Saturno contro

Scritto da , il 2020-07-18, genere pulp



L'idea per la protagonista m'è venuta leggendo un bel racconto di Vandalo Perverso, che ringrazio per la sua disponibilità a farsi saccheggiare le idee.
È un racconto piuttosto lungo per gli amanti della fantascienza (mi correggo: solo per gli amanti non troppo esigenti!)
- ---- -

Yūki non vedeva Serena da tredici giorni e soffriva come un cane. Era sconvolto ed arrivò ad odiare tutti: la sua gente, i suoi compagni e soprattutto suo padre, comandante della base orbitale Titan dov'era nato e cresciuto.
A Yūki pareva di non aver visto nulla nella vita a parte i tramonti sugli anelli di Saturno con le ombre nere delle lune che s'allungavano nere. Aveva partecipato a missioni su Marte e Venere, ma mai toccato un suolo e mai visto il nemico. La prima volta che s'era ribellato era stato al largo di Encelado; s'era rifiutato d'abbattere un convoglio prima che si fossero messi in salvo i civili, mettendo a rischio la propria pattuglia.
Erano in guerra da generazioni, gli raccontava ogni giorno suo padre, e la sua base in orbita attorno a Titano aveva fermato l'Impero, impedendogli d'accedere alle risorse minerarie delle lune di Saturno; sarebbe ormai stato sufficiente resistere soltanto altri dieci o vent'anni e la Resistenza, che era ormai uscita dal suo arroccamento in Antartide ed aveva già liberato Africa ed Oceania, avrebbe definitivamente annientato gli imperialisti. Yūki avrebbe finalmente potuto vedere quanto era bella la Terra.
Yūki non gli credeva più. Non dopo quello che stavano facendo a Serena. Non erano meno feroci dell'Impero.
L'aveva salvata lui, intercettando la sua navetta alla deriva di Giove, senza più motori, energia e possibilità d'inviare richieste d'aiuto; da lì a pochi minuti avrebbe iniziato a precipitare verso il gigante gassoso e non sarebbe più stato possibile intervenire. Ordinò al computer d'agganciarla e, indossata la tuta, entrò in quella bara di ghiaccio: voleva vedere il Nemico! Nuotò nell'aria torbida verso la plancia e vi trovò il cadavere già rigido del pilota. Non notò ovviamente la piccola ferita all'orecchio. Yūki era deluso, ma non sapeva nemmeno quel che stava cercando. Trasferì i files del computer, scannerizzò l'intero ambiente e si accinse a tornare in nave, ma prima decise di dare un'occhiata anche alla stiva. Qui trovò lei, coperta di brina ed incosciente, ma ancora viva!
Doveva tornare immediatamente alla base, Yūki aveva terrore che gli morisse in braccio. La spogliò e l'avvolse nel telo termico, ma sul suo caccia intercettatore non c'era altro per aiutarla. Mai aveva visto ed abbracciato una ragazza tanto bella: il suo viso con gli occhi chiusi e le labbra pallide era il ritratto dell'innocenza in un mondo di odio e il suo giovane corpo, flessuoso e morbido, era nato per l'amore.
Ignorando le proteste del computer sfruttò il campo gravitazionale di Giove come una fionda ed impresse alla nave un'accelerazione limite, esaurendo in pochi minuti le batterie ioniche; si sparò in pratica verso Saturno. Per sei ore non avrebbe potuto effettuare alcuna correzione di rotta e, soprattutto, non avrebbe potuto difendersi da nessun intercettore imperiale; ma avrebbe dovuto finirgli dritto in bocca, perché a quella velocità nessuno poteva inseguirlo. Le batterie sarebbero di nuovo state cariche giusto in tempo per cominciare la decelerazione. Non rimaneva che attendere e sperare.
Si spostò nel vano abitativo; qui s'assicurò ad una poltroncina e tirò a sé Serena che galleggiava a mezz'aria nel sacco termico, traendola con una leggerissima pressione dietro la nuca: non era più freddo come un cadavere. La baciò in fronte con disperazione, cercando di infonderle vita. La sentì muoversi. Non aveva quasi coraggio di guardare; mollò la presa e Serena riprese a librare allontanandosi. Aveva voltato la testa e lo fissava con occhi incuriositi: non capiva dov'era. Yūki era troppo felice per spiegare e le disse solo che l'aveva salvata lui.
Sorrise bellissima, ma subito si rabbuiò chiedendo di Krovatim. Yūki immaginò fosse il pilota morto e farfugliò qualcosa. Serena si rigirò nell'aria verso l'oblò. No, Yūki non voleva che soffrisse; allungò le braccia e riuscì ad afferrarla: “Come ti chiami?”
“Serena, credo... non ricordo nulla di prima, solo Krovatim. Non so nemmeno dove sono nata.” Uscì dal sacco, era sudata. “Ho fame.” Divorò con la gioia d'una ragazzina le razioni di tre giorni. Poteva avere vent'anni come quindici. Riprese velocemente colore mentre succhiava dalle cannucce senza staccare gli occhioni grigi da Yūki. L'ascoltava attentamente quello che raccontava, ma pareva persa in un altro mondo.
“... tra sei ore attraccheremo alla base e ti cureranno. Recupererai la memoria.”
“Non lasciarmi.” Gli disse trafiggendolo al cuore.
Mai l'avrebbe abbandonata. Le teneva il capo e con la punta del dito ne seguiva il profilo del nasino perfetto e delle labbra bagnate agli angoli.
Lo baciò lei per prima, leggera come una farfalla, le gambe nude che parevano ali sospese nell'aria. Senza staccarsi dal bacio sganciò la cintura della poltrona e Yūki le galleggiò incontro. Ruotò con lui, avvolgendogli il capo nei lunghi capelli castani e stringendolo al torace.
Le mani di Yūki scorrevano sul giovane corpo senza peso; Serena premeva le labbra più forte quando le carezzava il fianco nudo e quasi lo morse allo sfiorar del capezzolo. Serena staccò le labbra solo per sussurrare ancora: “Non mi lasciare.” Abbracciata alla sua spalla, lo aiutò a spogliarsi della tuta e, non appena gli svettò fuori, glielo strinse in mano.
Yūki si sentì mancare mentre lo spompinava con la dolcezza con cui l'aveva baciato e venne subito, sentendosi in colpa come un ragazzino troppo innamorato. Serena lo baciò riconoscente ed allungò il corpo inseguendo i goccioloni che fluttuavano in giro; li ingollò tutti, uno ad uno, come un pesce nell'acquario. “Non vuoi venire con me? Io ti voglio, vieni.” e s'introdusse nel cubicolo imbottito, largo un metro per uno, dove il pilota si ritirava per dormire.
Yūki era scornato per la prestazione appena data; la voleva far felice e non doveva assolutamente fare altre figure di merda. Ordinò al sintetizzatore un integratore sessuale, selezionando cinque ore. Pochi secondi e ne uscì la bevanda che succhiò nervoso con due lunghi sorsi: gli sarebbe rimasto duro fino alle operazioni d'avvicinamento alla base e sarebbe stato più carico d'un cavallo.
Fecero l'amore nel buio assoluto, premendo contro le pareti imbottite, respirando i propri aliti. C'erano solo le stelle, mute oltre l'oblò.

Yūki si stupì della reazione di suo padre: diede di matto! Li fece separare immediatamente e ordinò di rinchiudere la ragazza nel campo di forza. Per dodici ore Yūki rimase sospeso nella camera iperbarica, monitorato da raggi e sonde alla ricerca di virus o batteri e sottoposto a test psicologici e mnemonici.
Nulla di nulla, ma suo padre era infuriato come non l'aveva mai visto prima: “Imbecille, è una chimera come hai potuto non capirlo! Hai portato nella mia base una chimera del nemico, porco demonio!... Secondo te come ha potuto sopravvivere sei giorni in quella navetta alla deriva? Hai letto anche tu la scatola nera, erano senza energia da centoquarantasei ore.”
“Ma non ha senso! Pochi minuti e si sarebbe schiantata su Giove. Lo sappiamo quanto costa una chimera!, nemmeno l'Impero può permettersi di sprecarle sacrificandole così! Era ormai persa, lo sai benissimo anche tu: l'abbiamo intercettata solo per caso.”
“Non conosci l'astuzia del Nemico...” Mormorò il capitano. “In ogni caso non deve uscire dal campo di forza. Deve dirci qual è la sua missione e quali armi nasconde... poi in qualche modo la spareremo nello spazio.”
“Ti prego, papà, ragiona: l'astuzia del nemico può essere quella di farci diventare come lui. Così torniamo indietro di almeno venti secoli, ai tempi delle streghe! Se la poveretta reggeva alle torture la mandavano al rogo, se moriva non era una strega!... Ragiona, ti prego, stai facendo la stessa cosa! Forse è davvero una chimera come dici tu, ma l'Impero ne ha create di tutti i tipi, per gli scopi ed i lavori più differenti; sono rarissime quelle trasformate in arma e sono sempre state soldati maschi iperaddestrati. Ma l'hai vista?, è poco più d'una fanciulla... Non ti sto chiedendo di mettere a rischio la base, ma d'andarci piano con l'interrogatorio.”
“Una fanciulla? Per quello che ne sappiamo potrebbe avere sessant'anni!...Io non ho intenzione d'ucciderla, ma non è tempo per la pietà!... un giorno capirai.”

Da lontano la base Titan pareva un enorme gomitolo schiacciato che ruotava lentamente per ricreare la gravità terrestre nelle centinaia di ponti ad arco che s'annodavano avvolgendolo. Vi potevano attraccare contemporaneamente otto incrociatori stellari ed aveva chilometri e chilometri di superficie coltivata. Era in pratica una piccola Terra cava, con le sue cittadine e le sue industrie.
La prigione dove avevano rinchiuso Serena, si trovava nel ponte sabbioso di NewFenix, nel settore militare, ed era protetta da un campo di forza capace di reggere a qualsiasi esplosione, missile o raggio e di contenere contagi di qualsiasi natura; vicini vi erano tre caserme delle truppe d'assalto ed un piccolo ospedale.
Per risolvere il conflitto col figlio, il comandante della base s'era lavato le mani ed aveva demandato tutto al generale McQueen capo dell'Intelligence, raccomandandogli solo il rispetto della Convenzione di Seattle per i prigionieri. Significava poco o nulla e Seattle era stata anche inghiottita dal terremoto due secoli prima.
Yūki sapeva bene cos'era l'interrogatorio di un prigioniero, durante l'addestramento ne aveva dovuto sopportare una forma molto edulcorata, ed era angosciato al pensiero che la stessero interrogando da tredici giorni. Nessuno aveva mai retto tanto. Era inseguito dai rimorsi d'aver salvato quella dolcissima ragazza per consegnarla poi al carnefice; non riusciva nemmeno a dormire e tanto fece e reclamò che suo padre impose al generale McQueen di riceverlo e di fargli incontrare la prigioniera.

“Non c'è alcun dubbio che sia una chimera.” Gli disse il generale conducendolo lungo corridoi sotterranei interrotti da decine di porte blindate. “La ragazza ha confessato d'essere stata sottoposta a trasformazioni cibernetiche per lavorare nei bordelli delle truppe...”
A Yūki crollò il mondo. “Una puttana.”
“Sì, questo è confermato... dice che un pilota s'è innamorato di lei ed ha cercato di portarla su Ganimede, dove una leggenda metropolitana racconta ci sia un laboratorio dove inibiscono i naniti, ma la navetta ha avuto un'avaria e l'hai salvata tu... La cosa sarebbe anche credibile, potrebbe essere una chimera-puttana; è estremamente attraente, elastica e resistente e... beh, poi vedrai. Sappiamo che esistono realmente nell'Impero e che vengono usate anche per sedare le rivolte nei campi di prigionia. Devo essere franco con te; una così va avanti per settimane a farsi scopare... Ma non mi convince, per me il resto della storia è una palla, ma non confessa.”
“La state interrogando da due settimane! Cosa volete di più?”
“No ragazzo, non sai di cosa stiamo parlando... e tuo padre vuole che tu veda cos'è una chimera. Teme che ti sia innamorato di lei... Vedi, i naniti che le hanno impiantato non lavorano solo nei tessuti muscolari ed ossei, ma anche a livello neuronale... ci è difficile anche interrogarla.”
“Perché difficile? Cosa significa?”
“Lo vedrai coi tuoi occhi... tieni presente che ora non è sotto interrogatorio.”

Si fermarono di fronte ad una vetrata scura sopra un quadro comandi. Finalmente la rivide, ma fu uno shock: era di fronte a lui, legata mani e piedi con catene di carbonio al centro della cella. Era nuda, sudata e bellissima; ansimando le si gonfiava il seno ed incavava il pancino sottile. “Non ci può vedere... Ciao Serena, ci sono altri sei soldati che vogliono entrare? Cosa dico?, di tornare dopo?”
“No, falli entrare.”
“Ripetilo.”
“Falli entrare porcaputtana!” Urlò.
Yūki vide aprirsi la porta ed entrare sei mercenari. Non appena si richiuse il generale sfiorò un tasto e le catene s'aprirono. Serena si proiettò all'istante contro il gruppo, afferrando con le mani le loro cinture e cercando di spogliarli in piena frenesia. Ingollava più cazzi che poteva. Uno stronzo le si sedette sulle scapole per bloccarla mentre gli altri le facevano il culo. Alla fine si liberò ma solo per essere chiavata da due contemporaneamente. Urlava dal dolore quando la penetravano e squittiva da rompere i timpani mentre le torcevano capezzoli e clitoride, ma s'offriva ugualmente a qualsiasi penetrazione e violenza.
“Vieni, non è bello star a guardare... torniamo tra mezz'ora. Tieni presente che se la sono appena violentata in dieci e lei è già tornata vergine, di figa e culetto. È per questo che urla, le fanno veramente male, anche se ha la pelle estremamente elastica che non si lacera e le giunture più slegate d'una contorsionista... Ma come hai visto non ne può fare a meno: i naniti le condizionano la volontà. È peggio d'un robot con l'ordine di far godere soffrendo; in un certo senso i naniti la obbligano a cercare il dolore come se fosse piacere. Il male lo sente tutto, ma le passa incredibilmente in fretta perché i naniti s'attivano immediatamente per rigenerare i tessuti e riparare i danni neuronali... ha terrore del male, ma se le dicessi che dietro quella porta c'è un'intera divisione di marines che se la vuole stuprare con i bazooka magnetici, mi direbbe d'aprire.. Non credere che sia drogata.”
Il generale lo lasciò solo in una stanzetta. Yūki era dilaniato dai dubbi, quello che aveva visto lo aveva sconvolto. Cos'era la dolce ragazzina che aveva tenuto in braccio semimorta?, era un mostro? No! No, era solo una povera vittima e quel porco del generale non voleva aiutarla. Yūki era convinto che c'era sicuramente qualche modo per inibire quei dannati naniti e salvarla. Era bellissima, l'amava ancor di più ora che l'aveva vista soffrire e... sì, s'era pure eccitato.
Il generale McQuenn lo fece chiamare dopo quaranta minuti. Ci andò, ma ormai avrebbe diffidato di tutto quello che avrebbe visto e sentito.

I mercenari erano stanchi; uno si divertiva a fistarla in fica mentre un altro la sodomizzava da seduto. Sicuramente s'erano presi una bella dose d'integratore prima di farsela in sei: il pavimento era una pozzanghera di sperma. Il generale non staccò lo sguardo dalla vetrata: “Il mio miglior inquisitore è Boris; ieri ha usato la neurotossina della formica proiettile. Sei ore e centinaia di piccole punturine in ogni parte del corpo, anche sulle sue belle labbra... ?! Dico la bocca, ahahah, sulla figa son state le prime!... È l'unico che sa demolirla; dopo lui ci mette anche mezz'ora a riprendersi... ascolta bene!” Accese il microfono. “Serena ora devo interrogarti un po', lascia perdere quei cazzi.”
Serena si rialzò sulle gambe malferme; la pulirono con una canna infilandogliela senza troppi complimenti e la fecero anche bere. Le luci si fecero più forti ed il pavimento si pulì all'istante. Due catenelle penzolarono di fronte al viso di Serena. “Io queste non vorrei usarle per interrogarti, ma se a te piacciono puoi mettertele da sola.” Serena le tirò verso il basso e si fissò i morsetti ai capezzoli, strizzando gli occhi dal male. “Okay... chi faccio entrare per interrogarti?”
“Boris.” Rispose immediatamente e tornò al centro della cella, offrendo polsi e caviglie ai ceppi che si chiusero automaticamente. Quindi si riaprì la porta ed uscirono i mercenari.
Entrò l'inquisitore, un gigante di centocinquanta chili, con i bicipiti da paura. Serena incominciò a fremere ed a mettersi a pecorina, per quanto le permettessero le catene ai polsi. Boris si posizionò dietro la prigioniera che miagolava; si sbottonò ed estrasse un cazzo mostruoso. La poverina si dimenava cercando di sentirlo contro. “Serena, che ne diresti di farlo con una scarica ai seni?” “Tutto quello che volete.” Il generale azionò la scarica che che le inarcò la schiena facendola urlare e Boris la sfondò in culo col peso di un incrociatore stellare. Serena si contorceva esponendo i seni e Boris stesso vibrava per la scarica. Il generale spense tutto, Serena rimase appesa per le braccia piegate indietro, sostenuta dal cazzo in culo.
“Ecco perché ti dicevo che è difficile interrogarla.”
“È svenuta!, cosa può pretendere, siete dei bastardi.”
“No, non per quello, guarda... Boris usa il cristallo.” L'inquisitore estrasse dalla fondina un manganello nero che poggiò di punta alla figa; si senti lo schiocco della scarica attraverso il vetro. Serena si risvegliò con un urlo; cercava d'arrampicarsi sulle catene e guardava spaventata il pungolo che Boris teneva col pugno immobile all'altezza dell'inguine. Sembrava ipnotizzata; si rilassò un poco e ben presto cominciò a sfregarsi la figa contro il manganello mugolando. Spingeva indietro sempre più a fondo, gemendo come una cagna in calore, e se lo prese tutto fino alle dita di Boris. Il generale intervenne: “Per me abbiamo finito: Boris, esci dalla cella.”
L'inquisitore glielo strappò via incazzato e fece per uscire. Serena sembrò svuotata e disperata. “Nooo, perché?”
“Va bene Boris, rimani. Ma falla star zitta.”
McQueen spense il microfono. “Ora devi decidere tu.” Fissò Yūki con gli occhi di ghiaccio. “Tuo padre vuole liberarla, io non sono d'accordo... Devi decidere tu se salvarla o no, ora che hai visto chi è realmente. Non può rimanere nella base: deve sparire, allontanarsi anni luce da qui e dobbiamo essere sicuri che non torni... c'è una nave di coloni in partenza per Alpha Centauri. Puoi portartela via, se vuoi.”
Yūki s'illuminò di felicità. Non riusciva nemmeno a parlare.
“Ma non potrai più tornare, intesi? E nemmeno salutare nessuno.” Yūki faceva di si come un cagnolino scodinzolante. “Io però non posso permettermi che esca cosciente dal campo di forza... La tramortiremo pesantemente e vi teletrasporteremo al ponte d'imbarco: la nave partirà immediatamente. Abbiamo fatto molte prove; si risveglierà quando sarete oltre l'orbita di Urano... Cosa decidi? La nave sta aspettando.”
“Va bene, ma non l'ucciderete vero?”
Rise. “No, sarà lei a tramortirsi da sola!”. Aprì il microfono. “Serena, qui c'è un amico che vuole vederti giocare col cristallo.”
Serena strinse le mani sulla catena mentre aveva il bestione fra le cosce, che le diede tre colpi terminali per venirle in fica e sfilò il cazzo bagnato. Boris estrasse il pungolo nero dalla fondina e chiese a Serena se lo voleva in culo. Come risposta la bella prigioniera si piegò a pecorina in attesa. Boris sforzò il buchetto sempre vergine e glielo innestò fino al manico.
“Brava!,... a noi basta questo, vedere che sei capace di farlo... ma io ti conosco, tu vuoi una bella scarica in culo, quella lunga che ti fa impazzire, devi solo dirmelo... Boris te lo regola a dieci secondi, così il cristallo si carica per bene... ma voglio sentirti contare i secondi.”
L'inquisitore chiese conferma. “Sì, mettilo a dieci... vero che vuoi, Serena?”
Serena, piegata in avanti, fece di sì col capo chinato. Osservava le gocce di sudore caderle dal viso. Non alzò gli occhi: “Uno... due... tre...” contò.
Yūki udì il sibilo sempre più intenso del cristallo di zirkonite che si caricava: non era nemmeno in grado d'immaginare come potesse essere una scarica simile nel corpo. Voleva fermarli, non era giusto, non doveva soffrire così. Ma l'osservò contare: era eccitato.
“... otto... nove... dieci.”
Il cristallo le si scaricò in culo con la stessa terribile lentezza e con intensità sempre maggiore fino a farla urlare muta ed irrigidirla come crocifissa. Dopo dieci secondi le catene si sganciarono e lei cadde morta.
“Non c'è tempo. Corri.” Ordinò il generale.
Yūki si precipitò in cella e la raccolse pietoso. Nello stesso istante il mondo attorno a lui vibrò e sparì nel buio.
Si ricompose teletrasportato nell'ampia sala, lucida e luminosissima, degli imbarchi. Il pannello lampeggiava rosso; la nave era in partenza. Aveva le vertigini; attese qualche secondo immobile con lei in braccio, finché passarono del tutto. Osservò il volto addormentato sulla sua spalla, senza alcun segno dell'atroce sofferenza, e s'infiammò d'odio per il generale e suo padre. Ma ora erano liberi.
Scese dalla pedana e s'avviò deciso verso la porta, ma la sentì rianimarsi. La baciò in bocca. Serena si ribellò: “Dove sono?” e saltò giù.
“Agli imbarchi, ti ho liberata.”
Corse nuda verso la parete ed interrogò il touch screen di servizio. Esultò: “Siamo nel Ponte R144, quadrante FF.”
Yūki la guardava senza capire. Serena gli sorrise prima d'illuminarsi di verde ed esplodere come un piccolo sole.

Il campo di forza assorbì l'esplosione e la convogliò in un raggio luminosissimo diretto all'esterno del sistema solare.
Il generale McQueen chiamò il comandante: “Era come sapevamo. Mi spiace per suo figlio.”
“Era già morto sul caccia.”
McQueen era soddisfatto. Il trucchetto aveva funzionato alla perfezione: era stato sufficiente fingere di teletrasportarli e creare un ologramma della stazione. La chimera s'era fatta esplodere credendo d'esser fuori dal campo di forza.
Aveva intuito subito la pericolosità della chimera e se n'era liberato alla grande. Che fosse stata inviata per distruggere la base lo capì il primo giorno, studiando il materiale raccolto da Yūki nella navetta alla deriva: a lui non sfuggì che il pilota era stato assassinato con uno stiletto di ghiaccio infilato nell'orecchio... e da uno studio più approfondito dei dati risultava morto da almeno otto-nove settimane, quindi la scatola nera mentiva: Serena, semi-ibernata dal gelo, orbitava forse da mesi attorno a Giove, in attesa di Yūki come un ragno nella tana. L'Impero, dopo la cazzata col convoglio su Encelado, conosceva bene la coglionaggine del figlio del comandante della base Titan ed aveva pensato di sfruttarla. La finta navetta in avaria si fece rilevare solo da Yūki ed cominciò a precipitare verso Giove.
Per convincere il comandante fu sufficiente alterare gli esami del figlio e raccontargli la palla ch'era stato infettato dalla chimera: i naniti, s'inventò, avevano preso controllo della volontà di Yūki e l'obbligavano a tentare in tutti i modi di liberare la chimera-madre, Serena. Era ormai perso: tempo due settimane e l'avrebbero trasformato completamente in chimera. Invece il coglione era solo innamorato.
L'unico rammarico per McQueen era non avere più Serena. Gli sarebbero mancate le sedute che conduceva personalmente con Boris. Pazienza! L'avrebbe trattenuta volentieri per mesi ancora, la ragazza gli stimolava la fantasia come mai nessuna, ma ormai temeva che potesse farsi esplodere durante un interrogatorio. Quel minchione che s'era innamorato dopo una dola scopata non aveva idea dei giochetti che si potevano fare con la bella chimera.


Questo racconto di è stato letto 9 1 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.