Le scarpe da troia

Scritto da , il 2020-06-15, genere tradimenti

Questo è per te.





Un qualsiasi pomeriggio accaldato di inizio estate. I vestiti appiccicati dal sudore rabbrividiscono per il contrasto con l’aria condizionata di un qualsiasi centro commerciale. Lunghi corridoi al neon, sempre uguali, piano dopo piano. La lista della spesa, scritta sul rovescio di un vecchio post it, stretta nella mano, non te la perdere! Cigolano pigramente le ruote del carrello vuoto, un volantino delle offerte è ancora incastrato nella trama metallica, chissà da quanto tempo. La birra, ricordati la birra, almeno due bottiglie: una non basta mai.
Piccola pausa caffè in un qualsiasi bar che è sempre il solito bar del primo piano, niente zucchero, per favore. Carina, la ragazza del bar, strategica operazione commerciale che non la smette mai di funzionare: fai gli occhi dolci ai clienti, promettigli qualcosa che non gli darai mai e loro torneranno. Sei carina, il caffè lo fai da schifo ma loro, continueranno per sempre a tornare.
Al secondo piano c’è il gran super mercato, chissà perché lo hanno chiamato “super”, come fosse rifugio segreto per eroi dotati di qualche incredibile potere, ombre solitarie a fare scorta per combattere l’estate. La birra, ricordatela.
Lungo i binari ali di scaffali colorati fra cui scivolano i carrelli semi vuoti, c’è il tonno in offerta, che fai? Lo prendi? Il tonno in scatola riduce al minimo l’impegno del preparare da mangiare, fa un po’ Bukowsky e questo ti si addice. I tuoi capelli sempre spettinati, la barba incolta, i vestiti sgualciti che non imparerai mai a stirare. Ma questo è il tuo fascino, lo è sempre stato.
Alle donne piaci, alle donne piacciono i grattacapi, ne sono maledettamene attratte, ipnotizzate dalla folle idea di essere quella, l’unica, in grado di risolvere le trame che hanno mandato fuori di testa tutte le altre. Strategica operazione di seduzione che non la smette mai di funzionare.
Anche a guardare il tuo carrello viene voglia di venire a casa con te per prepararti, finalmente, qualcosa di decente. Quando poi sei tu che tronchi il rapporto per assaggiare altre cucine ti etichettano tutte nello stesso modo: Stronzo.
Non lo sei, non in quel modo almeno, il tuo vestito bohémien è in realtà la tua condanna; ce l’hai cucito addosso con un ago che fa davvero male. Io lo so.
Il pezzetto di carta con la lista della spesa l’hai perso, ancora una volta, così vai a memoria seguendo il tuo istinto da lupo solitario. Di pesce in scatola infatti ne hai preso un bel po’.
Vai a fare la fila adesso, la cassiera è carina ma non ha bisogno di strategie, lei di certo non sorriderà. Trentasette euro e cinquanta che paghi come sempre col bancomat, raccogliendo le provviste in due buste di plastica col grosso logo del super mercato.
Voltati adesso, che adesso è il momento, che adesso il Caso ti aspetta, proprio lì, nel grande corridoio al neon.
Uno sbuffo di gonna ti accende lo sguardo, accarezzando le linee di un corpo che appare subito dannatamente familiare.
La schiena è quella schiena, coperta da una camicetta leggera che di colpo sparisce agli occhi della tua memoria, diventa nuda, sudata, conturbante in un modo che adesso, qui, con le buste in mano, ti dispera e ti ingarbuglia i pensieri. Quella stessa schiena si dimena, da qualche parte nei tuoi ricordi, col suono di un gemito strozzato che è l’allarme del piacere.
È proprio lei?
Affidi alla retorica di questa sciocca domanda la possibilità di salvarti, lo sai bene che è lei, distante ancora qualche metro eppure ti sembra quasi di sentirne il profumo. Dio quel profumo, dio dio dio, il tuo profumo.. è veleno! Cosa intendi? Mi annienta, mi devasta, mi affama, mi morde la pancia e mi strizza le palle! Che scemo che sei, diceva sempre, ridendo. Dio, la sua risata, dio dio dio.
Ora che, con lentezza quasi cinematografica, si volta, verso di te, ti senti mancare, sarà che un caldo così è più forte anche di quest’aria condizionata, ora che ti inquadra, coi suoi occhi alla nocciola e le sue labbra – dio – si piegano in un grande sorriso.
I passi che compie per venirti incontro sembrano colpi dritti al cuore. Abbassi lo sguardo per cercare, stupidamente, una conferma al borbottio dei tuoi ricordi. Sandali bassi, comodi ed eleganti, intreccio sottile che scopre i piedi, nudi. Mi piacciono le tue scarpe, adoro le tue scarpe, voglio mangiarle, le tue scarpe, che anche adesso accolgono i tuoi piedi. Non li hai mai visti quei sandali, ma conosci fin troppo bene il tono rosso dello smalto che usa, è sempre quello. Vanitosa, anche dopo tutti questi anni. Che caldo, che fa.

«Ehi!».
«Ciao..».
«Quanto tempo!».

Sette anni, tre mesi e tredici giorni da quando vi siete lasciati che è anche l’ultimo giorno in cui avete fatto l’amore. Che straziante follia! Festeggiare la fine di una storia in una scopata assurda, fra le più feroci, fra le più tristi. L’orgasmo con le lacrime è un’esperienza che non dovrebbe mai provare nessuno, credetemi.
Ma la vostra è stata una storia inspiegabile, una cavalcata furiosa in cui il sesso ha ricoperto un ruolo essenziale, il sesso come benzina versata su un fuoco che sembrava non potesse spegnersi mai. A desiderarsi ogni giorno di più, a esplorare le reciproche fantasie in un’intesa praticamente perfetta. Il sesso come campo da gioco in cui sentirsi liberi. Scopami, diceva sempre lei, scopami ancora, scopami, scopami, scopami e adesso, la sua voce, risuona diversa, meno profonda, senza il graffio della passione. Perché ora “scopami” non te lo dice più. Vorresti sentirglielo dire, anche solo una volta, qui, in questo centro commerciale e invece sorride, di un altro sorriso, ti chiede come stai, come va la vita e come vuoi che vada? Ti amo, vi siete detti la prima volta, subito dopo una sodomizzazione violenta, mentre eri ancora dentro di lei. Ti amo, quel giorno in cui ti aveva dato la parte più intima di sé. L’amore è una bestia meravigliosa, animale mitologico che si nutre di piccolissimi gesti, messaggi in codice, fili invisibili che legano due persone e appaiono incomprensibili per tutti gli altri.
Esiste scena più romantica del dichiararsi il proprio amore dopo averle riversato il piacere nel culo? Lo stesso culo che ora si lascia accarezzare dalla stoffa leggera della gonna e chissà da quali altre mani. Come stai. Come va la vita. Come vuoi che vada?
Vi siete incontrati qualche volta, in questi sette anni, di sfuggita, senza tempo per parlare e soprattutto mai da soli.
Quel gesto che fa, lei, adesso. La mano che scosta una ciocca di capelli scoprendo appena il collo: Veleno. Sembri ancora più disordinato in questo momento, deglutisci a fatica confondendo presente e passato, come colori mescolati sulla tela di un vecchio quadro.
Voglio andare a vedere la mostra di Frida Khalo. No, non mi va, non mi è mai piaciuta, Frida Khalo. Ma io voglio andarci! Furba e maliziosa, sapeva sempre come convincerti, sfilandoti davanti agli occhi per poi portarsi le mani sotto la gonna, sfilarsi via le mutandine e lanciartele addosso: allora ci andrò da sola a vedere la mostra. Per poi rincorrerla con la macchina e vederla camminare per la strada, nuda sotto ai vestiti, per te, a cui Frida Khalo non piace ma mentre guardavi i suoi cazzo di quadri non hai smesso un attimo di essere eccitato. La passione si nutre di segreti, di incredibili follie, il desiderio è una intuizione geniale: performance artistica di una donna, la tua donna, che si aggira fra le sale del museo, fra tutte quelle persone, con le labbra libere, quelle più intime, che non la smettono di stringersi in baci umidi indirizzati solo a te. Quella sì che era un’opera capace di infiammarti.
Quante volte avete fatto sesso e in quanti modi diversi. Ogni ricordo adesso ti volteggia attorno – ali di farfalla in bianco e nero – disegnando la linea luminosa del suo corpo da percorrere con le dita, infinite volte, e mai esserne sazio che ancora le mani ti tremano, adesso, che le buste della spesa si fanno ogni secondo più pesanti.
Lei apre la bocca per dirti come stai, come va la vita e come vuoi che vada se non ho più la tua bocca. E quante volte il tuo piacere è esploso proprio fra quelle labbra, avvolgendole la lingua. Aspetta, implorava lei, aspetta, vienimi in bocca! Il tuo sapore è.. come un veleno!
Ha tutto un altro sapore adesso, startene lì a guardarla, rubandole, coi ricordi, tutti i posti e tutti i modi in cui ti ha dato piacere. Artista meschino, a dipingerle addosso il tuo sperma che scivola sui seni, per ritrovare frammenti di un mondo che non esiste più. Ma anche questo, come tutto il resto, sembra fare male molto più a te che a lei. Quel corpo che un tempo era tuo e per te non aveva segreti. Quel corpo che, un tempo, era la tua casa. Il rifugio dentro il quale essere davvero te stesso. Il deserto di sabbia rosa in cui le tue maschere davvero non servivano. Spiarlo ora, ladro di meraviglia, scivolandoci sopra con l’immaginazione.
È più magra, non di molto ma ha qualche chilo in meno, chissà cosa vuol dire. Chissà se sta bene o sta male. Perché non glielo chiedi invece di spiarla in questo viaggio nel tempo che ti sta torturando. Perché non la smetti di lasciar cadere gli occhi sui suoi piedi pensando alle serate passate sul divano, a guardare qualche vecchio film senza smettere neanche per un secondo di tenerle i piedi fra le mani. A elencare nomi buffi per le sue dita dipinte di rosso. Tu e le tue “parole planetarie” tu e il tuo modo di inventare nomi per ogni cosa, un altro codice segreto, incomprensibile per chiunque altro. I tuoi piedi sono la cosa che più mi ingelosisce, non sopporto che gli altri li guardino, che si eccitino mentre li esibisci senza neanche rendertene conto. Guarda che gli uomini non sono tutti come te! Perché, come sono io? Tu, diceva lei mentre quegli stessi piedi te li portava fra le gambe, Tu, mentre accarezzava la tua ennesima erezione, Tu.. sei un porco, amore mio. La sporca dolcezza del sesso, dio dio dio.
Sei stato proprio tu a insegnarle quel gioco di prestigio, a dirle che i suoi piedi sembravano fatti proprio per.. quello. Accarezzalo, così, piano, passaci sopra le dita, così, me lo stai facendo scoppiare. Guarda che non è facile! Lo so, che non è facile ma.. è bellissimo! E ora, ora che la guardi ti rendi conto che di tutti i modi in cui il suo corpo ti ha dato piacere, sporcarle i piedi è quello che ti manca di più e ti scioglie qualcosa dentro. Vatti a mettere le scarpe. Quali scarpe? Lo sai bene quali scarpe voglio. Lo so, ma voglio che me lo dici tu quali scarpe devo mettere. Chissà se quelle scarpe le ha ancora, chissà se le ha messe per qualcun altro, dio dio dio.

«Sei sola?».
«No, mio marito è al piano di sotto, sta prendendo il caffè».

Un fantasma abita ora quella casa che un tempo era tua, lo conosci, sai chi è ma ogni volta che ci pensi non riesci a metterlo a fuoco. È un estraneo, uno spettro, un intruso che adesso beve il caffè al piano di sotto godendo i sorrisi della ragazza del bar.
Un alito di vento inesistente ora ti accarezza – coreografo per danza di lenzuola stese al sole. Vado a stendere i panni, dice lei con negli occhi la luce di un nuovo gioco malizioso. Vado a stendere i panni dice lei abbracciando una bacinella piena di indumenti umidi. E ci vai così? Che c’è di male? È estate, ho caldo. Ragazza fantasiosa, sempre pronta a giocare, donna lussuriosa che non sa resistere alla tentazione di farsi desiderare, sempre.
Eccola, proiettata nella tua mente, la sua silhouette che si muove, fra le quinte della finestra, compiendo i gesti abituali, appena più accentuati, del recuperare gli indumenti e iniziare a distenderli, col corpo coperto da una leggerissima canottiera, appena più lunga del solito. Ad ogni movimento il seno oscilla, libero, coi capezzoli già duri che sembra vogliano bucarne la stoffa. Poi si solleva sulle punte dei piedi, come una ballerina che volteggia fra le lenzuola, i polpacci che si gonfiano, la carezza della canottiera a scoprirle il culo. Si esibiva per te, nascosto all’ombra della casa accaldata, già vittima di un erezione disperata, unico spettatore di quel teatro di sensualità.
Unico, almeno fino a quando una voce, quella del vicino di casa, ti sorprende in un educato e micidiale: Buongiorno! Buongiorno rispose lei sorridendo forte, senza mai guardarti e senza mai smettere di addomesticare il tessuto da stendere e quello fine della canottiera. Pazza che non sei altro, pensavi, fuoco vivo su ogni fantasia. A eccitare gli occhi del vicino nel dondolio di carni sode, bagnate di sudore, nel caldo afoso di quell’estate. Ti mordevi le labbra pensando a quanto lui la stesse desiderando senza mai poterla avere. Te le mordi anche adesso, sbirciando il bottone slacciato della sua camicia, provando a ricercare quelle curve che ora, tu, non puoi più avere.
Sei una pazza, le dici appena rientra in casa, mentre la porti di peso sul letto e le infili il muso fra le cosce trovandola incredibilmente bagnata. Il bocciolo della sua fica deliziosa fiorisce violento dentro la tua testa, natura crudele e meravigliosa, carne di donna dal sapore acre e pungente. Dio!
Affamati di sesso e trasgressione, in giorni che ingoiano le notti e non hanno più orari, in quel letto madido di sudore a succhiarsi via il sangue a vicenda, a sperimentare ogni modo possibile per darsi piacere. Fino a crollare esausti, alle prime luci del mattino. Riposare per recuperare energia e ideare, magari, qualche nuova fantasia.
Voglio che ti metti le scarpe, quali scarpe? Chissà se le ha ancora e magari, dio, magari, le mette per lui.
La prima volta che hai visto quelle belle scarpe eravate a un matrimonio e ricordi bene di aver passato la giornata a intercettare gli sguardi degli altri invitati – uomini e donne – ipnotizzati dalla sensualità dei tacchi alti. Che i tacchi bisogna saperli portare, che una donna che ci sa camminare la si riconosce dal sorriso. Cosa intendi?
Discussioni filosofiche sul sesso, ancora e ancora, chi era il maestro? Chi l’allievo?
Quando, ormai esausti, dopo il banchetto di nozze, ve ne stavate seduti in disparte a scolare bicchieri, immaginando scabrosi scenari erotici per ognuno dei presenti.
E la sposa? Che mi dici della sposa? Facile, la sposa vuole scopare con suo suocero, non vedi come lo guarda? Soffocare le risate, riempiendo di nuovo i calici scintillanti, con occhi sempre più brillanti.
Dovresti scriverle queste cose, le hai detto un giorno. Quali cose? Le tue fantasie, il tuo modo di intendere l’erotismo, dovresti raccontare queste scene, ne verrebbero fuori delle storie bellissime! Lei rideva, non sapendo cosa dire, lei ride ancora adesso, di una risata troppo diversa. Chissà se sta bene, chissà se anche a lui, al fantasma, riempie la vita di tutto quel desiderio.
Mi manchi, mi manchi da morire, mi manchi dappertutto, bisbigliato al telefono in piena notte, convinta che fossi lontano chilometri per poi sorprenderla, alle spalle, col telefono ancora all’orecchio: sono qui, ho guidato come un pazzo solo per vederti, tra lacrime di pura gioia e puro amore, prendimi, ti prego, scopami, non ne posso più, scopami scopami scopami. Che sorprendere una donna è sempre il modo più efficace per alimentare il suo amore e insieme a questo la sua folle passione.
Meno di due anni insieme, che non hai più dimenticato, meno di due anni fino a quella sera, la sera del “poker”.
Vado a giocare a poker con gli amici, dice il vecchio sciocco te nei tuoi ricordi, vado a giocare a poker con gli amici, chissà perché poi. Va bene, risponde lei, accennando un tiepido sorriso, lei che forse ha già capito. La scusa idiota del poker solo per andare a casa di quella donna, solo per ritrovare certezze del tuo fascino scapigliato, chissà perché.
Non sei uno Stronzo ma, questa, è la tua condanna.
Devo dirti una cosa, le hai detto qualche giorno dopo, ho fatto un casino e non riesco più a tenermelo dentro. Ho sbagliato, non so neanche perché, ho fatto un errore e non so come risolverlo. Dimmi che posso, ti prego, dimmelo!

«Ora dovrei andare!».
«Sì..». (dimmelo, ti prego)
«Stai bene!».
«Va bene..».


(ci provo)

Un’ora dopo sei già a casa, accolto dalla voce della tua nuova compagna «Ma quanto tonno hai preso?». “Fidanzata” è un termine che non ti è mai piaciuto, tu e il tuo fascino bohémien.
«Devo fare un paio di cose al pc, arrivo subito» le dici prima di sparire. Lei è già ai fornelli, determinata a prepararti qualcosa di decente.
Appena sei solo recuperi un vecchio hard disk e lo colleghi al portatile. Ti accomodi sulla tua sedia scura, il rumore che viene dalla cucina ti dice che hai tempo necessario per fare le tue cose.
Fra vecchi file di lavoro c’è una cartella protetta con password, la apri, e il tuo cuore inizia a vibrare come un diapason, intonando la musica dei ricordi.
Una manciata di fotografie, risalgono a più di sette anni fa, un’altra casa, un’altra vita, un’altra donna: Lei.
C’è uno scatto rubato a una qualsiasi mattina d’inverno, lei che beve una tazza di tè guardando fuori dalla finestra. Aveva qualche chilo in più, giusto un paio, ed era bellissima, era tua. Hai l’impressione che in quella immagine ci sia una luce che non esiste più, come se il mondo fosse diventato ogni giorno più grigio. Le sue labbra rosse scaldate dal vapore del tè, dio dio dio.
Dove vanno a finire le luci dei ricordi? Miliardi di fotoni a volteggiare nell’aria di una mattina ormai sparita, che fine hanno fatto? Perché non sei riuscito a trattenerli per sempre? Perché ti sono scivolati via dalle mani, come granelli di sabbia?
Nella seconda fotografia siete insieme, gli occhi, addolciti da una serata alcolica, si guardano fra di loro. Chissà cosa vi stavate dicendo in quello sguardo divertito, che per un attimo ti sembra di non essere stato più così felice. Tu hai una vecchia maglietta nera nella foto, ce l’hai ancora, nascosta in qualche cassetto e adesso ti viene una gran voglia di prenderla e annusarla forte, chissà se c’è ancora un po’ di quell’odore che era un veleno.
La terza immagine è quella che stavi cercando.
Vatti a mettere le scarpe, le hai detto quella sera mentre esausta giaceva sul divano a farsi rimbambire dalla tv, vatti a mettere le scarpe.
Quali scarpe, ti chiese lei accendendosi, che per giocare con te non era mai troppo stanca.
Lo sai quali scarpe voglio! Certo che lo so. Certo. Ma voglio sia tu a chiedermelo.
Dai, con la pancia già stravolta dall’eccitazione, Dai, col cazzo affamato che già ti deformava i pantaloncini, Dai.. mettiti le scarpe da troia, mettile per me.
Una donna che ride, a sentirsi chiamare così, una donna che si eccita della lurida confidenza che ti ha concesso, una donna che si alza dal divano, anche se è stanca, per assecondare le tue voglie, una donna del genere non vale più di qualsiasi vigliacca “serata poker”?
La risposta è tutta nella foto che hai davanti, c’è lei, col tuo pigiama addosso – mi piace dormire col tuo pigiama – c’è lei, che sotto al tuo vecchio pigiama ha indossato le scarpe. Le scarpe da troia. Sandali di vernice rossa, col tacco alto e sottile, la linea seducente svela la pianta del piede, arcuata dalla vertigine dei centimetri, infiammando i sensi del vecchio te, e anche del nuovo, quello più disperato. Le piccole dita allineate, dipinte di rosso, chissà se hanno ancora i nomi che gli hai dato tu.
Sei troppo bella così, femmina di contrasti, col pigiama e i tacchi alti, non resisto, devo farti una foto!
Ed eccola lì, in posa da scema, che si fa immortalare per sempre, a dirglielo ora che quell’immagine sarebbe resistita al tempo per diventare, oggi, sensuale maledizione.
Oggi che la guardi, di nascosto, oggi che i fotoni della memoria elencano piano tutti i gesti che hai poi fatto, quel giorno, per strapparle via il pigiama di dosso e perderti, ancora una volta, in quel corpo di sabbia rosata, issato su tacchi da troia. Il modo in cui l’hai fatta stendere sul tavolo, afferrandole i piedi, spalancandole le cosce liberando l’oasi della sua femminilità.
Il momento esatto in cui lei ti sorrise, dicendo scopami, adesso, scopami, scopami. L’istante in cui hai afferrato il tuo cazzo impazzito e glielo hai piantato fra le cosce, scivolando dentro il suo corpo, iniziando a sbatterla per farla di nuovo tua, nell’ondeggiare dei tacchi rossi.
Le tue mani si muovono, adesso, seguendo emozioni diverse: una fra le gambe, a stringere la tua immortale eccitazione, l’altra sul collo, preda di una spietata malinconia.
Ora si agitano entrambe, frenetiche e disperate, con quella foto davanti agli occhi, quel mondo acceso che adesso è solo un ricordo. Fino a esplodere, in direzioni troppo diverse.
L’orgasmo con le lacrime è un’esperienza che non dovrebbe mai provare nessuno, credetemi.





Questo racconto di è stato letto 3 9 4 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.