Poliamore? Sis, ma che combini?

Scritto da , il 2020-08-11, genere trio

Tengo gli occhi fissi sul bicchiere, come se rimescolare il cocktail con la cannuccia fosse una missione di importanza vitale. In realtà sto evitando lo sguardo indagatore di mia sorella, che mi sta tempestando di domande a cui non so se mi va di rispondere.

“E quindi vi siete messi in casa quella specie di Chris Hemsworth, eh? Ma come siete generosi… accoglierlo dopo la sua separazione da quella Giada! Ma dimmi, che tipo è lui? È vero che sta già con un’altra? Non ci starà mica provando con te, eh? Ah! Se potessi! Un pensierino ce lo farei pure io, sai? Ma dubito che lui mi guarderebbe ora, con le occhiaie, le tette come due prugne secche e la pancia sblusata… Ah… le gioie della maternità!”

Michela parla come una mitraglietta, mentre con una mano culla distrattamente la piccola Aurora che sonnecchia nel passeggino. Sì perché mia sorella ha deciso che è arrivato il momento di ricominciare le buone abitudini alcoliche tra sorelle interrotte durante la gravidanza, e poiché ha appena smesso di allattare ha ben pensato che un’uscita a base di Moscow Mule fosse l’ideale per rimettersi in pari con i pettegolezzi.

Il problema è che, vuoi perché nell’ultimo periodo lei aveva altre cose per la testa, vuoi perché il discorso Enrico è una cosa piuttosto complicata da capire anche per me, Michi è totalmente all’oscuro di ciò che è successo da ferragosto a questa parte, e insomma, riassumerle quasi tre mesi di follia pura non è semplice…

Così mantengo lo sguardo basso, e rispondo a monosillabi. Ma la tattica non funziona. Michi mi conosce così bene, fiuta nell’aria la mia evasività e inizia l’interrogatorio nella migliore tradizione delle sorelle maggiori.

“Allora, Sis, vuoi dirmi qualcosa o devo tirare a indovinare?”

“Beh… ecco… non è così semplice da spiegare. Enrico è più di un semplice amico"

“Che vuoi dire? Che tradisci Alessandro? Sis, che combini? Ah ma tutti a te capitano i maschioni, non ti bastava quel bendiddio di Alessandro… a chi tutto e a chi niente, mannaggia!

“No… beh, si… all'inizio… ma poi le cose si sono… ehm… complicate…"

E niente, alla fine ho vuotato il sacco… e fin nei minimi dettagli! Mi sa che ne avevo proprio bisogno, di una confidente, dico, a cui svalangare addosso tutta la serie di pensieri accumulati…

Che davanti a Michi non mi va di ammetterlo, ma mica è tutto rose e fiori. Mi pare di nuotare controcorrente: Alessandro in perenne euforia pare aver abbattuto ogni barriera, si comporta come un ragazzino alla sua prima cotta! Lui che è sempre stato così controllato, sembra che dopo la sera della cena abbia consegnato a Enrico pieni poteri decisionali su qualunque cosa. E a me tocca il ruolo scomodo della mamma che dice “no” ai figli troppo discoli.

L’espressione di Michi, man mano che le raccontavo della sera della festa, la mano di Enrico che mi frugava su quella terrazza, poi la fuga verso la macchina e tutto il resto… Curiosità, all'inizio, un po’ pruriginosa, magari. L'espressione quasi nostalgica di chi quel tipo di acrobazie non le pratica da un po'. Qualche gomitata goliardica all'accenno ai vari baci dati di nascosto, condita da sospiri di bonaria invidia sorellesca, finché non sono arrivata alla cronaca del giorno della scenata di Giada al diving, la sua espressione si è fatta dapprima preoccupata, poi ha attraversato tutti i gradi della perplessità fino a mantenere una attonita fissità nel momento in cui le ho raccontato del bacio che Enrico ha rubato ad Alessandro nella stanza del compressore.

“Che cazzo vuol dire che lo ama? Enrico è gay? È bisex? Ommioddio! Che casino Sis! E dopo tutto questo Ale lo ha comunque accolto in casa? Ma… aspe’… quindi… mi stai dicendo che… Oh… Gesummaria!!!”

Ok, le ho ufficialmente fuso il cervello, forse non avrei dovuto continuare e raccontarle della sera della cena seguita dal sesso a tre… per lo meno avrei potuto omettere tutti quei dettagli, tipo Ale che mi ficcava il cazzo in fondo alla gola mentre Enrico mi lappava impetuosamente la figa… o la doppia penetrazione. Sì, quella magari avrei potuto tenermela per me: per poco non è caduta dalla sedia!

“Ehi, Sis? Tutto ok? Sei sotto shock? Sì, lo so che è tutta una follia, ma davvero, stiamo bene insieme, Ale è al settimo cielo e io non mi faccio troppe domande sul futuro per il momento…”

A dirla tutta, ogni tanto mi capita un pensiero così, che non ho proprio voglia di far da babysitter a nessuno, io! Che se volevo educare bambini mi sposavo a vent’anni col mio ex, a quest’ora avrei avuto almeno quattro pargoli dagli occhi blu e sarei stata in casa a far calzetta nell’appartamento sopra l’officina dei suoceri, in attesa che il caro maritino tornasse dal lavoro con le unghie sporche di grasso

Ma con lei questo non lo ammetto neppure sotto torura…

“Beh, ovvio che non vado a sbandierarlo in giro, non è che su Facebook ho cambiato status in “impegnata in una storia poliamorosa" eh? Quindi ti prego, acqua in bocca, e cerca di non fare le tue solite battutine allusive con mamma, che è la volta buona che le viene un infarto e me la ritrovo sulla coscienza! Sai com’è fatta, ancora a rincorrermi con la storia “ma quando si decide a sposarti Ale, e fare di te una donna onesta? E i figli? Guarda che il tempo passa e poi vi ritrovate vecchi e soli! Ma perché non prendi esempio da tua sorella?”

“Dai, Sis, giuro solennemente che sarò muta come una tomba! Però, se posso darti la mia opinione, questa storia mi preoccupa un po’. No, non è questione di poliamore, è che lui sta affrontando un divorzio, c’ha pure un ragazzino a cui badare, qui ci si può far del male sul serio. Ho la sensazione che per lui questa sia una bella avventura per fuggire lontano dalla realtà… ma dalla realtà non si scappa! Cerca di stare attenta, ok?”

E come a voler rafforzare il concetto, è la piccola Aurora infine che ci riporta entrambe alla realtà: i suoi strilli indicano chiaramente che è ora della pappa.

“Ehi Sis, ma che intenzioni avete per l’inverno? Di solito questo è il periodo dei preparativi per la stagione invernale o sbaglio?”

“Non lo so ancora, in realtà. Alessandro è un po’ in ritardo rispetto al solito con l’organizzazione… Si pensava alla Thailandia, ma poi non ne abbiamo più parlato…”

Scorto mia sorella fino alla sua macchina, dò un bacio alla piccola e dopo aver incassato tutte le raccomandazioni di rito mi accendo una sigaretta e mi incammino a passo svelto verso casa. Sta tirando un maestralino teso che inizia a pungermi la pelle, forse è arrivato il momento di fare il cambio degli armadi.

“Cerca di stare attenta”… è il mio mantra degli ultimi giorni.

La verità è che mi sento in minoranza, ecco. Il rapporto a tre non è affatto paritario. E non è solo per la crescita esponenziale di biancheria da lavare che puntualmente mi ritrovo a dover affrontare da sola, quello che mi mette a disagio è la graduale chiusura dei miei due uomini in un loro mondo bromantic, un circolo privato con codici segreti che manco la massoneria!

Si guardano negli occhi e già si capiscono. E io rimango esclusa.

Ci ho provato, ad affrontare l’argomento… davvero! Ma loro minimizzano, e la maggior parte delle volte finiscono per chiudermi la bocca con il loro doppio assalto: “La nostra piccola sirena ha voglia di attenzioni” dicono… e finisce che in mezzo a tutto quel rimescolio di ormoni maschili non capisco più niente e mi lascio fare… Dio quanto riescono ad essere convincenti!

Se devo proprio dirla tutta, sto facendo il miglior sesso di tutta la mia vita! Finirà che l’infarto alla fine verrà a me…

Questo racconto di è stato letto 2 2 2 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.