Sex 7 Botta e risposta di due amiche un pò zoccole

Scritto da , il 2020-04-06, genere interviste

“Ho un incredibile bisogno di un americano!”, disse Iolanda sedendosi al tavolo dove Bea la stava aspettando. Al lavoro era stata una giornata infernale!!
“Mah secondo me ‘blow me’ ormai te lo può dire anche uno di Potenza..”, disse Bea continuando a succhiare dalla cannuccia il suo spritz.
“Eh?!”, chiese Iolanda non avendo capito la risposta.
“Se vuoi un americano che ti dica ‘fammi un pompino’, ossia blow me ormai è così noto che ne trovi anche uno di Potenza che te lo dice…”, rispose Beatrice posando il bicchiere e facendo capire dal modo in cui parlava che era piuttosto “storta”.
“Quanti ne hai già bevuti di quelli?”, le domandò Dada guardando il bicchiere mezzo vuoto davanti all’amica.
“E' il primo e poi lo reggo bene... Senti Dada, devo chiederti una cosa che mi sta qui da giorni.
"Si ...", disse Iolanda guardandosi intorno per allacciare lo sguardo di un cameriere e quando ci riuscì alzò la mano sorridendogli. Il ragazzo si avvicinò subito al loro tavolo "Ciao, scusami puoi portarmi un Americano ...e se è possibile una razione doppia di pizzette ..", lo guardò con l'espressione da cerbiatta e la schiena bella dritta per lasciare che lui potesse spionare facilmente la sua scollatura.
"Certo...", rispose il cameriere.
"Grazie...gentilissimo...", poi quando fu andato via tornò a rivolgersi a Bea.
"Eccomi tutta tua... che devi chiedermi?" ora si poteva concentrare su qualsiasi cosa le volesse dire Bea.
 "Senti, hai presente quella mattina che Riccardo è dovuto tornare a prendere il pc a casa, no? Ok, piuttosto che tornare in stazione è restato lì ma... cosa vi dicevate quando vi siete salutati? Ho visto che lo spingevi via ma... ridevi. Che vi siete detti? Parlavate di me?”.
Iolanda aveva sempre saputo d'essere una pessima bugiarda quindi optò la cosa più simile alla verità.
"Ma no! Non parlavamo di te - vero- scherzavamo e basta....". Doveva assolutamente distrarre Bea da quell'argomento "sai, credo che mi hai attaccato la fissa per i 40enni?", disse fissandone uno niente male seduto al tavolo da solo.
Bea guardò per un po' l'amica che indossava una minigonna di pelle ed un camicia nera trasparente con il reggiseno a fascia a vista, un paio di anfibi per sdrammatizzare e data la bella stagione non aveva calze, poi prese il bicchiere e succhiò in due colpi ciò che rimaneva dello spritz.
"Boh, sarò io che a volte... quello lì? Sai che non sono più tanto sicura? L'ultima volta...". Bea avrebbe voluto mordersi la lingua. Anzi avrebbe voluto tagliarsela e farsela con la salsa verde. A Iolanda aveva detto che la sua passione per i quarantenni era sempre e solo stata un sogno ad occhi aperti. O al massimo qualcosa di virtuale, come con quello in chat. Non era certo andata a raccontarle dell'architetto sadico e impotente che l'aveva fistata.
"L'ultima volta...??? Non avevi detto che era solo una fantasia?!",  chiese Iolanda valutando poi che non era il caso di iniziare un discorso sulle "cose non dette". Decise che era meglio mettere in stand-by la curiosità.
"Beh si dai, quello è caruccio no?... Certo che è un puttaniere si vede a km di distanza...", disse fissando l'uomo che si stava sistemando i capelli specchiandosi sulla vetrina del bar.
"Puttaniere?", rispose Bea ben contenta anche lei di cambiare discorso, "se mi vestivo come mi avevi detto tu forse potevamo anche zoccoleggiargli intorno, ahahahah". Mentre rideva Bea guardò con la coda dell'occhio il "puttaniere" di Iolanda e ammise a se stessa che era proprio il tipo d'uomo che aveva sempre agitato le sue fantasie sin da ragazza. Comprese quelle più solitarie.
“Scommetto 20 euro che sta aspettando l’amante!“, disse Dada facendo un veloce scanning dell’uomo: aveva la fede, l’aveva vista quando si era sistemato i capelli, vestito all’ultima moda (forse pure troppo), abbronzatura classica da “lampados”... se esci a fare aperitivo con la moglie non ti agghindi così... Amante, di certo aspettava la sua amante!
"Secondo te quindi quella non è la moglie?", chiese Bea ammiccando a una donna sbucata alle spalle dell'uomo con un sorriso a centoquaranta denti. Sulla quarantina anche lei, forse anche qualcuno di più, fasciata in un vestito viola aderente che le sottolineava il seno scarso, una certa pancetta e... sì, una volta giratasi era evidente, un sedere piuttosto insignificante. Belle cosce, però, lasciate generosamente esposte dalla gonna corta del vestito, anche se sotto il ginocchio le gambe diventavano secche e spigolose. Le décolleté da 12 facevano il resto. Bea espose tutte queste perplessità a Iolanda con un tono neutro, quasi da ricercatrice.
"Ma le note positive finiscono qui", disse, "l'hai vista in faccia? Dimmi la verità, se la vedi in una pescheria non la scambi per un baccalà?".
Iolanda rise "ahahhaa non lo so , non sono esperta di baccalà ma se la vedo per strada la scambio per una mignotta!... Comunque no, non è la moglie per niente... uno così sta con un figa di legno... una di quelle che fa i pompini con la bocca a culo di gallina e la faccia schifata... no no quella è l'amante... magari si sono incontrati in pescheria aahahaha”.
"E questa dei pompini con la bocca a culo di gallina dove l'hai sentita, scusa?", chiese Bea ridendo e cercando di attirare l'attenzione del cameriere per un secondo spritz. Una cosa non le tornava, cioè che un figo come quello, anche se un po' volgarotto, si ritrovasse sposato a una figa di legno. E lo disse all'amica.
"Però che quei due si siano incontrati in pescheria è una possibilità, mi sembra una abbastanza interessata al pesce... Oh, Dada, comunque sarà quel che sarà e avrà pure i capelli rosso-tinti con la ricrescita in vista, però mi sa tanto che quella scopa più di te e di me messe insieme... e tanto per cominciare si scopa quello".
"Santa miseria... piuttosto che vedermi così allo specchio faccio voto di clausura! No no ho la pelle d'oca a pensarmi ridotta così... No dai vabè ma l'hai vista?", disse Dada avendo notato l'orribile tentativo della tizia di mangiare un oliva in modo sexy .
"Ahahahah tu il voto di clausura lo fai dalle 13 alle 16, come i negozi... No Dada, a parte gli scherzi: è chiaro che fare QUELLA COSA LI' a quella povera oliva è un crimine contro l'umanità, forse a lei sembra di essere una fatalona. Ma intanto guardaci: io con un mezzo fidanzato che non so nemmeno cosa stia facendo a quest'ora né con chi stia; tu... nemmeno quello, ti sei portata a casa uno l'altra sera e ti sei già rotta i coglioni".
Questa ultima frase Bea la disse perché si era accorta di essere andata un po' troppo in là. Chissà, magari per quel Simone Dada era stata una da una botta e via (oddio, una botta e via da replicare ogni tanto) mentre lei ci teneva. Meglio far finta di pensare che fosse stata Iolanda ad averlo mollato.
"Invece quella", continuò Bea, "credo proprio che stasera una botta la rimedia, e se tanto mi dà tanto ne ha rimediata una ieri sera e ne rimedierà un'altra domani sera... e magari nemmeno dallo stesso! A volte penso che essere brave ragazze sia un po' una cazzata e che dovremmo divertirci di più".
"Primo... io non sono una brava ragazza... non offendere!! ", disse Dada scherzando, "secondo, Simone ormai è polvere nel mio corridoio... mi sono data una meta più ambiziosa...", disse valutando la possibilità di parlargli di Stefano "Tu, oggettivamente, in una scala di zoccolaggine da 1 a 10 quanto daresti al: ho una voglia incredibile di scoparmi il mio capo?".
"Una che si scopa il capo è zoccola undici, anche dodici forse... Ma almeno è un gran figo? Oppure ci guadagni una promozione?", chiese Bea. In teoria, questa era la sua opinione, Iolanda sarebbe stata capace di essere molto troia. Ma solo in teoria. All'atto pratico, chissà perché, non ce l'avrebbe fatta COSI' TANTO troia. E invece, era quello che le stava dicendo…
"Ah... minchia bella considerazione! Non allargo le gambe per una promozione! Quanto sei stronza!". No, per una promozione no, ma che non fosse poi così brava a tenerle chiuse lo dimostrava quella mattinata con Riccardo... ma Bea non lo sapeva e quindi poteva fingersi offesa.
"No, comunque è un gran figo...", disse armeggiando con il cellulare per mostrare a Bea la foto che lui aveva scelto per wa. "Tiè... - disse girando il telefono verso l'amica - io uno così me lo scoperei pure se fosse un senzatetto!".  
“Uhm, sì... belloccio", disse Bea che invece, dopo avere dato un'occhiata alla foto, sarebbe stata pronta ad ammettere che tutti i quarantenni del mondo, al suo confronto, erano dei cessi. "Però, Dada, una foto non dice tutto... non so come dire, ci sono altre cose...".
Dada che in fondo si sentiva ancora leggermente offesa rigirò il telefono per riguardarsi un po’ Stefano. Incredibile che ci avesse  lavorato per un anno e si fosse resa conto di quanto fosse straordinariamente perfetto solo da poco. Ci sono altre cose, diceva Bea, eh si ..ora che aveva il "mezzo" fidanzato se ne voleva uscire con i discorsi sulle relazioni, lo stare insieme e magari l’amore?
"Bea, ti prego, al discorso che c'è ‘altro’ c'avrei creduto prima di scoprire quando sei zoccola pure te...", disse guardando il cameriere avvicinarsi con le loro ordinazioni. Aspettarono entrambe a dire qualcosa  che se ne andasse e la prima a parlare fu di nuovo Dada .
"E comunque è colpa tua se sto in questo casino mentale! Minchia... io se non me lo porto a letto divento cretina, giuro!".
"Ahahahahah.... che c'è? Difficile lavorare con le mutandine bagnate?", scherzò Bea per poi avvicinarsi molto all'amica abbassando la voce, "oppure ti batte proprio la figa quando lo vedi? A me succede a volte, lo sai? Mi pulsa, mi si schiude e divento un lago... dici che sono zoccola?", chiese di fronte allo sguardo allibito di Iolanda. C'era una cosa che l'amica non aveva capito e che lei voleva assolutamente mettere in chiaro.
"Quando dico che c'è altro non parlo mica di sentimenti... parlo della voce, dell'odore, del linguaggio del corpo... degli sguardi. Sei mai stata scopata solo con gli occhi, Dada? Ti è mai capitato? A me sì, proprio in un locale come questo. Me lo ricordo bene perché era la sera dopo il mio esame di maturità. C'erano due coppie a un tavolo... erano grandi, forse non come il tuo Stefano, ma grandi. Uno di loro mi ha fissata tutta la sera, era impossibile non guardarlo, staccare gli occhi... Mi sentivo quasi scopata, giuro. E quando me ne sono andata mi sono vergognata, perché oltre ai pantaloni avevo bagnato un po' anche la sedia... Se mi avesse chiesto il numero di telefono penso che gli avrei detto 'no, guarda, portami dietro l'angolo e facciamola finita subito'. Capito cosa intendo quando ti dico che ci sono cose che in una foto non puoi vedere?", disse Bea tornando ad accomodarsi sullo schienale della sedia e ricominciando a parlare con un volume di voce normale. "Per non parlare del fatto che di solito, in una foto, ci sono altri particolari che non si vedono hihihì... Allora, cos'è sta storia che è colpa mia?".
"E' colpa tua si! Che Stefano fosse un bell'uomo l'avevo notato... ma non ci avevo mai nemmeno pensato a volerci finire a letto! Ed invece ora non penso ad altro... ed è un casino! Ogni volta che mi dice qualcosa mi sento cretina, giuro... e prima o poi lo capisce... ok, dai te lo devo... in fondo tu mi hai confessato del Dove...", dice Iolanda avvicinandosi all'amica ed abbassando la voce, "mi sono masturbata nel suo ufficio... con una delle sue penne!". Poi tornando a sedersi comoda: "Sto diventando una ninfomane!".
"E com'è con una penna?”, chiese Bea, “sai che prima di quel flacone di deodorante non avevo mai usato nulla? Vabè, fico ma in quel momento stavo dando spettacolo, eh! Mica lo faccio sempre... Comunque, non è che pensare al cazzo di uno sia da ninfomani... o sennò siamo in due ahahahah... Però, se non vuoi fare la figura della cretina, devi farglielo capire tu, nel modo che scegli tu.. Quale è la tua arma migliore?".
"Bea. la prima regola è non sembrare disperate.. non ci ho mai provato per prima con un uomo e mai lo farò... poi lui non so .. non credo sia interessato... anzi forse è per questo che mi infoia ancora di più... non fa battutine, non mi sbava dietro. Dio...  sono sicura che scopa pure bene! Se scopro che scopa bene giuro che mi potrei pure innamorare", disse riflettendo sul fatto che ancora non si era mai davvero innamorata di nessuno, forse non era fatta per l'amore, si qualche colpo di fulmine, qualche innamoramento che era comunque durato meno dell'americano che stava bevendo. "Comunque...cos'è sta storia di Riccardo che non sai dove sia o con chi? problemi in paradiso?", chiese decidendo di spostare il discorso da se stessa a Bea.
"Ma non lo so, non lo so!", rispose Bea che aveva una grande voglia di parlarne con qualcuno, ma in fondo si vergognava a mostrarsi fragile." Lui è sempre in giro per lavoro... poi quando è a casa... si insomma nella nostra città, io invece sono qui e... onestamente, Dada, che ne so che fa? Sai il giorno che è ripartito? Beh, ci siamo sentiti la sera ed era strano strano strano... E i giorni dopo pure, un po' meno forse... Ho cominciato a pensare che vabè, è venuto, mi si è fatta per due giorni e adesso si prepara a darmi il benservito... A me dispiacerebbe tanto, sai? Sei sicura che non ti ha detto nulla di me mentre eravate a casa? Non hai capito nulla?”.
"Tesoro mio...per la mia personale esperienza, uno come lui a casa sua di certo non fa fatica a trovarsi qualcuna da portarsi a letto! Dai è bello , simpatico.. educato... pensi abbia bisogno di prendere il treno per farsi scopare? Sono più che certa che tu gli piaccia...", disse Dada, perché proprio non avrebbe saputo come spiegarle in che contesto era nato il discorso in cui Riccardo le aveva detto che a lui Bea piaceva parecchio. "Comunque se la cosa ti fa vivere male, forse dovresti solo essere più chiara... chiediglielo! Però ricordati che una volta che la fedeltà la metti tu sul tavolo poi non puoi più scopare in giro …".
“Scusa eh?", le disse Bea che sull'argomento era ipersensibile, "poi ti dico come la penso, ma quale sarebbe la tua personale esperienza?".
"La mia personale esperienza sugli stronzi che vogliono solo farsi una scopata e poi tanti saluti!", disse Dada , pensando che doveva stare attenta a cosa diceva, "sai quanti ne ho conosciuti!", aggiunse ripensando a Simone.
"A me non me ne frega niente se uno vuole farsi una scopata e tanti saluti!", le disse Bea quasi con rabbia, "sapessi quante me ne sono fatte io! Ma da quella volta che ho scopato sul treno mi sento un'altra. Ho sempre voglia... ho voglia di lui e ho voglia di altri, se non c'è lui... Ho pure pensato 'ma che razza di puttana sono diventata?', quello della chat erotica... e Marco, te lo ricordi? Mi va sempre, mi  va di scopare... solo che se Ric mi dicesse... Dada, io voglio lui, ma che cazzo ne so se lui vuole me? Ma intanto mi sento ninfomane pure io...".
"Interessante... ed io potrei anche avere una specie di soluzione...", disse Dada maliziosa, "dato che siamo tutte e due in calore potremmo fare una gara a chi è più troia, e possiamo iniziarla adesso...", disse Dada sorridendo sadica all'amica.
"Dada, non mi sfidare... tu nemmeno sai cosa posso fare. Solo perché mi hai vista arrivare a casa tua un pomeriggio con mamma e papà? Ahahahah... vuoi fare a chi è più troia? D'accordo, andiamo a rompere i coglioni a quella ridicola puttana, tanto per cominciare. Mi sa che stasera ci divertiamo...”.
"Questa sera ci divertiamo di sicuro, ma non qui...", disse Iolanda finendo in un sorso solo il suo drink, "non vorrei giocarmi questo posto, per gli aperitivi è il migliore in zona. Decidiamo bene le regole della sfida: da quando pagheremo il conto qui la gara avrà inizio, lanciamo una prova a testa... qualsiasi essa sia dovremo farla tutte e due, e chi si rifiuta perde. Chi inizia lo decidiamo con la monetina... ci stai?", disse Dada porgendole la mano.
"Va bene, socia, non so bene cosa hai in mente ma va bene", disse Bea tendendo la mano come a suggellare una scommessa. "Diciamo che chi lancia la prova decide anche che tipo di shottino farsi prima... Per me possiamo andare e cominciare dove dici tu”.
“Prima però passiamo da casa e ti scelgo qualcosa da mettere più indicato.. perché con sti jeans mi sembri un’educanda….” sorrise Iolanda già eccitata per quel piccolo gioco che le aspettava.
“Tu e la tua mania di farmi vestire da troia, ahahaha... scelgo io ma non ti preoccupare, sarò alla tua altezza”, le rispose Bea. 

Questo racconto di è stato letto 2 7 3 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.