I sogni son desideri

Scritto da , il 2020-08-11, genere etero

È 'na sensazione strana.
Quando mi sveglio con 'n erezione potente.
Non riesco proprio a non toccarmi.
Non è che proprio mi masturbo.
Lo piglio e provo a piegarlo.
Se lo raccontassi, farebbe ridere, ma è così.
Non è godimento.
Però è piacevole.
Lo provo a piegare un po' di qua.
Un po' di là.
Lo tiro forzandolo un po' alla base..
Mmmhh.. che bella sensazione.
Eh.
Chissà se capita solo a me.
È un po' come farlo stiracchiare.
Hai presente quando ti alzi e senti proprio bisogno di stirarti.. La sensazione che si sente, quando si tirano i muscoli, quando le ossa tornano a posto?
Eh, quella è.
Forse un po' più piacevole...
Che poi, può pure venirmi voglia di farmi una sega, soprattutto se mi metto a pensare a come m'ha scetato ieri Camilla, quella zoccoletta della figlia del Maresciallo.
Che bel regalo.
Anzi due.
Sì, il pompino-sveglia è stata 'na sensazione sorprendente e bellissima.
Ma pensare poi, che me l'ha fatto la figlia dello scassa uallera, è impagabile.
E però se quello lo viene a sapere, me la fa pagare assai.
Certo che se ci penso, m's'mbizzarisce 'o cazzo. Vorrei segarmi...

Ma i sogni son desideri...
E caspita, adesso è già tardi...

Devo alzarmi proprio.

Ci sta già qua 'o Comandante.
Ne sento 'a voce.

Sbadiglio.
Esco dalla camerata.

Adesso che mi vede 'n piedi che m'stiro 'e membra, sicuro viene a cagarmi 'o cazzo.
Eh, infatti...

-Gargiulo, ti devi svegliare. Ci stanno un sacco di cose da fare... Sbrigati. Oggi nun 'o fai tu 'o piantone, lo fa Crollalanza... Tu aspetta 'o pubblico ministero, quello 'o segui tu...
Eeee Lavati 'sta faccia, che sembri un morto di sonno! ...Ahahah.-

-E chi è il pubblico ministero?-

-Checcazzo ne so, Gargiulo?! Poi quando arriva, lo scopriamo. Che casino. Ci sta 'o Sindaco che m'ha chiamato già 'na ventina 'e volte. 'O parroco che mi chiede se può già segnare la data del funerale... le onoranze funebri che mi tampinano. Ci mancava 'a Procura che dice che non dovevamo far spostare il corpo. Eccheccazzo, mica sembrava un omicidio... Porcoddinci, mi fanno incazzare tutti, oggi.-

Dico -Mmmhh, ok.- mentre m' sciacquo 'a faccia, poi m' lavo i denti, torno int'a camerata per infilarmi 'a divisa.
Poi me ne esco, dando un'occhiata.
In 'sta camerata 'e tre letti, ci sto da solo, per fortuna.
Ma mica posso non pensare che è proprio ora di trovare nu buco, dove vivere per conto mio.

Nun è umano svegliarsi già sul posto di lavoro.
-...Marescia' io vado a sentire una persona... potrebbe tornare utile pure al magistrato.-

-Fa' un po' come cazzo ti pare, portati dietro Trevisan, ma basta che stai qua quando arriva il magistrato. Ché io non voglio altri casini.-

-Sì Marescia'. ...Trevisan, jammucenn'-

•••

Trevisan guida proprio 'e merda.
È qui da prima di me e non conosce 'e quattro strade di 'sto paesetto 'e merda.

-È quella casa lì. Fermati.-

La casa è tutta sgarrupata. Il cancellino è mezzo arrugginito.
Trevisan mi guarda con quel suo sguardo vuoto.

-Trevisan, che aspetti? Suona.-

Mi ubbidisce.

Si apre il cancellino ed entriamo in questo piccolo cortiletto circondato da aiuole mal tenute.
Non ricordo di aver mai visto tutti i nani di cemento in un giardino.
Ci sono tutti.
Proprio quelli del film Disney.
Devono essere vecchissimi.
Con la pittura scrostata, i colori sbiaditi.
Mi sento stranamente come fossi una statuina in un presepe...
"Manca Biancaneve..." penso, proprio mentre si apre la porta d'ingresso della casetta.
Esce la signora, con delle ballerine arancio. Indossa dei leggins gialli e una maglietta blu senza maniche con un colletto bianco.
Mora con una specie di carré.
Rossetto rosso Ferrari.
Ho il dubbio che mi stiano facendo uno scherzo.
Ma poi mi dico che è un caso.

-Brigadiere, buongiorno, che c'è?-

-Signora, sono Appuntato Scelto, non Brigadiere...- "L'ho detto a metà paese, ma continuano a chiamarmi Brigadiere".

-Non volevo offendere, sa? Mi scusi, lei è così caruccio...-

Do un'occhiata a Trevisan che sorride. A me viene pure da sorridere, ma siamo in servizio ed è una cosa seria. Lo guardo un po' di brutto e torno a rivolgermi a lei.

-Signora, guardi sono venuto a parlare di Michele, disturbo se facciamo due parole?-

-Ma no ma no, entrate, c'è un po' di disordine, stavo facendo le pulizie..-

Entriamo.
La casa sta messa male come l'esterno, ma sa di pulito. Pare proprio che non ci sia una cosa che non funzioni come deve; tutto rotto: maniglie, sportelli, porte, sedie...

Io già so qualcosa della Signora.

Una figlia.
Marito scomparso. Straniero.
La casa gliel'ha lasciata l'anziano a cui aveva fatto da badante.
Si vede che s'è fatta voler bene fino alla fine.

Vive facendo pulizie.
Ma si dice che non faccia solo quelle.

-Povero Michele. Mi dispiace proprio tanto.-

-Ha saputo? ...È deceduto.-

-Sì me l'hanno detto.-

-Lo consceva bene?-

-Sì, facevo le pulizie a casa sua. Proprio una brava persona.-

-Signora, mi perdoni se sono diretto, ma io devo chiederle pure se gli offriva prestazioni sessuali in cambio di danaro...-

Vedo Trevisan che strabuzza gli occhi e si irrigidisce. Lei gli dà un'occhiataccia.

Mi guarda col viso bordeaux e biascica un -Non è illegale.-

-Non la sto accusando di niente. Eh, io tengo solo a capire chi era Michele.-

-Sì però parlate piano, che di là c'è mia figlia.-

-Preferisce venire in Caserma? Lì stiamo più tranquilli.-

-No no... Senta Appuntato, se mi vedono che vengo in Caserma, chissà che si crede la gente. No, basta che parliamo piano... Io, semplicemente, facevo le pulizie, poi mi hanno offerto dei soldi per fare qualcos'altro... a me i soldi servono. Ho accettato. Ho pochissimi clienti. Sì, Michele era uno di questi. Ma solo fino a qualche tempo fa. Era tanto caro. È che mi chiedeva spesso dei pompini, ma io non sono brava in quelli... poi per il resto faccio tutto, sa? ... Ho anche clienti anziani e glielo faccio rizzare, sa? Per esempio..-

-Ehm.. Signo' scusi, guardi... noi siamo qui per Michele, non... Ecco... 'nsomma... se ci parla di lui... Ecco... è meglio.-

-Oh, mi scusi Appuntato, ha ragione... Non so che dire... Mi chiamava al bisogno. Quando gli serviva. Sia per le pulizie che... per... il resto... insomma. Eh... lui era un po' difficile... ehm... cioè non che... ehm... 'somma, non è che era... vigoroso, ecco... non so se capisce. Però se riusciva a... a... come dire... ehm... a essere uomo, se capisce, ecco... sì mi diceva cose romantiche, tipo che mi avrebbe sposato... che ero sua... Ecco. Ma di solito, ecco... mi dava solo una mancetta per essere passata... perché ecco, non... Sì insomma, mica ce la faceva, di solito.

-Mmhh.

-...Però è da parecchio che non mi chiama più. Io da quel che so... ecco... sì... ... ...-

-Signo' che è? Mi fa la timida?-

-No, no, è che non so se dirlo. Io ho visto che a casa sua ci va spesso Marika. ...Che ne so, magari le mancette ultimamente le dava a lei...-

-Marika, la muta?-

-Eh... sì.-

-Mmmhhh.-

-Però io questo mica lo so per davvero.-

-Vabbè... indagherò. ...Ma senta... e lei mica ha visto qualcosa, il giorno dell'aggressione?-

-Io no, mi addormento presto. Mi sono svegliata dopo che siete arrivati voi.-

-Ch'peccat'! Tenete le finestre proprio sulla via di fronte al ristorante.-

-Ma non sono le mie finestre, sono quelle di...-

-...quelle di? ...Ero sicuro fossero le sue.-

-...Cioè... sì... Ma sono le finestre delle camera di mia figlia...-

-Ah! E mica ha visto qualcosa?-

-Non so non so. Non mi ha detto niente.-

-Possiamo parlarle?-

-... ... ...Sì, è un po' timida però...-

-E vabbuono, saremo delicati...-

-...Elena? ...Elena? C'è l'Appuntato dei Carabinieri... vuole farti delle domande...-


Questo racconto di è stato letto 1 7 3 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.