Il tacco rotto

Scritto da , il 2020-06-21, genere feticismo

Con quel caldo micidiale i sampietrini roventi della piazzetta assolata sembravano ondeggiare in un liquido tremolio. Dall’interno della bottega, nascosto nella frescura dell’aria condizionata, Il Signor Alberto divideva i suoi sguardi tra il libro che teneva fra le vecchie mani rugose e la vetrina per scorgere qualche segno di vita al di là del vetro, senza troppe speranze: troppo afoso quel pomeriggio di fine luglio perché qualcuno decidesse di affrontare la canicola per venire a farsi risuolare le scarpe.

Mentre si concentrava su un passaggio particolarmente interessante carezzandosi con una mano la barba ormai più sale che pepe, sentì il tintinnio del campanellino appeso sulla porta, che avvertiva dell’ingresso di un cliente: alzò lo sguardo dalla lettura e si preparò all’usuale cortese saluto, ma prima che il “Buongiorno” uscisse dalle sue labbra, il suo cuore ebbe un tuffo.

Lunghi capelli ondulati, neri come la notte, incorniciavano, leggermente appiccicati alla pelle accaldata, un viso dall’ovale perfetto su cui sbocciava una bocca rossa e morbida, che si aprì in un sorriso dai denti bianchissimi. Il leggero vestito, nero con grandi fiori rossi, si apriva a corolla su un paio di gambe abbronzate e nervose, che terminavano in due piedini fasciati da sandali con tacco vertiginoso. La donna fece un primo passo, leggermente zoppicante, in direzione del bancone.

- Chiedo scusa, potrebbe aiutarmi? Ho messo un piede in fallo nel selciato e mi si è rotto un tacco. Non riesco proprio a camminare, con questo caldo poi… credo mi si stia gonfiando la caviglia…

Con uno scatto il vecchio gli si pose di fianco, porgendole cavallerescamente il braccio e scortandola verso l’unica poltroncina, una vecchia Vanity Fair in cuoio marrone leggermente consunta, posta in un angolo del laboratorio, e dopo una breve occhiata intorno a sé, avvicinò il piccolo pouf che usava fare da poggiapiedi alla signora in nero.

- Prego, signora, poggi pure il piede qui sopra, lo tenga un po’ sollevato mentre le prendo qualcosa per la caviglia.

Il suo profumo, una delicata miscela di rosa, ambra e miele, gli invase le narici, provocandogli un vago stordimento, mentre posizionava il poggiapiedi proprio davanti a quella meravigliosa creatura.

Alberto volò verso il retrobottega, fortunatamente nel piccolo frigobar teneva sempre un sacchetto del ghiaccio pronto per qualsiasi evenienza, gli era capitato spesso di doverne fare uso per un piccolo strappo, o una contusione, maneggiare pacchi alla sua età stava diventando uno sport estremo.

Al suo ritorno la visione della donna, ancora accaldata, che sventolava delicatamente con dita sottili l’orlo della gonna per farsi aria al viso, mostrando qualche centimetro di pelle serica delle cosce abbronzate, il piedino affusolato poggiato sul pouf, avvolto nelle sottili stringhe del sandalo, dalla pelle levigata e abbronzata lo inchiodò per un attimo, trascinandolo all’improvviso in ricordi rimasti a lungo sepolti nella memoria.

La voce della donna lo risvegliò dal torpore: - la ringrazio, è molto gentile… posso approfittare ancora e chiederle di slacciare il cinturino e sfilarmi lei la scarpa? Mi fa così male… - proseguendo a sventolarsi, senza curarsi di scoprire ancora di più le gambe nude: al Signor Alberto parve quasi di intravedere per un istante l’orlo in pizzo di un paio di mutandine nere.

L’uomo, faticando a scacciare quella immagine dalla sua mente, si inginocchiò davanti al piede sottile, dalle piccole dita laccate di rosso, e lentamente sciolse la caviglia dalla morsa del cinturino, sfilando con dolcezza il sandalo e osservandone il tacco desolatamente spezzato a metà.

- Eh, signora mia, la caviglia è un po’ gonfia in effetti, tenga su questo ghiaccio per un po’, le darà sollievo.

- È proprio un guaio! – sospirò la donna, portandosi leziosamente le mani ai capelli, quasi a raccoglierli in una coda e liberando così il collo sottile dalle ciocche umide di sudore, e contemporaneamente assestandosi sulla poltroncina, strofinando fra loro le ginocchia congiunte e portando ancora più su l’orlo della gonna. A quel movimento una nuova ondata di quel dolce, decadente profumo colpì le narici del Signor Alberto, che, instabile su un ginocchio, barcollò lievemente.

- Ma comunque la scarpa si può aggiustare?

Lo stesso profumo, lo stesso piede di velluto di cinquant’anni prima…

- Il tacco è spezzato signora, posso provare a sostituirlo, ma dovrò lavorare su entrambe le scarpe o si noterà la differenza…

- Che belli i quadri appesi a quella parete!

- Sono fatti con i piedi.

- Io li trovo deliziosi.

- Oh, no, signora, non intendevo dire che son brutti: no, no, sono proprio eseguiti con i piedi! Sono di una pittrice che imprimeva macchie di colore sulla tela, quasi danzando sopra di essa in punta di piedi. È affascinante cosa riusciva a fare con i piedi! – dopo quelle parole si ammutolì, conscio della sconcezza dei ricordi che iniziavano ad affastellarsi alla mente.

- Oh… davvero interessante… che maniera inusuale di dipingere! Ora che me lo ha detto mi piacciono ancora di più! – e mentre parlava, muoveva delicatamente il piede in su e in giù, inarcando il collo e allargando ritmicamente le dita, per controllare la mobilità della caviglia sotto il sacchetto del ghiaccio. Quelle piccole, dolci dita perfettamente allineate, meticolosamente smaltate del colore del fuoco della passione…

Il Signor Alberto sfilò anche la seconda scarpa dal piede della donna, sfiorando impercettibilmente la curva del piede con le dita, proprio come quando le sfilava a lei, pregustando di prendere quei delicati, piccoli dolci oggetti del suo desiderio fra le mani, per avvicinarli al viso, inspirarne l’aroma, carezzarli con la punta della lingua e poi succhiarne tutte le piccole dita ad una ad una…

Il Signor Alberto si sollevò in piedi, e si avviò verso il banco di lavoro, iniziò a cercare tra i vari cassetti dei tacchi che fossero compatibili con i sandali da riparare.

Quei piedini così aggraziati, così simili ai suoi! Scalza, con i polpacci di seta, tesi per stare sulle punte, i neri capelli sciolti e arruffati sul perfetto ovale del viso acceso dalla passione, le labbra rosse, calde, umide, gli occhi brillanti e maliziosi, mentre con piccoli balzi veloci si avviava verso la porta del negozio, per girare velocemente la chiave e chiudere il mondo al di fuori – guardò verso la porta e una fitta gli attraversò il cuore – e ridere e fare l’amore, ovunque, accaldati, sudati, con la sua pelle profumata, sul bancone, sul pavimento, ovunque… giovani, folli, innamorati…

Nel giro di poche decine di minuti i sandali della donna in nero furono riparati e lucidati dalle mani esperte del Signor Alberto, che si apprestò subito ad aiutarla a reindossarli, riallacciando gentilmente i cinturini intorno alle sottili caviglie della donna.

- La caviglia va già molto meglio, la ringrazio infinitamente per il suo aiuto…

- Si figuri, Signora, è stato un piacere.

Ricordi del medesimo profumo di miele ambrato che prorompeva dalle cosce spalancate su quella stessa poltroncina, i tacchi dondolanti sulle punte dei piedi arricciati, mentre con l’irruenza della giovinezza voluttuosamente tuffava il viso, suggendo e leccando ogni stilla di piacere che sgorgava tra i gemiti, inspirando quanto più possibile l’inebriante odore di femmina che dava alla testa ancor più del vino bianco di cui erano rimasti solo i calici vuoti sul tavolino di fianco.

- Quindi lei conosce l’autrice di questi quadri? È davvero brava.

L’aiutò a rimettersi in piedi porgendole il braccio, e l’accompagnò verso il bancone.

- La conoscevo, si. Aveva un grande talento.

La donna in nero sorrise, mentre pagava per il servizio sfiorò la sua vecchia mano rugosa, e ringraziandolo ancora una volta si accomiatò.

E nel momento in cui la chiusura della porta terminava il suo scampanellio, il Signor Alberto riguardò i quadri appesi alla parete, carezzandoli con lo sguardo, ne prese uno tra le mani, e giratolo, lesse: “al mio unico amore, mio marito Alberto. Tornerò sempre da te”.

Sospirò, e riprese a leggere il suo libro.

Questo racconto di è stato letto 2 5 3 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.