L'insospettabile neomamma

Scritto da , il 2020-04-05, genere tradimenti

Continuava a fissarmi, con la coda dell'occhio o tra una frase e l'altra, volgeva lo sguardo verso di me appena poteva e poi tornava parlare con mia moglie e le sue amiche. Me ne ero accorto diverse volte quella sera, non riuscivo a spiegarmelo, ero quasi imbarazzato.
Stavo al tavolo di quella pizzeria appena fuori dal centro, nel solito angolo riservato ai mariti, si parlava di calcio e del grande ritorno di Re Zlatan in Serie A.
Fu in un momento che me ne resi conto.
Mi era caduto il tovagliolo alla mia destra, mi voltai per raccoglierlo
ed incrociai i suoi occhi.
Fu una frazione di secondo, e subito dopo distolse lo sguardo, sul momento sorvolai ma qualche istante dopo non riuscii a più a togliermelo dalla mente.
La sua integrità di neomamma, posata e pudica, veniva tradita da un istante di malizia, sentimento quasi estraneo a lei, che si impressionava e scandalizzava facilmente per qualsiasi cosa dal contenuto esplicito detta fuori dai denti a una cena tra amici.
Sul momento rimasi un po' interdetto e continuai a parlare di calcio ma continuavo a sentirmi osservato...
Andai in bagno, volevo togliermi quella sensazione di dosso, in fin dei conti stavo parlando con Salvo, suo marito e mi sentivo quasi in colpa a ricevere l'interesse di Arianna.
Aprii il rubinetto per darmi una sciacquata alla faccia, maledetti ristoranti! mai una volta che il dispenser sia pieno di sapone! Dovevo lavarmi di dosso tutta la mia bellezza, tutto il fascino che ero certo di non avere, così non avrebbe più
fatto caso a me e avrebbe continuato a parlare degli scandali di Sanremo o di omogeneizzati con le altre donne e avei potuto concentrarmi sulla mia analisi sociologica delle curve negli stadi.
Come al solito oltre a non mettere il sapone nei contenitori, neanche l'ombra del distributore di carta asciugamani, simbolo di civiltà, e neanche l'insopportabile soffione di aria calda, ma al suo posto un'orripilante aggeggio in plastica
con led blu elettrico ad indicare due tasche in cui inserire la mani che sarebbero state colpite da un getto d'aria ad altissima pressione.
Una fighetteria degna dei peggiori ristoranti gourmè a cui decido di non sottopormi preferendo addirittura la carta igienica del cesso.
Feci appena in tempo a scrollare il rotolo quando sentii una forte pressione al braccio, una stretta decisa al bicipite da una mano esile, mi girai, ma ecco che l'altra mano mi si appoggiò al petto e una figura che non feci in tempo a distinguere mi spinse senza indugio contro il muro dell'angusto bagno.
Provai ad opporre un'abbozzo di resistenza, un accenno di protesta, d'altra parte se ''una donna non si tocca nemmeno con un fiore''
perchè mai un uomo debba essere spintonato dentro un cesso?
Ma in un attimo mi ritrovai una lingua in bocca che mi penetrava, con voraci boccate ad un ritmo ostinato.
Preso in contropiede non mi restò che assecondare questa energica presa e mi lascio andare, le cinsi le braccia attorno e la strinsi a me con forza, quasi a rispondere a tono alla sua intraprendenza.
''Sei una stronza Arianna'' pensai, mentre il suo profumo mi entrava in gola e leccavo il sapore della sua bocca e intanto, i nostri respiri si alternavano decisi.
Mi aveva visto andare al bagno, e mi aveva seguito, non pensavo potesse arrivare a tanto. Ma perchè poi? Perchè lei?
Le cose non quadravano. Era felicemente sposata da un paio d'anni e poco dopo nacque il loro bellissimo bambino, sembravano una coppia perfetta estremamene ligi ai doveri famigliari, mai una parola fuori posto e mai un comportamento fuori dagli schemi.
Cosa le mancava?
Come se avesse sentito questa domanda che rimbombava nella mia testa, scese con la mano e inizò sfegarla sopra i miei pantaloni, mentre le sue dita si aprivano e richiudevano cercando il mio cazzo con insistenza ed impazienza.
Ad ogni affondo deciso espirava dalle narici come se per lei fosse un gesto liberatorio, come a gridare ''finalmente!'' e a toccarlo godeva, lo sentivo dal suo respiro, dalla sua presa sulle mie labbra e allora godevo anche io, lasciai ogni riserva e smisi di cercare spiegazioni dimenticandomi che al piano di sopra c'era mia moglie altre 10 persone sedute al nostro tavolo.
La cosa non mi preoccupava puù, anzi, aumentava il mio eccitamento, ero immerso in un vortice e volevo solo godere,
volevo arrivare fino alla fine come se non avessi bisogno di altro, come quando si ha una sete tremenda, la gola riarsa, e la fontana dista solo pochi metri.
Arianna andava sempre più forte, più premeva con la mano e più affondava con la lingua, mancava poco e stavo per bagnarmi inondando i pantaloni così che anche la sua mano potesse essere inumidita, il solo pensiero mi fece sfuggire un gemito, lasciando intendere le mie intenzioni, ma ecco che di nuovo la sua mano si appoggiò di nuovo sul mio petto, allontanandomi mentre coi denti stringeva ancora il labbro inferiore.
E poi di nuovo quello sguardo, quello che poco prima le vidi stampato in faccia, un'occhiata piena di malizia e desiderio che mai le avevo visto in faccia, quella faccia acqua e sapone che sapeva tanto di perfezione e pacatezza era trasformata da un espressione di godimento che mi lascò senza fiato.
Non era molto bella ma con quelle guance rosate, le labbra rosse e umide e quegli occhi aperti, dentro cui si leggeva tutta la voglia che aveva di continuare, ma anche lo stupore di qualcosa che non pensava di aver potuto fare, quasi di incredulità nel trovarsi in quella situazione, come se fosse stata attratta e guidata da una forza estranea a lei e alla sua ordinaria routine.
Durò tutto non più di due minuti, proprio il tempo di una pisciata al bagno di una pizzeria dopo la seconda birra media, due minuti di un bacio intenso
ed inebriante proprio perchè imprevisto e proibito. La sorpresa iniziale aveva lasciato il posto al piacere e all'eccitazione tanto che ero rimasto di stucco a guardarla, mentre l'uccello era ormai sull'attenti e pulsava dentro ai pantaloni.
Rimanemmo qualche secondo fermi, tra la voglia di riprendere a stringerci e quella ritornare al nostro posto, ma di colpo si girò, spalancando la porta
e affrettandosi a tornare in sala, non prima però di rivolgersi a me con la sua voce calda e profonda ma dal tono minaccioso: - Martedì mattina sono a casa.
Vedi di passare!-.

Questo racconto di è stato letto 1 0 7 4 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.