Servizio in camera

Scritto da , il 2020-05-09, genere dominazione

Prendete un dizionario di italiano.
Sfogliatelo, senza fretta, fino alla lettera E.
Poggiate un dito sulla pagina aperta e iniziate a scorrere le righe, fino alla parola Eleganza.
Ora fermatevi.
Sul mio testo, in corrispondenza della parola Eleganza è riportato quanto segue:
[e-le-gàn-za] s.f.
Sobria raffinatezza, distinzione: vestire con eleganza.
Misura, grazia, garbo.

Ecco, su ogni edizione, vicino a questa definizione, dovrebbe esserci la fotografia di Amanda Martinelli.
Sì, lo so che non c’è.
E so anche che questo nome, adesso, non vi dice niente.
Ma se c’è qualcuno che racchiude in sé tutta l’essenza della parola Eleganza è proprio lei: la Signora Amanda Martinelli.
Ci tiene molto a farsi chiamare così, non è un più una ragazzina ma vi sfido a indovinare la sua età. La pelle liscia come il dorso di una pesca. I capelli lunghi, di un biondo acceso e scintillante. Lo sguardo profondo, luce azzurra che incute sempre un certo rispetto in chi si azzarda a posarci gli occhi.
D’accordo, diciamolo subito, se Amanda è così affascinante il merito è anche del suo chirurgo estetico. Lei non lo nasconde, perché dovrei farlo io?
Ma ci tengo a precisare che i piccoli interventi che accendono il suo viso sembrano più opera di un artista che di un medico.
Non fatevi l’idea di un orrendo mascherone hollywoodiano, Amanda ha mantenuto intatta la sua identità, lasciando al bisturi il compito di sottolineare connotati già pressoché perfetti. Le labbra gonfie e voluttuose, gli zigomi alti, il nasino pronunciato. Nel mondo della chirurgia estetica un risultato del genere si può ottenere solo pagando cifre astronomiche ma questo, per Amanda, non rappresenta di certo un problema.
Sono i medici a “buon mercato” a plasmare quegli orrendi visi di plastica, lei invece si è rivolta al migliore, a un Artista, appunto.
Il marito della Signora Martinelli ha accumulato una fortuna grazie alla vendita di una piccola azienda, la ricca plusvalenza ha permesso ai coniugi di investire in un settore particolarmente redditizio: la ristorazione. Una scalata gloriosa che procede implacabile da quasi vent’anni.
Posseggono sette locali negli Stati Uniti, quattro in Italia, uno nella Shibuya di Tokyo e uno, bellissimo, nel centro di Parigi. Per la fine del prossimo anno è prevista l’inaugurazione di un nuovo lussuoso ristorante a San Pietroburgo.
Non c’è da stupirsi quindi se Amanda si è appena svegliata nella suite “La Mer Presidential”, una della camere più costose del Fontaine Bleau Hotel di Miami. L’ampia vetrata che dà sul mare azzurro è veramente da togliere il fiato.
Seduta su un’elegante poltroncina la signora Martinelli sta fumando la sua terza sigaretta della giornata in attesa della colazione in camera.
Ecco cosa intendevo quando parlavo di Eleganza.
Una raffinata vestaglia di seta orientale avvolge un corpo alto e longilineo, le gambe soavemente accavallate, la mano protesa nel vuoto, impreziosita da un costante lavoro di manicure, dita delicate con unghie affilate, dipinte di nero, che sorreggono il piccolo cilindro bianco, di carta fumante.
La sua incantevole fisicità le ha dato la possibilità, quando era ancora una ragazza, di partecipare a qualche concorso di bellezza. Se non avesse incontrato suo marito chissà come sarebbe oggi la sua vita.
Se avete ancora il dizionario sottomano provate ora a cercare le parole Aggressività e Leggiadria. Concentratevi nel trovare un comune denominatore a queste due sfumature così apparentemente discordanti fra di loro. Quando riuscirete a fonderle avrete un’idea più chiara della donna che stiamo osservando.
Nonostante sia sposata gli uomini pronti a fare la corte a una creatura del genere sono innumerevoli ma per Amanda il concetto di Amante racchiude una certa volubilità del corpo che non le appartiene. Non è di certo una donna debole, né tantomeno facile, la sua vita gira intorno alle uniche due cose che davvero contano per lei: la gestione dei suoi affari e la cura per la propria intramontabile bellezza. Più che di Amanti ama circondarsi di Spasimanti, con la dovizia di una vera e propria collezionista.
Hamad bin Khalifa al-Thani, il ricco padre dell’emiro del Quatar, le invia ogni settimana un invito a cena, accompagnato ogni volta da un regalo dal valore imbarazzante.
Di solito sono gioielli o vestiti ma una volta ha provato a sorprenderla facendole recapitare un cavallo, purosangue australiano.
Amanda Martinelli, comunque, non ha mai accettato gli inviti a cena del padre dell’emiro. E neanche quelli del figlio, tanto per dire.

Sono le 9:00 e con la puntualità tipica del Fontaine Bleau, qualcuno bussa alla porta della signora Martinelli annunciandosi con voce impostata: «Room service».
«Come in, it’s open» risponde lei senza smettere di sfidare il mare con gli occhi in una gara fra azzurri.
La porta si apre e un cameriere in livrea fa il suo ingresso nella suite spingendo un carrello pieno di ogni ben di dio. Arriva fino al grande tavolo di legno scandinavo e inizia ad apparecchiarlo per la colazione, senza che lei lo degni di uno sguardo.
Quando la tavola è imbandita lui si mette sull’attenti e aspetta in assoluto e rispettoso silenzio.
Amanda spegne la sigaretta in un piccolo posacenere di porcellana olandese, ne fuma sempre poco meno della metà, poi apre lo sguardo sull’abbondanza del suo international breakfast. C’è tutto quello che ha ordinato, prelibatezze dolci e salate, confetture di frutta, pane bianco tostato, crackers di riso, una coppa d’argento piena di panna montata, cioccolato cubano a scaglie, brioche appena sfornate, salumi italiani, un’omelette al bacon, cereali, caffè brasiliano, tè indiano, una centrifuga “all green”, latte fresco, una bottiglia di Armand de Brignac e due pacchetti di Treasurer Silver.
La signora Martinelli non è una tipa particolarmente golosa ma c’è da dire che la colazione, molto spesso, è l’unico pasto che riesce a concedersi nelle sue lunghe giornate di lavoro. Ama il piacere però, su questo non c’è dubbio.
Eccola che afferra delicatamente una fetta di pane e inizia a spalmarci sopra un velo di burro alpino, con incantevole lentezza.
«Would you like something to drink?» le chiede improvvisamente quel cameriere invisibile, gradisce qualcosa da bere?
Amanda continua a imburrare il suo pane, come se nulla fosse accaduto in quella stanza sontuosa. I tendaggi, che danzano pigramente, fanno da sipario a un arredamento raffinato, efficace combinazione fra tecnologia moderna e tradizione artistica.
Pochi attimi, in cui l’unico rumore a rigare quel silenzio dorato è la ruvida carezza della lama sulla fetta.
Lui si schiarisce appena la voce, poi torna a farsi sentire «Do you prefer some coffee? Or milk?».
Ecco.
Solo in questo momento lei pare accorgersi di lui, solo ora alza i suoi occhi affilati e li punta sul cameriere, composto e irrigidito da un sottile filo di disagio. Teme di aver commesso qualche errore.
È sicuramente un bel ragazzo, evidentemente più giovane di lei, labbra carnose e occhi buoni, quasi teneri. La pelle, liscia e setosa, ha lo stesso colore del cioccolato.
Lei rimane a fissarlo per qualche altro istante, aumentando il suo imbarazzo, non sorride, non pare essere arrabbiata, sta semplicemente studiando quel giovanotto di fronte a lei, come se lo stesse in qualche modo valutando.
«What’s your name?» gli chiede all’improvviso.
«Thomas, Madam» risponde lui quasi balbettando, nessuno degli altri ricchi clienti gli ha ha mai chiesto come si chiama.
«Thomas... and how old are you?» anche la sua età è un dato di cui nessuno mai si interessa.
«I’m twenty two, Madam». Ventidue anni, decisamente più giovane di lei.
Lei ripete quel numero a bassa voce, se lo fa risuonare fra le labbra, poi lo sorprende con un’altra insolita domanda: «Do you know what freedom is?» – Sai cos’è la libertà?
Il giovane Thomas ha il cervello annebbiato, perché mai quella donna gli sta ponendo queste domande esistenziali?
Lei non attende la sua risposta, ne ha già una pronta, da scandire con spietata sicurezza: «Freedom... is one of the most expensive things that exist» – la libertà è una delle cose più costose che esistano – «Because when you are free you can afford the luxury of being really yourself» – perché quando sei libero puoi permetterti il lusso di essere veramente te stesso.
Il ragazzo segue tutto il suo monologo, senza riuscire a capire dove voglia andare a parare, ne ha visti di clienti strani in questo hotel ma una cosa del genere davvero non gli era mai capitata.
«So – continua lei – i’m a free woman... ‘cause i can afford it!» – sono una donna libera, perché posso permettermelo.
Poi abbandona la fetta di pane su un piattino, afferra un flûte di cristallo e lo posiziona al centro del tavolo, proprio di fronte al cameriere.
Solo adesso lui si ridesta, felice di poter tornare a mansioni molto più pratiche, prende la bottiglia scura e, esibendo l’etichetta, prova a intercettare il desiderio della sua cliente: «A little champagne?».
Ancora una volta però, la risposta della signora lo colpisce come un fulmine.
«I would appreciate some of your sperm» dice lei con tono vellutato e composto, senza mai staccargli gli occhi di dosso.
Lui è letteralmente impietrito. La bocca aperta, gli occhi ingigantiti dallo stupore, si ripete mentalmente quella incredibile richiesta. “I would appreciate some of your sperm”. Gradirei un po’ del tuo sperma.
Il bicchiere al centro del tavolo e lo sguardo serio della donna stanno a sottolineare che decisamente non si tratta di uno scherzo. Gli tornano in mente le parole del suo capo: “nella suite c’è una cliente molto importante, bisogna accontentarla in tutto”.
Amanda tira fuori un’altra sigaretta dal pacchetto, la infila fra le labbra, l’accende nascondendosi per un istante dietro una piccola nube di fumo, poi si accomoda sulla poltrona e torna a guardare il mare «I’m waiting» bisbiglia con una certa freddezza.
La posa le apre appena la vestaglia mostrando le lunghe gambe abbronzate, modellate da un intenso programma di attività ginnica.
Il giovane cameriere la guarda e pensa che questa scena è davvero assurda, che nessuno degli altri ragazzi crederà mai a quello che gli sta succedendo. È una cliente importante. Bisogna accontentarla in tutto. Chissà se il suo capo si riferiva anche a... questo! Vorrebbe obbiettare, dire che forse non è il caso, ma... quella donna, fiera e meravigliosa sta aspettando, aspettando che lui, riempia il suo bicchiere.
Che fare? Obbedire anche a questo? Farsi una sega, qui, nella suite? E se il suo capo viene a saperlo? “bisogna accontentarla in tutto”. Quelle gambe, pensa lui, la pelle liscia e dorata, i muscoli tesi del polpaccio, issato sul piede nudo, affusolato e estremamente curato: le gambe di una dea, sentenzia la voce dentro la sua testa. Come si fa a non accontentarla, una dea?
Poi si porta le mani, improvvisamente nervose, alla patta dei pantaloni, afferra la zip e inizia a farla scendere, lentamente. Il ronzio metallico riempie la stanza, per un istante che pare infinito.
Ora lei gli dice di smettere, pensa lui, gli confessa che lo sta prendendo in giro e riprende a fare la sua ricca colazione.
Lei però non dice niente, torna a guardarlo, fissa quelle mani scure aspettando che facciano il loro dovere. Anche adesso, non tradisce alcuna emozione, come se quella scena surreale fosse per lei la cosa più normale del mondo.
Quando lui se lo tira fuori le labbra di Amanda si piegano impercettibilmente, forse sorride, forse è solo contenta di poter continuare la sua colazione.
Il pene nero del cameriere è indiscutibilmente grosso, già percorso dai primi fluidi di una promettente eccitazione, ondeggia libero formando una piccola curva verso il basso.
Un’altra boccata di sigaretta, un’altro sbuffo di fumo trafitto dagli occhi azzurri.
Il giovane uomo afferra il proprio sesso, inizia ad accarezzarlo con dolcezza, facendolo crescere, teso e possente, dritto verso l’alto. Il movimento si fa più intenso e irruente sotto l’occhio attento di quello schianto di femmina che sembra scesa da un altro meraviglioso pianeta.
Il cameriere morde i propri respiri, chiude gli occhi poi li riapre su quello stacco di coscia, la vede muoversi, scavallare le gambe e per un breve istante schiudere le cosce per regalargli la visione di una vagina delicata, un piccolo ciuffo di peli chiari che accarezza un taglio di carne roseo e succulento. Un’immagine rapidissima, quasi impercettibile, una promessa di audace femminilità che va a conficcarsi nella mente e nel cuore del povero ragazzo.
Poi la donna si ricompone, richiama la gamba e la adagia di nuovo sull’altra. Questo intendevo, quando parlavo di Leggiadria.
Il ragazzo sta prendendo fuoco, la sua mano scivola sul cazzo, sempre più veloce, finché le sue labbra si aprono in una smorfia di splendido dolore, ha giusto il tempo di afferrare il bicchiere, prendere la mira e riempirlo, col suo seme.
«Everything» dice adesso lei, invitandolo a non sprecarne neanche una goccia.
Quando Thomas, tra gli affanni, pensa di aver spillato tutto il proprio piacere posiziona il flûte al centro del tavolo, proprio dove quella strana signora lo aveva messo poco fa. Per un attimo gli viene anche in mente di aggiungere un cortese “as you requested” - come da lei richiesto, ma poi si convince che la cosa migliore da fare, in questo momento, è tacere.
Amanda Martinelli fissa il bicchiere di cristallo, con un’espressione del viso che tradisce una scintilla di compiacimento, per una donna potente come lei è vitale circondarsi di persone pronte ad assecondarla, in tutto.
La sua mano ora scorre sulla tovaglia e va a chiudersi sul flûte, come fosse un fragile fiore di vetro, da cogliere in un mattino ricolmo di rugiada.
Lo afferra, lo solleva. Lo rigira fra le dita fissandone il contenuto, illuminato dai raggi del sole, pare ne stia studiando le sfumature liquide, come fosse un vino, evidentemente giovane, fresco di giornata.
Qualcosa, d’improvviso, pare turbarla, il suo sguardo si incupisce appena, inscenando una qualche forma di insoddisfazione.
Il ragazzo è ancora lì, col sesso in bella vista che pare non voglia saperne di tornare a riposo. La scena di quella signora che studia accuratamente il suo distillato di piacere lo tormenta, tanto assurda e tanto irresistibile.
«Come closer» sbuffa la signora Martinelli, vieni più vicino.
Che altro ha in mente?
Lui esegue, anche stavolta, ormai impossibilitato a sbrogliarsi dalla sottile tela scabrosa di tutti i desideri della donna.
«Even closer», ancora più vicino, fino a posizionarsi proprio di fronte al suo viso.
Ci sono ora pochi, pochissimi centimetri tra il viso di Amanda e il pene del cameriere che non sa, probabilmente, cosa sarebbero disposti a fare gli uomini più ricchi del mondo, per essere al suo posto.
Un fremito, improvviso, le dita della donna si posano sotto a quel tubo di carne e lo sollevano, come a invitarlo a ergersi, di nuovo, in maschile e animalesca eccitazione.
Fenomeno che, accompagnato da un lungo sospiro, si manifesta quasi immediatamente, libero di mostrarsi fiero agli occhi accesi di lei. Un colosso di carne nera, percorso da vene sempre più gonfie; quando la natura azzera in un solo istante tutte le classi sociali.
È in quel momento che Amanda muove l’altra mano e va a cercare, sul tavolo, ciò che le serve: una piccola spatola d’argento, dal manico finemente cesellato.
La ragnatela dei suoi desideri si stende sicura, seguendo i passi di una coreografia delicata eppure incredibilmente perversa.
La mano tiene la spatola, l’avvicina all’erezione del ragazzo, la sfiora e l’accarezza, provocando al giovane corpo un brivido elettrico, sospeso fra i poli opposti del piacere e della paura.
La piccola lama specchiata riflette la carne scura graffiandola appena, Amanda sorride, avverte gli spasmi confusi del ragazzo e sa che, ancora una volta, un maschio è vittima delle sue voglie.
Questa dolce tortura potrebbe andare avanti ancora a lungo ma la giornata della signora Martinelli è ricca di impegni, è tempo di fare colazione, finalmente.
Un movimento sicuro, quel tanto che basta per fendere l’aria con la spatola e immergerla nella coppa di panna montata, raccoglierne una piccola porzione e tornare fra le gambe del cameriere, iniziando a spalmarla sul pene indiavolato.
Bianco su nero, passaggio dopo passaggio, a farcire un dolce piatto che metterebbe gola a qualsiasi donna: magnifico cazzo scuro, ricoperto di candida e golosa dolcezza.
Un’altra immersione per un’altra soffice porzione, dosando sapientemente gli ingredienti della lussuria.
Solo quando è soddisfatta del risultato la donna si libera del pugnale argentato e con fare goloso, spalanca la bocca.
«..oh my god..» e il rantolo, quasi impercettibile, che esce dal bocca del ragazzo mentre la signora Amanda Martinelli inizia a leccargli il cazzo, ripulendolo dalla panna, a ogni irresistibile passaggio.
Che a guardarli da qui, quel ragazzo vigoroso, ritto sulle gambe, con la livrea bianca e gli occhi socchiusi su di un sogno terribilmente reale; e quella donna, desiderata da mezzo mondo, con la vestaglia ormai aperta sul corpo nudo, mentre si gode il suo pasto, percorrendo l’asta in punta di lingua.
Due corpi in controluce, sullo sfondo il mare azzurro di Miami, perla lucente sulla costa della Florida.

Un suono improvvisamente si intromette nella scena, qualcosa di vivace, una qualche canzone alla moda. Amanda interrompe per un attimo la sua degustazione e inquadra con lo sguardo il suo smartphone, che si illumina intermittente.
«Che palle» pronuncia in una lingua che il ragazzo non conosce ma di cui non gli sfugge il senso: qualcuno li sta disturbando.
La signora fa scorrere il dito sullo schermo del telefono e se lo porta all’orecchio, continuando a parlare in quella lingua sconosciuta «Pronto? Sì.. certo che sono sveglia.. cosa cazzo credi? Sì.. stavo facendo colazione.. alle undici devo incontrare l’architetto..».
Mentre parla però, non dimentica il piacere, perché l’altra mano si stringe salda attorno al cazzo di Thomas e inizia a massaggiarlo con vigore.
Il ragazzo strozza un gemito coprendosi la bocca, la donna lo fulmina con lo sguardo, come a dire: non fare rumore, ragazzino. Poi continua a parlare, a parlare e a masturbarlo. Quando si dice che le donne, a differenza degli uomini, riescono a fare più cose contemporaneamente.
Ogni tanto tace, sembra stia ascoltando il suo interlocutore e ne approfitta per imboccarsi quel pisellone di cioccolato, ora lo sta proprio succhiando, avida e determinata.
«I progetti te li ho inviati via mail.. ieri sera.. che vuol dire “non li ho ricevuti”? Stai scherzando?».
E poi di nuovo giù, a gustarsi quel ben di dio, mentre una parte della sua mente sta sbloccando affari da miliardi.
Le labbra arrossate, strette intorno alla giovane carne, fa tutto lei: muove la testa, succhia, ne ingoia il più possibile poi lo tira fuori, accarezza la grossa cappella con la lingua e riprende a parlare, continuando a torturarlo con la mano.
«Adesso controllo.. sì.. fammi finire di mangiare.. poi ti richiamo.. a dopo.. ciao!».
Amanda sbuffa, i suoi doveri si svegliano presto, ogni mattina, e iniziano a rincorrerla freneticamente, concedendo poco tempo ai suoi piaceri. È tempo di dare una svolta a questa mattinata.
Con la mano prende il flûte, già pieno per metà, e lo avvicina al cazzo di Thomas, rendendo chiaro quale sia il suo unico intento. Poi torna inequivocabilmente a sbocchinarlo, con una foga che, solo per qualche invisibile istante, smarrisce la via dell’eleganza con movenze che sembrano improvvisamente quelle di una pornostar fra le più navigate.
Le guance le si gonfiano ritmicamente, il rumore del risucchio risuona di una volgarità quasi animale, la punta accesa del cazzo le sfiora la gola, strozzandole il respiro, affamata, letale, porca e irresistibile. Questo intendevo, quando parlavo di Aggressività.
La colazione, come detto, è spesso l’unico piacere che riesce a concedersi durante le sue frenetiche giornate.
Quando il ventre del ragazzo si tende, le palle iniziano a comprimersi, annunciando l’orgasmo feroce che le svuoterà, di nuovo, per riempire quel bicchiere raffinato.
«Madam..» annaspa lui per avvertirla «Madam..» implora, ormai sul bordo scivoloso del piacere.
La signora affonda ancora un paio di colpi di bocca, poi si stacca e punta il cazzo palpitante contro il bicchiere. Tre, quattro, cinque schizzi rabbiosi, accompagnati da gemiti disperati e liberi, finalmente, di farsi sentire.
La bella mano della signora lo spreme, fino all’ultima goccia, ora sì che il flûte è pieno fino all’orlo.
Amanda si alza in piedi, fruga nella sua borsetta e ne tira fuori alcune banconote da 100 dollari, le infila dentro le mutande del ragazzo, concedendogli il brivido di un’ultima carezza.
«You can go now» esclama infine, già distratta dai suoi impegni, le labbra ancora sporche di panna.
Il giovane Thomas prova a riprendersi, col cuore ancora in subbuglio, richiude la patta dei pantaloni e si avvia verso la porta.
«Thank you.. Madam.. wish you a good.. day» dice, con un filo di voce, prima di sparire.
Fuori dalla stanza, paonazzo e sconvolto, tira un lungo sospiro, convinto del fatto che nessuno dei ragazzi crederà mai a una cosa del genere. Un sogno, incredibile e prezioso che, a pensarci bene, non può davvero essere raccontato.

Amanda Martinelli ora è sola, nel grande salotto della suite “La Mer Presidential”, gli affari la attendono ma decide di concedere a sé stessa ancora un minuto.
Sul tavolo troneggia il bicchiere, ormai pieno, lei lo prende e si avvia verso la grande porta finestra che dà sul mare azzurro di Miami.
Vista di spalle, sembra proprio una dea, scesa da chissà quale altro pianeta. La vestaglia leggera e svolazzante si apre e la sua trasparenza, in controluce, svela le linee di un corpo statuario: gambe lunghe, quasi infinite, su cui si erge la meraviglia di un culo sodo e rotondo, dalle cui linee arcuate si stende una schiena incredibilmente sensuale.
La signora Martinelli avvicina il bicchiere al viso, lo osserva, poi ne annusa il contenuto, come si fa coi vini pregiati. Sorride, la bella Amanda, guarda il mare e tutto ciò che sente è il profumo inebriante della libertà.
Lei sì, che può permettersela.




Questo racconto di è stato letto 4 5 1 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.