Sogno bagnato (Kinoe no komatsu)

Scritto da , il 2020-05-28, genere zoofilia

Sogno bagnato (Kinoe no komatsu)

Troppi giorni asciutta, il mondo lassù mi toglie il respiro, non ce la faccio più, soffoco!

Poi il tuffo: onde mi travolgono, brividi bagnano la pelle arsa.

Sollievo... il profondo blu mi accoglie, mi avvolge, brodo primordiale, culla della vita.

Il cuore rallenta, il peso svanisce. La mia stessa anima è l'universo intero che galleggia e si espande al ritmo del mio respiro.

Un viscido abbraccio di tanti tentacoli: cingono, stringono, mi trascinano giù, si insinuano, forzano, invadono, frugano a fondo... Orgia di carni vigorose e vibranti, come migliaia di giovani amanti, affamati si saziano di me.

In estatico abbandono, fremo, gorgoglio, mi dono, docile, duttile, molle.

Piena, bagnata, viva.

Questo racconto di è stato letto 4 9 6 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.