Dopo la fine degli esami, una bella vacanza con gli amici e un'orgia sono quello che ci vuole PARTE 1

Scritto da , il 2020-08-29, genere orge

Bisogna cavarsela con quello che si ha, quando si è giovani. Pochi soldi a disposizione. Si sprecano le ore davanti ad un pc a cercare le offerte migliori, le occasioni da cogliere al volo. In più, tra amici, bisogna sempre scendere a compromessi quando si tratta di organizzare un viaggio, che sia durante l'anno o d'estate, quando le università e le scuole rimangono chiuse.
Queste sono le regole, e credo valgano per tutti i gruppi d'amici. Di certo valgono per il mio. Ma qual è il mio gruppo di amici. Partiamo da me: mi chiamo Filippo, ho 24 anni e vivo a Roma. Sono uno studente di Lettere e Filosofia alla Sapienza, all'ultimo anno. Mi considero un ragazzo di bell'aspetto, abbastanza piacente, alto e moro, con un sorriso che mi piace utilizzare spesso ma, badate bene, non necessariamente a mo' di strumento, è soltanto stampato in faccia. Semplicemente mi piace sorridere, moltissimo, e poi ridere e scherzare. Quindi quando mi darete un'immagine non prendetemi troppo sul serio. Con le ragazze me la cavicchio. Non sono certamente un drago, sia ben chiaro, sono pure abbastanza timido, anche se naturalmente dipende dal contesto in cui mi trovo, tuttavia la mia dose periodica di scopate riesco comunque ad assicurarmela. Io la ricerco molto. Checché se ne dica, per un ragazzo fare sesso è una cosa vitale, soprattutto per l'autostima. Non credete a chi vi dice il contrario, è un fatto. Non è un'opinione, in un mondo in cui tutto è un'opinione e dove tutto è relativo e dove la verità, per citare Nietzsche, dipende dal punto da cui la osservi, questa cosa non lo è. Ma non perdiamoci in discorsi astrusi. Torniamo al mio gruppo di amici. La cerchia è composta da una coppia di ragazzi di cui uno è una persona con cui sono cresciuto, una delle figure più importanti che ho e si chiama Jacopo, un ragazzo di statura normale, non troppo alto ma con dei lineamenti molto marcati che sicuramente gli vanno a giovare in termini di "pubblicità" con le ragazze. Jacopo è biondo e parecchio pallido, così come la sua ragazza, Beatrice, che invece è più alta di lui ed è dotata di un seno che più volte ho invidiato al mio "fratello di un'altra madre". Quante volte avrei voluto metterci il mio pisello, là in mezzo. Non vi dico poi in costume, ragazzi... l'avevo vista l'anno scorso e non mi sono più ripreso da quell'immagine. Gli altri due (ed ultimi ) membri del gruppo sono due ragazze, una l'opposto dell'altra: una è Martina, sportiva e fissata con la palestra, bruna e riccia, possiede un lato B tale da aver spesso avuto seriamente voglia di chiedere la santificazione immediata del suo personal trainer (che secondo me si è trombata, almeno da quello che mi ha fatto capire); l'altra è Chiara che, come accennato, essendo antitetica (fisicamente) a Martina, non è propriamente una statua di marmo, è un po' più "in carne". Attenzione: non è brutta, assolutamente, e poi ha degli occhi azzurri che meritano, sono giganti. Ed inoltre è una porca. E a me le porche piacciono, a prescindere. Ah dimenticavo, sono tutti miei compagni di corso in università, tranne Beatrice, la ragazza di Jacopo che conosco da 7 anni per ovvi motivi.
Voglio ora raccontarvi del nostro viaggio di questa estate, il primo che abbiamo affrontato tutti assieme, il millesimo che ho fatto con Jacopo, ma di nuovo il primo nel quale si sono verificati degli episodi così clamorosi che abbiano coinvolto entrambi, o sarebbe meglio dire tutto il gruppo.
Partiamo dal principio: era giugno e dovevamo scegliere una meta per le nostre vacanze di agosto. La decisione ricadde presto sulla Sardegna, complice anche l’epidemia di coronavirus partita a marzo ma che ad inizio estate è sembrata rallentare. Per un motivo o per un altro dovevamo, anzi era giusto che restassimo in Italia e che magari non scegliessimo posti con troppa movida come la Puglia.
Individuiamo così un bel trilocale ad un prezzo ragionevole a San Teodoro, a nord dell’isola, che prontamente prenotiamo per 7 giorni e 6 notti per la prima settimana di agosto.

Arriviamo al giorno della partenza.
il 5 agosto finalmente prendiamo il traghetto per la Sardegna, da Civitavecchia.
Arrivati al nostro trilocale, che di primo acchito ci appare anche più spazioso di quello che sembrava dalle foto, una stanza la occupano Jacopo e Beatrice, nell'altra finiamo io, Martina e Chiara che condividiamo un largo letto matrimoniale. “Poco male”, penso quando entro nella camera la prima volta.
Tra me e le ragazze c’è un rapporto ormai consolidato per via dei 4 anni che abbiamo condiviso insieme all'università. Non esistono filtri nel linguaggio né nel modo di relazionarci, che ad occhi esterni potrebbe anche apparire come un flirt, e alle volte forse lo è. Dopo questa vacanza lo è di sicuro. Come si usa dire; “A pensar male qualche volta ci si azzecca”. Ma prima della settimana a San Teodoro non eravamo mai andati oltre a qualche palpatina o sguardo fatto durare forse qualche secondo più del dovuto, con l’una e con l’altra.
Dovendo passare tutti e tre un’intera settimana nella stessa stanza, fin da subito ci accordiamo sul far cadere le riserve sul pudore tra di noi: si può rimanere nudi, senza problemi. Fa molto caldo in stanza e poi ormai di tette e culi e cazzi ne abbiamo visti in quantità tali da potercelo permettere come comportamento. Il periodo della pubertà ormai l’abbiamo superato.
Almeno questo pensavo in quel momento.
Dopo aver stabilito questa piccola “libertà” e messo giù i bagagli decidiamo di cambiarci, essendo ancora primo pomeriggio decidiamo di andare subito al mare. Giornata felice, se non fosse per una lieve scottatura che mi procuro sulle spalle. In prima serata, dopo un tramonto spettacolare che tutti e cinque ci godiamo tra risate e sfottò per la mia sensibilità al sole, rientriamo a casa. Siamo tutti pieni di sabbia e subito nella mia stanza ci spogliamo io, Chiara e Marti per evitare di trasportarla sul letto o lasciarla in giro per la camera. Siamo nudi in camera quando Marti decide di andare a farsi una doccia ma le serve l'occorente per lavarsi, così si piega a novanta grandi sulla valigia, mostrando la sua vagina completamente depilata. Il mio cazzo non rimane indifferente alla visione che mi si sta presentando davanti agli occhi ma, ad un certo punto, noto non essere il solo: Chiara mi stava fissando il cazzo che nel frattempo si era indurito al punto quasi di scoppiare. Venti centimetri di asta che puntavano dritti al culo di Martina che ignara della situazione che si stava verificando alle sue spalle continuava a cercare shampoo e bagnoschiuma in borsa, tardando nello scoprirli. Mi giro verso Chiara, sono in chiaro imbarazzo, e il pisello non ne risente minimamente. Quando incontro il suo sguardo di nuovo, dopo essermi girato, Chiara mi sorride, si mette un dito davanti alla bocca come a dire “stai zitto”, così a quel punto esclama: “Filo quelle spalle non mi piacciono per niente, girati sul letto che ti spalmo una crema doposole, altrimenti ti screpoli domani”.
Corro sul letto e mi giro subito di schiena, cerco lo sguardo di Chiara per esprimerle senza parlare la mia riconoscenza ma a quel punto arriva un altro colpo di scena.
Chiara mi guarda e mi dice sussurrando: “Aspetta che Marti esca che al tuo cazzo ci penso io”. Era la fine. Stavo esplodendo. Dopo aver raccolto le sue cose in un lasso di tempo che a me è parso un’eternità, Marti è pronta per andarsi a lavare per prima e lascia la stanza diretta verso l’unico bagno che si trova in fondo al corridoio davanti alla stanza di Jacopo e Bea.
Non passa un secondo da quel momento che mi alzo in piedi sul letto, prendo Chiara di peso e le metto il mio cazzo in bocca.
“Lo sapevo che eri un porco”, esclama lei, alzando un po’ troppo la voce ma facendomi eccitare al punto da iniziarla a scopare proprio laddove quelle parole erano state pronunciate e a pomparla con un’intensità tale da procurarle un conato di vomito.
“E tu sei una puttana, leccami le palle e sputa sulla cappella per bagnarla, guardami dritta negli occhi quando lo fai”, l’aizzo io.
Dopo 5 minuti di pompino passionale, mentre intanto le avevo già sfilato il reggiseno liberando la sua quarta di seno abbondante, decido che è il mio turno di darle piacere e così scendo verso la sua fica che a differenza di Marti esibisce un leggero strato di pelo, che mi fa impazzire. La lecco, la lecco, e la rilecco, ogni tanto provo a stimolare anche il buchetto del suo culo, facendo pressione ma senza entrare con il dito. I suoi gemiti incominciano a diventare rumorosi e Marti ormai poteva entrare da un momento all’altro. Decido che è meglio finirla qui, per ora, mi rialzo sul letto e lei si rimette in ginocchio.
“Sborro Chiara, apri la bocca”, esclamo.
“Vieni quando vuoi Filo, dammela tutta!”, risponde quella porca di Chiara.
“Sborrooooooooooooooo”, concludo io, venendo.
Parte un getto di sborra che credo avrebbe dissetato un cammello dopo una camminata nel deserto, e Chiara la ingoia tutta. Da brava cagna.
“Sbrighiamoci a ricomporci”, le dico con una voce che sembrava venire dall'aldilà.
Ed è proprio in quel momento, con me in piedi, con il mio pisello barzotto ancora bagnato di sperma e saliva di Chiara, con lei in ginocchio sul letto, che Martina fa il suo ingresso nella stanza.
“Che cazzo state facendo voi due coglioni?”, Urla a squarciagola incurante di farsi sentire anche da Jaco e Bea.
“Marti, ci dispiace, si è creata una certa situazione e non abbiamo resistito”, cerco di giustificarmi io senza fare riferimento al fatto che è per la sua fica rasata se tutto è cominciato.
A quel punto giunge un silenzio gelido nella stanza. Ma io, guardandola negli occhi, intravedo in Martina una luce particolare pronta a deflagrare. Anche Martina a quel punto aveva voglia di cazzo.

Continua…

Questo racconto di è stato letto 6 6 5 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.