Incontro partenopeo

Scritto da , il 2020-05-21, genere incesti

ATTENZIONE: Per un errore indipendente dalla volontà del distratto autore, questo racconto è finito nella categoria sbagliata.
Non viene trattato nessun incesto nelle righe qua sotto, si narra solo di un incontro tra un uomo e una donna, se siete ancora interessati a leggerlo: accomodatevi.


Sto per partire, nel vagone del silenzio c’è solo un altro passeggero, che seppure discretamente, parla al telefono in un’area dove non è consentito farlo. Le regole per gli italiani sono maglioni di lana ruvida. Irritano.
Abbiamo discorso fin quasi a farmi perdere il treno, instancabili, negli argomenti che saltavano fuori in un’interminabile filo conduttore.
Non ci eravamo mai visti prima e non so se accadrà di nuovo, ma la curiosità di questo incontro, nato settimane fa per caso, sta tutta qui, nell’assoluta spontaneità.
Gli uccelli di Battiato carezzano i miei timpani, mentre rifletto su cos’è Malena e cos’è Marina, la stessa persona in versioni diverse.
La stessa donna che si esprime nella quotidianità e nell’alcova.
Perché cercare similitudini? Tutti noi possiamo essere personaggi diversi all’interno dello spettacolo che è la nostra vita.
Allora mi chiedo perché continuo a non riconoscere Malena in Marina, cosa c’è che non mi torna? Marina è venuta alla stazione questa mattina, nel poco tempo che avevamo, mi ha condotto con garbata cortesia per la sua città, cercando di farmi annusare l’aria di Napoli. Immaginare le strade colme di gente, i rumori delle botteghe e dei mercati, i sapori del cibo, i colori di Partenope.
Raccontandomi un po’ di se, dei suoi ricordi, le aspettative, la sua storia, parlandomi anche di sesso, come se ne parlerebbe ad un amico. Ma la passione, la trasgressione, quella che per lei porta il nome di Marco, quella è inaccessibile a tutti. La puoi leggere nei suoi racconti, ma non la troverai addosso a lei, non gliela leggerai negli occhi, non l’avvertirai nel tocco della sua mano. Quella è esclusiva di Marco, solo lui potrebbe raccontarmi cos’è Malena.

Siamo seduti qui, l’uno di fronte all’altra, la sala tutta per noi, in un angolo, tra il palco, dove su un grosso schermo scorrono immagini della città e una lunga fila di altri tavoli. Lei guarda verso l’uscita, per controllare l’eventualità che qualcuno che la conosca possa imboccare nel locale, siedo accanto ad una lunga finestra che si affaccia su un vicolo buio, nel quale un palazzo fatiscente, sostiene un balcone, dal quale calano ad asciugarsi lunghe lenzuola bianche. Una statuetta di Pulcinella mi guarda dal davanzale.
Siamo accaldati, il cielo coperto rende la giornata umida.
È strano essere qui, dopo tanti mesi; ricordo un commento sotto ad un suo racconto, nel quale, all’eventualità di un incontro, mi rispose: non si sa mai. Quelle frasi buttate là, che non significano niente, che servono a prendere tempo, senza escludere ma neppure includere qualcosa di preciso, cosa che io sono: preciso.
Quando c’è stato l’invito ufficiale a questo pranzo, nato nel corso dello scambio epistolare, non ho esitato, troppo ghiotta l’occasione per conoscerla, troppo forte la curiosità di vederla, perché di Lei, avevo visto solo particolari gastronomici legati al suo lavoro.
Il culo, che è la cosa che mette spesso in primo piano di se stessa, faccio fatica ad rimirarlo, perché il cappottino di lana grigio perla abbottonato di lato, ne impedisce la vista, scendendo appena sotto il solco delle chiappe, ma lo immagino arrotondato sui fianchi comodi e invitanti, come una poltrona Chesterfield.
Gli stivaletti di camoscio neri, che nelle ultime puntate del suo diario aleggiano come presenze febbrili, e jeans dello stesso colore, che terminano sulle caviglie coi bordi graffiati da un felino famelico.
Sobria è sobria, col suo cappello di lana nero che le incornicia uno dei volti più belli che abbia mai visto. La pelle eburnea e tenera, coronata da simpatiche efelidi, sotto capelli lisci di un castano chiaro schiarito, ed occhi luminosi.
Mi dice di dormire poco, ma non vedo le occhiaie di cui parla e ha solo qualche sottile linea disegnata sul lato degli occhi, dimostra meno dei suoi anni. Il fremito col quale ama definirsi, è evidente, dall’ansia di muoversi, ma non si riflette nella voce, calma e dal tono basso, che mi spinge alla conversazione amabile.
Avevamo deviato per la "Locanda del Grifo" ma l’abbiamo trovata chiusa per lavori, così siamo venuti qui. Era incuriosita dalla proposta di buffet: interessante ed economica per la qualità del cibo, mi dirà alla fine.
Chiede la carta dei vini e scegliamo un vino salentino, il Susumaniello, siamo usciti dalla regione ma ne vale la pena, ha un sapore rotondo e piacevole al palato. Mi da qualche dritta sull’assaggio e guarda soddisfatta il cameriere, quando ammette di aver sbagliato l’annata che lei aveva già intuito. Mi racconta della scuola alberghiera, delle sue esperienze lavorative, della sua passione per il cibo. Brindiamo a Malena e Gwyn, mentre cominciamo a degustare una piccola pizza margherita, i fritti tipici e alcune fettine di Casatiello, in attesa che vengano allestiti verdure, secondi e pasta. Il locale è aperto da qualche mese ma a pranzo è vuoto, questo ci permette di sentirci a nostro agio, senza fretta nel raccontarci.
Uscendo mi dice che Marco è entrato nella sua vita, quando pensava che il rapporto col suo compagno fosse splendido. Con lui ha scoperto un livello superiore.
Guardo questa piccola donna dal seno ingombrante, che sembra sempre sul punto di cadere, mentre incede con i tacchi sul selciato antico di Napoli; che non riesce a stare ferma, che sa ridere di se con un’autoironia tutta partenopea, che parlandomi in dialetto mi strappa sorrisi. Mi chiedo come faccia a condurre queste due vite parallele, se abbia mai pensato di far saltare il banco o se sa che con Marco non funzionerebbe. Non nella quotidianità. La normalizzazione li renderebbe banali e loro non vogliono esserlo, non possono esserlo.
Ci abbracciamo appena fuori dei binari, un abbraccio veloce ma sincero, come questo incontro, nel quale il sesso ha avuto poco spazio, perché tra noi c’era altro da dire.

virgil.oldman@libero.it







Questo racconto di è stato letto 4 6 0 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.