Una famiglia originale 4 - L'arrivo della sorella senza mutande

Scritto da , il 2020-04-18, genere incesti

Prima di appartarsi col figlio per fare l'amore,lei aveva telefonato al marito:

-Ciao Max,ci sono novità di cui poi ti parlerò però sarebbe meglio che tu prendessi qualche giorno di ferie per lasciare i ragazzi in santa pace senza il fastidio della nostra presenza.-

Il marito,pur senza ulteriori spiegazioni,avendo una certa confidenza con la figlia e conoscendo i suoi problemi coniugali,aveva capito già di cosa si trattasse e dunque,senza pensarci troppo aveva risposto che andava bene ma che doveva verificare certe pratiche urgenti cha all'occorrenza avrebbe risolto l'indomani mattina prima di partire per un paese della riviera di ponente vicino a San Remo dove da tempo,si erano trasferiti i suoi vecchi genitori.

Dopo aver avuto quella assicurazione,lei e suo figlio erano andati in camera da letto ed avevano scopato sino a mezz'ora prima del rientro del marito.

Quando l'uomo era rientrato,un po più tardi del solito,la tavola era già apparecchiata.

Sua moglie l'aveva accolto con uno smagliante sorriso sulle labbra ed i tipici occhi lucenti di quando era stata sessualmente soddisfatta.

Lei gli era subito corsa incontro ed abbracciandolo e baciandolo dolcemente sulle labbra gli aveva detto:

-Grazie amore grazie!-

Poi mentre il figlio era chiuso nella sua camera cercando di recuperare le ore di studio perse nel letto di sua madre,lei gli aveva spiegato l'evolversi degli eventi dalla sua ultima telefonata.

Lui aveva ascoltato con attenzioneed anche se con parole diverse,in cuor suo già sapeva ogni cosa.

Addirittura,conoscendo la delusione della figlia per il fatto che non fosse ancora riuscita a rimanere incinta,era sicuro che avrebbe affidato a suo fratello il compito di ingravidarla alleviandola da quella dolorosa frustrazione coniugale.

Quando il ragazzo chiamato dalla mamma era apparso sulla soglia della porta della cucina,il padre lo aveva accolto sorridente complimentandosi anche per il nuovo ruolo che stava assumendo all'interno della famiglia.

Alla fine della cena il padre,per evitare di intromettersi nel poco tempo che rimaneva a disposizione di sua moglie e suo figlio,li aveva salutati e adducendo la scusa che l'indomani sarebbe andato presto in ufficio per finire alcuni lavori urgenti,si era ritirato nella sua camera.

-Amore...vai a fare la doccia e aspettami in camera giusto il tempo di sparecchiare e rassettare la cucina.-

Quando lei era entrata in camera,il ragazzo completamente nudo l'aspettava seduto sulla sponda del letto:

-Lo sai mamma,oramai mi piace fare la doccia con te,asciugarti col telo di spugna e stropicciarti i capelli col fon come piace a me e poi,mi piace toccarti,accarezzarti,baciarti sotto lo scroscio dell'acqua che scivola eccitante e tiepida sulla tua pelle.-

Lei come sorpresa da quella inattesa dichiarazione,l'aveva baciato lasciando che fosse proprio lui a spogliarla ed accompagnarla sotto la doccia dove con gesti lenti e sensuali,si erano insaponati,abbracciati,toccati,accarezzati con una tale sensuale delicatezza che li aveva portati sulla soglia di un piacere sublime.

Lui avrebbe voluto prenderla li,sotto il getto d'acqua come la volta precedente ma lei,con la sapienza di una femmina vissuta,lo aveva accompagnato vicinissimo al punto di non ritorno per poi fermarsi mentre lei,con le diverse modalità della donna,ne provava piacere fisico e mentale godendo nel veder montare in modo quasi parossistico il desiderio del suo giovane,incestuoso amante.

Quella perversa tattica aveva eccitato il ragazzo oltre ogni immaginazione ed a letto,lei si era ritrovata tra le btaccia un inconteninibile e focoso stallone che l'aveva fatta godere come mai era avvenuto prima.

Pareva instacabile ed inesauribile il suo bambino con la verga mai doma ed il serbatoio di calda crema sempre pieno.

Una notte davvero indimenticabile resa ancora più piccante forse,dal fatto che nei loro giochi stava per entrare anche Nadia.

Chissà,forse entrambi mentre facevano l'amore,sognavano già di avere come compagna di letto la ragazza con la pancia gonfia del frutto peccaminoso di suo fratello.

Al mattino,il marito che era andato molto presto in ufficio,non aveva portato la colazione e questo è stato un bene giacché,spossati dalla fatica di quella notte di ferro,di fuoco,di umori,grida,sperma e sudore,non avrebbero avuto la forza per svegliarsi prima.

Mentre erano in cucina,entrambi guardavano con occhi languidi ed un sorriso appena abbozzato,il tavolo che la mattina precedente era stato protagonista di una inculata memorabile ed entrambi,guardandosi negli occhi avevano sospirato accennando un deluso "No...adesso proprio no!".

Dopo colazione e dopo essersi rimessi in sesto,mentre il ragazzo era tornato in camera sua a studiare,la mamma aveva cambiato il letto mettendo le lenzuola di lino bianco per quell'occasione che avrebbe avuto il sapore della "Prima notte di nozze" e poi,aveva preparato il bagaglio che sarebbe servito per quei due giorni che avrebbero passato in Liguria.

La ragazza sarebbe arrivata in aereo da Catania dopo uno scalo a Roma ed un trasbordo per Pescara.

Ad aspettarla c'era il fratello che non la vedeva da quasi due anni e,nonostante la fatica del viaggio,aveva stentato a riconoscerla tanto era cambiata e tanto era bella.

Il caloroso abbraccio fraterno era stato accompagnato da un bacio sulle labbra che per poco non si era trasformato in qualcosa di scandaloso e disdicevole in pubblico.

Nonostante che da ragazzi non avessero avuto un rapporto particolarmente aperto ed affettuoso,in quella circostanza pareva davvero come avessero ritrovato un'intesa mai perduta.

Lui,benché felice di quello che stava accadendo,pareva un po intimorito dalla sfavillante bellezza della sorella e dalla disinvoltura che mostrava nel linguaggio e nell'atteggiamento.

Vestiva con una ederente camicetta bianca semitrasparente che dava l'impressione che sotto non vi fosse altro al punto che i capezzoli spingevano vistosamente sulla stoffa di lino leggera.

La minigonna a bande larghe,ben al di sopra delle ginocchia,lasciava esposte sul sedile della macchina,una buona parte delle cosce scure e ben tornite.

La sorella parlava...parlava e lui noi momenti in cui riusciva a distogliere l'attenzione dalla guida,si girava verso di lei e non poteva impedirsi di guardarle le cosce e i rigogliosi seni.

-Ti piaccino?-

Aveva chiesto lei a bruciapelo interrompendo le sue noiose giaculatorie.

-Che cosa?-

Aveva risposto lui con voce tremula avvampando in volto.

-Le mie tette e le mie cosce!-

Aveva insistito lei con tono spudorato.

-Si..si...sei bellissima,non ti ricordavo così bella!-

A quel punto lei,aprendo la borsetta e tirandone fuori due indumenti aveva aggiunto:

-Ecco,questo è il mio segreto ed è il motivo per il quale mi trovi così eccitante,ho visto sai il bozzo che hai nei calzoni.-

Così dicendo,gli aveva mostrato il reggiseno ed un perizoma.

-Cosa credi,li ho tolti a Roma per te.

Non potevo certo partire così da Catania,in borsa ho anche un paia di jeans ed un maglincino che indossavo quando quel coglione di mio marito mi ha accompagnata in aeroporto.

Mi sono cambiata nei bagni a Roma e l'ho fatto per te.

Dopo averlo sbalordito con quella sorpresa e quelle parole,gli aveva preso la mano e se l'era portata tra le cosce dove le sue dita erano state impregnate di umori vaginali.

-Fratellino,è da ieri quando ho parlato con la mamma che la mia cosina lacrima senza interruzione.

Spero proprio che tu sia capace di consolarla con gli argomenti di cui mi ha parlato la mamma.-

segue

Questo racconto di è stato letto 1 0 2 5 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.