Vita di condominio 3 - Manuel, Gwen e il resto delle condomine

Scritto da , il 2020-03-06, genere etero

V°-VITA DI CONDOMINIO
Evelina ha la testa da un’altra parte. Sta fantasticando su Manuel, del suo giovane corpo, della freschezza che emana la sua pelle di quasi uomo. Nuda, sdraiata sul letto, lo sguardo fisso al soffitto, pensa a Manuel e al suo Osvaldo. E le due immagini si fondono in una girandola psichedelica.
L’osvaldo e la sua erezione mattutina. Ogni volta che si svegliava, fosse stato anche nel cuore della notte, svegliava Evelina e la scopava selvaggiamente. A volte la svegliava direttamente inculandola. Sì, a volte la furia selvaggia dell’Osvaldo prendeva il sopravvento. A volte, come due animali, scopavano senza inibizioni e il romanticismo finiva sotto il letto.
A volte, l’Osvaldo era anche tenero e si lasciava andare a timidi baci e coccole. Ma la sua lingua.. La sua lingua era qualcosa di meraviglioso.

Gwen, sdraiata sul tavolo, gambe in aria appoggiate sulle spalle del cliente di turno. Il barman Lorenzo era arrivato al suo quarto round, con fatica, sudato e quasi stanco. Mai avrebbe pensato che, quella signora più vicino ai sessanta che ai cinquanta, riuscisse a reggere una maratona di scopate come quelle.
I piedi di GWen s’intreccia dietro la testa di Lorenzo “Sarà meglio che mantieni il ritmo, bello, ho voglia ancora del tuo possente cazzo”
E via ancora, con foga, con rabbia, con il cazzo che bruciava come un tizzone nonostante tutto lo sperma che si era prodotto.
Più tardi, sdraiati sul divano, a ritemprarsi delle fatiche del pomeriggio, Gwen sospira un “Era da tempo che non mi facevo una scopata così intensa” sorride “Sai, mi hai sorpresa”
“Positivamente, spero?”
“Sì. Credo” fa una pausa “Non pensavo che ti piacesse scopare le vecchie”
“Tu non sei vecchia”
“Lusingatore. Ma, guardiamo la realtà dei fatto. Sono quasi sulla soglia dei sessanta e tu dei trenta. Eppure…”
“Eppure chi se ne importa” si alza, cammina verso il bagno, torna poco dopo
“Vorrei vederti più spesso” sorride lei tirandosi su a sedere e andando a sua volta a darsi una rinfrescata.
Quando torna, trova Lorenzo che si sta accarezzando l’uccello. Operazione di training per risollevarlo. Che volesse fare il quinto round. Lei gli spiazza davanti, gambe aperte, la mano che tocca la fica “Adesso, fammi sentire come ti piace leccarmela”
Lui sorride, si sporge in avanti verso di lei, la faccia premuta sulla vagina. La lingua che entra veloce, come un serpente. Gwen soffoca un mugolio, afferra la nuca di lui, lo preme ancora di più “Siii.. Siiii”

Sono le 5 del pomeriggio. Manuel si sente un po’ stordito da quel tour de force che si è fatto nel pomeriggio. Un sacco di sifoni rotti e prese elettriche da aggiustare. Incominciava a farsi l’idea che erano tutte scuse. Scuse di signore annoiate che avevano una gran voglia di spolpare il giovane agnello sull’altare del sesso.
Sua madre non si vede da nessuna parte. Ma i sacchetti della spesa sono sul tavolo. C’è un biglietto “Sono dal signor Marchesi. Se vuoi fare merenda ti ho lasciato un paio di panini nel frigo”
Il signor Marchesi. Quel tizio con la faccia da gigolò che vive al quinto piano. Sì, Miguel si immagina che tipo di favore sta facendo sua madre al signor Marchesi.
E lui? Lui che ha un appuntamento con Evelina, la sua ossessione di tutta la giornata. Ma anche Velda, la bruttina stagionata che vuole avere la sua parte di attenzioni. E le sue inquiline che, prima che lui uscisse, gli hanno proposto di posare come modello “Anche così” aveva detto Manuela “Anche se, non mi dispiacerebbe vederti senza vestiti”
E non erano le sole, dentro quel condominio, a volerlo vedere senza vestiti addosso.
E Manuel si sente come un bambolotto pronto per essere usato. Solo che, a lui questo non va. Non vuole essere il toy boy di nessuno.
Ma, c’è quella sottile voglia che…
Gwen sfiora con un dito una cicatrice biancastra sul fianco di Lorenzo “Non è appendicite, vero?”
“Ricordi di quando facevo il buttafuori. Un tizio aggressivo che tira fuori un coltello e mi colpisce” sorride “E’ stata l’unica azione che gli ho lasciato fare”
“E questo?” chiede indicandogli un taglio sul mento
“Una bottigliata”
“Hai altre cicatrici?”
“Ne hai viste?”
“Beh, ero impegnata su altre cose”
“E quel tatuaggio?” chiede Lorenzo indicando un fiore azzurro tra l’ombelico e la vagina
“Inizialmente volevo farmelo attorno alla passera. Un bel girasole aperto attorno alle labbra. Si parla di quando ero una giovane scapestrata. Questo l’ho scelto perché mi sembrava più appropriata. Nessuna storia misteriosa dietro”
“Domani pomeriggio ho ancora il turno libero” dice lui
“Allora non ti conviene stancarti troppo alla mattina”

Sua madre aveva detto che, quel condominio, aveva una storia importante alle sue spalle. Un edificio storico che fu costruito negli anni ’30, che divenne rifugio e luoghi di sollazzo per uomini in cerca di sesso facile “Un bordello” aveva sorriso “Ha smesso di esserlo dopo la legge Merlin nel 1958”
“Sì, ma da quello che si respira ora, si direbbe che abbiano riaperto il lupanare. Escludendo Evelina, sua sorella Gwen è una cagna in calore. E le due studentesse? Anche quelle esperte di ornitologia. O la signora Wanda, da quello che ha sentito dire. E, mette nella lista, anche sua madre. E qui, tutti a darla via come in periodo di carestia.
Quante ospiti vivevano lì dentro che si davano alla pazza gioia?
Quasi alla fine della giornata, Manuel fa la conoscenza di un’altra condomina. Tipa strana. Vestita come una pellerossa, giacchetta e. pantaloni in pelle, mocassini, piena di monili colorati. Ha lunghi capelli bianchi e striati d’argento, un fisico magro e ben proporzionato, un ovale del viso perfetto. Da dietro, Manuel le avrebbe dato 30/40 anni. Ma, vista di faccia, capì subito la sua reale età, o quasi. Potrebbe avere sessant’anni ma, portati dannatamente bene. Ai suoi tempi, avrà fatto girare la testa a molti ragazzi, scommette.
E se ne stà lì, in ginocchio sul prato, davanti a quello che sembra un totem in miniatura. = Che fa? Prega? =
Mani alzate verso l’alto, aperte, occhi chiusi, volto rivolto al sole. Rimane un attimo interdetto di fronte a quella strana donna, l’ennesima nella ricca fauna del condominio.
“Non sono cose che si vedono tutti i giorni” chi ha parlato è una ragazza, forse della sua età, scura di pelle, con una grande massa di capelli ricci e neri. Se ne sta lì, al suo fianco, stretta in un top e pantaloncini aderenti, a braccia conserte intenta a mangiarsi una mela “Sei nuovo?”
“Mi sono trasferito da poco. Mia madre è la portinaia”
“La signora che assomiglia a quell’attrice..”
“Manuel” gli porge la mano
“Queen Lycard. Queen è il nome” sorride “Pensavo che, questo condominio avesse solo gente vecchia. Fortunatamente non è così” morde la mela, sguardo malizioso “Ciao” si allontana sculettando.
“Manuel, giusto?” la signora dai capelli argento si è avvicinato a lui. Ora la può vedere meglio. Ha una figura piena, per niente debilitata dall’età. Il viso presenta qualche segno del tempo ma, conserva ancora un certo fascino. Sotto la giacchetta di pelle ha una camicia bianca, con i pizzetti lungo le asole. Si è avvicinato a lui, le mani in tasca e un sorriso da far arrossire un adolescente “Tua madre mi ha detto che sei il tuttofare a villa Bordello”
“Villa Bordello?”
Lei scoppia a ridere “Sì, scusa. E’ un nomignolo che le è rimasta attaccata addosso dai tempi della Legge Merlin. Sai la storia, no?”
“Sì, mi ha spiegato mia madre”
“Vedendo certi personaggi, sembrerebbe che la villa Bordello abbia ripreso le tradizione” ha una voce calda, cristallina. La sua figura emana una certa aurea e odora di muschio e fiore di montagna “Avrei bisogno che venissi a controllarmi un paio di cose, su,all’appartamento 4C”
“Va bene” fa per avviarsi “Posso chiederle una cosa? Che faceva lì?”
Lei sorride “Ho chiesto a tua madre se potevo mettere un piccolo totem in giardino. Vecchie abitudini faticano a sopprimersi. Sono stata vent’anni sposata con un indiano LAkota. Eravamo hippie negli anni 70, si praticava il sesso libero, si fumavano spinelli e si faceva propaganda contro la guerra nel Vietnam. Quello è un ricordo di mio marito che mi sono portato dall’America. Il sangue hippie mi gira ancora. E sono per tutte le religioni”
“Niente più sesso libero” gli viene fuori Manuel, arrossendo subito dopo
Lei sorride ancora “Oh, per quello bisogna sempre tenersi in allenamento, qualsiasi età tu abbia” lo saluta con la mano e si allontana. Manuel non può fare a meno di notare come, quei pantaloni attillati che la donna indossa, riescono a delineare perfettamente un culo così sodo
Alza lo sguardo verso l’alto, le finestre del condominio hanno tutte le tende tirate, tranne una al secondo piano. Il volto di Evelina è affacciato alla finestra. Gesto lento, con la mano destra, lo saluta. Lui ricambia, il cuore che batte. Volendo, ha un sacco di potenziale da poter sfruttare tra le coinquiline di questo condominio. Volendo ma..
Ma non riesce a togliersi dalla testa Evelina e quelle tette che saltano fuori da quella camicia troppo stretta.

La signora WAnda sta parlando con il marito al telefono “Sì, un paio di giorni e poi dovrei rientrare” dice lui al telefono. Ha l’affanno, come di uno che si è fatto di corsa dieci piani di scale. La Vanda sospetta qualcosa ma rimane ritagliata nella sua parte
Soffoca un grido, quando l’uomo inginocchiato con la faccia tra le sue gambe, le morde il bordo della sua fica. Le viene voglia di mettere da parte il suo aplomb sofisticato e tirare la cornetta in testa a quel maldestro di Giovanni..
“Sì, caro”soffoca un gemito “Troverò qualcosa da fare nel frattempo” appende la cornetta con rabbia “Brutto porco!” inveisce “E tu, cazzone, non usare quei maledetti denti, cazzo” tutta la sua signorilità è appena finita nel cestino “Porco pervertito”
“Io?” fa’ Giovanni allontanando la faccia dalle sue gambe
“Non tu. Ma quell’inutile bastardo di mio marito. Viaggi di lavoro un cazzo. Va a caccia di ninfette e se le sbatte fino a sfondare i loro giovani culi”
“Beh, ma anche lei lo tradisce..”
La signora Wanda blocca uno sguardo di freddo acciaio negli occhi di Giovanni “Rimetti la tua faccia qui, così la smetti di dire puttanate”
Giovanni obbedisce, la faccia nella fica umida della signora Wanda
“Come vorrei trovare degli amanti validi” e ripensa a quel ragazzo, il figlio della portinaia, quel fisico atletico, la faccia pulita da bravo ragazzo. E pensa = Chissà che verga avrà là sotto =

Lavato e sgrassato. Manuel si è tagliato i peli pubici, si è data una profumata un po’ d’dappertutto. Indumenti scelti: boxer, canottiera bianca,camicia color lavanda, jeans, fantasmini neri e scarpe da barca. Sopra la camicia, un golfino blu scuro. Pettinato, due gocce di colonia sul collo. Scatole di preservativi nella tasca della camicia. Mazzo di rose.
Sua madre torna in quel momento “Ehi, MAnuelito! Ma come sei in tiro” alito di alcool. Era sempre così: cominciava la mattina sobria, arrivava a mezzogiorno brilla e, alla sera, era già in stato di ebbrezza “Hai conosciuto qualcuna? Chi è? Una delle studentesse universitarie? O quella ragazza dalla pelle di cioccolata?”
“Uh.. devo andare” fa Manuel afferrando un mazzo di rose rosse
Ha il cuore che batte a mille. Agitato. Nervoso. Cosa sto facendo? Si dice.
Ha un piccolo ripensamento davanti alla porta di lei. Venticinque anni io, cinquantacinque lei. MA dove sto andando?

Dentro. Evelina ha scelto un abito lungo, nero, che le lascia scoperto le spalle. In vita una cintura sottile con una fibbia semplice di metallo. Scarpe con il tacco. Nervosa. Cosa sto facendo? Si chiede. E’ solo un ragazzo. Potrebbe essere mio figlio.
Sotto il vestito un paio di slip in pizzo nero ma niente reggiseno. Cosa mi aspetto da questa serata?
Oh, accidenti…
Apre la porta, quando Manuel sta per bussare..

Questo racconto di è stato letto 1 1 5 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.