La mamma di Luca 2

Scritto da , il 2020-09-10, genere incesti

Ritorno al giorno, che ho portato nel letto di Luca la madre, fù meraviglioso vederla infilarsi nel letto del figlio, e con dolcezza, accogliere il cazzo del figlio nella sua calda figa, mi ricordo, che li aiutai io, afferrai il bastone di Luca, e lo avvicinai alla figa della madre, si guardavano negli occhi, lei rapita dal figlio, e lui incredulo di quanto stesse accadendo, poi sussurrai all'orecchio del mio uomo, Luca, spingi, affonda il tuo cazzo nella mammo, è pronta e calda, è un burro, lui spinse e affondò in lei, la madre, emise un sospiro di piacere, chiuse gli occhi e iniziò a piangere.
Le lacrime le rigavano il volto, rilassato, quasi angelico, erano lacrime di amore e piacere, lo abbracciò, sollevò le gambe e cinse la schiena del figlio, per non farselo scappare, e lo incitò a spingere più forte.
Luca la montò per pochi minuti, troppa era l'eccitazione, e le venne urlando il suo piacere, e la riempì di caldo sperma, e lei lo baciò, sei stupendo le disse, hai un cazzo notevole, ti amo Luca, e con le lacrime agli occhi, lo accarezzò, sono tua vero?, mi farai tua e ti lascerai amare?, lui la baciò, e rimasero abbracciati a lungo.
I giorni seguenti, al pomeriggio, passavamo il nostro tmpo a letto, io e lui, la madre ci aveva dato la possibilità di farlo nel lettone dei genitori, e spesso veniva a trovarci, mentre scopavamo, dal giorno del loro primo amplesso, tutto cambiò, intanto, la madre quando era per casa, indossava intimo e reggicalze, con un babydoll, o una vestaglia trasparente, e quando usciva, non metteva intimo, e spesso le gonne erano al limite della decenza, tanto che in città, iniziarono a pensare fosse una troia.
Quando era da loro, io e lei, eravamo sorelle, mi aiutava col trucco, a scegliere la biancheria, le scarpe, andavamo per negozi insieme, poi una volta a casa, ci denudavamo, e provavamo gli acquisti e sfilavamo per Luca, poi, dopo alcuni mesi, un pomeriggio, Luca era via, sarebbe rientrato sul tardi, la stavo aiutando a riporre la biancheria, e le chiesi, come stava andando col marito, visto che era sempre via, mi disse che quando rientrava, ogni quindici giorni, doveva soddisfarlo sessualmente, il solito pompini con ingoi, e poi, la montava un paio di volte, ma mai nel culo, era vergine lì. sorrisi, lei mi guardò e mi chiese perché, le risposi che nel culo si gode molto di più, e che spiavo i miei, e quando mio padre inculava mia madre, lei godeva molto di più, sorrise, e disse mai provato, allora mi avvicinai, la accarezzai, Luca ti soddisfa vero? certo mi disse, tute le notti, e tutte le mattine, sono piena di lui, ascolta l dissi, se fai quello che ti dico, sarà na cosa stupenda, per tutti, si sedette sul letto, dimmi, mi misi in piedi davanti a lei, le allargai le gambe, e la spinsi stesa sul letto, mi sfilai la vestaglietta che indossavo e rimasi con solo il reggicalze calze e tacchi, il mio cazzo era durissimo, io ti insegno a prenderlo nel culetto, ti svergino, e poi, lo farai con Luca, che ha un cazzo bello grosso, e godrai veramente con lui credimi, e così, la baciai, lei si lasciò trasportare dal bacio, e io iniziai ad avvicinarmi, poi le succhiai il seno, e scesi ala figa, per poi passare al suo culetto,e dopo averla ben insalivata, presi dal cassetto del gel, mi cosparsi il cazzo, risalii, sollevai le sue gambe, e con una certa facilità, visto che il mio cazzo è piccolo, le scivolai dentro, sentì un poco di bruciore, ma poi le passò, e si godette l'inculata, iniziò col godere, e poi come un fiume in piena si bagnò, ansimava, la vedevo godere, così, le feci la proposta.
Tesoro le dissi mentre godeva, vorresti un figlio da Luca? lo chiesi a bruciapelo, lei mi disse di sì, che sarebbe un sogno rimanere gravida e dare un figlio a Luca, bene le dissi, sospenderai la pillola, e rimarrai incinta, a tuo marito solo pompini, quando saremo sicure ti farai venire dentro da lui e così sarà lui il padre agli occhi di tutti ok?, siiii mi disse, e io le venni dentro.
Una volta ricomposte, andammo in bagno, lei prese il contenitore delle pillole e lo versò nel lavandino, io filmai tutto, poi lei si girò verso la telecamera, e disse,, ecco Luca, ho gettato la mia pillola, a breve sarò fertile, e ti darò un figlio, perché ti amo, e perché sono tua, Paola oggi mi ha sverginato il culetto, col suo pisellino, ora tocca a tè fare il resto, un bacio da mamma.
Al suo rientro Luca corse dalla madre, la baciò e le disse, grazie mamma, e la prese per mano, la portò in sala, la posizionò alla poltrona a pecora, e dopo aver messo del gel le sfondò del tutto il culo, facendola urlare dal dolore e dal piacere.
Le settimane seguenti, furono dedicate al mio culo e a quello della madre, ma capivo che era un'altra la cosa che voleva, e un bel giorno, dissi a Luca, è arrivato il momento che ti dedichi a tua madre, devi ingravidarla, quindi, sospendiamo il nostro rapporto, e dedicati a lei, voglio essere zia, e Luca passò il suo tempo libero, con la madre.
Nei pochi giorni che il padre veniva a casa, lei facendolo bere, lo convinse che stavano scopando, ma in effetti lei lo prendeva nel culo, ormai bello largo, grazie al figlio, e lo soddisfava poi di bocca, e cosa, che accettò, fù di farsi videoriprendere dal marito, così, una volta lontano, si masturbava rivedendoli, e una volta a casa non rompeva più di tanto.
Così, dopo circa trè mesi, lei ci rimase, era fatta, era gravida, ci riunì un pomeriggio e ce lo comunicò, eravamo tutti felici, e per ringraziarmi disse, vieni Paola, il secondo cazzo che mi deve sborrare in figa non deve essere quello del cornuto, ma il tuo, e così, potei gustare per la prima volta la sua calda figa, la prima della mia vita.
Il sabato il marito rientrò, lei si fece scopare per tutto il fine settimana, rendendolo felice, per poi poche settimane dopo dirgli che sarebbe diventato papà.

Questo racconto di è stato letto 9 9 6 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.