Orsetti di gomma

Scritto da , il 2020-08-27, genere prime esperienze


Com’è silenziosa oggi la casa, senza i miei uomini a riempirla di energia. Ne ho approfittato per dormire fino a tardi, e per dedicare un po’ di tempo a me stessa: una lunga doccia con scrub al caffè per eliminare le cellule morte, poi una ricca crema profumata spalmata lentamente su tutto il corpo a completare la routine, una maschera nutriente sui capelli, tenuta in posa mentre scelgo un nuovo e-book da scaricare e leggere in santa pace.

Chissà che staranno facendo Ale e Enrico. Sono al diving ora, Enrico si sta impegnando a prendere il brevetto Deep Diver e Alessandro gli sta insegnando.

Così trascorrono ogni momento libero dal lavoro di Enrico a studiare la teoria e quando le giornate novembrine lo consentono, a fare tuffi per la parte pratica.

No, oggi sono troppo pigra per seguirli, oggi mi dedico a me.

Con indosso soltanto la mia vecchia felpa sdrucita dell’università e i capelli ancora umidi avvolti in un turbante, il sacchetto di orsetti di gomma sul tavolino, afferro il tablet, mi tuffo sul divano e mi immergo nella lettura di un bel giallo con misteriose morti, una statua inspiegabilmente distrutta e riferimenti a oscuri enigmi vaticani. Oggi non ci sono per nessuno.

Eppure ogni tanto interrompo la lettura scoprendomi a fantasticare.

Ho un tarlo nella testa, con la mente torno a quel bacio che Enrico ha dato ad Alessandro. Non è più successo da allora, li ho visti carezzarsi la pelle, toccarsi quasi impercettibilmente mentre facciamo l’amore, guardarsi così intensamente da farmi sbroccare di gelosia e di eccitazione, ma nulla di più.

E però quel bacio, le loro lingue che si intrecciano, gli occhi semichiusi di Enrico traboccanti di desiderio, quelli spalancati dalla sorpresa di Alessandro… quella visione ce l'ho fissa davanti agli occhi e mi riscopro turbata. Perché è come il proverbiale elefante nella stanza di cui nessuno parla.

È inutile ormai proseguire la lettura, un'idea perversa mi attraversa il cervello! Chiudo l'app di lettura e apro il browser… istintivamente mi guardo intorno, che sciocca, so che nessuno apparirà all’improvviso alle mie spalle ma uno strano senso del pudore mi costringe ad accertarmene, mentre su google digito: bacio+maschi.

Mi si presentano davanti una serie di immagini di ragazzi prestanti, intenti a infilarsi la lingua in bocca e inizio a percepire un certo calore tra le cosce. Ma veramente? Mi stupisco di me, beh, qualche volta mi è capitato di vedere qualche anime yaoi, ma quelli erano disegni, fantasia pura, non mi ero mai posta il problema dell'effetto che mi faceva guardare due maschi giocare fra loro…

Ok, faccio la prova del nove. Digito “porno gay" e clicco sulla scritta “video di porno gay gratis, clicca e guarda”…

Deglutisco, premo avvio sul primo video.

Due ragazzi piuttosto attraenti si baciano con passione. Li guardo in apnea… sono nudi, entrambi in tiro e piuttosto ben dotati, in piedi uno davanti all'altro si sguainano la spada a vicenda. Nella mia testa le immagini che scorrono si sovrappongono ai visi di Ale e Enrico… Sento delle contrazioni al piano di sotto, mi sto bagnando…

Ok, basta, Alice, ripigliati! chiudo tutto e cancello la cronologia. Che pazzia! Mi metto a ridere per la mia stupida curiosità, e cerco di distrarmi con una manciata di orsetti di gomma che succhio con gusto uno dopo l'altro.

Mi avvio verso la cucina, cerco qualche idea per il pranzo aprendo dapprima il frigorifero, poi le varie ante della dispensa, ripetutamente, in attesa di ricevere un'illuminazione.

Eccola! Preparerò qualcosa da portare al diving da poter mangiare freddo tutti insieme, così ho la scusa per andare a trovarli e vedere cosa combinano… con tanti saluti alla giornata solo per me! Orzo con piselli e gamberetti, e magari qualche polpetta di ceci, un paio di fichi appena spiccati dall’ albero del giardino. Borsa frigo, una buona bottiglia di vino e via. Infilo nella borsa anche i miei adorati orsetti di gomma.

Guardo l'orologio, i miei uomini staranno rientrando al molo ormai, mi avvio così mi faccio trovare già al diving al loro arrivo.
“Alice, che sorpresa! Che ci fai qui?” Mi dice Alessandro scendendo dal gommone. “Non avevi programmato una giornata tutta per te?”

“Mi mancavate" gli faccio di rimando allungandomi per un bacino “Vi ho portato il pranzo, ma se non mi volete me lo porto via…” con un occhiolino e tirando fuori la lingua.

“Uh, idea fantastica, muoio di fame!” Enrico mi abbraccia, bagnandomi il collo coi suoi capelli ancora umidi.

Mentre ritirano le attrezzature e si sdocciano velocemente, io preparo la tavola e dispongo il cibo nei piatti. “Ciurma, a tavola!” grido, stappando la bottiglia e versando nei bicchieri.

“Uh, Perdera! È garantita l'imbriaghera!” fa Alessandro ridendo. “Hai intenzioni bellicose!” ribatte Enrico.

Mangiamo, e beviamo, mi raccontano la loro mattinata in acqua, la giornata è piacevole, calda, per essere già l'inizio di novembre.

“Non ho fatto altro che pensare a voi…” gli dico con un velo di malizia. Ho un pensiero nella testa che non mi lascia, è qui che è iniziato tutto “ho voglia di giocare oggi…”

Li prendo per mano entrambi e li avvicino a me… forse il vino mi ha dato alla testa, forse quello che ho visto stamattina mi incendia ancora i sensi…

Li bacio entrambi, mi stringono fra loro e sorridendo mi assecondano, carezzandomi la pelle iniziano a spogliarmi.

“Anche voi" ordino. Si spogliano, nudi davanti a me, dio che spettacolo! In piedi, in mezzo a quei due corpi statuari, inizio a accarezzarli entrambi con le mani, sento crescere la loro eccitazione insieme alla mia. Mi sfilo dal loro abbraccio, li avvicino fra loro e sussurro “giocate con me”. Prendo il sacchetto degli orsetti di gomma, ne metto uno tra le labbra e lo porgo ad Enrico, che me lo ruba prontamente, con un bacio. Faccio lo stesso con Ale. Proseguo con un altro orsetto, lo metto tra le labbra di Ale e mi rivolgo a Enrico “quello è per te".

Alessandro mi guarda, poi guarda Enrico, che non se lo fa dire due volte, sorridendo avvicina le labbra a quelle di Ale e gli prende l'orsetto, soffermandosi a succhiare le sue labbra.

Ho un brivido: il gioco è iniziato…

Li accarezzo entrambi sulla schiena, le spalle, mentre loro poggiano le mani sui rispettivi toraci. Mi manca il respiro per quello che sto incoraggiando: prendo le loro mani e le guido sui loro membri eretti, poi piano mi allontano per ammirarli.

“Continuate" dico in un soffio, mentre mi siedo di fronte a loro con il sacchetto di orsetti di gomma, ne assaporo uno voluttuosamente e con lentezza dischiudo le gambe: ho bisogno di toccarmi.

E tenendo gli occhi fissi su quello spettacolo, unisco i miei ansimi ai loro, con le bocche incollate e gli occhi semichiusi, fino a vederli schizzare sulle loro pance stretti l'uno all'altro, sentendo arrivare uno straordinario orgasmo al sapore di orsetti di gomma.

Questo racconto di è stato letto 3 3 5 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.