Serafino e i fiori

Scritto da , il 2020-08-08, genere prime esperienze

"Fanculo la primavera!" pensa Serafino dopo l'ennesimo starnuto, con gli occhi iniettati di sangue e l'inalatore sempre in tasca: per colpa di quei maledetti pollini che si propagano nell'aria a partire da metà aprile fino all'inizio dell'estate ogni respiro è una tortura, e durante i giorni della sagra in paese, quando tutti i suoi compagni di scuola approfittano dell'allegria della festa per andare a caccia di ragazze, lui se ne sta in disparte con il fazzoletto sempre in mano, sperando di non essere notato e preso come al solito brutalmente in giro.

Non che i restanti mesi dell'anno siano una passeggiata per il suo fisico emaciato e il viso smunto perennemente segnato da occhiaie, ma la primavera tocca proprio vette di frustrazione inimmaginabili. "Aprile è il mese più crudele, ma anche maggio non scherza", Serafino borbotta tra sé e sé calciando i sassolini che incontra sulla strada mentre si dirige verso la piazza del paese.

E pensare che non sarebbe neanche brutto, anzi, a guardarlo bene é proprio un ragazzo interessante, per chi apprezza il genere: piuttosto alto, spalle larghe (se solo riuscisse a star dritto e non accartocciato come un riccio in posizione di difesa), mani da pianista con belle dita lunghe e affusolate, seppur perennemente umidicce, folti capelli ramati, pelle di alabastro spruzzata da piccole efelidi e due occhi di un verde bottiglia davvero insoliti e accattivanti, quando non sono arrossati dall'allergia e contornati di occhiaie violacee tanto da sembrare uno di quei fattoni che girano in paese come zombies.

E qualcuna in passato avrebbe pure apprezzato, se non fosse che la maledetta asma si accentua proprio nei momenti più inopportuni, lasciandolo in apnea alla ricerca spasmodica del prezioso inalatore dopo appena il secondo bacio. E la ragazza, che non brillava certo per tatto o pazienza, lo mollò su due piedi dicendogli "guarda che la femmina è come la lumachina: se la tocchi fa la bava, se non la tocchi fa le corna!"

Così, dopo quella prima atroce delusione, il povero Serafino decretò che non vale la pena provarci ancora, accettando la sua verginità come un fatto immutabile e definitivo, con buona pace della mamma che ogni giorno lo redarguisce : "trovati una ragazza o finirai triste e solo!"

La piazza stasera è gremita di ogni genere di persone, la sagra attira un sacco di gente che non vede l’ora di riempire le proprie vite vuote con un po’ di intrattenimento e troppo alcool.

Un DJ di mezza età mette musica che dovrebbe far ballare la gente, ma il suo repertorio antidiluviano ha il solo effetto di attirare gruppetti di milfone del paese che approfittano dell’unica occasione dell’anno per tirarsi a lucido e vecchi arrapati che si dimenano sudati in mezzo alla piazza strusciandosi in maniera imbarazzante.

Serafino cerca con lo sguardo la combriccola di amici che dovrebbe essersi già riunita ai margini della piazza, sul solito muretto da cui i ragazzi si mettono a fissare le ragazze che passano e a fare apprezzamenti a volte un po’ squallidi, ridacchiando tra loro. Non vede ancora nessuno, e si avvia verso il punto di ritrovo con l’intenzione di sedersi in disparte auspicando di essere invisibile.

Lungo il tragitto, facendosi largo tra la folla urta, inavvertitamente, una ragazza: “oh… scusa…”

“Ciao, bel ragazzo!”

“…ehm… ciao…”

In quel preciso momento il DJ mette su Ed Sheeran “Shape of you”.

“Ehi! Finalmente un po’ di musica di questo secolo!” esclama la ragazza saltellando. “Adoro questa canzone! Ti va di ballare?” e senza dargli il tempo di rispondere lo afferra per la mano e lo trascina in mezzo alla folla.

La ragazza, mai vista prima, è proprio carina, con lunghi ricci castani, e un vestitino azzurro a fiori davvero corto e scollato che mette in mostra due tette burrose e invitanti, su cui si appoggia un ciondolo che sembra messo apposta ad indicare “guarda qui!”

“Piacere, io sono Margherita!” gli grida praticamente in un orecchio la ragazza per sovrastare il frastuono “tu come ti chiami? Anzi no, non dirmelo, ti chiamerò Eddie, sei rosso di capelli proprio come Ed Sheeran! Balla con me, Eddie…” e buttandogli le braccia al collo inizia a muoversi a ritmo in maniera provocante a un centimetro dal suo corpo, canticchiando “I’m in love with the shape of you, we push and pull like a magnet do…” guardandolo con un sorrisetto malandrino che è tutto un programma.

Visibilmente imbarazzato, Serafino inizia a dondolare goffamente in una vaga imitazione della danza, non sapendo che fare delle appendici che si ritrova appese alla fine delle braccia, muovendole impacciato come se stesse pagaiando col kayak dritto verso le cascate.

“Tu vivi qui?” chiede Margherita. Ad un cenno di assenso, lei continua “ io sono qui in vacanza per qualche giorno!”

Margherita gli volta le spalle sculettando e volgendosi verso di lui “su! Lasciati andare Eddie!” e ondeggiando il culo proprio davanti a lui pare sfiorarlo in modo casuale. Il ragazzo in preda agli ormoni cerca di sottrarsi a quel tocco pericolosamente vicino alla sua ormai evidente erezione “Oddio, oddio, che faccio ora?” si tira indietro con discrezione, ma lei si fa più vicina, stavolta l’appoggio è senza dubbio intenzionale “che figura di merda… mi prenderà per un pervertito… no… oh… che fa spinge più forte? Allora apprezza…”
“Non dirmi che ti vergogni?” gli dice rivolgendogli un sorrisetto malizioso. A quel punto Serafino si fa più audace, poggia le mani sui suoi fianchi e si muove al suo stesso ritmo… lei poggia la testa sul suo petto col viso rivolto verso il suo, allacciandogli le braccia al collo e donandogli così una visuale completa di quel morbido ben di dio sotto la scollatura.

È davvero troppo per lui, la mano va d’istinto alla tasca alla ricerca dell’inalatore… per fortuna, (o sfortuna, chissà?) la canzone finisce e Margherita si dilegua tra la folla lanciandogli un occhiolino “grazie del ballo, Eddie! ci si rivede in giro!”

Margherita, improvvisa e devastante come uno tsunami, ha travolto il povero Serafino, e ora l’onda di piena si ritira mostrando le macerie.

Rinunciando ormai a unirsi alla compagnia degli amici, Serafino decide di rientrare a casa, la sagra non ha sicuramente nulla di più eccitante da offrire, stasera.



Sdraiato sul suo letto mentre fissa il soffitto, Serafino sospira “Margherita, quanto sei bella...", maledicendosi per non essere stato più intraprendente con quella splendida e sfacciata ragazza con cui ha ballato meno di mezz'ora prima. L'eccitazione per quella strana situazione non è ancora passata, il ragazzo ricorda ogni dettaglio, quella mano morbida intorno al suo polso, quel vestitino così corto che accompagnava le sue morbide curve e i suoi seni che si muovevano liberi sotto la stoffa leggera, di cui lei ha offerto generosa visione allacciandogli le braccia intorno al suo collo...

Dentro i jeans sente nuovamente spingere l'erezione, si sbottona la patta per cercare un sollievo, e con la mano libera il pene ormai duro dall'ultimo ostacolo degli slip.

Si abbandona alla sensazione di quella manina così piccola e morbida con le unghie perfettamente smaltate, la sente avvolgerlo e tirare la pelle fino a scoprire la cappella già turgida e infiammata, mentre con gli occhi negli occhi e quel sorriso provocante le sussurra "lasciati andare, Eddie..." i capelli scomposti le incorniciano le guance arrossate.

Eddie, lo ha chiamato, vorrebbe sentirla ancora chiamarlo così, con quella sua dolce voce così sexy...

Chiude gli occhi, le mani diventano due, una prosegue la sua corsa su e giù lungo l'asta, mentre l'altra accarezza dolcemente le palle gonfie e pronte a esplodere.

La sua Margherita gli sorride, scopre le sue tette e gliele offre, uh... assaggiare quei due piccoli dolci capezzoli rosa... "Che fai Margherita? Vuoi nascondere il mio cazzo fra le tue tette? Fai colare la saliva dalla bocca per spalmarla su di te, per farmi scivolare meglio? Che bella sei Margherita quando mi guardi con quegli occhi pieni di desiderio... la tua lingua mi sfiora, sento il suo calore umido, mi fai impazzire Margherita... si prendilo tutto nella tua bocca calda, fammi sentire le tue labbra, succhiami fino a strapparmi via l'anima dal petto... bevimi, bevimi... è tutto per te... ah... argh!"

Ed eccolo schizzare due, tre cinque fiotti caldi sulle sue mani. Il piacere si mescola ad un dolore pungente, insolito.

Riapre gli occhi, la visione desolante della sua mano ricoperta di fluido bianco, striato di rosso vivo, bruciante. Porca puttana, il frenulo…

Il telefono squilla: Serafino legge "mamma" sul display. Cerca di ripulirsi alla bell'e meglio, allunga la sinistra verso il cellulare sul comodino e con uno sbuffo risponde.

-oh ma'...

-Figlio mio, è successa una cosa brutta...



Al funerale Serafino non voleva neppure andarci, ma alla fine sua madre lo aveva praticamente costretto. Prese posto sulla prima panca della chiesetta del cimitero, a fianco della mamma. Quell’uomo era un burbero anaffettivo, ma in fondo era la figura più simile a un padre che avesse, dato che il suo vero padre non l'aveva mai conosciuto. E con la mamma sempre impegnata nella gestione del bar, senza mai un uomo al suo fianco, fu per lui un punto di riferimento. Per questo la sua morte provocò in lui un turbine di emozioni e rimpianti...

Improvvisamente si sentiva soffocare, così, scusandosi si defilò e uscì dalla chiesa prima della fine della funzione, e allontanandosi si ritrovò a guardare da una certa distanza la scena del cimitero gremito di folla, tutto il paese riunito intorno al parroco che officiava l'ultimo saluto al defunto.

-...Mi... dispiace per la tua perdita...

Violetta, la ragazza strana, interruppe il flusso dei suoi pensieri, porgendogli timidamente la mano per fargli le condoglianze.

Violetta era conosciuta per la sua timidezza, a scuola non parlava mai con nessuno, e il carico da novanta ce lo mise sopra la prof. di italiano, quando all'interrogazione le disse “su Violetta non fare la mammola!”

Da allora per tutti Violetta divenne Mammola, e lei iniziò a soffrire di attacchi di panico, così si chiuse ancora di più in un guscio di ritrosia e impaccio, evitando qualunque contatto sociale. Quanto può essere crudele il mondo del liceo!

Incrociò il suo sguardo per un solo istante, prima che lei abbassasse il suo imporporandosi per l'imbarazzo.

Non l'aveva mai guardata da così vicino... nessuno l'aveva mai avvicinata, in paese era considerata una sciroccata da cui stare alla larga... "però, è davvero una bella ragazza", pensò, minuta e dai lineamenti delicati, con due guance rosse come mele. Al tocco della sua mano delicata Serafino sentì come una scossa elettrica: avrebbe voluto stringerla a sé e baciarla! Che strana sensazione!

-Violetta... Ti ringrazio... anche per essere venuta al funerale. So che non esci spesso...

La ragazza si ritrasse, sembrava impaurita. - io... farfugliò.

Fece per scappare via, ma il ragazzo, come spinto da una forza insondabile, la bloccò dolcemente. -Aspetta! Ti prego... Rimani qui con me solo per un momento. Mi sento così solo, ora. Non devi dire niente, se non ti va, solo, stammi vicina.

Lei annuì, e rimase al suo fianco, guardandosi i piedi, troppo timida per sollevare lo sguardo.

Serafino iniziò a sentire un piacevole calore invaderlo, era combattuto tra la tristezza della situazione e quella nuova, inaspettata sensazione che la vicinanza di quella ragazza gli provocava.

-Non riesco a piangere – disse in un fiato. - eppure era quasi un padre per me. Secondo te sono un mostro? Non faccio che pensare che non voglio morire come lui, triste e solo, senza amore.

-... non... non sei un mostro...

-Sei gentile - le disse - e sei bella.

Il sole ricopre di una luce nuova i cipressi del cimitero, la vita e la morte seguono i loro cicli. Serafino si sente vivo, per la prima volta.

“L'incontro di due personalità è come il contatto tra due sostanze chimiche; se c'è una qualche reazione, entrambi ne vengono trasformati.” (C.G. Jung)

Alle nane: a chi è rimasta e a chi è andata via.

Questo racconto di è stato letto 2 1 6 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.