Un nuovo lavoro?

Scritto da , il 2020-07-02, genere pissing

E' una calda mattina estiva. Mio marito è appena uscito di casa per andare a lavorare.
Invece, io non ho impegni di lavoro e, almeno per oggi, posso rimanere a letto e riposarmi. In realtà, c'è sempre qualcosa da fare. Devo pulire il pavimento, ad esempio. Mi alzo dal letto. Mi metto un top spalline sottili, il perizoma, le ciabatte e vado a prendere la scopa e la paletta. Sto iniziando a pulire, quando sento suonare il campanello. Faccio finta di nulla e muovo la scopa verso un angolo del pavimento.
Suona ancora il campanello. Appoggio la scopa al muro e vado a vedere chi è il disturbatore. Guardo dallo spioncino della porta ed ho un sobbalzo.
E' Paulino, il presidente della mia Azienda. Di solito non va mai a casa dei suoi dipendenti. Quale sarà il motivo che lo ha spinto a venire a casa mia?
Per saperlo, mi tocca farlo entrare in casa. Apro il portone. Lui mi fa un ampio sorriso e mi dice "Cara Esmeralda. Ho da proporti un nuovo lavoro. Mi sono permesso di disturbati a casa tua, perchè non è proprio uno dei classici lavori aziendali. Insomma, per venire al punto, mi piacerebbe che diventassi la presidente della squadra di calcio di una città in montagna. Il sindaco della città mi ha affidato la squadra, dopo che la società sportiva che la gestiva è finita in bancarotta. Per l'azienda una promozione della squadra, dal campionato dilettante dove milita adesso, ad un campionato professionistico, sarebbe un grande ritorno di immagine e di conseguenza un aumento dei nostri prodotti che verranno sponsorizzati sulle maglie dei calciatori". Mentre parla, osservo Paulino. E' alto, con capelli ricci e neri, occhi azzurri, corporatura robusta.
Ma è il suo sorriso che lo fa diventare davvero attraente. Quando mi ha sorriso,
ho subito sentito un brivido percorrermi la schiena. Ma di calcio non ci capisco proprio niente. Per me, il calcio è sempre stato uno sport noioso. Rimango in silenzio. Non so proprio cosa dire. Il presidente capisce il mio imbarazzo e, sempre sorridendo, si avvicina a me. Sento ancora un brivido di eccitazione, ma cerco di rimanere calma e impassibile. "Caro Presidente, vuole accomodarsi in salotto. C'è una comoda poltrona dove può sedersi" gli dico. Poi mi avvio verso il salotto e lui mi segue. Cammina dietro di me, e, per un attimo, sento qualcosa di duro premere sul mio fondoschiena. Mi volto subito all'indietro ma lui si è già allontanato. "Ecco, puo' sedersi quì" gli ordino.
Il presidente si siede sulla poltrona e aspetta la mia risposta. Che non arriva. Allora
Paulino, si alza lentamente e, a piccoli passi, si avvicina a me. Io mi metto a sedere sul bordo del tavolo proprio di fronte a lui. Lui mi sorride ancora e mi promette un aumento di stipendio, un alloggio gratuito in montagna e un premio in denaro se contribuirò alla promozione della squadra di calcio a me affidata. A me i discorsi sul calcio non interessano, ma il suo sorriso mi fa tremare. Cerco di nascondere la mia emozione, accavallando una gamba sopra l'altra e rimanendo in silenzio. "Cara Esmeralda, ti ho scelta per questo incarico, perchè ci sai fare con le persone e sei una gran lavoratrice" mi dice Paulino. Io gli sorrido ma ancora non rispondo. Lui si mette davanti a me. Appoggia una mano sul mio ginocchio e mi bacia sulla guancia. Le sue labbra premono con forza sulla mia guancia. La mia eccitazione aumenta notevolmente.
Lo lascio fare perchè mi piace come mi tocca. Paulino si fa più intraprendente e infila la sua mano in mezzo alle mie gambe accavallate. Una strana euforia mi pervade. Divarico le mie gambe e gli accarezzo la nuca. La sua mano scorre sulle mie cosce. Con movimenti circolari, la sua mano accarezza l'interno della mia coscia. Io tremo, sempre più visibilmente. Paulino mi bacia sul collo, abbassa le mie spalline e, con l'altra mano, stringe i miei capezzoli. Io perdo completamente il controllo di me stessa. Gli apro la camicia e lo bacio sul petto. In quel momento, mi viene uno scrupolo di coscienza. "Basta, fermiamoci qui. Sono sposata e amo mio marito. Non voglio tradirlo" sussurro all'orecchio di Paulino. Ma lui infila due dita dentro il perizoma e inizia a strofinare le mie piccole labbra. Non resisto più e inizio a gemere per il piacere che lui mi sta procurando. Involontariamente, mi esce anche un getto di urina. Alcune gocce di urina, bagnano le dita di Paulino. Lui non ci fa caso e sposta le sue dita sopra il mio clitoride. Le sue dita adesso giocano con il mio clitoride. Le sue dita premono il mio clitoride. Non riesco a trattenere un urlo di gioia e urino ancora sulla sua mano.
"Cara Esmeralda, non mi sono accorto di averti fatto eccitare così tanto. Speravo in un orgasmo da parte tua, invece hai solo bagnato di urina la mia mano. Ti chiedo scusa per quello che ho fatto" mi dice a bassa voce. "Stai tranquillo. Mi hai fatto eccitare.
Mi hai procurato belle sensazioni. Pulisciti la mano e vai a casa. Io amo mio marito. Esporrò a mio marito la tua offerta di lavoro. Se mio marito mi darà la sua approvazione, avrai una nuova presidentessa per la tua squadra di calcio. Se mio marito non darà la sua approvazione, non farò mai il nuovo lavoro che mi hai proposto" gli rispondo. "Esmeralda, sei una donna bella e intelligente. Hai un fisico stupendo e due
splendidi occhi verdi. Tuo marito è veramente fortunato ad averti sposata." Dopo aver detto queste parole, Paulino avvicina il suo viso al mio. "Cara Esmeralda, per me sei una dea. Posso baciarti sulla bocca, prima di andare via?" mi supplica Paulino. Sono indecisa. Mentre rifletto, Paulino mi accarezza le spalle. Pensando a quanto mi ha fatto eccitare, forse, un piccolo premio se lo merita. Alla fine, prendo la mia decisione.
Sorrido a Paulino. Tolgo le sue mani dalle mie spalle e appoggio le mie labbra sulla sua bocca. Appena sento, però, la sua lingua scorrere sulle mie labbra, lo colpisco con un pugno in pieno volto. Lui si allontana subito da me e mi chiede perchè l'ho colpito.
"Il mio ero solo un bacio leggero. Tu invece volevi approfittare della situazione. Stavi esagerando. Ecco perchè ti ho colpito. Vedo dall' orologio appeso alla parete che si è fatto tardi. Riceverai, tramite e-mail, una mia risposta alla tua offerta di lavoro.
E ora vattene" gli dico ad alta voce. Paulino, in silenzio e a testa bassa, esce dalla mia casa. Un nuovo lavoro? Deciderà mio marito.


Questo racconto di è stato letto 4 3 7 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.