Tale padre tale figlio

Scritto da , il 2020-08-06, genere incesti

Un paio d'anni fa decisi di trascorrere un fine settimana al mare con mio padre. Entrambi uscivamo da due lunghe relazioni con donne, eravamo entrambi due uomini a nostro modop piacenti ed era un periodo in cui non ci facevamo mancare esperienze e flirt col gentil sesso, con un rapporto recentemente recuperato più da amiconi che da padre-figlio. Trentatreenne io, un po'stempiato e con barba che cominciava a ingrigirsi, fisico da ex nuotatore di un metro e 80 con qualche kg in più sui fianchi, mentre mio padre 57anni, piu basso e tarchiato, con un po'di pancetta, calvo, con capelli argento su nuca e tempie: ma faceva ancora la sua figura in costume grazie a un paio di spalle da carpentiere e sodi pettorali su cui cresceva rigoglioso un folto pelo riccio che con gli anni era diventato sempre più bianco-argento.
Entrambi uomini normali, senza vezzi ma con la consapevolezza della propria mascolinità. Arriviamo in spiaggia nel tardo pomeriggio e la situazione comincia subito bene con un gruppetto di ragazze venticinquenni a giocare a pallavolo vicino a noi. Lui comincia subito a commentare "cazzo ma hai visto quanto è bona quella? Ha i capezzoli duri sotto il costume... E si intravede anche il pelo della fica... E che culo!" In effetti era una gran fica, però si allontanò subito forse perché si era accorta di sguardi troppo insistenti. E intanto notavo che il costume di mio padre faceva fatica a nascondere una robusta erezione. "oh babbo, almeno io ho i boxer, se mi diventa duro non si vede, te invece..." E giù risate e battutacce. A un certo punto lui fa "meglio buttarsi in acqua, vai... almeno ci si rinfresca un po' le palle'". In un paio di bracciate guadagnamo il largo e una volta fermi vedo che mette per un attimo la testa sotto, e appena riemerso si annoda lo slippino al bicipite sinistro. Lo guardo stupito, perché a parte qualche fugace occasione tipo doccia o pisciate a muro non avevamo mai avuto così tanta complicità. "Che cazzo guardi! Così non lo perdo... Ahahah!" In effetti la sensazione del bagno nudi è veramente impagabile e dopo una iniziale titubanza lo imito anche io e mi tolgo i boxer. "Ma senti come si sta con la cappella a mollo" commenta lui. In effetti non mi ero accorto che i nostri cazzi erano entrambi piuttosto in tiro per le piacevolissime sensazioni date dallo sciacquettio...
Lui sdrammatizza subito: "é naturale, praticamente é il mare che ci sta facendo una sega! Ahahahah!"
Subito dopo, appena più a mio agio, il commento più spontaneo che ho potuto fare é stato "certo che si vede proprio che siamo padre e figlio!": In effetti al di là delle diverse fisicità saltavano all'occhio la forma e le dimensioni identiche dei due cazzi. Galleggiando "a morto" stavamo osservando che ci accomunava la stessa lunghezza sui 19cm, stessa base piuttosto larga con una leggera banana a sinistra, stessa forma rotondeggiante della cappella, stesso prepuzio corto ma non troppo (del tipo che anche in erezione copre metà glande). Quella piacevole situazione era destinata a durare poco dato che si era già fatto parecchio tardi ed eravamo attesi per cena. Velocemente guadagnammo la riva, poi a piedi al nostro alloggio. In casa si chiacchierò del più e del meno senza commentare né il bagno, né il fatto che anche adesso stavamo completamente nudi l'uno davanti all'altro. La cena fu ottima e abbondantemente innaffiata da vino bianco gelato, ed é facile immaginare che il ritorno al nostro alloggio fu all'insegna di una spinta euforia. Appena entrati in casa, via camicia e pantaloncini e rimaniamo in slip. Lui si butta sul letto e inizia a ricordare le tipe in spiaggia.. "cazzo com'era quella, cosa non le avrei fatto..." e inizia a massaggiarsi il cazzo da sopra lo slip. A quel punto gli dico "ma che tieni le mutande a fare? Tanto te l'ho già visto duro!" Mentre scoppia una sua grassa risata vado al cesso a fare una cacata-pisciata di qualche minuto. Decido di togliermi gli slip e uscire nudo dal bagno con in testa una battutaccia che mi svanisce appena vedo la scena che mi si presenta davanti: mio padre era sdraiato sul letto, con gli slip ai piedi, cosce allargate e piante dei piedi unite, mentre si stava segando e ansimava lentamente, cambiando mano ogni 4 o 5 colpi, la testa era reclinata all'indietro, e mugolava a occhi chiusi. Qualche volta era successo di farmi una sega con gli amici ai tempi della scuola, ma adesso si presentava l'occasione di farmi una sega con mio padre ed era una sensazione stranissima, forse eccitante proprio perché proibita... Mi butto subito anche io accanto a lui, stessa posizione, con una gamba che tocca la sua. "Oohh! Guarda chi c'è!" Mi saluta con la voce ancora un po'impastata dall'alcol "boia! La fica é la fica ma ti confesso che ho sempre avuto un debole per le seghe.." annuisco, e in effetti anche per me é sempre stato così. Comincio anche io a muovere lentamente il pugno non troppo chiuso alla base della cappella, lasciando comunque il prepuzio leggermente coperto, accarezzandomi il pelo delle palle con l'altra mano, e mi accorgo che anche mio padre si sta masturbando nello stesso modo. Sia io che lui avevamo entrambi in testa le immagini delle fiche in spiaggia, ma non potevamo nascondere che era terribilmente eccitante anche la situazione che stavamo vivendo in quel momento. Eravamo l'uno a fianco dell'altro, con le gambe che ormai si accavallavano, tutti e due che ci davamo dentro con un bel ritmo cadenzato e non troppo veloce. Ci era presa bene a commentare il modo in cui ci prendevamo il cazzo, le sensazioni che provavamo... Lui disse che ai tempi dei militare qualche sega coi commilitoni ci era scappata, ma questa situazione era troppo strana e mai avrebbe pensato che si sarebbe verificata. Eravamo ansimanti e sudati... A un certo punto con un sorrisetto ammiccante mi fa notare che nessuno dei due si era dato il deodorante e che adesso avevamo tutti e due un robusto odore di cinghiale. In effetti avevo notato la cosa e la trovai ancora più morbosa. Ad un certo punto lui mi disse che si stava avvicinando la sensazione che precede l'orgasmo, mi chiese come sarebbe stata la mia sborrata. Gli rispondo "di solito all'inizio... molto liquida... I primi 3 o 4 spruzzi praticamente acqua... Poi gli ultimi 4 o 5 fiotti... una crema... Sempre più densa...". Allora fece un sorriso, perché quella era la descrizione esatta del suo modo di eiaculare, e me lo dimostrò nel giro di pochi secondi. Con le gambe aperte prima strofinò poi fece forza con le piante dei piedi nel momento dell'orgasmo, e partì la "pisciata" iniziale, (4 o 5 lunghissimi spruzzi liquidi che colpirono la sua faccia, i suoi pettorali e un po'anche i miei...l) poi l'espressione sul suo viso fu sempre più contratta via via che il piacere fu sempre più intenso e profondo e man mano che i fiotti uscivano più cremosi... Dava colpi con la testa reclinata all'indietro mentre alla fine grugniva e ansimava sempre più rumorosamente. Aprì gli occhi e quello che io gli offrii fu una replica esatta della stessa scena. Applausi e abbracci.

Questo racconto di è stato letto 7 5 9 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.