A.N.A.L.E.

Scritto da , il 2020-06-27, genere prime esperienze

Grand Hotel E.R., notte fonda.
Nell’aria ancora il ricordo rumoroso di una grande festa.
Il pianista stacca irresistibili pezzi jazz, lo fa da ore, con in faccia l’espressione di quello che non lo sta di certo facendo per te. Suona per sé stesso o forse per qualche ricordo, vecchi strappi che solo la musica sa ricucire.
Me ne sto al banco del bar, il ragazzo dei cocktail pulisce bicchieri. A quest’ora nessuno chiede più da bere.
Nessuno a parte me, ovviamente.
«Me ne fai un altro?».
Il ragazzo dei cocktail sbuffa, magari la sua ragazza lo sta aspettando e lui è costretto a stare qui, per due soldi, a dar da bere a una donna insonne.
Quando si avvicina però, per darmi il bicchiere, l’occhio gli cade sempre sulle mie gambe accavallate, chissà se è questo che lo rende così inquieto.
Dovrei andare a dormire, la mia camera è proprio quassù al secondo piano, ma non ne ho voglia.
Ho addosso qualcosa, l’eccitazione elettrica del grande evento. Come una ragazzina emozionata per la sua prima recita scolastica. I genitori già ronfano soddisfatti e lei non riesce a smetterla di ripetersi la parte, bisbigliando nel buio.
Mi infilo una sigaretta fra le labbra, provo a cercare un accendino.
“Ehi pink_, che ci fai qui.. tutta sola?”.
“Poco sonno.. e molta sete..”.
“Sei triste?”.
“Triste?”.
“Ma sì.. ti dispiace non aver vinto neanche un premio?”.
Qui ci vuole una risposta ad effetto, poche parole che accendano qualche scintilla sul personaggio.
“In realtà voglio solo bere.. così potrò dare all’alcol la colpa di tutto quello che succederà stanotte”.
Ride ora la voce nella mia testa, di una risata quasi spettrale, poi sparisce nel nulla e resto di nuovo sola. La sigaretta ancora spenta e il bicchiere quasi vuoto.
«Me ne fai un altro?».
Mentre il ragazzo sbuffa di nuovo io mi volto, aprendo lo sguardo sulla grande sala ormai ricolma solo di fantasmi. Grandi addobbi scintillanti ondeggiano sulle note nere del pianista, tra poco anche lui finirà di suonare. Forse dovrei proprio andarmene a dormire.

“Signori e signori – ripete un’altra voce inesistente – benvenuti all’annuale edizione dei premi A.N.A.L.E.”.
Già, perché fino a qualche ora fa questa stanza pullulava dei più grandi scrittori erotici del paese, tutti riuniti per un evento mondano, di quelli che esigono lo smoking per gli uomini e la seduzione per le donne.
Quando ho ricevuto l’invito, mesi fa, ho pensato a una burla, con quell’acronimo bizzarro stampato a lettere dorate sulla lettera. “Le comunichiamo che l’Accademia Nazionale degli Autori di Letteratura Erotica ha selezionato uno dei suoi testi come finalista per il premio al Miglior racconto”.
In realtà ho poi scoperto che le nomination erano due; l’altra, evidentemente minore, è per il miglior testo categoria Prime Esperienze, un genere un po’ di nicchia a dire la verità.
Ma il mio primo pensiero, mentre stringevo incredula quella lettera fra le mani, non è di certo stato per i premi. Ho capito che avrei potuto finalmente dare un volto a tutti i nickname che abitano il sito. Il secondo pensiero è stato quindi quello più impellente: che vestito mi metto?

La cerimonia ha avuto luogo in un grande teatro, dove sono arrivata a bordo di una limousine messa a disposizione dall’Accademia. Ho avuto il cuore in subbuglio per tutto il tempo, sfilando sul red carpet, fra i flash dei fotografi e le urla dei fans a cui ho dedicato i miei sorrisi più accesi. Chi lo avrebbe mai potuto immaginare che scrivere storielle piccanti mi avrebbe portata a questo?
Il primo incontro l’ho fatto lì, in mezzo alla folla in festa, scesa anche lei da una macchina scura, avvolta in un abitino mozzafiato blu elettrico, ci siamo corse incontro per un grande abbraccio e poi ci hanno chiesto di posare insieme per una foto: pink_ e LovelySara, finalmente insieme, sulla scalinata rossa del Gran Teatro.
Dopo mille e più ripensamenti ho scelto il mio vestito: un abito lungo, con scollatura generosa e un grande spacco laterale, lo stesso che adesso fa sbuffare il ragazzo dei cocktail.
Il mio vestito è rosa, ovviamente. Chissà, forse avevo ingenuamente paura di non essere riconosciuta, una festa simile è soprattutto una gara di vanità, perché negarlo.
Con la mano stretta a quella di Lovely mi sono lasciata inghiottire dal foyer, abbiamo trovato i nostri posti e ci siamo sedute guardandoci come due adolescenti eccitate per il ballo di fine anno.
Senza di lei accanto non ce l’avrei mai fatta. Senza di lei, non avrei neanche iniziato a scrivere.
Il resto della cerimonia si è svolto alternando lunghe attese e grandi applausi rivolti agli scrittori premiati che si sono avvicendati sul palco sciogliendosi in ringraziamenti e discorsi di circostanza.
Ho provato un brivido, quando ho sentito scandire il mio nome fra le nomination, ero convinta che non mi avrebbero premiata e per tutto il tempo ho continuato a pensare solo una cosa: Sorridi. Lo stesso.
E così è stato, mentre qualcun altro saliva sul palco al posto mio, ho sorriso battendo forte le mani. Magari a me toccherà il prossimo anno.
Non ero così interessata ai premi, lo dico sinceramente, ma è inevitabile che quando ricevi una nomination una parte di te inizi a sperarci.
Nell’oscurità della platea ho provato soprattutto a intercettare le facce, dando gomitate a Sara ogni volta che mi sembrava di riconoscere qualcuno. Ci hanno anche rimproverate con un secco “shhhh, silenzio”, che ci ha fatte arrossire sghignazzando.
Il programma della serata prevedeva poi una grande festa, dopo le premiazioni, un gala che si è svolto proprio qui, in questa sala ormai vuota.
La solita limousine ci ha portate via da un altro bagno di folla e dopo un necessario passaggio in camera per rifarci il trucco abbiamo fatto il nostro ingresso nel gota degli autori.
Continuavo a essere nervosa, nascondersi dietro i racconti è terribilmente più semplice che mostrarsi agli occhi curiosi di chi ha letto quelle storie e chissà come ti ha immaginata.
«pink_!!!!» mi sono sentita chiamare appena entrata vedendo una splendida donna corrermi letteralmente incontro. Ci siamo abbracciate forte e in quel calore ho riconosciuto l’affetto di Alba17, raggiante nel suo abito rosso. È stata lei a prendermi sottobraccio per introdurmi alla serata mentre Lovely era già preda dei suoi tanti lettori.
«Non avrai esagerato con questo vestito?» mi ha detto Alba squadrandomi divertita.
Ho fatto lo stesso anche io, il rossetto sulle sue labbra sembrava brillare ipnotico.
«Quello è MrGwyn» ha esclamato poi, indicando un uomo in disparte, accanto alla finestra, un grosso sigaro fra le labbra, l’espressione da lupo solitario, forse poco avvezzo a una tale mondanità. Si è voltato a guardarmi con occhi improvvisamente accesi, a cui ho risposto chiudendo appena i miei, mostrando infinita gratitudine per tutte le belle parole che mi ha sempre dedicato.
Un folto gruppo occupava il centro della sala, tutti evidentemente interessati a qualcosa o a qualcuno. «Che succede?» ho chiesto subito alla mia accompagnatrice. Lei ha solo sorriso, invitandomi ad avvicinarmi per vedere meglio.
Con addosso uno striminzito e irresistibile vestito nero che mostrava due gambe infinite issate su tacchi vertiginosi se ne stava lì al centro Malena N, presa d’assalto da tutti i suoi sostenitori. Avrei tanto voluto salutarla, scambiare con lei quattro chiacchiere ma mi è stato impossibile. Ho fatto giusto in tempo a farle ciao con la mano, mi ha risposto strizzando un occhio, chissà se ha capito che ero io.
«La serata è bella ma la musica non mi pare proprio all’altezza» ha detto una voce alle mie spalle, un commento che mi ha illuminata, rendendomi subito chiaro da chi provenisse.
«Hermann Morr!» ho pronunciato voltandomi, poi ci siamo salutati con i due classici baci a sfiorare le guance. Siamo rimasti a discutere, mentre Alba si allontanava richiamata da qualcuno dei suoi tanti fans. Me ne stavo lì, rapita ad ascoltare Hermann che raccontava storie di vecchie canzoni, non ci posso fare niente, ho sempre avuto un debole per gli esperti di musica. E pensare che all’inizio, quando ci siamo conosciuti, mi inquietava un po’, non riuscivo mai a decifrarlo. «Beviamo qualcosa?» gli ho detto a un certo punto, iniziavo ad avere una certa sete e un bicchiere fra le mani è sempre un buon modo per sfuggire ai momenti d’imbarazzo. Nonostante tutto quello che si possa dire su di me, resto una timida cronica.
Al banco del bar ho intravisto altre due facce note, il caro Senzaidentità, con l’immancabile grande fiore all’occhiello e Tibet, anche lui impeccabile nel suo completo scuro.
Parlavano fra loro, avrei voluto salutarli ma il mio imbarazzo mi ha bloccata, non mi hanno mai offerto la loro confidenza e non ho voluto insistere troppo. Mi sono sempre chiesta il perché e la risposta più probabile alla mia domanda è che, banalmente, le mie storie non sono di loro gradimento.
È una cosa normale, credo, “piacere a tutti” è una condizione che di certo non fa per me, mi sono limitata a fare ad entrambi un gran sorriso che hanno contraccambiato da autentici gentiluomini.
Nel frattempo io e Hermann siamo stati raggiunti da altri guasconi, molto più disinvolti e desiderosi di salutarmi. Thomas si è addirittura inginocchiato per un baciamano, indugiando, con le labbra, più del dovuto. «È un’ingiustizia – ha dichiarato fissandomi – l’Ispettore Sánchez avrebbe meritato di vincere!», sono scoppiata a ridere e l’ho ringraziato, invitandolo a rialzarsi in piedi per un meno impegnativo abbraccio caloroso.
Greg74 e Lucido De Lirio hanno fatto lo stesso, riempiendomi di complimenti per il vestito, senza lesinare gli sguardi alla scollatura. Da qualche parte dentro di me il mio orgoglio femminile ha iniziato a saltellare di entusiasmo. Li ho sempre adorati entrambi, i loro commenti mi hanno trasmesso sempre delle splendide sensazioni, così come i loro occhi curiosi.
Abbiamo iniziato a chiacchierare, tutti insieme, fra brindisi e risate, vecchi ricordi e nuove curiosità, soprattutto nei miei confronti. Mi sono ritrovata braccata da tutti quei maschi, situazione che, a dirla tutta, non mi dispiaceva poi così tanto. Nel frattempo intorno a noi era tutto un vociare, complimenti festosi agli autori premiati, applausi scroscianti per ogni nuovo ingresso nella sala. Iniziavo a sciogliermi, anche grazie al secondo giro di bevute invocato a gran voce dai miei compagni.
Finché una nuova voce si è fatta largo in mezzo a tutto quel baccano insinuandosi nel nostro gruppetto di amici. «Vi dispiace se vi porto via questo splendore?».
L’ho riconosciuta subito, avevo una gran voglia di incontrarla, da sempre ho avvertito una sorta di feeling tra di noi, un’intesa dipanata attraverso una lunga serie di splendidi commenti.
«Paoletta80» ho esclamato in preda all’emozione!
«Ciao pink(underscore) vieni, facciamo due passi».
Guardandola camminare, davanti a me, mi sono persa lungo le linee della sua schiena nuda, scoperta da un vestito scintillante e tremendamente sensuale.
«Devi stare attenta!» mi ha detto appena siamo rimaste sole.
«A cosa?» ho chiesto io visibilmente stupita, quando bevo troppo faccio sempre un sacco di gaffe. Ne avevo già combinata una delle mie?
«In queste occasioni – ha spiegato lei – i premi sono solo una scusa, il vero motivo per cui molti vengono qui è per imboscarsi con qualche autore o qualche autrice».
Sono rimasta a bocca aperta per non so quanto tempo ed è stata lei a continuare il discorso «Se proprio vuoi fare follie stanotte.. vedi almeno di scegliere bene!».
Per un attimo solo ho letto in quello sguardo, l’azzardo di una folle proposta. Forse avrei dovuto semplicemente limitare i miei drink.
«Due belle ragazze che si guardano, così intensamente, quale miglior incipit per un bel racconto erotico?» ha esclamato l’ennesima voce amica.
«MrGwyn! – gli ha risposto Paoletta – pensavo volessi restartene in disparte tutta la sera».
«Mi muovo solo quando c’è qualcosa per cui valga la pena farlo» ha risposto lui guardandoci con estremo interesse.
Ho baciato le sue guance per poi essere trascinata via da Paoletta «Andiamo dai, ti faccio salutare qualcun altro».
La mia nuova accompagnatrice mi ha presentato a Semiramis e inception, altre due splendide donne e autrici che conosco poco. Qualcuno, non so più chi, mi ha offerto un altro bicchiere e, dopo un brindisi, sono rimasta per un po’ a parlare con le due nuove conoscenze. Lo schiocco di un fugace bacio sulla spalla mi ha fatta voltare «PifferaioMagico!» ho detto a gran voce. «Ciao bellezza» ha risposto lui prima di stringermi in un forte abbraccio. «Che fine hai fatto? Non ti ho più letto».
Il caro Piff si è limitato ad alzare le spalle per poi sparire tra la folla, non prima di avermi strizzato l’occhio.
«Mantenere l’ispirazione sempre alta è praticamente impossibile» ha fatto una nuova voce in quella giostra di incontri che iniziava a darmi alla testa più dell’alcol.
Era il caro Concept, anche lui scomparso da un po’, abbiamo scambiato due chiacchiere mentre Paoletta e le altre si allontanavano per salutare altra gente.
«Buonasera pink_» ha esclamato un altro uomo elegante, il presidente della giuria che assegna i premi A.N.A.L.E., il signor verificatore, la penna più affilata fra i commentatori di ER.
«Ti diverti?» ha chiesto guardando il mio vestito. «Ci provo» ho risposto per poi salutarlo con un mezzo inchino.
Iniziavo ad avere caldo, avevo bisogno di aria fresca, mi sono diretta al grande terrazzo dell’Hotel. Per un po’ ho lasciato vagare i miei occhi nell’oscurità. Il contrasto fra le temperature mi ha sciolto un brivido fra le spalle nude, ho ripensato alle parole di Paoletta.
Un’altra figura femminile se ne stava lì a guardare il niente, mi sono avvicinata piano temendo di disturbarla.
«Ciao Ambra».
«Ciao pink_ – mi ha risposto con un’espressione piena di affetto – ti hanno già messa in guardia sulla serata?».
Ho fatto uno sbuffo da ragazzina, possibile che dia a tutti l’impressione di essere una preda così facile?
Ci siamo scambiate un po’ di confidenze, in quell’intimità improvvisa. Le ho detto quanto adoro le sue storie e lei ha ricambiato in un gioco di reciproca e sincera ammirazione.
«Come hai deciso di concludere la tua serata?» mi ha sorpresa all’improvviso.
«Devo ancora.. decidere..» ho chiosato io, notando una scintilla fugace nel suo sguardo.
Rientrata nella grande sala ho continuato ad alternare bicchieri e saluti in un ottovolante di emozioni, fra vecchie conoscenze e nuovi incontri. Ho incontrato Flame, Patrizia V. e isella899 anche loro bellissime nei loro vestiti eleganti.
Greg e Delirio sono tornati alla carica trascinandomi al centro della sala per uno strambo e improvvisato ballo a tre, stringendomi in un languido abbraccio che mi ha fatta ridere ancora più forte. Mi sentivo una bambola, preda della festa, volteggiavo e un paio di volte ho rischiato di dare spettacolo sollevando la gonna più del dovuto. Non so neanche come ma a un certo punto mi sono ritrovata fra le braccia di Luthien e fra i cori di incitamento abbiamo preso a muoverci, inscenando un ballo saffico che ha scatenato la folla. Ogni tanto qualche vecchia conoscenza mi passava accanto, donandomi un bacio o un semplice sorriso, Himi, Ulysse, Carlo Carli, angelo, Hurricane, CallMeIshmael, Giangitestardo, Cla85, Hentive, Locke Cobra, la cara Cassandra con cui avrei voluto chiacchierare un po’ di più. Sono riuscita a salutare di sfuggita la splendida LilyLuna87, il mio “fratello di nick” Mister Pink, Aristaios, Zefiro, LadyE, Ellie, scopertaeros69, Micbol, Idea Clito, Vicentino Grey, Robert750, Martina, Torello, Bracciobeast, Carbolatente, il primo, in assoluto, ad apprezzare le mie storie. Per ogni nome un sorriso di immenso ringraziamento, per aver condiviso con me l’emozione di una scena, un passaggio o un dettaglio nato dalla testa di uno sconosciuto finito chissà come a incendiare i sensi di un altro. Mi sono rammaricata per l’assenza di Saretta, e renart, fra le mie penne preferite.
Ho continuato a girare come una trottola e in quella danza sfrenata ogni tanto una mano, si avvicinava per accarezzarmi il fianco, una voce, improvvisamente vicina, mi invitava a trascorrere la notte insieme. Ridevo continuamente, forse sono davvero una facile preda, pensavo, nel centro caldo di quella grande festa che è stata soprattutto la festa del cuore e adesso sono qui, da sola.

Il ragazzo dei cocktail se n’è andato poco fa, non prima di avermi versato l’ultimo bicchiere. Per ringraziarlo ho concesso ai suoi occhi un’ulteriore visuale sulle mie cosce, scoperte dallo spacco. Non è la tua serata ragazzo, sei carino, magari ti userò in qualche storia prima o poi ma non stasera.
Anche il pianista è scomparso, il suo pianoforte troneggia al centro della sala, in un silenzio che sembra ora eterno.
Forse è arrivato anche per me il momento di andare a dormire, prima però c’è un’ultima cosa che voglio fare. Una cosa che può sembrare un po’ sciocca ma stasera mi sento incredibilmente leggera, posso concedermi anche un piccolo stupido regalo.
Mi avvio verso il centro della sala, mi guardo il vestito e penso che una donna con un abito del genere non può non sedersi sulla superficie lucida di un pianoforte a coda; sarebbe un torto alla bellezza, al sogno, all’infinita serie di immagini che tormentano la testa di chi scrive e il cuore di chi legge. La letteratura è uno specchio invisibile, autori e lettori si incontrano proprio lì in mezzo, in quel riflesso di parole che confonde ogni percezione, una donna seduta su un pianoforte a coda esiste solo nel momento in cui ci sono occhi che ne leggono la meraviglia.
Faccio forza sulle mani e in un oplà sono quassù, mi sparo anche un paio di pose da diva, magari sarà tutto quello che ho bevuto, magari sarà questa incredibile voglia di leggerezza.
«Ciao scrittrice».
Stavolta la voce non arriva dalla mia testa, è reale e risuona dal fondo oscuro della grande sala. Una voce che riconosco immediatamente.
«Ciao “collega”» rispondo sorridendo. L’idea di non essere l’unica ancora sveglia a quest’ora mi conforta.
«Non sembri stupita di vedermi qui» dice senza smettere di fissarmi.
No che non lo sono, sono stata io a farti capire che sarei rimasta ad aspettarti, forse non sono poi così ingenua.
Quella voce risuona ora più vicina, su passi lenti e misurati.
«È incredibile!»
«Cosa è incredibile?» chiedo io indagando il buio alla ricerca del suo volto.
«È incredibile come tu somigli a tutte le protagoniste delle tue storie anche quando sono tanto diverse tra loro».
Abbasso timidamente lo sguardo, colpita da un complimento che mi sembra davvero meraviglioso.
«Sono solo personaggi – provo a rispondere, mentre i miei piedi oscillano nel vuoto – proprio come me e te in questo momento. Solo due esseri di luce che si muovono fra le righe di un racconto erotico».
Ormai è davanti a me, niente più nasconde i suoi occhi, che brillano dentro ai miei. Piego un po’ il collo, mi lascio guardare, avvolta dal rosa acceso del mio vestito.
«Beh – continua a interrogarmi – e cosa prevede, adesso, la trama del tuo racconto?».
«Adesso – rispondo misurando gesti e parole – è decisamente il momento perfetto per un Colpo di scena».
Poi lo faccio, muovo le gambe, separandole fra loro, sollevo il piede e lo porto sul pianoforte spalancando le cosce, proprio davanti ai suoi occhi.
La linea conturbante che parte dal tacco a spillo procede morbida sulla caviglia, si gonfia appena sul polpaccio, fa un respiro nell’incavo del ginocchio e usa l’interno coscia per lanciarsi, in picchiata, verso la visione fiammeggiante della mia fica nuda, già umida e pulsante, chissà da quanto tempo.
Rosa rosa di carne rosata.
La resa, in prosa, di una verticale dolce risata.
«Proprio come nei tuoi racconti, una delle tue scene chiave, qualcosa che arriva da te, dalla tua testa, dalla tua seducente fantasia».
Parla, vuole continuare a farmi dei complimenti ma in questo momento niente mi appaga di più della sua voglia, dipinta a tinte forti nei suoi occhi di brace.
Nessuno dice più niente, eppure, il frastuono dei nostri cuori è assordante.
Un ultimo istante di attesa che è forse il momento più intenso di questa serata indimenticabile. La sospensione, piena di eccitazione, i corpi, che si cercano attraverso trame invisibili.
Poi le sue ginocchia crollano, schiave dei nostri desideri. Il suo viso si insinua fra le mie gambe sparendo dalla mia vista. Il lieve rumore del suo respiro mi suggerisce che mi sta annusando, dopo aver letto per anni le mie storie ora si riempie la testa del mio odore. L’odore di pink_.
Quando le sue labbra si posano sulle mie emetto il primo gemito, percossa da un sibilo elettrico di godimento. Un bacio, intimo e delicato, poi un altro e un altro ancora fino a sciogliere tutti i miei umori che colano sul suo viso.
Un bacio più intenso si schiude sul clitoride gonfio, tremendamente voglioso di essere assaggiato.
Eccola, la lingua che lo avvolge togliendomi il poco di fiato rimasto, ecco il piacere che si irradia nel mio corpo offerto alla tua degustazione.
Ti piace, vorrei dirti adesso, ti piace la fica calda di pink_?
Anche se non te lo chiedo sai bene come rispondermi, iniziando a disegnare arabeschi lussuriosi in punta di lingua, percorrendo le labbra umide dal basso verso l’alto e poi di nuovo giù, torturandomi la pancia.
Rido, regalandoti tutta me stessa, qui, su questo pianoforte silenzioso. La Musica sono io, adesso, suonami ancora, ti prego!
Leccare una donna è una danza misteriosa, una coreografia che alterna passi lenti a cavalcate furiose e tu dimostri di conoscere fin troppo bene quest’arte sopraffina. Sto per goderti in faccia, sto per sporcarti di me.
Ora acceleri, succhiandomi il sangue dalle vene, ora mi accendi scopandomi il cuore, ora ci dai dentro fra le cosce tese che iniziano a tremare.
Ora che qui, davanti a questo computer, godo scrivendo di noi, con le mani bagnate a sporcare la tastiera, la stessa con cui ho raccontato le storie che hanno dilaniato i tuoi sensi. Ora che mi ritrovo a scrivere le ultime righe con una sola mano, mentre l’altra inventa la tua lingua, accarezzandomi la fica.
Questo folle racconto non può che finire così, con l’orgasmo feroce che mi spezzerà la voce appena avrò scritto la parola
fine.

Questo racconto di è stato letto 5 0 0 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.