Nikita 2020

Scritto da , il 2020-06-20, genere pulp




Incontrare quella ragazza era l'ultima cosa che McQueen avrebbe voluto fare. Portava sfiga: era stata causa, inconsapevole quanto cazzo vuoi, di uno dei peggiori disastri della sua carriera. Non c'era più nulla da fare e sarebbe stata solo perdita di tempo.
McQueen odiava sentirsi in dovere ed odiava quella ragazza che rompeva i coglioni da sei mesi, inseguendo ed implorando Mankell e Carvalho. Quello stronzo di suo padre le aveva passato i loro contatti. Cosa sperava quella stupida? Lui non era capace di provar pena per nessuno; non poteva rassicurarla né consolarla. O sperava forse che la vendicasse? Che cazzo credeva?, era solo una delle centinaia di vittime di una guerra senza quartiere: né la prima, né l'ultima.
Però era già a San Diego ed avrebbe avuto una mezz'ora libera quella domenica mattina: decise che tanto valeva conoscerla ed ordinò d'andarla a prendere. Rilesse velocemente il dossier che conosceva a memoria: le avevano concesso asilo politico e l'avevano inserita nel programma protezione testimoni, anche se non aveva nulla da offrire, perché Alicia Ramirez era figlia di un suo agente o, meglio, orfana di uno dei suoi migliori uomini, ch'era stato rapito, torturato ed ucciso col resto della famiglia. S'era salvata solo lei: oltre al padre le avevano scannato madre e sorella. McQueen aveva la nausea e si sentiva vecchio; l'effetto domino aveva scardinato mezza America Latina ed ora si doveva ricominciare da zero.
Il palazzo era deserto. Sentiva avvicinarsi i passi dell'agente nel corridoio, ma non quelli della ragazza. Per un attimo sperò che non l'avessero trovata. Invece entrò.
Non la salutò, McQueen non sprecava le parole. La radiografò e tempo due secondi cambiò idea sulla puttanella: poche persone l'avevano sorpreso quanto quella ragazza. Indossava una maglietta sudata e dei leggings aderenti. Ai piedi aveva delle scarpe da ginnastica sformate da chilometri di corse. Gli occhi luminosi, seminascosti dai riccioli neri, non erano intimiditi; era abituata agli sguardi indagatori degli uomini e pareva che non le interessasse essere bellissima. Era uno schianto quella figliola, alta coi fianchi sottili ed i seni in fiore; trasudava sesso da ogni poro e gonfiava i coglioni. Ma non era certo questo ad aver risvegliato l'attenzione della vecchia lince; quella ragazza aveva le palle. McQueen ne intuì la forza, la tenacia e la ferocia di chi ha già perso tutto e non teme di perdere anche il resto.
La osservò a lungo senza muovere un muscolo del volto; si ricordò d'aver letto, fra le decine di rapporti della psicologa, che la ragazza aveva manifestato forti impulsi autodistruttivi già prima della tragedia. Aveva avuto, ancora giovanissima, un'intensa e travagliata vita sessuale; nei rapporti cercava umiliazione e sopraffazione e, dopo la morte della sorella, anche violenza e dolore. Allora McQueen aveva derubricato il tutto sotto la voce 'puttana', ma ora temeva d'essere stato troppo sbrigativo.
Alicia ruppe il silenzio:“Ero in palestra, non ho fatto tempo a cambiarmi.”
Le fece cenno di sedersi e mandò via l'agente. “Ho solo dieci minuti: cos'hai bisogno?”
“Del suo aiuto.” Rispose dopo un paio di secondi. McQueen era più vecchio di come Alicia se l'era immaginato: era molto grosso, col torace enorme ed i bicipiti che tendevano le maniche della camicia. Pareva duro come la roccia. Del volto notò solo la cicatrice sul labbro superiore ed i denti troppo regolari. Forse aveva i capelli bianchi, ma poteva anche essere del tutto calvo, sicuramente gli occhi erano azzurri. Di lui non ricordò altro, se non l'inquietudine che trasmetteva.
“Sei qui.” Disse seccato, ma subito provò qualcosa simile ad un rimorso ed aggiunse: “... sarò sempre in debito con tuo padre, ma non mi sento in colpa: sapeva cosa rischiava. Dimmi.”
“Deve aiutarmi ad incontrare Nabkin.”
McQueen sorrise deluso. “E perché vorresti incontrarlo?”
La ragazza si stupì della domanda. “Ma per ucciderlo, no?”

Alicia s'era ripetuta per mesi il discorso che avrebbe voluto fargli, ma di fronte a McQueen si sentì improvvisamente stupida e fu capace solo di farfugliare: “Io non desidero altro, devo ucciderlo, deve pagare... farò tutto quello che mi dirà, m'aiuti... ci pensi, la prego, non la sto prendendo in giro.” Il vecchio la guardava inespressivo, forse non l'aveva nemmeno ascoltata. La ragazza si pentì della figura di merda: “Mi scusi, non dovevo...” S'alzò scornata.
“Siediti stronzetta.”
McQueen esultava intimamente per l'occasione incredibile che gli si era presentata ed allo stesso tempo era diffidente. Sospettava della ragazza troppo giovane, troppo motivata, troppo scossa emotivamente, troppo bella... troppo tutto. Era la sua regola d'oro sospettare di tutti fin dall'inizio e poi continuare a non fidarsi. Eppure era sempre più convinto che quella figa avesse veramente dei numeri; a lui bastava uno sguardo per valutare una persona e molto difficilmente si sbagliava. In trent'anni di lavoro aveva arruolato centinaia d'agenti e ben pochi l'avevano poi deluso.
“Jurij Nabkin merita di morire, ma io non mi occupo solo di lui.” Mormorò.
Alicia capì. “Io cerco lavoro... farei domanda.”
“Vuoi entrare nell'agenzia?... Non avrai più una tua vita.”
“L'ho già persa.”
McQueen rise: “No amica, no! Non giocare alla povera verginella con me!... a proposito, ora chi ti scopa?” La spiazzò.
“?!... sto con l'istruttore di nuoto.” Rispose cercando di mantenere un tono neutro “... ho anche degli amici, ma...”
“Non annoiarmi, non abbiamo tempo per conoscerli tutti! So che ti sbatte anche il padrone di casa... Perché m'hai cercato? È stato tuo padre a parlarti di me?”
“Sì, all'aeroporto, m'ha detto ch'eri il suo capo... aveva paura per me, m'obbligò a partire immediatamente. La mamma m'avrebbe raggiunta a Miami il giorno dopo... con Esther, mia sorella.”
“Già, prima doveva salvare te da Enrique Vicario... raccontami 'sta storia.”
“Non avevo capito nulla! Pensavo solo a me stessa e credevo d'essere l'unica in pericolo... M'ero innamorata di Enrique come una scema, mi piaceva: per me era il mio io primo vero uomo, ma aveva il doppio dei mie anni ed i miei si spaventarono. Era un poco di buono, mi dicevano, un drogato, e fecero di tutto per separarci: mi chiusero in casa e mamma mi controllava sempre... una volta m'ha anche picchiata. Io li odiavo e li volevo morti: ho aspettato tre mesi ed il giorno del mio compleanno sono corsa a vivere da lui, senza nemmeno salutarli... Sapete già tutto: ci sono rimasta quattro mesi ed è stato un incubo. Lui non... Io non ero nulla per lui, m'aveva ingannata fin dall'inizio. Capii presto che Enrique puntava a papà: mi chiedeva sempre di lui, del suo lavoro, dei suoi amici e soprattutto dei suoi viaggi. Io non sapevo nulla di papà e dell'agenzia e pensavo che insistesse solo perché eravamo ricchi. Mi faceva paura, pensavo volesse ricattare papà, ma avevo troppa vergogna e non potevo più tornare a casa... L'ultima notte è stata orribile: era ubriaco, su di giri come non l'avevo mai visto, e straparlava in continuazione, dicendo che l'avevo fatto diventare ricchissimo con i russi. Quella notte sono scappata ed il pomeriggio stesso papà m'ha caricata sull'aereo... ma ho già detto tutto ai tuoi uomini.” Indicò stancamente il computer davanti a McQueen.

Il vecchio agente sapeva benissimo che l'unico responsabile di quel disastro era stato il buon padre premuroso che, per proteggere la figlioletta troia, aveva infranto le regole e non aveva inviato alcun rapporto: Enrique Vicario sarebbe stato immediatamente individuato e reso inoffensivo prima che chiavasse la puttanella una seconda volta. McQueen avrebbe potuto consolare Alicia, spiegandole che in in realtà non aveva colpe ed era solo una vittima, ma non le disse nulla: avrebbe indebolito il suo desiderio di vendetta e riscatto. “Certo che tu te li scegli bene i fidanzati! Leggo che questo Enrique ti faceva anche battere e pare che sei andata all'ospedale per farti ricucire la passerina, non voglio sapere cosa ha usato... È stato lui a tradire tuo padre coi russi: perché non m'hai chiesto di farti incontrare lui invece di Nabkin?”
“A lui ci posso arrivare da sola.”
McQueen non sorrise: era sicuro che ne sarebbe stata capace. “Enrique Vicario è morto.” Le comunicò.
“Sono stati loro?”
“Abbiamo sanificato la zona... quindi tuo padre t'ha detto di venire da me.”
“No, da te no... M'ha invece detto di starti lontana, che tu sei un bastardo.”
“Ma tu non gli hai dato retta e m'hai cercato lo stesso... Aveva ragione: sono bastardo, devo esserlo!, e non mi farei alcuno scrupolo a darti in pasto a Nabkin se ci fosse qualche possibilità di successo... va fermato in qualsiasi modo: ha smantellato quasi completamente l'organizzazione che ho costruito con tuo padre in quindici anni ed ora ha campo libero anche in Sud America. So con certezza che ha torturato personalmente tua sorella. Si sa tutto di lui, è uno dei capi della mafia russa, fa affari con i colombiani, ma non si può toccare!” Digrignò con rabbia. “Ha protezioni in tutto il mondo ai massimi livelli. È intoccabile.”
“E non fate nulla?”
“Non sei stupida, non fare domande del cazzo!”

McQueen era nervoso: quella troietta piovuta dal cielo era la sua ultima chance per scovare Nabkin. Gli restavano solo tre settimane prima che il russo fosse ascoltato dalla Commissione. Quegli stronzi, pur di farlo fuori, avrebbero offerto qualsiasi cosa a Nabkin affinché rivelasse un paio di operazioni fatte insieme ed i piaceri che s'erano scambiati negli anni (l'agenzia aveva fatto sparire Sikorov, un suo fastidioso concorrente). E sarebbero saltati fuori i diamanti del Sudafrica e i conti in Nuova Zelanda. Stronzi!, non saranno mai dei burocrati del cazzo a fregare McQueen!
Dedicò ad Alice un'ora della sua arte, tessendo una ragnatela con le corde più sensibili ed avvolgendola in un bozzolo. Alla fine la ragazza si sentiva allo stesso tempo protetta e minacciata; amava McQueen e odiava sé stessa; era pronta ad uccidere, ma era sempre più convinta di poter vendicare la sorella solo soffrendo al suo posto. Pianse e quasi vomitò quando vide le immagini. E finse di capire tutto quello che le stava spiegando; a lei non interessava, voleva solo trovarsi di fronte al porco ed ucciderlo.
“Scordati di poterlo uccidere tu. Falliresti sicuramente. Tu mi servirai solo come esca per catturarlo... Sapremo sempre dove sei e saremo pronti ad intervenire al primo cenno di pericolo... ma sto correndo, prima dobbiamo far in modo che ti cerchi lui: è furbissimo, annuserebbe subito la trappola. Ora ti dico come faremo, apri bene le orecchie.”
Le raccontò quello che già sapeva od immaginava: Jurij Nabkin era ricchissimo, aveva un esercito personale, ville, yacht e decine di fighe sempre attorno... ma poi c'erano le altre: le ragazze che faceva rapire e sparivano nel nulla. Ad Alicia si rizzarono i capelli: era un fascio di nervi. “È il suo tallone d'Achille, il vizietto a cui non può rinunciare; sappiamo che se le fa procurare anche in questi mesi, quando tutti gli danno la caccia e nessuno sa dove si nasconde, nemmeno l'agenzia. È un violentatore seriale, solo per quello che fa a quelle ragazze merita la sedia elettrica... E noi sappiamo due cose molto importanti su Nabkin: la prima è che predilige le ragazze latine, molto giovani e belle... come te, se vuoi ti posso far vedere alcune foto di ragazze sparite... Per noi che tu sia il tipo che cerca è una gran fortuna, perché la seconda cosa che conosciamo è uno dei canali che utilizza per procurarsi carne fresca. È qui a San Diego.”

Per un paio di minuti McQueen consultò il Pc in silenzio. Sapeva che se non avesse coinvolto la ragazza immediatamente, rischiava di perderla; non doveva dare il tempo di realizzare quello che stava accadendo e ripensarci. Vide che l'annuncio era stato pubblicato: perfetto! Chiamò qualcuno al telefono e disse cosa voleva: “... vi ho girato i files, il numero l'avete voi.” Tornò quindi ad occuparsi della ragazza: “C'è una casa di produzione cinematografica che realizza ufficialmente video per sfigati. Sai cosa intendo. Ma sappiamo che è solo una copertura: il loro vero business sono video venduti in tutto il mondo a clienti molto ricchi, russi compresi... roba molto forte... siamo certi che due delle ragazze sparite hanno prima girato un video da loro.” Cazzo!, doveva rassicurarla. “No, non sono stati loro a farle sparire, spieghiamoci. Sono video anche violenti, con stupri e giochini perversi, ma alla fine ci tengono alle loro ragazze e non vogliono rischiare troppo andandoci pesante... Quindi non ti sto chiedendo di fare nulla che potrebbe metterti in serio pericolo, intesi? Quello pericoloso è Nabkin: è un loro cliente e se vede qualche ragazza che gli piace la vuole e fa di tutto per averla. Tu ci condurrai da lui: ti seguiremo ovunque, abbiamo mezzi e tecnologie per farlo ed interverremo prima che ti torca un capello... e nel mondo ci sarà un bastardo in meno. Potrai vendicare anche quelle ragazze.”
“Quindi dovrei andare da questi per girare un...”
“Ma sei matta?, sarebbe assurdo. No, non devono avere nemmeno l'ombra di un sospetto. Sono tre mesi che conosco questo canale, ma non mi sono mai arrischiato ad infiltrare una nostra agente: dovrei infiltrare qualcuna molto preparata e determinata e non ne ho nessuna così giovane... Ricorda: devono essere loro a cercarti, non tu a farti avanti. E io so come!” Le sorrise per la prima volta. Alicia si sentì stupida; di che si preoccupava? L'ultima cosa che voleva fare era pensare.
C'era un tizio, a San Diego, che aveva molti contatti con quelli dei video; ci faceva affari ed era un loro cliente. Ogni domenica mattina pubblicava su un sito d'incontri un annuncio in cerca di ragazza non professionista per un pomeriggio di sesso. “Abbiamo bloccato il sito, nessuna troia potrà rispondergli. Non devi fartelo perdere.” In quel momento comparve un agente che riconsegnò ad Alicia il cellulare che le avevano sequestrato prima del colloquio. “... poi t'insegneranno ad usarlo per tenerti in contatto con noi... Okay, se guardi la tua mail stiamo già chattando col nostro amico... ti dà trecento dollari per... beh poi leggerai cosa gli hai promesso a letto. Ti aspetta tra quarantacinque minuti: ti porteremo noi, è un bar vicino a casa sua.” Inspirò gonfiandosi il torace. “Questa è un occasione unica, non devi sciuparla... è l'unico modo che abbiamo per arrivare a quel bastardo che ha torturato tua sorella... Devi essere brava, hai il pomeriggio per stupirlo, e lui parlerà di te con loro; cercano sempre nuove ragazze e belle come te non ne trovano di certo... Ma io a te non voglio nascondere nulla: non sarà un video ma una diretta. Questi organizzano delle dirette in cui chi è collegato può intervenire od avere la regia dello stupro; pagano cifre pazzesche per veder realizzate le loro fantasie. Ho visto cosa richiedono, ma nessuna è mai stata rovinata o uccisa, sono per lo più violenze di gruppo e pratiche sadomaso piuttosto contenute. Lo ripeto è gente che ha paura di esagerare, non certo come quelli di Bangkok... Io non ti sottoporrei mai a questa prova se non avessi la certezza assoluta che Nabkin dopo una settimana, dieci giorni al massimo, ti cercherà... E allora sarà nostro!”
Chiuse il portatile. “Con quello di oggi non temere di raccontare balle: più ne racconti e più sarai credibile come puttana. Ma non deludermi... ora devi andare., l'agente ti mostrerà come usare il cellulare.” La spedì via sollevando appena un dito.

Alicia s'accorse di non averlo salutato: si voltò, ma McQueen non era più alla scrivania. Vide solo la sua massiccia figura dietro una porta a vetri che si chiudeva.
Per la prima volta dopo sette mesi si sentiva meno peggio: era vuota.
McQueen era invece nervosissimo e si dava dell'idiota per non essersi preparato prima. Riascoltò la registrazione della conversazione e la cancellò: aveva fatto degli errori, ma non era poi andato così male.
Sull'aereo c'era ad aspettarlo la Evans, la sua vice. Lo salutò sollevando un sopracciglio dall'ipad ed aspettò che l'executive decollasse per assalirlo con la domanda che li angosciava da sette mesi: “Di Nabkin è saltato fuori qualcosa?” “Credo d'essere ormai ad un passo dall'afferrargli le palle!”
McQueen quasi gongolava mentre le esponeva il piano; era talmente eccitato che fece anche confusione. “Poi riguardiamo bene tutto, ma intanto cosa ne pensi?”
La Evans era l'unica in agenzia a non temere McQueen: “È solo un azzardo, non può funzionare. Aspetta ad avviare l'operazione.”
McQueen lasciò cadere due compresse d'aspirina nel bicchiere d'acqua: “Temo che in questo momento la ragazza sia legata ad un letto.”
“Ma sei impazzito!?” La Evans non ci poteva credere. “E come potrai giustificare una cosa del genere? Quella non è nemmeno un'agente! Come farai? Perché lo sai, tu sai benissimo che non può funzionare e salterà fuori tutto esplodendoci in faccia... la ragazza parlerà, ho letto anch'io il suo profilo: è instabile, se la lavoreranno come vorranno... Okay, tu non mi hai detto nulla, io non so niente, qui non voglio seguirti... farai solo un favore agli stronzi: quelli ti mettono davvero in galera!... A questo punto c'è solo da sperare che l'uccidano.”
“Calmati. Ti ho detto che la ragazza ci porterà dritti da Nabkin. Nemmeno Jurij può sospettare che lavora per noi... e t'assicuro che ho pensato anche al resto: la troia non parlerà, non avrà modo... Noi non potremo certo intervenire in una delle sue fortezze e dovremo aspettare pazienti; ma finalmente sapremo dove si trova ed al suo primo spostamento lo cancelleremo definitivamente.”
La Evans si pettinò i capelli con le dita nervose. “Okay okay, proviamo a ragionare... ho visto le foto, ti do atto, la figlia di Ramirez è davvero bella: è il tipo di troietta che piacerebbe a Nabkin... e potrebbe anche volerla se la vede nella diretta. Non lo escludo, potresti aver indovinato. Ma c'è un ma! Abbiamo solo tre settimane prima che la commissione lo convochi; Jurij non ha mai fretta, perché dovrebbe averne per questa troietta?”
“Perché Jurij Nabkin ha già visto Alicia in foto e la ritiene sua... Hai presente Enrique Vicario, il drogato che ha tradito Ramirez? Beh, aveva venduto anche Alicia a Jurij, che però s'è dovuto accontentare della sorella.”




Questo racconto di è stato letto 1 3 1 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.