La mia esperienza? No, le mie prime esperienze

Scritto da , il 2020-06-30, genere prime esperienze

Se volete leggere un racconto in cui in un minuto si concentrano tutte le scopate del mondo, passate oltre.
Questo non è il racconto della mia prima volta, ma di tante prime volte, tutte nella stessa meravigliosa notte.
Poi, siccome è un sito di racconti erotici e non di racconti necessariamente solo porno, ho cercato anche di metterci l’atmosfera che ho respirato quella notte.


Una bomba innescata, un cocktail da gustare lentamente, da non agitare. Pericoloso.
Simo.
Bella, sì, ma la sua vera forza era la femminilità ed il mistero di cui si avvolgeva.
Avevamo un rapporto particolare, sesso puro: senza coinvolgimenti, senza impegni, senza programmi. Stavamo bene insieme e facevamo del sesso. Niente di fisicamente trasgressivo, tanti giochi con la mente, tante fantasie. Sapevamo entrambi che se si fosse creata l’occasione giusta, forse le fantasie sarebbero diventate realtà, ma non ne parlavamo fuori dalle lenzuola, e non avevamo mai fatto niente per creare le occasioni. Forse i nostri pomeriggi e le nostre serate passare a creare situazioni con la mente erano già abbastanza appaganti.
Nei nostri momenti insieme, in un riservato motel fuori Roma, giocavamo spesso a possederci, soprattutto con le nostre fantasie che ci raccontavamo a vicenda durante il sesso. C’erano giorni in cui le amava essere posseduta da me, altri in cui, e lo si capiva subito, era lei a possedere e guidare me. Tutto molto soft, senza forzature, senza schemi.
Non so quale ruolo mi piaceva di più. A differenza sua, io non andavo a giornata, seguivo lei. Se capivo (e lo capivo dal suo sguardo) che voleva essere posseduta mi eccitava possederla, e se capivo invece il contrario mi faceva godere vederla diventare padrona della situazione ed usarmi per i suoi piaceri.

Poi quella vacanza. Marina di Alberese, in Toscana.
Una splendida villetta affittata, un grande giardino con una siepe molto alta che lo rendeva invisibile dall’esterno, una piccola piscina. Una settimana solo per noi, bagni di notte e cenette in giardino.
La prima sera su internet scoprimmo che lì vicino c’era una spiaggia nudisti e senza pensarci molto decidemmo di andarci il giorno dopo.
Era molto bella, poca gente, un ambiente che sembrava tranquillo. Ci portammo dei sandwich, delle patatine e delle birre nella borsa frigo per pranzare lì.
Me ne andai a perlustrare la spiaggia (in realtà mi piaceva guardare le donne che c’erano) e quando tornai vicino a Simo c’era un ragazzo, di qualche anno più giovane di noi. Entrambi stavano fumando una sigaretta, si era fermato ed aveva attaccato bottone. Simo me lo presentò, Alex. Era molto spigliato, simpatico. Ci disse che veniva lì spesso e ci raccontò che sulla spiaggia verso sera si creavano situazioni un po’ particolari. Cercammo di capire meglio, Simo continuava a chiedere spiegazioni ma lui non si sbilanciò realmente. Poi ci disse che la sua altra grande passione era la pesca in barca e ci invitò ad andare con lui il giorno dopo. Simo disse subito di sì, amava andare in barca, Alex era simpatico e lei era ormai determinata a capire meglio le cose che succedevano in spiaggia.
Così accettammo e la sera tra di noi non ne parlammo ma c’era una strana sensazione.

Il giorno dopo ci trovammo al porticciolo per la gita in barca. Avevamo cibo e vino, eravamo nudi, ed era davvero molto piacevole, muoversi in barca permetteva di stare freschi. Simo era un martello, tartassava Alex di domande, finché lui le spiegò che verso sera alcune coppie ed altre persone da sole si trovavano in spiaggia per fare sesso. Alla fine disse che lui partecipava spesso a queste cose, gli piaceva giocare in questo modo sia con le donne che con gli uomini, era bisex.
Guardai Simo, aveva lo sguardo curioso ed un’espressione che conoscevo già, quella di quando decideva di fare qualche follia.
Pescammo tre spigole, e poi rientrammo verso metà pomeriggio.
Divenne naturale decidere di mangiarle insieme, per cui invitammo Alex da noi, avremmo grigliato le spigole e cenato in giardino.
Io e Simo rientrammo senza parlare della giornata, ma sapevamo bene che probabilmente alcune situazioni su cui avevamo fantasticato in passato avrebbe potuto avverarsi.

Dopo la doccia ci prendemmo un paio di aperitivi in giardino, poi Alex arrivò alle 8.30. Era strano vederlo con jeans e camicia bianca dopo essere conosciuti su una spiaggia nudisti ed essere stati in barca.
Cucinammo le spigole ed aprimmo tre bottiglie di vini bianchi diversi, era bellissimo cenare in giardino col caldo e bere senza il problema di guidare. Poi andai in cucina a preparare una bacinella di mohito per tutti. Quando tornai in giardino, Simo era sul divano altalena, parlava, accaldata, con le gambe lievemente allargate e la gonna corta un po’ alzata, si intravedevano le mutandine. Alex era seduto sulla poltrona in vimini davanti a lei e naturalmente guardava tra la sua gonna.
Dopo tutto quel vino, il mohito fu devastante: euforia ed ebbrezza ci presero tutti ed i discorsi divennero molto più diretti, il sesso ed il possesso diventarono l’argomento di conversazione.
Io ed Alex sostenevamo che il maschio era nato per possedere, anche grazie alla sua morfologia, può penetrare, può essere forte. Simo rideva di continuo, poi bevve un altro mohito e, completamente ebbra disse che ci avrebbe dimostrato che non era così.
Ancora quella strana luce nei suoi occhi, più forte del solito.
Sembrava una sfida, Alex probabilmente intravedeva una serata di sesso facile ed io ero ormai convinto che una delle nostre fantasie, il sesso in tre, si sarebbe avverata.
Accettammo la sua sfida.

Simo era visibilmente eccitata ed ora aveva uno sguardo terribilmente caldo e femminile.
Ancora un po’ di mohito e “da adesso farete solo tutto quello che vi dico io”, disse. Noi annuimmo e restammo a guardarla sull’altalena come rapiti.
Si sfilò le mutandine senza togliere la gonna, in un secondo era diventata la padrona della situazione, i nostri occhi non si staccavano dalla sua figa, bellissima e depilata, in vista.
“il sogno di ogni donna è sentire due uomini insieme che le baciano i capezzoli”, continuò e poi guardò entrambi.
Senza dire nulla ci sedemmo al suo fianco, le abbassammo le spalline della canotta e facemmo quello che ci chiedeva.
Era caldo, il suo profumo era forte, eravamo entrambi eccitati da dare di testa.
Poi volle che le baciassimo le gambe, e poi che io le toccassi il seno da dietro l’altalena e Alex si inginocchiasse con la testa fra le sue gambe, senza però baciarle la figa, poteva solo avvicinarsi col viso.
Era come una stregoneria, eravamo completamente in sua balia, sapevamo che avremmo fatto tutto quello che voleva lei, la sfida in fondo era stata solo un modo di iniziare a fare sesso, sapevamo entrambi che la situazione l’avrebbe gestita lei.
Poi di colpo si fermò, ci fece allontanare e ci fece di nuovo sedere sulle due poltrone in vimini davanti a lei.
Ancora quella luce nello sguardo, sempre più forte.
Un altro sorso di mohito, e quelle parole che scandì come se le avesse preparate da tempo
“Voglio vedervi fare sesso tra voi. Voglio vedervi toccare e leccare davanti a me. Voglio vedervi farlo bene, come due amanti. Se lo farete bene, tu Alex avrai un premio, potrai poi scopare con me.
E tu Enrico di premi ne avrai due, e saranno due sorprese, che non ti dico ora”
Silenzio. Per Alex fu facile dire rapidamente di sì, era bisex e ce lo aveva detto, per me no, non avevo mai fatto del sesso con un uomo.
Ma la voglia era troppa, l’alcol, l’atmosfera, i profumi, il desiderio che ci aveva creato, il pensiero di quali sarebbero state le sue sorprese.
Dissi anche io di sì, e lo dissi convinto, mentre lo dicevo sapevo che l’avrei fatto bene.

Ci fece distendere sul grande tavolone coperto da un enorme cuscino che c’era vicino all’altalena. Poi ci disse di spogliarci, a vicenda e quando fummo nudi disse ad Alex ti toccarmi il cazzo. Poi ci ordinò di scambiare i ruoli e fui io a toccarlo.
Era molto bello farlo davanti a lei che ci guardava: entrambi dovevamo stare attenti a non sborrare subito per l’eccitazione.
Poi mi guardò e disse “fagli un pompino, ma fallo bene”. Dipendevo completamente da lei, e lo feci subito. Mi piacque, mentre succhiavo quel cazzo giravo gli occhi per guardarla, e più la vedevo eccitata più mi comportavo io come una troia. Alex mi fece segno di andare più piano, rischiava di sborrare, e anche io pur senza toccarmi. Poi mi chiese di salire a cavalcioni sopra Alex e di strofinarmi sul suo cazzo come era solita fare lei con me. Poi mi chiese di chinarmi sulla sua bocca e disse a lui di mettermi la lingua in bocca. Incredibile, mi sembrava di aver fatto quelle cose da sempre, era naturale.
Mentre sentivo il cazzo di Alex strofinarsi sulle mie palle la guardai, si stava facendo un ditalino, stava avendo un orgasmo e ci guardava con tutta la voglia del mondo.
Si alzò, si avvicinò a noi e disse “siete stati bravi, siete due veri porci, adesso smettete di fare sesso tra voi, avrete il vostro premio”
Ci prese entrambi per mano, ci gettammo in piscina per rinfrescarci e poi con i bicchieri di mohito in mano la seguimmo verso la camera da letto.

“Tu Alex conosci il tuo premio, sei stato bravo e adesso mi potrai scopare. E anche tu Enrico sei stato bravo e adesso avrai la tua prima sorpresa. Distenditi sul letto!”
Non capivo, ma naturalmente lo feci. Aprì il cassetto, tolse 4 asciugamani leggeri e con il suo sorriso maledetto mi legò i polsi alla spalliera del letto e piedi al fondo.
A volte avevamo fantasticato su rapporti a 3, ma non immaginavo che premio potesse essere lo stare legato mentre lei scopava con un altro.
Ma fu quello che avvenne.
Chiese ad Alex di aiutarla a spogliarsi, lentamente, si stese sul letto al mio fianco e cominciarono a toccarsi, poi a baciarsi, poi a scopare. E tutto sempre secondo i suoi ordini, sembrava la più grande mignotta del mondo.
Ed io ero lì, mi rendevo conto che invece di infuriarmi ero attratto da quello che avveniva. La guardavo e godevo, vedevo il cazzo di Alex, che poco prima era nella mia bocca ed ora era nella sua, poi si strofinava sul suo seno, e poi entrava ed usciva in tutte le sue posizioni dalla sua splendida figa.
Un’altra volta ancora fui sul punto di sborrare pur senza toccarmi, cosa che essendo legato non avrei comunque potuto fare.
Simo venne due volte e Alex era arrivato in fondo, sussurrò che stava per venire.
“non dentro, voglio che mi sborri sulla figa, ma fuori. Capirai perché”
E Alex uscì e le sborrò un po’ sulla pancia e un po’ proprio a fianco delle grandi labbra.
Ancora una volta feci uno sforzo sovrumano per non venire.

Simo gli disse di stare lì sul letto, non andò a lavarsi e cominciò a slacciarmi gli asciugamani che mi immobilizzavano.
“ti è piaciuto, porco, te l’ho letto in faccia, e ora so che la mia seconda sorpresa ti piacerà”
Mi fece mettere supino sul letto, e si mise a cavalcioni sopra di me, senza appoggiarsi in equilibrio sulle ginocchia. Era accaldata, odorava di sesso, le vedevo gocce di sborra sulla pancia e sulla figa.
Vidi che Alex provava ad accarezzarle una gamba ma lei gli spostò la mano “ora devo premiare l’altro porco, tu stai lì buono”.
Io non capivo più nulla, avevo compreso già da prima di non poter decidere niente.
E ancora di più lo compresi quando, sottovoce mi disse
“ora mi leccherai la sborra di Alex dalla figa, me la pulirai per bene, e poi io ti piscerò addosso. Perché sei un porco, e te lo meriti”
Avrebbe potuto dirmi che voleva bruciarmi, non avrei potuto dire nulla, stavo per esplodere.
Mi mise la figa vicino alla bocca ed io prima le leccai via la sborra. Aveva un sapore dolciastro, strano, ma tutto sapeva di sesso prepotente. Lei si eccitò di nuovo moltissimo nel vedermi fare questo, la sua figa era fradicia e io mi ci attaccai quasi con violenza, volevo tutti i suoi umori, volevo il suo odore, volevo il suo sesso. La sentivo che si agitava sempre più, poi improvvisamente si sollevò sulle ginocchia e cominciò ad andare indietro, fino all’altezza del mio cazzo.
“Adesso ti piscio davvero sul cazzo, porco”. Sollevai un po’ la testa per guardare, e improvvisamente dalla sua figa aperta cominciò a scendere un rivoletto di liquido caldo e trasparente. Cadeva sul mio cazzo ed io persi completamente ogni controllo.
Senza che mi toccassi, un getto di sborra infinito uscì e si mischiò alla sua pipì.
E tutto fu veloce e inarrestabile. Simo stava per godere, e continuando a fare pipì scivolo sempre più su verso il mio viso. Mi stava ora pisciando sulla pancia, poi sul petto, poi sul collo, e le ultime goccioline arrivarono sul mio viso.
Mi avventai di nuovo con la bocca sulla sua figa morbida e la leccai furiosamente con la sensazione di non poter smettere. La sua figa sapeva di donna, di sborra mia, di sborra di Alex, di sesso, di dolcissima pipì.
Lei venne fortissimo e intanto mi presi il cazzo in mano e venni di nuovo anche io, a pochi secondi di distanza dalla prima volta.

Passammo tutti e tre una mezz’ora sul letto, a fumare e bere ancora mohito. Poi un bagno in piscina ed andammo a dormire nelle altre stanze dove i letti erano puliti.

Al mattino, Simo ed Alex erano ancora in bagno ed io preparai la moka del caffè per tutti.
Mentre lo facevo realizzai che quella note avevo fatto il miglior sesso della mia vita, e avevo avuto molte prime esperienze: la prima volta con un uomo, la prima volta a guardare la mia donna scopare con un altro, la prima volta legato, la prima volta che assaggiavo il sapore della sborra, la prima volta che una donna mi pisciava addosso, la prima volta che godevo due volte di seguito.

Bevemmo il caffè, senza parlare dell’accaduto ma senza minimamente vergognarcene.
Poi accompagnammo Alex al cancello di ingresso. Gli diedi la mano, Simo lo baciò sulla guancia e guardò entrambi…. “sempre convinti che siano gli uomini a possedere le donne perché hanno il cazzo e sono forti?”, chiese sorridendo.
E quella luce strana negli occhi era ancora lì.




Questo racconto di è stato letto 1 8 8 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.