A che serve l'estate - La notte degli estremi/Perfidia

Scritto da , il 2020-05-07, genere etero

Pausa. E sì, pausa. Direi che ci vuole proprio. Marcello l’ho mollato lì come un coglione, con le mie mutandine bagnate ancora in mano. Mission accomplished, come dicevano i Little Einsteins. Ma tra il ditalino che mi ha fatto, il caldo, il ballo e l’alcol, adesso avrei bisogno di fermarmi un po’, di mettermi pure comoda, possibilmente. Sono stanca e, adesso, anche parecchio eccitata.

Il posto lo trovo, e non è nemmeno male, su uno di quattro divani bianchi che formano un quadrato. C’è un sacco di gente che chiacchiera o si riprende dalle fatiche della serata, ma un posticino lo trovo, su un lato. Alla mia sinistra, due ragazze di chissà dove che parlano in chissà quale lingua con un tipo. A destra, su un altro divanetto, un gruppo di italiani. O meglio un gruppo di italiane più un ragazzo anch’esso italiano. Hanno un accento che, boh, non so bene. Sicuramente del nord, ma vattelapesca di dove.

Non posso esserne certa, perché capito nel bel mezzo della conversazione, ma sono sicura che stanno parlando di qualcosa che è successo a una di loro. Tipo che il fidanzato si è scopato un’altra, mi sa. Vabbè, sorella, capita, non te la prendere. Me ne disinteresso. Cioè, in un altro momento sarei curiosa da matti ma ora come ora avrei altro per la testa, sapete com’è… Se torno ad ascoltare i loro discorsi è perché, più che la vittima, la più inviperita di tutte mi sembra una sua amica, una ragazza tutta-tette fasciata in degli improbabili veli rossi che sembra avercela con l’intera parte maschile del genere umano tranne uno, il suo ragazzo evidentemente, che a un certo punto le arriva dietro e le poggia le mani sulle spalle. Mani che lei accarezza con delicatezza. Mi viene da ridere perché è un po’ la versione femminile di “le donne tutte troie tranne mia madre, mia sorella ecc…”. L’urlo che lancio – “ehi, Sere!” – fa sobbalzare la coppia come tutti gli altri intorno. E vabbè, scusate, ho visto la mia amica vagare con lo sguardo di chi cerca qualcuno e l’ho chiamata. Dai, che cazzo di problema c’è, è una discoteca, mica un cimitero.

Serena si avvicina sorridendo e ancheggiando in modo un po’ ostentato. I nostri sguardi si incrociano e ho la certezza che mi stia per dire qualcosa. Ma no, in realtà non dice nulla. Sono io che le dico qualcosa appena si siede sulle mie ginocchia.

– Dai, Sere, fa un caldo della Madonna…

Da lei non arriva risposta. Arriva invece, diretto e sfacciato così davanti a tutti, un lingua in bocca da lasciarmi senza fiato. Ma capisco quasi subito che, nonostante di attacchi di questo tipo ne abbia avuti parecchi negli ultimi giorni, il motivo non è una improvvisa e irrefrenabile passione nei miei confronti. Il motivo è che sa di sperma.

– Sere… – le faccio con lo sguardo un po’ ironico.

Lei ridacchia e mi guarda con gli occhi da gatta. Una gatta che ha appena mangiato un topo.

– Si sente ancora? – chiede continuando a ridacchiare.

– Direi di sì – rispondo con un’aria di finto rimprovero.

Parliamo fitto fitto, quasi sussurrando, con le fronti appoggiate l’una all’altra, come facciamo spesso. Mi racconta che dopo avere ballato e limonato per un bel po’ il bel Paul l’ha portata nei bagni dei maschi. E che come l’altro giorno con Julius a un certo punto lei si è anche augurata che la scopasse, anziché limitarsi a farle la bocca.

– Ma vabbè, la notte è giovane e noi abbiamo ancora da farci offrire da bere, vero amò? Tu con quell’altro che hai combinato?

Le racconto che con “quell’altro”, ovvero Marcello, ho ballato e limonato un po’ e alla fine mi ha fatto un ditalino su un tavolo del ristorante. E che, al momento di ricambiare, gli ho regalato le mie mutandine dicendogli che, al massimo, ci si poteva fare una sega sopra. Serena scoppia in una risata un po’ alcolica e, poiché commenta pure che sono una troia oltre che un po’ stronza, le domando se lei a volte si renda conto di ciò che dice, considerato quello che ha appena fatto. Mica perché mi dia fastidio che mi chiami troia, eh? Ma così, giusto per mettere le cose al loro posto. “Ne converrai, sister”, aggiungo prima di mettermi a ridere anche io.

Ne sono certa, tutto filerebbe via liscio, alla perfezione. Ci riposeremmo un po’ e poi ricominceremmo a ballare e a cercare di scroccare una bevuta a qualcuno. E sia quel che sia. Le confesso anche che a sto punto un po’ di voglia ce l’ho pure io, e che non sarebbe per niente male trovare qualcuno che, oltre al drink, mi offrisse anche qualcos’altro. Sarebbe perfetto, dicevo. Ma se uso il condizionale c’è un motivo. E il motivo è una voce femminile che arriva dalla mia destra.

– Certo, beate voi che non avete di questi problemi.

Sulle prime la sento, ma non ci faccio caso. Poi però ho quasi un sesto senso. Qualcosa mi dice che chi ha parlato ce l’abbia con noi. E il silenzio che segue ne è in un certo senso la conferma. Come se fosse il silenzio di chi attende una risposta. Mi sporgo oltre Serena, che me ne impedisce la vista, e guardo la Tutta-tette fasciata di rosso che ci guarda. Mi volto all’indietro per vedere se stia parlando con qualcuno alle mie spalle, ma è più che altro una cosa di istinto. Sono certa che abbia detto a noi.

– Scusa? Non ho capito – le dico.

– Dicevo: beate voi che non avete di questi problemi – ripete.

– Perché? Non capisco, di che parliamo? – domando. Non so voi, ma per me la curiosità di essere tirata in mezzo a una conversazione prevale quasi sempre sulla più saggia determinazione a fregarmene. Sbaglio, lo so. Devo imparare a farmi di più i cazzi miei.

– Parlavamo di traditori… – insiste.

Alza la testa verso il suo fidanzato e gli fa “Toporagno, non è che mi andresti a prendere qualcosa da bere?”. Toporagno le dà una stretta sulla spalla di conferma e si eclissa. Non ne sono proprio sicura, ma direi che lo fa con un certo sollievo.

– Ah, e quindi? – dico a Tutta-tette mentre già lo so, già lo so!, che tra poco succederà qualcosa che mi farà incazzare. Non so cosa, ma so che succederà, lo sento.

– Beh… è noto che voi siete, in genere, più promiscue…

– Ah… è noto, eh? Non lo sapevo… – rispondo senza nemmeno fare finta di non avere capito che quel “voi” significa in realtà “voi lesbiche”.

Serena si volta a guardarla, probabilmente allibita come sono allibita io. Ma so perfettamente che il mio stato di sorpresa durerà poco, troppo poco. Sto infatti per partire con il più classico dei “scusa ma, con esattezza, chittesencula?” che la mia amica mi anticipa. Non so dire se sia un bene o un male, ma la mette completamente su un altro piano.

– Guarda che mica siamo lesbiche, ci piacciono i ragazzi – dice.

– Ah, siete bisex? – domanda Tutta-tette con una specie di ghignetto ironico.

– Non che ad essere lesbiche ci sia qualcosa di male, eh? – le faccio tanto per puntualizzare la risposta di Serena.

Ci sarebbe un’altra occasione per far quietare tutto. E’ quando Tutta-tette chiede “ma i vostri ragazzi che dicono che vi baciate?”. Ci sarebbe, ma non la colgo. Mi dimentico persino che il nostro piano di stasera, mio e di Serena, prevede per l’appunto il fatto che siamo due ragazze fidanzate che momentaneamente hanno perso i loro boys sulla terraferma. Potrei rispondere, che cazzo ne so, “nulla, non dicono nulla” e farla finire lì, più o meno. Ma sono troppo incazzata. Cioè no, non ancora troppo. Ma abbastanza sì. L’aggressività di questa tipa la trovo inutilmente gratuita. E anche insopportabilmente moralista, ok. Ma la cosa peggiore, davvero, non è questa, è la sua aria di quella-che-ti-spiega-il-mondo-secondo-le-sue-regole che mi sta facendo uscire fuori come un balcone. E’ per questo che le rispondo:

– Mica ce li abbiamo i ragazzi, siamo libere di fare quello che ci pare.

E mentre glielo dico le pianto gli occhi negli occhi. Sì, è così, facciamo il cazzo che ci pare, e allora? Problemi? Non lo dico, ma se non lo capisce è scema. E stronza sì, lo è, ma scema non mi pare proprio.

– Quindi andate con chi vi pare – domanda Tutta-tette.

Serena si volta a guardarmi con l’espressione di chi domanda “ma che cazzo vuole questa?”. Io invece sono già abbastanza sul piede di guerra.

– Se capita… – le rispondo.

– E se capita, anche con ragazzi che sono già fidanzati.

– Boh, può essere – rispondo continuando a sostenere il suo sguardo – se qualcuno mi piace perché no?

– Perché la colpa è vostra se succedono queste cose – dice indicando la sua amica cornuta e poi, assumendo un’aria di sorridente commiserazione – ma sì, ragazze, provateci pure liberamente con i ragazzi fidanzati, tanto o vi prendete il palo o vi ritrovate con una merda di traditore e che non cambierà di certo per voi. Quindi, buona fortuna…

Che faccio, rispondo? Ma no, dai, ma perché mi devo mettere a litigare con questa? E invece sì, rispondo, nonostante Serena mi stringa un braccio come per dirmi “dai, lascia perdere”. Ma ormai sono partita.

– Ma chi è che vuole ritrovarsi con nessuno? Non è che ci provo con qualcuno per costruirci una vita insieme, eh?… scopiamo quella sera, finisce lì le corna sono tue e fine del discorso – ribatto come se fosse una discussione di alta teoria: le tue regole sono quelle? Beh, le mie invece sono queste.

– Le corna sono mie in che senso? – si inalbera Tutta-tette.

– Non ti incazzare, era un “tue” impersonale – convengo. In effetti, lo era.

– E chi si incazza? – risponde.

Non aggiunge altro, ma non ce n’è nemmeno bisogno. E’ come se ce l’avesse scritto in faccia quello che pensa: “siete solo due troie di merda”. Tutto di lei lo dice. Il suo sguardo, la sua espressione, persino la piega agli angoli delle labbra. Sapete, qualche volta è difficile indicare con certezza il motivo che ti spinge a fare qualcosa. Stavolta no, lo posso dire con certezza. Quello che mi fa andare proprio fuori di testa è proprio quel suo ultimo sguardo che ci lancia.

– Aspetta che vado a fare una cosa… – mormoro a Serena invitandola ad alzarsi dalle mie ginocchia.

– Che vuoi fare?

– Niente, l’hai detto te che stasera sono stronza, no? Aspettami qui.

Me ne vado impettita, con l’aria di chi si è offesa. E vi dirò che, se Tutta-tette lo pensa, è meglio così. Cammino in questo modo finché sono abbastanza sicura di scomparire alla loro vista, poi mi rilasso. E mi dirigo verso il bar.

Lo trovo ancora in fila al bancone, mi faccio strada, lo urto apposta. Si volta ed è lui che chiede scusa a me. Scusa di rappresentare un ostacolo tra me e il bar, immagino. Lo guardo e gli sorrido nel modo più “ehi-ma-che-bel-figo-che-sei” che mi viene. A dire il vero non è che sia proprio tutto sto gran figo, ma non è male, l’avevo già notato prima di litigare con la sua ragazza. Lo aiuta molto il fatto di avere una bellissima abbronzatura, probabilmente.

– Non importa – gli dico – l’ho fatto apposta ahahahahah…

Mi guarda, direi giustamente, come se non avesse capito un cazzo oppure come se io fossi una povera deficiente. Gli sorrido ancora e mi presento, mi chiamo Annalisa, tu? E a questo punto, visto il semi-ghigno che fa, mi sembra che inizi a capire qualcosa. Si presenta anche lui “Fulvio”. “Ah, pensavo Toporagno…”. Ci parliamo per un minuto, giusto il tempo che arrivi il suo turno al bar e che ordini un cazzo di long drink per la sua fidanzata. E’ di Ferrara, mi dice. Mai stata, tu sei mai stato a Roma?

– Se mi offri un Cuba libre ti rivelo un segreto – gli faccio risfoderandogli il mio migliore sorriso da oca.

– Affare fatto – dice dopo avermi osservata per qualche secondo.

– Oggi faccio vent’anni…

– Auguri allora! Era questo il segreto? – risponde, forse un po’ deluso.

– Noooo… – ridacchio – il segreto è che, sotto, non porto le mutandine…

Fulvio scoppia a ridere, immagino per l’imbarazzo. Così come è imbarazzato lo sguardo che mi rivolge. Tuttavia, a occhio e croce, direi che il suo non è solo imbarazzo.

– Beh, interessante – commenta con un tono sfacciatamente interlocutorio.

Sta per rivolgersi al barista, lo fermo mettendogli una mano sul braccio.

– Se mi offri un Cuba libre anche per la mia amica te ne dico un altro, di segreto.

Mi guarda e stavolta il sorriso è decisamente più ampio, rilassato e curioso. Se non odiassi il termine “intrigante” direi che è un sorriso molto più intrigato. Fa il segno “due” al barista, con le dita, poi torna a guardarmi con un’aria tipo ah-volevo-ben-dire.

– Il secondo segreto è che quando sono in discoteca – gli faccio abbassando lo sguardo e passandogli un dito sull’avambraccio – mi piace molto giocare… hai presente quei giochi che si fanno nei bagni?

Confesso che l’incazzatura che mi sono presa con la sua fidanzata mi aveva un po’ smontato l’eccitazione. Ma per quanto quella stessa incazzatura sia ancora ben salda al suo posto, io non sono di legno e quello che gli ho appena detto qualcosa tra le gambe me lo provoca. E anche sopra. Giurerei che in questo momento si capisce benissimo che sotto il toppino scollato non indosso il reggiseno. E inoltre mi sto divertendo tantissimo a recitare questa parte, quella che quando abbassi lo sguardo pensano che ti stai un po’ vergognando, ma in realtà non sanno che gli stai guardando il pacco. E lì sotto, secondo me, sta reagendo anche lui. Anche perché, se non sta reagendo ma è in condizioni, per così dire, normali… beh, wow.

– Pensavo che fosse la tua ragazza, non una tua amica… – dice come se, per lui, la differenza fosse sempre così netta.

– Pensavi fossimo lesbiche? Hai qualcosa contro?

– Io? Figurati, non solo non penso nulla di male, ma non me ne potrebbe fregare di meno.

– Bella risposta, sai? – gli dico guardandolo e sorridendogli – mi è piaciuta proprio.

Cioè, spero che sia una bella risposta. Di quelle che vogliono dire “ognuno fa come cazzo gli pare e io nemmeno ci faccio caso”. Boh, forse non voleva dire proprio questo, chi lo sa… Ma chissenefrega. Se gli dico che mi piace la sua risposta è per avere una scusa per continuare a guardarlo e a sorridergli, mentre lui si domanda che cosa abbia detto di tanto figo.

– Eeeeee… senti frà, di una ragazza che bacia una sua amica ma che invece ha voglia di prendertelo in bocca che ne pensi?

Dai, non fare il coglione. Lo so che ci stai pensando da quando ti ho detto che sotto la mini non ho nulla. E secondo me ti è pure venuta voglia di allungare la mano per sincerartene. Adesso lo sto guardando con un sorriso a metà tra l’impertinente e la troia, lo ammetto. Uno di quei sorrisi un po’ politicamente scorretti che dicono “che figura ci faresti? fammi vedere che sei un uomo”.

– Devo portare questo… – dice mostrandomi il bicchiere per la sua ragazza.

– Nessun problema – ridacchio afferrando i due Cuba libre per me e per Serena – anch’io devo portare questi.

Torniamo dove eravamo prima, un po’ distanziati. Vado alle spalle di Serena ignorando ostentatamente Tutta-tette che si sta già bevendo il suo long drink parlottando con il suo fidanzato. Anche lui è in piedi, alle spalle della ragazza.

Serena mi fa “e questi?”, indicando i bicchieri. “Un ammiratore”, le rispondo ridendo. Beviamo, ma continuo a tenere d’occhio Toporagno. Sono ancora incerta sulla sua mossa. Potrebbe tranquillamente decidere che non è il caso di correre rischi e lasciar perdere tutto, per quanto ne so. E un po’ mi seccherebbe, lo riconosco. Se promettete di non precipitare in uno squallido doppio senso, potrei anche dire che ormai ci ho fatto un po’ la bocca. Potrei persino prenderla sul personale… Finisco il mio Cuba libre in un tempo esageratamente breve, non è nemmeno tanto forte. Hanno risparmiato sul rum, sti cazzoni, ma forse è meglio così…

Poi però, quando la sua fidanzata ricomincia a concionare con le amiche, Toporagno incrocia il suo sguardo con il mio e fa un cenno con la testa. Di quelli che vogliono dire “andiamo”.

– Torno subito – sussurro inchinandomi all’orecchio di Serena.

– Ancora? Dove cazzo vai?

– Devo andare al bagno – le rispondo.

Preferirei le toilettes delle femmine, di certo più pulite. Ma stavolta è proprio impossibile, c’è una fila chilometrica e noi, per vari motivi, di tempo da perdere proprio non ne abbiamo. Mi porta in quella dei maschi. Mi sento tutti gli sguardi addosso ma se c’è una cosa di cui non me ne sbatte una mazza, non me n’è mai sbattuta una mazza, è questa. Ci baciamo, per la prima volta. E non bacia male, anzi. L’invasione della sua lingua nella mia bocca lo avverto senza tema di smentite come il preannuncio di ben altra invasione. Mi struscio addosso a lui, mi struscio parecchio, fino a sentirlo, vediamo qual è il modo migliore per dirlo… più consistente, ecco. Lancio anche un leggero miagolio quando decide di verificare se il “primo segreto di Annalisa” fosse proprio come gli avevo descritto. E sì, mio caro, ero sincera, sotto la mini non ho nulla… sono bagnata, eh? Mi ritorna su, prepotente, tutta l’eccitazione che mi sentivo addosso dopo il ditalino di Marcello.

Mi abbassa le spalline del top e adesso sì che le mie tettine sono tutte sue. Si china e me ne prende una completamente in bocca mentre mi stringe forte le chiappe con entrambe le mani, un mix micidiale. Cazzo che gesto di possesso! Gliel’avevo pure detto, a Serena: “Se ho una voglia è quella di qualcuno che mi stringa forte le chiappe”. Beh, sono stata accontentata. Lui succhia, mangia, morde e stringe. Io uggiolo come un cucciolo, scusate la rima, anche se cerco di fare piano per evitare che quelli di fuori sentano. Idiota che sono, mi hanno vista entrare con un ragazzo qui dentro e mi preoccupo pure di ciò che possono pensare… che cosa indecifrabile, il ritegno. Intanto pulso e sono certa di essere già bagnata e aperta in modo indecente. Quando ci stacchiamo, o meglio quando lui mi molla, indugio con la punta di un’unghia sul profilo già evidente del suo pacco.

– Senti, ho cambiato idea… – sussurro.

Leggo la sorpresa nel suo sguardo, il timore che mi ritragga adesso, proprio all’ultimo, la delusione. E invece no, caro il mio Toporagno. Ho cambiato idea nel senso che magari il pompino te lo faccio un’altra volta, ora ti voglio dentro.

– Scopami… – sussurro ancora.

– Non ho i preservativi… – mi fa. E lo apprezzo, ma anche sticazzi.

– Chissenefrega… – ansimo – magari non venirmi dentro…

Ehi, cazzo, come ti è cambiato lo sguardo! Sembri Jim Carrey quando fa il Grinch, ti manca solo il verde… Che poi sinceramente, anche se fossi verde in questo momento davvero sticazzi. Soprattutto se mi afferri la fregna in questo modo… epperò Cristo, ho detto che me le puoi scopare, mica che me la puoi portare via.

Mi prende per le spalle e mi dice “girati”, ma in effetti è lui che mi gira. Sin troppo evidente lo scopo, mi vuole mettere a novanta. Ma a parte il fatto che mi fa schifo appoggiare le mani su quel water, c’è un altro motivo che mi fa divincolare e rimettermi di fronte a lui. Potrei dirgli che voglio guardarlo in faccia mentre mi fotte, o che voglio baciarlo. Invece, sarà che stasera ho delle botte di sincerità anche un po’ eccessive, gli dico proprio le cose come stanno.

– No, così no, grido troppo se mi scopi così…

– Non ti va di prendermelo un po’ in bocca, prima? Sei brava con i pompini? – mi sussurra addosso mentre mi abbranca di nuovo le tette con una mano e cerca di spingermi giù con l’altra.

Ora mi piace. Non mi va di succhiarglielo ma mi piace. E’ arrapato, sfacciato.

– No, non adesso… Chiavami, datti da fare – ansimo. Sono a un passo dal mettermi a piangere dalla voglia.

Avete presente l’urgenza? Cazzo, mi sembra da non crederci che ce l’abbia addosso tutta io e lui no. Eppure a sentirlo è proprio bello pronto. A sentirlo prima da fuori e poi direttamente sulla mano. Perché cazzo, anche questa è una cosa cui stento a credere, sono io che devo impegnarmi per tirarglielo fuori. Non è che sei un po’ troppo viziato, Toporagno?

Viziato o no, si vede proprio che è uno che in certe situazioni ci sa fare, sa come condurre il gioco. Si sistema e me lo passa lungo tutta la mia fessura. Mi porta sull’orlo del collasso nervoso. “Tiprègo-tiprègo-tiprègo”,gli miagolo. Sto stronzo vuole proprio sentirmi implorare. E io ok, ti imploro, ho proprio una voglia assurda che non ce la faccio più, certo che ti imploro.

E mentre lo supplico, la botta. Gesussanto, magari avrei strillato comunque, ma così… eh cazzo, così è a tradimento. Soffoco la parte finale dell’urlo sulla sua spalla ma mi sa proprio che se qualcuno doveva sentire qualcosa ha bello che sentito. Iper-sticazzi. Non ho avuto nemmeno quell’attimo di sorpresa che, cioè, insomma, quando ti fanno così… no, no. Sono proprio passata direttamente dalla voglia al godimento. Davvero, sto godendo come una matta, mi piace da impazzire. E lui se ne accorge. Non tanto per i miei “sì-sì-sì-così”, i miei “ancora”, i miei “è bellissimo”, “più forte”. Sì, d’accordo, le mie parole lo gratificheranno. Ma mai, penso, come quello che il mio corpo gli esprime. Il mio corpo e le mie braccia, le mie labbra.

– Ti piace proprio la minchia eh?

Minchia? Ma che sei, siciliano? Non eri di Ferrara? Sticazzi… sì che mi piace, non lo vedi? Dammela tutta, tutta dentro, spingi. No, nulla, vuole proprio sentirselo dire, insiste. Ok, dai, va bene, in fondo è bello dirsele certe cose.

– Sì, sì mi piace… – sospiro.

– Sei proprio una troia, lo sai eh?

Uaaao siiiiiiì, questo mi piace anche di più! Cazzo aspettavi a dirmelo? Anche se, beh, non vorrei che ti offendessi… non è per te, eh? Ma se proprio te lo devo dire c’è un’altra cosa che in questo momento mi sta piacendo più di tutte in assoluto. Perciò, ok, te lo dico, mica mi tiro indietro, te lo dico “sì-sì-sono-una-troia”, ma ecco, anche se ormai ansimo e faccio fatica a parlare…

– La sai la cosa che mi piace di più? Eh? La sai?

– Dimmela… – ansima pure lui.

– E’ che stiamo facendo le corna alla tua ragazza – piagnucolo.

Ho capito, ho capito, non dovrei piagnucolare. Dovrei essere tosta e più irridente, quasi sprezzante. Ma che ci posso fare se sono entrata nella fase piagnucolio-e-lagna-fastidiosa? Obiettivamente, mi sta piacendo così tanto che mi dispiacerebbe se venisse troppo presto. O se venissi io. No, dico davvero, vorrei che andasse avanti all’infinito. Non so se riuscite a comprendermi ma fa niente, mi comprendo da sola.

– Perché? – domanda.

– Che cazzo te ne frega del perché? Non ti piace scoparmi, eh?

Ecco, non dico che sia un errore, questo no. Anzi. Però mi sa tanto che gliel’ho detto in modo un po’ troppo arrapato, lascivo, in calore. Cioè, era una semplice domanda. Anche pleonastica, se vogliamo. Come quelle che si fanno in questi momenti. Come lui che mi chiede se mi piace il cazzo. E certo che mi piace il cazzo, non lo vedi? C’è bisogno di domandarlo? A rigore, no, non ce n’è bisogno. Ma ve l’ho detto prima: è così bello in questi momenti scambiarsi queste zozzerie, mi fa impazzire. E quindi, sempre a rigore, anche la mia domanda è sciocca: “non ti piace scoparmi?”. Certo che gli piace, ci sta dando dentro come un matto… E’ il tono, capite? E’ il tono con cui gliel’ho chiesto che lo fa uscire fuori di senno. Cioè, penso proprio che sia quello. Me ne sono accorta persino io che era troppo, troppo osceno. Troppo.

Mi prende di forza e mi gira verso il muro, come voleva lui sin dall’inizio. Costringendomi a piegarmi un po’ e ad appoggiarci le mani sopra. Lo lascio fare, assecondo la sua prepotenza e il suo bisogno. Un po’ perché non sono in grado di oppormi e un po’ perché a volte non so proprio come farei senza la prepotenza di certe voglie e di certi bisogni. Come i suoi. Per un attimo penso pure eccoci, adesso mi prende e mi fa capire who’s the leader of the club, ma in fondo mi va benissimo che comandi lui. Per un momento penso anche che questo l’ho talmente provocato che magari mi rompe pure il culo, cosa che a bocce ferme mi andrebbe molto meno benissimo. Fa’ un po’ il cazzo che ti pare, Toporagno. Ma no, nulla, continua imperterrito a scoparmi come prima e a domandarmi a loop se mi piace la sua minchia. Non credo che lo faccia per insicurezza, credo proprio che sia un po’ egoriferito, il ragazzo. Un bel po’. E in ogni caso chissenefrega, per me puoi metterti anche il cappello di Napoleone in testa, basta che continui. E un’altra cosa di cui non me ne frega assolutamente un cazzo sono le voci che arrivano da fuori. Beffarde, divertite e dette in una lingua che non conosco. Con il tono di una domanda sghignazzata. Tipo: se ti serve una mano siamo qua fuori. Ci deve essere un piccolo pubblico, là fuori. Grazie al cazzo, da quando ha iniziato a scoparmi faccia al muro ho iniziato a urlare senza pudore…

Poi l’annuncio, improvviso, “sto venendo…”. No, cazzo, no, io non ancora. Ma a parte questo, no cazzo, è già finito? Vorrei dirgli che non me ne frega un cazzo, resta dentro, vienimi dentro, sono protetta e tu in fondo sei un bravo Toporagno, ne sono certa. Ma sono pensieri troppo articolati, troppo lunghi, troppo difficili, ora. Vorrei dirglielo, ma non mi escono le parole. E lui intanto mi ha già rigirata e spinta giù per le spalle. Solo l’angelo custode, credo, mi impedisce di farmi poggiare le ginocchia per terra in questo schifo di bagno. Il primo schizzo in faccia è quasi uno schiaffo di piacere. Gli altri, chissà perché, me li indirizza più in basso, sul collo e sulle tette. Uaaaooo… ma è una ficata.

Due mantici, avete presente? Lui di più, però. Ha lo sguardo ancora obnubilato. Io… io boh, in compenso sto pulsando come una pazza. Ho davanti agli occhi il suo bastone ancora in tiro e allora, beh, cazzo, fino ad ora hai fatto quello che ti pareva, lascia che prenda anche io un po’ di iniziativa, no? E’ sporco di sperma, è sporco di me. Una quindicina di secondi dopo è lucido, uno specchio. Quindici secondi durante i quali lui tremava e ripeteva cazzo-cazzo-cazzo. Interessante questa cosa: quando è un’imprecazione, è “cazzo”, quando invece si tratta di usarlo è “minchia”. Un attimo dopo mi do della scema per avere fatto sto pensiero e mi dico che è meglio se mi do da fare per pulirmi anche io, prima che il suo seme mi coli dappertutto. Sulla faccia ci passo il dito, lo assaggio e non è niente male. Il disastro è sul petto, dove tocca spalmarmelo con le mani. I miei capezzoli ringraziano, il brivido che mi percorre è di quelli che dicono “ehi, è stato davvero fantastico, ricominciamo?”.

No, non ricominciamo. Mi alzo in piedi e gli sorrido. E sarà che mi sento molto ben disposta verso di lui, o che non ho ancora recuperato del tutto il controllo di me stessa, gli rivolgo un semplicissimo ed eloquente “scopi proprio bene, Fulvio. O dovrei dire Toporagno?”. Mi sorride con un ghigno, ma chissà che gli frulla in testa. Forse sta cominciando a rendersi conto di averla fatta grossa.

Usciamo e ci becchiamo l’applauso di due tizi appostati là fuori, che ridono e continuano a dire cose che non capisco. Passo oltre, con lo sguardo in basso, perché non ho intenzione di dare più spettacolo di quanto ne abbia dato sinora. Ma sono certa che, tra noi due, quello che si vergogna di più è Toporagno. Gli soffio un bacio anche abbastanza casto sulle labbra e un “ciao, è stato molto bello”. Lui non risponde. Mi infilo di corsa nei bagni delle femmine a cercare un lavandino. Ho la faccia impiastricciata, il petto impiastricciato, le mani impiastricciate e una tetta mezza di fuori. Ho urgenza di ricompormi e in fretta. Anche sotto lo sguardo a metà tra il sorpreso e l’incuriosito di questa ragazza qui, quella al lavandino accanto al mio. Il mio sguardo invece, quello che lo specchio mi restituisce, è lo sguardo di una che cerca tracce di sperma sui capelli. La ragazza mi indica un punto sulla tempia. La guardo, le sorrido e lo ripulisco. Poi le sorrido ancora. Un sorriso tipo “sono una mattacchiona”, non tipo “sono una troia”. Lei ricambia.

Quando esco per tornare da Serena posso sembrare una che si è sdrumata a furia di ballare e di bere, ma non di più. Non proprio un fiore, ma nemmeno una che si è fatta lavare la faccia da un ragazzo. Tra l’altro, non esattamente il suo ragazzo. Quando la mia amica mi domanda “oh ma che cazzo hai fatto? stai male?” le sorrido e mi siedo sulle sue ginocchia. “Mi sono data una sciacquata”, le dico. Poi la bacio e le domando “che facciamo adesso?”. Il gruppetto di Tutta-tette è sempre lì. Giurerei che l’ennesimo bacio saffico non è sfuggito loro, ma mi sa che fanno finta di niente. Dalla ragazza tradita dal suo fidanzato devono evidentemente avere deciso di allargare il discorso a ogni possibile variante della stronzaggine maschile.

Che devo dire? In un altro momento solidarizzerei, vi assicuro. Ma per colpa di Tutta-tette no, non è così. Mi stanno tutte sul cazzo per proprietà transitiva. Cioè no, la ragazza tradita dal fidanzato no, non mi sta sul cazzo. Le altre sì. Questa, per esempio, questa che in questo momento sta parlando e si sta lamentando del suo tipo.

– Non accetta che io veda altri…

Beh, è arrivato il momento di muoversi. Ma non prima di avere fatto una cosa. Stavolta spinta da una mano che è quella della perfidia, non della stronzaggine semplice. Smonto dalle ginocchia di Serena e prendendola per mano la costringo ad alzarsi. Usciamo dal quadrato formato dai divani e mi metto quasi alle spalle di Tutta- tette.

– Se non accetta che tu veda altri digli che ti scopano bendata… – faccio alla ragazza.

Tutta-tette volta la testa con la stessa espressione che aveva prima. Mi odia, è evidente. Io invece le sorrido.

– Hai presente quelle sante parole che dicevi prima? – le domando – “andate con il ragazzo di un’altra e vi ritrovate con una merda che tradisce”? No, vedi, quella sei tu, io ci vado insieme poi te lo tieni tu. Mica male Toporagno, te lo chiede pure a te se ti piace la sua minchia mentre ti scopa?

CONTINUA

Questo racconto di è stato letto 2 2 0 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.