L'ineffabile Master Frank Vs La Perversione al tempo del Corona Virus

Scritto da , il 2020-03-12, genere comici

La vita di un Bdsmers non è mai semplice, anzi a tratti eroica, perseguire indeffessamente la propria perversione non è facile a volte.
Sono tempi oscuri questi, blindati a casa, corpi vogliosi di saporite perversioni separati da Ordinanze di Pubblica sicurezza e Salute Pubblica, virus infidi e bastardi, appelli in TV di solenni idioti che prima ti dicono che è un raffreddore, ed il giorno dopo asseriscono che si tratti della peste nera.
Frank è affranto, divorato dal suo interno da quella voglia scalpitante come Furia il cavallo del west, sente persino le voci, nel suo caso è quella in anglo-italico di Mal dei Primitis.
La sua voglia lo guarda in faccia … “come due fari abbaglianti” e lui si trova davanti “Ricordalo!”...
Può un uomo d'azione, rotto a mille esperienze (e mai reincollato decentemente) piegarsi ad un si funesto destino fatto d'isolamento?
Giammai! Tremante si avvicina al telefono, compone il numero della schiava e si prepara ad un lungo discorso persuasivo circa la necessità per il mantenimento del loro rapporto pervertico/amoroso, di interrompere questo funesto tease and denial imposto dalle autorità, madre natura e qualche oscuro laboratorio cinese frequentato da pipistrelli.
Il cell fa solo un paio di squilli, subito la voce di Ersilia cinguetta dall'altro capo, “Pronto! Ciao Frank come stai?”
“Ciao Ersilia, io bene...anche se mi manchi... voglio dire … lo sa si ...insomma”
silenzio per alcuni secondi dall'altro capo del telefono “Frank … non mi avrai chiamato perchè sei in piena crisi di astinenza... sai che è meglio rimanere a casa e prendere le giuste precauzioni”.
Frank non sa che rispondere, vede lo tsunami della disperazione approssimarsi, l'onda orrida dell'astinenza travolgerlo... “Si lo so... ma io sono davvero provato... ho perfino avuto fantasie vanilla!”.
Quest'ultima affermazione fa calare un silenzio di tomba, lunghi secondi, poi la voce sinceramente preoccupata della schiava ritorna riportandolo alla realtà, “Frank ...scusa … ma la sorellina pugliese che ti avevo trovato...”
Frank cede, l'argine si rompe, la sua voce rotta dal pianto riversa la sua frustrazione, “é partita tre giorni fa nottetempo per Brindisi, rubandomi l'abbonamento del treno e riprendendosi la scorta di taralli all'olio d'oliva...”.
Di nuovo alcuni istanti di silenzio, Frank può quasi immaginare l'oliato muoversi degli ingranaggi della sua fida slave, “Ok Frank, penso che ci si possa vedere, ma vengo io da te, sul modulo per l'autocertificazione degli spostamenti posso mettere “Situazione di Necessità per assistenza di un anziano non autosufficiente ...”.
“Hei!...”
“Frank, non fare il difficile, mi serve una scusa credibile, mica posso mettere “soddisfare le perversioni di un attempato signore in piena crisi d'astinenza”, ah Frank io non posso portare i miei giocattoli, usiamo i tuoi e per favore lava bene tutto e disinfettali.”
Frank rincuorato pregusta la sessione che s'approssima, come un globulo bianco non vede l'ora di fare il culo al batterio di turno, ma i suoi entusiasmi sono frenati dalla necessità di organizzare a puntino il tutto, Ersilia ha infatto dettato alcune condizioni inderogabili.
1) disinfettare tutti i giocattoli
2) munirsi dei necessari dispositivi di protezione individuale: guanti in lattice, gel disinfettante per le mani, qualcosa per isolare la pelle al contatto, mascherine per il viso (ha specificato che quelle di carnevale non vanno bene).
Quindi logisticamente, il tutto viene rimandato all'indomani al fine di permettere a Frank di preparare tutto il necessario.
Rapido stampa il suo modulo per gli spostamenti lo compila appassionatamente con la stessa enfasi di Florentino Ariza de “L'amore ai tempi del colera”.
Esce di casa tronfio e superbo, un mix tra Achille alla conquista di Troia, Barbara d'Urso in ora serale, Paolo Brosio in crisi mistica, fiducioso e sorridente come Zingaretti dopo lo spritz al corona virus milanese.
Salta sulla sua Opel Ascona euro zero, con la baldanza di Ettore Fierramosca e Cristiano Margiolio all'isola dei famosi, gira la chiave nel quadro e...sorpresa sorpresa...è in riserva.
In effetti non aveva preventivato di muoversi e quindi, muove alla volta del distributore dietro casa, ma qui la prima amara sorpresa: una coda interminabile di auto fa rifornimento, alcuni hanno portato anche delle taniche, litigano, due si sono persino tamponati e fanno tra mille difficoltà, la compilazione del CID ad un metro di distanza l'uno dall'altro (provateci voi, la carta copiativa non funziona), scene da inferno dantesco tipo Mad Max.
Frank dopo circa un ora e trentacinque minuti e una furiosa lite a distanza con un ragioniere di San Pietro in Casale, riesce finalmente a mettere cinquanta euro di super.
Nulla ora lo può più fermare, fortunatamente non ci sono più ostacoli, le strade sono deserte, il calare delle tenebre rende i contorni della città simile ad un sobborgo transilvano, il tutto sino all'arrivo al parcheggio dell'Esselunga, evita con maestria due casalinghe che si stanno rotolando a terra accapigliandosi e strappandosi vicendevolmente alcune bustine di Rollinz.
Una vecchetta con una sciarpa sul viso sta picchiando un giovane universitario fuorisede, con un flacone di Ava Bucato a mano, per depredarlo di una confezione famiglia di carta igienica.
Il nostro eroe guarda stranito queste scene di apocalisse urbana, ma lui non ha tempo per altri indugi, ha una missione da perseguire: la sessione.
Tutto stranamente deserto, non c'è neppure il solito africano che chiede le monetine vicino alla pensilina dei carrelli della spesa, mette la moneta, prende un carrello e si dirige verso l'entrata del supermercato dietro l'angolo dell'edificio.
Nascosta prima alla sua vista, ora si palesa un ingorgo ferragostiano di carrelli, tutti ad un metro uno dall'altro, alcuni commessi passano tra le file con il viso coperto da una mascherina e dei pastori tedeschi ringhianti al guinzaglio corto, Frank si muove piano cercando di non tradire la paura, va a mettersi in coda circa due isolati più giù, ha anche il coraggio di fare la fatidica domanda “Chi è l'ultimo?” … sguardi in cagnesco lo dissuadono dal porla nuovamente.
Circa due ore e ventitrè minuti più tardi, riesce ad entrare, un commesso all'entrata in tuta azmath lo squadra dall'alto in basso poi gli fa segno di entrare, Frank pensa romanticamente alla sua gioventù negli anni 80' quando i buttafuori selezionavano gli ingressi in discoteca.
Ma non è tempo per il viale dei ricordi, Frank rapido si muove per gli scaffali semivuoti, arraffando tutto quello che può, creando sul momento, con geniale inventiva, soluzioni alternative per quei generi di primissima perversa necessità, di cui abbisogna.
Tra le corsie scene apocalittiche di duelli con carrelli ad almeno un metro di distanza, paiono galeoni nella guerra di corsa lungo le coste di Maracaibo, Frank saetta zizagando per non offrire un facile bersaglio, arriva alla corsia dei coaudiuvanti sessuali/igiene personale.
Guarda sconsolato gli scaffali divelti e deserti di ogni genere merceologico, cerca l'introvabile Amuchina, povero stolto, non sapeva che gli spacciatori di Bologna hanno soppiantato la meno redditizia cocaina in favore di questo presidio medico chirurgico?
Sta per abbandonare quando il suo sgurdo si posa su una catasta scomposta di scatole di pasta per dentiere, individua il caratteristico flaconcino trasparente con la croce rossa, si guarda intorno, per assicurarsi di non essere visto, ma non è così.
Ricordate il ragioniere di San Pietro in Casale? Eccolo lì, con il suo carrello, brandisce nella mano libera un branzino in offerta al banco frigo.
“Oggi non verrò preso a pesci in faccia” giura a sé stesso Frank, “Pensa Frank pensa!” cerca disperatamente con lo sguardo una soluzione intorno a lui, poi si ferma, sul viso gli si disegna un ghigno malevolo: gira la testa, caccia due colpi di tosse nascondendo il volto, poi si gira verso il ragioniere di San Pietro in Casale, lo indica con il dito teso ed accusatorio, “Ha tossito, ha tossito” urla come un pazzo.
Un rumore fortissimo rompe l'aria, i lucernari sopra le loro teste esplodono, sei S.W.A.T. con il logo dell' Esselunga sui berretti irrompono in corda doppia dal soffitto, circondando il malcapitato impiegato, che viene ridotto all'impotenza e tradotto fuori coattamente.
Al nostro eroe non resta che impadronirsi del flaconcino del prezioso liquido ed approssimarsi alle casse per pagare.
Ed ora rimane solo che andare in farmacia per comprare le mascherine...
Eh Frank...Caro Frank...Stolto sprovveduto Frank... ovunque sulle vetrine cacampeggiano fogli A4 con lo stesso ferale messaggio: “Mascherine finite” .
Un tizio, che ricorda aver visto fare il bagarino fuori dallo stadio, lo avvicina con fare cospiratorio, gli propone due mascherine da falegname, alla modica cifra di quaranta euro! Sciacallo!
“No non sono arrivato fin qui per arrendermi ora, non posso! Pensa Frank Pensa!”
Il lampo di genio squarcia la tenebra della disperazione nel quale sta capitolando, rapido dirige l'Opel Ascona in periferia, in un negozio di residuati bellici e militaria acquista due maschere antigas della Wermacht.
Soddisfatto e trionfante prende la strada di casa, il peggio è passato, ma il destino beffardo ha in serbo per lui un ultima prova: una pattuglia della municipale lo ferma, rapido estrae i documenti e l'autocertificazione che ne motiva il suo peregrinare per situazioni di necessità.
Girano intorno all'auto, “Apra il portabagagli” gli intima uno dei due agenti, una biondina che Frank vedrebbe bene in reggicalze e collare, lui allunga la mano sulla maniglia che apre il cofano, e solo in quel preciso istante realizza che il borsone dei suoi giocattoli è rimasto lì dalla passata sessione.
Panico...poi con riluttante rassegnazione tira la leva, la poliziotta guarda dentro, scosta con le mani, poi torna verso di lui e gli restituisce i documenti... Frank balbetta una scusa, ma la donna lo anticipa: “Ci scusi sa, ma per un attimo abbiamo pensato che potesse nascondere delle valigie come se stesse scappando via”.
Entrato in casa è colto da febbrile frenesia, deve sanificare i sex toys, ha un idea geniale: svuota il borsone dentro la lavatrice/asciugatrice, dosa il detersivo e poi schiaccia il pulsante di accensione.
Soddisfatto di sé, Frank si mette in poltrona, ma non prima di essersi versato due dita di un noto amaro (di cui non citerò il nome perchè non mi hanno pagato la sponsorizzazione), grasto alla vita, alla perversione, era stata una giornata dura, ma l'aveva scelta lui, non capiva perchè dopo un sorso di quel liquore gli pigliava sempre una voglia irrefrenabile di chiamare un paio di amici ed andare a salvare un cavallo da qualche parte, soprassedè a quel pensiero assopendosi.
Fu ridestato di soprassalto da una sorta di ringhio sordo e rabbioso che faceva tremare tutta la casa, afferrò la mazza da hokey su prato che non toccava dai tempi della terza media, e cautamente si avvicinò passo dopo passo verso la fonte di quel sinistro latrato.
Proveniva dal bagno, vi si avvicinò circospetto e tremante, posò la mano sulla maniglia e preso coraggio tirò a sé la porta.
La gli si mostrò l'orrenda creatura, sbavante di schiuma bianca che spargeva ogni dove, agitandosi in modo animalesco e scomposto e quel suo odore dolciastro di vaniglia e paciouli, ...
Frank...Frank...non puoi buttare 12 kg di sex toys dentro una lavatrice che può caricarne al massimo sei sopratutto se poi, per “Melius est abundare quam deficere”, ci hai messo dentro mezzo flacone di Coccolino concentrato....
Ormai sta albeggiando quando il nostro fiero dominante ha finito di asciugare tutto il bagno, ma rimane da stendere tutti i sex toys...non asciugheranno mai per tempo!
Non si arrende, appende tutti i vibratori ad un filo in sala e prende ad sciugarli con il Phon, flogger, cinghie, corde e cuoiame vario lo butta nel microonde a 900 watt di potenza.
Ersilia suona che sta asciugando l'ultimo dildo, corre ad aprirle, concitato, sudato e trionfante!
La slave entra, lui fa per baciarla, ma lei fa un balzo all'indietro mettendo la palma guantata di lattice dinanzi alle labbra a culo di gallina di Frank.
“Frank contieniti! Le protezioni! Il virus!”
Il nostro prode e arrapato Master, frastornato si ritrae come un vampiro cosparso di acqua benedetta a cui abbiano offerto un buono omaggio per un centro abbronzante.
Ersilia entra, guarda il filo steso in sala con tutti i giocattoli appesi, poi annusa l'aria, “Sento che hai già pensato al pranzo, arrosto?”
Cazzo le corde nel microonde! Freneticamente con un guanto da forno in mano estrae gli oggetti dall'elettrodomestico.
“Tutto a posto Frank!?” urla la slave dall'altra stanza.
“Si si tutto ok, tu spogliati che cominciamo subito!”
La roba è bollente, non può prenderla e portarla tutta di là, quindi afferra solo il flogger tenedolo con il guanto da forno in mano.
Ersilia, grazie al vento, lo attende in sala, lui di nuovo si accosta, lei di nuovo si ritrae con un balzo che farebbe invidia ad un atilope dello Zambia.
“Frank le protezioni!”
“Uff” sbuffa il nostro dominante “mi sono dovuto arrangiare sai... con l'assalto ai supermercati, la serrata e il divieto di circolazione...”
Avevamo detto prima, che Frank, vistosi in difficoltà, aveva genialmente ripiegato sulla sua inventiva, quindi con nonchalance per evitare il contatto con la slave e nel contempo dare un “tocco fetish” cava fuori un rotolo di pellicola trasparente da cucina.
La slave è intrigata, ma riuscire a srotolarlo senza distruggerlo (ha dovuto comprarlo in un discount) presenta delle difficoltà a cominciare dal fatto che Frank si mangia le unghie.
Dopo un ora di tentativi, Frank desiste e ripiega su un vecchio rotolo di tela trasparente da serra che tiene in garage, che si aiuta fissandolo con un rotolo di nastro americano da pacchi.
Finito contempla commosso la sua opera, “come ti senti” chiede orgoglioso alla slave?
“Come Laura Palmer “ (Twin Peacks) risponde laconica quest'ultima.
Frank non resiste, fa mettere prona a terra la slave, ma questa scivola sul pavimento liscio che non offre resistenza al nylon del telo ed inizia a muoversi per la stanza come una specie di lombrico, lui corre ad afferrare il flogger e frusta il popò che s'alza e s'abbassa di Ersilia.
“Frank non sento nulla!”
Il nostro prode Bsmers non sa che fare.
“Levami questo sudario di dosso!”
“é un Tease and Denial” prova ad azzardare giustificandosi, Frank.
Ersilia lo guarda ferina, “Levami questo telo di dosso o uso la safe word!” (La safe word era “Pandemia”).
“Ma le protezioni, il contatto...”
“Levamelo cazzo! o qui prima di provare qualcosa muoio di vecchiaia prim'ancora di corona virus!”
Frank le vola addosso scartandola con la velocità con cui un ragazzino libera una Sperlari dall'involucro, e scrocchiando allo stesso modo.
Preso dal sacro fuoco della perversione non attende, ed inizia a tempestare di colpi il culo della slave con il flogger, in lui c'è tutta la frustrazione delle privazioni, colpisce con la rabbia di un cittadino per Equitalia, il disgusto per Barbara d'Urso e la forza di venti braccia di Pastamatic.
Ad occhi chiusi colpisce ancora ed ancora, sino allo sfinimento, teme di non farcela più, quando la slave pronuncia queste ferali parole: “Frank, hai finito di farmi vento sul culo? Inizi a colpirmi o no?”.
Il nostro Master riemerge dalla sua frenesia perversa, guarda le frange del suo flogger planare sulle rotondità posteriori della sua sottomessa con la grazia di una foglia d'utunno che finisce a terra in un film di Akira Kurosawa...e capisce... odore dolciastro di vaniglia e paciouli... il Coccolino concentrato.
E' il colpo finale, esausto crolla a terra, lo sfinimento, la privazione del sonno... la slave prona si gira indietro a guardare...Frank russa rumorosamente, Ersilia si guarda attorno, prende la maschera antigas della seconda guerra mondiale e la mette a Frank, il rumore di segheria canadese viene immediatamente mitigato, lo copre con il nylon da serra, prima di lasciare la stanza.


Dura la vita dei dominanti

Questo racconto di è stato letto 1 2 1 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.