La mareggiata

Scritto da , il 2020-02-29, genere masturbazione

Finalmente, dopo un po' di tempo, io e mio marito Gianfranco riprendiamo a fare l'amore.
Sia per i suoi continui impegni di lavoro sia per i miei impegni di area manager, infatti, non riuscivamo mai a stare in intimità. Io inoltre avevo la coscienza sporca perché avevo tradito mio marito con un farmacista. E' una notte speciale. Nudi, dentro le coperte, io e mio marito Gianfranco ci abbracciamo e ci baciamo con passione sulle labbra. Con una mano accarezzo il suo petto e con l'altra stringo il suo pene. Gianfranco, mio marito, si mette sopra di me e mi penetra subito. Sento il membro di mio marito ruotare ed avanzare dentro la mia vagina. Un forte brivido di eccitazione mi fa tremare tutta. Stringo le mie cosce sui fianchi di mio marito e muovo il bacino in avanti
per permettergli di penetrarmi più in profondità dentro la mia vagina. Adesso sento il suo glande toccare più volte il mio utero. La mia eccitazione è massima, il mio respiro è affannoso. Ho un orgasmo talmente forte che mi scuote tutta e mi fa gridare ad alta voce per la gioia. Gianfranco non è ancora venuto e continua ad affondare dentro di me. Io gli accarezzo la nuca e lo bacio sulla bocca. Proprio in quel momento, anche mio marito viene e il suo sperma scorre abbondante dentro la mia vagina. Io gli sorrido e infilo la mia lingua dentro la sua bocca. Lui intreccia la sua lingua con la mia. Le nostre lingue rimangono intrecciate per alcuni minuti. Poi, mi fa sdraiare a pancia in giù e dopo avermi baciato le spalle e la schiena, mio marito infila il suo pene dentro al mio ano.
Io lo lasci fare, anche perché ho rimorsi di coscienza e voglio farmi perdonare completamente. Mio marito, all'inizio spinge lentamente, poi sempre più rapidamente dentro al mio ano. Inizialmente provo dolore ma poi solo gioia ed eccitazione. Incito mio marito a spingere il suo membro, sempre più in profondità, dentro al mio ano. Dopo alcuni violenti affondi di mio marito, sia io che lui veniamo nello stesso momento. Sento lo sperma di mio marito scorrere dentro al mio ano. Lo abbraccio e premo con forza le mie labbra sopra le sue. Le nostre lingue si uniscono ancora. Poi ci addormentiamo, l'uno nelle braccia dell'altra. E' mattino presto, quando sento suonare il mio cellulare.
Mi alzo dal letto e vado a prendere il cellulare che ho messo sopra al comodino.
"Ciao, amore. Spero di non averti svegliata troppo presto. Sono Gianfranco, il tuo farmacista. Vuoi venire con me in spiaggia in una piccola e graziosa località di mare.
Io sono già vestito. Se vuoi, in un attimo ti vengo a prendere con la mia auto e andiamo subito a rilassarci in spiaggia. Allora, Esmeralda vuoi venire con me?" mi domanda il farmacista, al telefono. "Per prima cosa non chiamarmi amore, perchè non provo niente per te. Mi dispiace ma io sono innamorata di mio marito. E starò sempre con mio marito.
Quella notte che abbiamo passato insieme, è stata solo una grave debolezza da parte mia che non si ripeterà mai più. Io amo molto mio marito, quindi non mi chiamare mai più"
gli rispondo e chiudo subito la conversazione telefonica. Ritorno a letto e abbraccio mio marito che ancora dorme. Quando si sveglia, gli domando se vuol trascorrere con me una giornata al mare. Lui è entusiasta dell'idea e, dopo esserci vestiti leggeri,
ci dirigiamo velocemente verso la piccola e graziosa località di mare. Mentre mio marito parcheggia la sua auto in una piazzola di sosta, io mi incammino verso la spiaggia.
La spiaggia è sabbiosa per circa una decina di metri, poi lascia lo spazio ad una scogliera. Mi avvicino con cautela ad uno scoglio e guardo indietro per vedere se mio marito sta arrivando. Purtroppo, mio marito non si vede ancora. Sono indecisa se aspettarlo oppure andare avanti. Il mare è calmo, non c'è neanche un onda, ed è una giornata molto soleggiata. Decido di andare avanti. Ho appena messo un piede su uno
scoglio, quando sento un rumore improvviso e un forte getto di schiuma salata si riversa addosso a me. In un attimo mi ritrovo completamente bagnata. Guardo intorno a me per vedere se mio marito sta arrivando. Non vedo ancora mio marito, mentre, invece, noto che,
su una stradina sopra elevata, a circa cinquanta metri dalla mia posizione, c'è un uomo che mi sta fissando. Stringo gli occhi per vedere meglio chi è lo sconosciuto guardone.
Mi bastano solo pochi secondi per riconoscerlo. E' il farmacista. "Ciao. Vuoi che scenda ad aiutarti ? Ti porto un asciugamano ?" mi domanda il dottore. Io non gli rispondo e lentamente, torno indietro verso la spiaggia. Mentre proseguo sulla spiaggia,
il farmacista mi segue a distanza, camminando sulla stradina sopraelevata. Poiché mio marito non è ancora arrivato e io sono completamente bagnata, decido di sedermi sulla sabbia e di iniziare a togliermi qualche indumento inzuppato di acqua salata.
Con movimenti lenti mi sbottono la camicetta e allargo la scollatura della mia canottiera. Voglio eccitare il farmacista che è lassù e non può toccarmi. Dopo aver tolto la camicetta, mi sfilo anche la canottiera e rimango con i seni nudi. Non avevo messo il reggiseno. Con entrambe le mani, stringo forte i miei seni ed inizio ad ansimare. Poi con le dita stringo i miei capezzoli. Muovo la testa verso l'alto per guardare il farmacista.
Subito dopo, chiudo i miei occhi e apro la mia bocca per gemere ad alta voce mentre aumento la mia stretta sui miei seni. Da lontano, sento il farmacista che mi fa molti complimenti e apprezzamenti per il mio spogliarello. Io mi alzo e, sempre tenendo gli occhi chiusi, prima mi tolgo i sandali e poi infilo una mano sotto la mia minigonna. Un istante dopo, faccio cadere sulla sabbia la mia minigonna e, poiché non avevo messo la mutandina, rimango completamente nuda. Il farmacista grida per l'eccitazione. E' quello che volevo. Sto eccitando il dottore. Apro gli occhi e sorrido al farmacista che mi sta guardando, eccitato, da lontano. Un istante dopo, con una mano mi massaggio le parti intime mentre con l'altra mi stringo, nuovamente, il seno. Il farmacista è scosso da brividi di eccitazione e urla di rabbia perchè e' distante e non può raggiungermi, non può abbracciarmi, non può baciarmi. Chi, invece, finalmente, mi raggiunge, anche se con molto ritardo, è mio marito Gianfranco. "Scusami cara, ma mi sono fermato un attimo a guardare le ultime notizie del telegiornale su un televisore del bar della piazzetta" mi risponde mio marito. "Non ti preoccupi per me. Una mareggiata mi ha bagnato tutta. Mi sono dovuta spogliare per asciugarmi più in fretta e lassù c'è un tizio che mi guarda con insistenza. Quel tizio mi ha fatto molti complimenti. Quel tizio si è innamorato di me" gli rispondo. Mio marito alza lo sguardo e vede il farmacista che dalla stradina continua
a guardarmi con insistenza e desiderio. Subito dopo, mio marito si abbassa, prende qualcosa dalla sabbia e lo lancia con forza contro il farmacista. Qualcosa colpisce gli occhiali del farmacista che cadono a terra, rompendosi. Il farmacista impaurito scappa via subito, lasciando i suoi occhiali per terra. "Ora quel tizio non ti disturberà mai più. Mentre io per farmi perdonare del ritardo, ti asciugherò con il mio corpo" mi dice mio marito. Sto per dirgli che non è il momento opportuno perchè qualche persona potrebbe vederci, ma mio marito non mi lascia il tempo di finire il mio discorso perchè immediatamente stampa un bacio sulla mia bocca. Io rispondo al suo bacio infilando la mia lingua nella sua bocca. Le nostre lingue si uniscono, si intrecciano. Successivamente,
mio marito mi fa sdraiare sulla sabbia e si mette sopra di me. Mio marito si muove, si agita sopra il mio corpo nudo. Il calore del suo corpo si fonde con il calore del mio.
Faccio scorrere la mia saliva dentro la sua bocca. Lui la ingoia e con la sua lingua perlustra ogni angolo della mia bocca. Un istante dopo, affonda con forza il suo membro dentro la mia vagina ed io ho un orgasmo. Dopo alcuni affondi, viene anche mio marito e il suo sperma mi riempie la vagina. Io bacio con passione mio marito sulle labbra.
Poi, mi rivesto velocemente perchè i miei vestiti sono già asciutti. "E' ora di tornare a casa, cara Esmeralda. Questa sera preparo io la cena" mi dice mio marito. Io lo bacio ancora sulle labbra e, mano nella mano, io e mio marito lasciamo la spiaggia per tornare a casa.


Questo racconto di è stato letto 2 8 9 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.