Un vero amore cuck 15 - L'incontro intimo col massaggiatore

Scritto da , il 2020-06-11, genere tradimenti

Dopo che Vivienne aveva ripulito con la bocca il cazzetto del marito di Clara che se ne era venuto senza neanche essere toccato,con un tocco quasi materno,gli aveva riposto il pisello sotto le mutande e dopo averlo baciato sulle labbra ed avergli accarezzato la testa come fosse un gattino,si era alzata ed era andata vicino al groviglio di corpi attaccati e oscenamente scossi come in preda a convulsioni.

Infilata tra due corpi che le rimpivano entrambi i buchi,Clara aveva poche possibilità di movimenti tuttavia il suo corpo strapazzato dai due maschi,sussultava mentre dalla sua bocca i gemiti venivano ritmati delle bordate delle verghe dentro di lei.

Vivienne dopo aver baciato sulla bocca l'amica gaudente,si era seduta col sesso aperto sul viso del marito ed aveva offerto i seno alle labbra di Clara la quale,nonostante avesse avuto già diversi orgasmi,travolta dall'oscenità della situazione,aveva goduto ancora mentre succhiava i capezzoli della francesina.

Ben presto anche Vivienne leccata sapientemente dal marito aveva goduto ansimando e cercando con la bocca le labbra e la lingua di Clara.

Il primo maschio a staccarsi dall'ammucchiata era stato Dajr che dopo essersi sfilato dal culo di Clara,si era alzato portandosi col cazzo in mezzo alle teste delle due ragazze ed iniziando a sborrare,aveva inondato i loro visi,le bocche ed i capelli con filanti fiotti di sperma che colando bagnavano anche viso del marito di Vivienne ancora disteso sotto di lei.

Subito dopo,anche lui aveva preso a tremare e scaricare,rantolando,il suo piacere dentro il corpo di Clara la quale,distendendosi poi,in posizione supina davanti alla sdraio del marito,aveva allargato oscenamente le cosce mostrandogli il buco del culo dilatato e rigato da un filo di sperma che le colava dalla fica piena.

La serata per gli sposi italiani si era conclusa li mentre Vivienne,il marito e Dajr,erano svaniti nel buio verso la battigia.

Clara si era asciugata la fica col perizoma e mentre abbracciata al marito con l'indumento bagnato in mano si dirigavano verso la camera,un filo lucido e biacastro le rigava l'interno delle cosce.

Giunti nella loro suite,avevano voluto controllare la bambina e con una certa sorpresa,avevano visto il loro angioletto beatamente addormentata nella sua culla mentre per terra accanto al letto della baby sitter per nulla disfatto,vi era disteso un ragazzo di colore completamente nudo al quale Ana,con la fica ancora gocciolante,stava pulendo con la lingua il cazzo ancora bagnato.

-Scusate!-

Aveva detto Clara chiudendo la porta per poi scoppiare insieme al marito in una allegra risata.

-Hai visto la puttanella...si è data subito da fare!-

A quella battuta vevano riso ancora prima di spogliarsi e mettersi a letto per addormentarsi abbracciati vinti dalla stanchezza.

Il mattino successivo si erano alzati molto tardi.

La baby sitter era già in spiaggia con la bimba e quando loro l'avevano raggiunta era già ora di pranzo.

Nel pomeriggio Clara aveva già la sua prima seduta dal massaggiatore.

Verso le 17,mentre il marito,la baby sitter e la bambina erano a giocare sulla sabbia,lei era andata al suo appuntamento.

Karl che la stava già aspettando,era sempre in compagnia del suo aiutante effemminato.

Prima di spogliarla e farla distendere sul lettino,l'aveva abbracciata e baciata voluttuosamente sulla bocca facendole percepire ancora tra le gambe,la consistenza del suo "affare".

Poi dopo averla liberata lui stessi dal pareo,e dallo striminzito costume da bagno,l'aveva presa con le sue robuste braccia e,come fosse la sua sposa,l'aveva distesa sul lettino.

Mentre l'aiutante la spalmava coi suoi oli profumati,lui le si era seduto davanti al viso ed aveva cominciato a parlarle.

-So che ieri sera hai fatto conoscenza con Dajr ed hai approfondito i tuoi rapporti col marito di Vivienne.-

A quella prime parole Clara era subito arrossita in volto.

-Shhh...no..no...così non va bene.

Anche io e te siamo quì oltre che per il massaggio,anche per approfondire la nostra nascente amicizia.

Non devi dunque arrossire quando parliamo anche di cose intime.

Sai,io so molte cose di te,Vivienne è entusiasta della tua amicizia e mi ha parlato molto di te e di tuo marito.

E' per questo che io non voglio essere solo un tuo amico ma....voglio essere tuo complice e confidente.-

A quelle parole pronunciate in modo delicato e suadente,Clara si era rilassata e per dargliene prova,si era sollevata sui gomiti e si era spinta verso di lui offrendogli la bocca.

Ne era seguito un nuovo lungo bacio con intreccio impetuoso di lingue e abbondante rilascio di saliva.

Poi lui,con un sorriso sornione,si era alzato dalla sedia e scostando il bermuda le aveva mostrato una gigantesca verga in piena erezione.

-Lo vedi l'effetto che mi fai?!-

A quella vista lei era scattata in ginocchio sul lettino e prendendogli la mano e portandosela tra le cosce grondanti di umori gli aveva risposto:

-E tu lo vedi che effetto mi fai?-

-Calma...calma Clara,non è questo il nostro momento...adesso dobbiamo fare i massaggi e dobbiamo parlare....per l'amore abbiamo tanto tempo.-

Quando lei si era distesa ancora,Karl aveva ripreso:

-Vivienne mi ha parlato molto di te e di tuo marito ma di lui,sappiamo davvero poco.

Tu sai se tuo marito è gay?-

-No..no no..credo proprio di no!-

-Sei sicura?-

-Certo,non l'ho mai visto con un uomo ed anche quelle poche volte che è stato vicino a me quando...quando...insomma hai capito,quando mi scopa un altro,non l'ho mai visto guardarlo con interesse ma solo attento a me e al mio piacere.-

-Guarda Clara che io ne ho visti di mariti guardoni che godono nel vedere le mogli a letto con altri uomini ed erano sempre dichiaratamente o intimamente gay.

Io credo che farebbe bene al vostro rapporto ed anche a lui se si riuscisse a scavare nel suo inconscio per tirare fuori qualcosa di cui lui stesso ignora l'esistenza.

Clara,io credo che in questo mese potrò farti godere molto ma credo che la cosa più importante che potrò fare,sarà quello,se tu vuoi,di farti scoprire la vera natura di tuo marito e rimandarvi in Italia più innamorati e complici che mai.

Lo vuoi Clara...vuoi che ti aiuti?-

-Si,lo voglio e voglio subito il tuo cazzo!-

-Mi dispiace Clara,per quello dovrai aspettare perché dopo di te ho già un appuntamento fissato da diversi giorni.

Comunque non temere,stasera ci vedremo e parleremo ancora io tu e tuo marito e domani ti farò toccare il cielo con le mani,con lo spirito,col corpo e con tutti i buchi che ti ha dato la natura.

segue







Questo racconto di è stato letto 2 3 0 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.