La sorella figa

Scritto da , il 2020-07-06, genere incesti

seguito da 'Quel cazzone di mio fratello'

Che mia sorella fosse matta da legare lo sapevo da tempo, ma che fosse anche una cretina irrecuperabile lo scoprii a settembre.
Ad agosto ero stato a casa sua tre volte ed una volta era venuta lei da me con la scusa che mamma e papà erano ancora la mare. Allora era la Marika matta da legare che quando partiva non la fermava più nessuno: era capace di qualsiasi follia ed a letto mi faceva impazzire. Era talmente fuori di testa che una sera m'ha trascinato in un club privè ed ha voluto che la scopassi in una stanza davanti ad una decine di persone. Una pazza, ma divertentissima ed eccitante come nessuna.
Ma i primi di settembre s'è rivelata una cerebrolesa da internare; m'ha telefonato e, prendendola molto larga, m'ha confessato d'essersi rimessa con Mirko, quel bastardo che l'aveva pestata la mare.
“Ma tu sei tutta scema! Con lui??? Ma è uno stronzo, non ti merita.”
“Non siamo mica tornati a vivere insieme! Lo vedo soltanto.”
M'andò a fuoco il cervello. Ero geloso? Marika m'aveva raccontato che si faceva legare e violentare da quel bastardo. “Vedi tu, io non posso certo dirti nulla.”
“Non t'incazzare, è solo per sesso; lo sai, mi piace farlo con Mirko... quasi quanto col mio fratellino, ahahha.”
“Tu sei scema, quello ti fa male sul serio.”
“Mmmm, guarda che non ti pianto!... e poi mi fa più male il tuo cazzone.”
Che dire?, è scema.
Ed io ero incazzato. La stronza mi mandava i whatsapp del mattino dopo con tutti i particolari della trombata notturna. Io mi vendicai con Valentina.
È da sempre l'amica del cuore di mia sorella e mi conosce da quando avevo dieci anni. Ai tempi del liceo erano inseparabili come due compagne di merende e Valentina s'è fatta anche lei una discreta fama di troia; l'anno scorso però ha deciso di curare meglio il suo status sociale e s'è sposata un bocconiano con l'aspetto ed il colore d'un boiler, ma figlio di notaio e ricco da vomitare. Valentina ora deve occuparsi solo della sua abbronzatura (mi sa che vorrebbe essere più nera di me), del suo guardaroba e della sua forma fisica e non è più costretta a far pompini al suo (ex)datore di lavoro.
Fisicamente non è male anche se è quasi anoressica; la salva la terza di seno che le ha regalato il suo boiler.
È stato facilissimo; frequenta la mia stessa palestra e sapevo che seguiva un corso di yoga al mattino. Ci andai a far pesi e mi feci trovare fuori: “Mi puoi dare uno strappo?, sono venuto a piedi.” Fu felicissima di caricarmi in auto e partì con i soliti stupidi complimenti: “Mamma mia, ti ricordo quando eri alto così, ti sei fatto davvero bello, chissà quante ragazze...” Le presi la mano e me l'appoggiai su pacco. Mi fece un pompino immediato e la mattina dopo eravamo in un motel con jacuzzi.
Uscì prima lei, non dovevamo farci vedere insieme. Fotografai il letto sfatto e lo spedii a mia sorellina: 'Mi sono fatto il culo di Valentina'
Mi richiamò all'istante: “Non ci credo!!!” e rise per mezz'ora. Marika è l'unica che mi diverte davvero.

Cazzo ero diventato un gigolò. No, non mi facevo pagare, ma qualche bel regalo me lo sono guadagnato. Con Valentina ci scopavo quasi tutte le settimane in motel e poi c'erano tutte le altre: le fanatiche della palestra col terrore d'invecchiare. So che piace il ragazzo di colore, ma credo che si fosse diffusa la voce; mi si avvicinava sempre qualcuna che osava un timido approccio. In genere volevano solo spompinare un cazzo nero in auto ed io le accontentavo sempre, ma a letto c'andavo solo con quelle che m'intrigavano. Una trentenne, muscolosa come una lesbica, fu disarmante: mi chiese semplicemente quanto volevo per andare a casa sua. Dissi che ci sarei andato, ma che non facevo marchette. Me ne pentii; fu più faticosa di due ore in palestra.
Marika era estasiata e voleva sapere tutto delle mie vacche (così le chiamava). Ormai non ci vedevamo da due mesi, ma passavamo ore al telefono a sparar cazzate. Capii, da come evitava di parlare di Mirko, che s'era nuovamente incrinato il rapporto con quel bastardo e poco serviva che la facesse sentire cagna a letto. Finalmente mi chiamò un venerdì pomeriggio, alla fine della mia prima settimana all'università: “L'ho mollato... sono dieci giorni che non lo vedo, tu sei a Milano? Potresti dormire da me stanotte, se vuoi. Lo dico io a mamma.”
“Cos'è successo?”
“Lo vuoi sapere davvero?”
“...”
“Uff, forse è colpa mia... Eravamo ubriachi: m'ha legata e poi ha chiamato tre amici.”
“Tu sei scema! Ci voleva tanto a capire con chi t'eri messa?”
“Lo so, scusa, ma non fare il fratellino noioso. Allora vieni?”
“Non sai che ti farei.”
“Ti aspetto.”
Quarantacinque minuti dopo le avevo già rotto il culo e la stavo incaprettando con le cinghie che m'aveva fatto trovare sul letto. C'era anche un frustino. La figa di mia sorella, gonfia come una pesca, meritava d'assaggiarlo.

Questo racconto di è stato letto 1 4 7 2 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.