Diario erotico di una grassottella - lockdown

Scritto da , il 2020-04-27, genere comici


- Amore, da domani lavoro da casa, in SMART WORKING!

Sembrava una cosa figa quando il marito mi ha annunciato la novità, e devo dire che i primi giorni è stato divertente: niente alzatacce la mattina presto, zero traffico per andare e tornare dall’ufficio significano molto più tempo da passare insieme, e magari fare tutte quelle piccole cose che si rimandano sempre per mancanza di tempo, tipo riordinare il garage, riparare il soffione della doccia che perde o dare l’insetticida per debellare l’orda delle formiche assassine che vogliono conquistare la cucina. Il marito in versione Manny Tuttofare, col cinturone degli attrezzi poggiato su un fianco, ha il suo porco perché.

Ma col passare dei giorni le cose cambiano, ci si abitua a tutto, anche alla quarantena, e il marito in pigiama, al centro del divano, avvolto nella copertina di pile con il pc sulle gambe e il telecomando in mano, ha dimenticato come si usa la lametta da barba, iniziando a sembrare Gimli il Nano.

- Ma come fai a guardare le serie tv mentre lavori?

-Sono multitasking, io!

-Ma ti pare appropriato guardare “The Last Ship” con tutto quello che sta succedendo?

-Vabbè, così son preparato!

Per chi non lo sapesse, tale serie TV racconta di una pandemia che ha ucciso cinque miliardi di persone in tutto il mondo, e un intrepido comandante della Marina degli Stati Uniti cerca di trovare una cura per il virus ed evitare la totale estinzione dell’umanità. In breve, l’unica cosa davvero notevole di questa serie è Eric Dane, il Dono di Dio alle Donne, che non solo non ha perso un filo di smalto dai tempi in cui interpretava il Dottor Bollore, ma pare persino migliorare con l’età, con quel capello brizzolato e l’uniforme da ufficiale. Il confronto con Gimli il Nano in pigiama sul divano è assai impietoso…

Bisogna che lo svegli dal torpore dell’inattività, tanto più che gli aperitivi quotidiani a cui mi sta abituando gli stanno mettendo sui fianchi gli anelli come gli alberi!

Doccia calda, una buona crema profumata, e mi presento, nuda, morbida, e ancora umida, dietro il monitor del suo computer:

- Amooore, quando mi dai il pene?

- Dopo amo’, quando finisco di lavorare… - non solleva neppure lo sguardo dal pc.

-Uff… Guarda che se non mi dai il pene vado dall’amante!

- Non puoi: siamo in quarantena.

-Eccheppalle! Vabbè allora vado a giocare con mio amico vibrante…

-Ferma qui! Che a te ci penso io!

Mi afferra per un polso e mi attira a sé, gli stampo un bel bacio sulle labbra dischiuse – pungi come un istrice! Fatti la barba!

- ehi! Qui non sono l’unico a doversi fare la barba! – mi dice accarezzandomi dolcemente tra le cosce, mannaggia al lockdown il mio inguine non vede la ceretta da un po’ – se vuoi ci penso io…

Detto, fatto: autoproclamatosi “pussy-hair stylist”, dopo avermi fatto accomodare a gambe spalancate su un asciugamano, mi spalma con perizia la schiuma da barba, e in maniera precisa e delicata inizia a passare la lametta prima nel senso del pelo, e poi contropelo, fermandosi ogni tanto a contemplare la sua opera come un artista soddisfatto del proprio ingegno.

Terminata la sessione, mi spedisce in bagno a risciacquarmi. Devo dire che ha fatto proprio un buon lavoro: sono completamente liscia, eccettuata un sottile striscia verticale che pare indicare la direzione giusta per il parco giochi.

-Grazie amore! Sei bravissimo! – faccio rientrando in camera, e lo ritrovo nudo, pronto, con un’erezione poderosa tra le gambe.

- scusa, eh, ma la tua patata davanti al naso per tutto questo tempo mi ha fatto un certo effetto…

Dicono che questa pandemia sta producendo un bel po’ di crisi coniugali… eppure, basta davvero poco per riaccendere la passione!

Questo racconto di è stato letto 1 9 5 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.