” cantava quella sera alla festa il caro Tom Verlaine e i suoi riff di chitarra non la smettevano di graffiarmi la schiena.
Raccontare un episodio biografico, per quanto davvero unico, è un’impresa complicata, gli anni che passano tolgono colore alle immagini rendendole spesso indefinite, i dettagli si perdono, alcuni passaggi si trasformano ma la musica, quella sì, me la ricordo sempre. Mi basta riascoltarla per ritrovare indizi di quella festa, le canzoni servono proprio a questo, non sono altro che forme diverse di duello in cui il musicista crea stanze vuote che l’ascoltatore riempie con la propria vita.
Quindi, mi basta premere “play” ed eccole lì, le mie dita che tamburellano a tempo sul bracciolo di un divano di cui non ricordo assolutamente il colore. Lo smalto insolitamente nero, le unghie appena più lunghe di come le porto adesso, un calice di vino bianco stretto nell’altra mano che si avvicinava alle labbra, di tanto in tanto, tra una chiacchiera e l’altra.
Il bracciale, quello è impossibile da dimenticare, un grosso anello di acciaio che scivolava lungo l’avambraccio ogni volta che alzavo il bicchiere. Mi rendo conto solo adesso che non l’ho più indossato, probabilmente perché è lui il dettaglio fra i tanti che racchiude l’intera essenza di quella assurda notte, una viaggio nel mondo dei sensi che forse è iniziato proprio in quel momento, quando i miei occhi e quelli di Nicola si incrociarono per un brevissimo istante, sufficiente a rendere chiaro a entrambi che c’era un’altra festa in quella festa, che avevo avvertito la carezza del suo sguardo e non mi dispiaceva neanche un po’.

Ero in quella fase della mia vita in cui, uscita da una lunghissima storia, avevo solo una gran voglia di leggerezza: conoscere persone, scambiare qualche chiacchiera o passare insieme la notte erano tutte opzioni possibili, non obbligatorie, non avevo la smania di consumare chilometri del sesso alla ricerca di chissà quale conferma di autostima, avevo semplicemente un gran bisogno di stare bene con me stessa. Se qualcuno mi piaceva facevo i miei piccoli passi per avvicinarmi, alternandoli ai suoi. Quella cosa che chiamano seduzione ha a che fare, secondo me, col concetto di tempo e di spazio, ci si gravita attorno per il tempo necessario e poi, se l’attrazione è davvero forte, ci si scontra, scivolando l’uno dentro la vita dell’altro. Che fosse per una notte o per tutta la vita era una questione di cui all’epoca davvero non mi curavo, forse è per questo che Nicola non l’ho più visto dopo quella volta, forse il nostro scontro aveva forza per fare un unico solo respiro, pur se particolarmente intenso.
Non lo conoscevo, sapevo chi era perché avevamo amicizie comuni ma non avevamo mai parlato. Ci ritrovammo casualmente sul terrazzo della casa del festeggiato per una pausa sigaretta, non sono mai stata una accanita fumatrice, in serate come quella però mi capitava di accenderne qualcuna in più, magari per accompagnare qualche chiacchierata o per sfuggire ai momenti di imbarazzo. Ci scambiammo un semplice “ciao” e per un po’ rimanemmo in silenzio a guardare la notte, sbuffando fumo sulla nostra reciproca timidezza, mi accorsi che tra una tirata e l’altra i suoi occhi si posavano spesso sulle mie mani. Quando la cosa divenne piuttosto evidente ci fu un istante di sospensione, soffocato immediatamente da una goffa risata. Che belli che sono quei momenti, a masticare tensione e parole, aspettando il momento adatto per liberarle senza sapere mai se siano quelle giuste.
«Mi piace il tuo bracciale.. lo stavo guardando prima.. è un po’.. ipnotico».
Diedi un altro bacio alla mia sigaretta, senza dire niente, avevo voglia di ascoltare la sua voce, morbida eppure incerta, come se il farmi quella specie di apprezzamento gli fosse costato molto più di quanto potesse sembrare. Ci sono uomini che si impegnano a farti un complimento ma si sente, in realtà, che stanno pensando ad altro, magari alla prossima mossa da fare. Lui invece continuava a guardare il cerchio di ferro sul mio polso, come fosse l’unica cosa davvero importante.
«Quando muovi la mano.. quando alzi il bicchiere o fai quel gesto, quello che fai sempre.. ogni volta il bracciale scivola e.. non so.. non si riesce a non guardarlo».
«Quale gesto?».
«Quello che fai.. così..» e prese a muovere la sua mano, come a lasciar cadere un capello nell’aria. Mi sorprese. Ed era vero ovviamente, aveva colto un dettaglio insignificante, eppure decisamente “mio”, chissà da quanto tempo mi stava osservando agitare le mani durante la festa.
Tornammo poi a schermirci, chiacchierando brevemente di cose assolutamente futili, anche quando rientrammo in casa però, non la smisi di pensare a quello che mi aveva detto sul bracciale, col risultato che per il resto della serata sentii la sua voce soffiarmi sul collo ogni volta che muovevo il braccio. Aveva trovato un modo, semplice e spontaneo, di entrarmi in testa e stimolare la mia curiosità, dimostrando attenzione per quei tesori che vanno a nascondersi nello smisurato mondo del superfluo.

[continua]



https://youtu.be/jlbunmCbTBA

Questo racconto di è stato letto 1 4 1 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.