Il Dominio all'ospizio Cap 1

Scritto da , il 2020-02-20, genere dominazione

Tutto iniziò quando il padre di Teresa si ammalò gravemente , era estate e ormai erano tre anni che viveva nel paese in cui si era rifugiato il padre, grazie ai soldi del marito si era potuta permettere una lussuosa casa e cure casalinghe per il padre. Chi soffriva quel cambiamento erano le figlie che per andare a scuola dovevano prendere due mezzi e presto se non le accompagnava la madre . Il padre di Teresa , Gianni steso sul letto chiamò la figlia , ” senti io non ce la faccio più , vai a sentire se allo spizio c’è posto” disse con voce rotta, ” non mi piace quel posto , la gente dice che ci lavora una donna più simile ad un orco che a una persona ” rispose Teresa , che aveva 35 anni mostrava una bellezza quasi disarmante nonostante due parti, ” non mi interessa , ormai sono solo un peso “disse Gianni , Teresa lo guardò e non l’aveva mai visto così deciso .Si mise un vestito unito blu e tacchi non troppo vistosi , attraversò il paese sperando di non essere notata , suonò al campanello dello spizio e gli venne aperto. Entrata c’era un lungo ingresso che dava ad un grande atrio dove c’erano tavoli , subito a destra una stanza con su scritto ” direttrice” , Teresa bussò ma non rispose nessuno , improvvisamente sentì un odore pesante quasi di immondizia e sporco, si girò e vide dietro di se una donna tozza , mezza pelata , più sporca che pulita che la fissava. ” che fare te qui?” Chiese la donna , ” volevo parlare con la direttrice ” rispose Teresa, ” lei non essere , può parlare con me ” disse dura la donna , ” mi chiamo Teresa , cerco un posto per mio padre ” disse Teresa dolce , “piacere io essere Maruja … Capire ! Un attimo , io andare a prendere vari fogli ” e se ne andò lasciando di sasso Teresa.Dopo un poco senti sbattere la porta dell’ingresso e si ritrovò davanti una giovane che aveva poco meno della sua età , molto affascinante , ” salve , sono Sara … Cosa posso esserle utile ?” Disse la giovane , ” salve io sono Teresa , ho già parlato con Maruja … Cercavo un posto per mio padre ” disse, ” ah … Il signor Gianni sta male eh ?” Chiese dispiaciuta Sara, ” eh sì , non resiste più dentro casa ” rispose Teresa , “capisco … Vado a cercare Maruja”e anche lei scomparve .Passarono una decina di minuti e finalmente tornò Maruja, le consegnò i fogli e disse ” io avere però poco personale , lei disponibile a venire qualche volta ad aiutare?” , ” ma si certamente ” rispose Teresa , e con un grande sorriso la riaccompagnò fuori. Teresa aveva compilato tutto e consegnata la prima quota trasferì il padre allo spizio, nonostante Maruja lì dentro si trovava bene , c’erano pochi ospiti e la compagnia di Sara le faceva piacere , non dovette fare granché per aiutarla era molto efficiente e sembrava sopportare megliodi lei la presenza di Maruja , decise di portare Federica un giorno, la più piccola delle due e la più somigliante a lei , ma come aveva previsto si annoiava e decise di lasciarla girovagare .Per sbaglio entrò in cucina dove c’erano molti fumi e molte pentole , ” che fare te qui ?” Disse dura Maruja, ” mi scusi signora !” Rispose Federica colpita dalla mole della donna , ” chi essere tu?” Chiese , ” mi chiamo Federica sono la figlia di Teresa ” disse Federica ,” ah ! Detto te che non essere parco giochi o troppo impegnata a contare soldi ?” Chiese dura Maruja , ” si signora ! Ma mi stavo annoiando ” rispose sincera Federica , “ah ! Tu annoiare eh … Allora svagare , vedi quei piatti? ” chiese Maruja indicando un pila di piatti sporchi , Federica li guardò e fece cenno di sì , ” bene tu pulire e io riposare ” , e prese un segiolo e si mise seduta , Federica la guardò poi prese i guanti e iniziò a pulire i piatti. Passarono più di cinque minuti e Federica si tolse i guanti , ” fai vedere piatto!” Disse Maruja indicando il primo piatto , Federica lo prese e lo mostrò a Maruja , lo prese e disse ” tu lavare piatti bene ” , ” grazie signora !” Rispose Federica si sentì strana , ” bene … Ancora annoiata ?”chiese Maruja , ” no, signora!” Rispose Federica , “bene ! Ora uscire ! E se rivedere , io dare a te un altra lezione !” Disse dura Maruja e Federica scappò fuori dalla cucina.Il resto della mattinata lo trascorse fuori , Teresa invece fu chiamata da Maruja . ” senti Teresa , questo fine settimana Sara non essere qui, dare una mano?” Chiese , ” ma si certamente !” Disse Teresa , ” bene ! Ricordare di essere come dipendente quindi tu indossare vestito chiaro ?” Chiese Maruja , “tranquilla , Sara mi lascerà il suo ! ” disse dolce Teresa , ” io contenta ” disse e riprese il suo lavoro. Il fine settimana arrivò presto , Teresa era agitata quella donna le incuteva un qualche timore , arrivò presto allo spizio e trovò già dentro Maruja che puliva , si andò a cambiare in uno stanzino e tornata in cucina chiese ” cosa posso fare?” , ” pulire il salone per favore ” disse Maruja , Teresa prese lo scopettone e l’acqua e iniziò a pulire . Quel giorno era terribilmente caldo e sudò copiosamente , quando tornò da Maruja quella la vide e chiese ” non abituata a lavoro eh?” , ” fa eccessivamente caldo oggi!” Disse Teresa , ” già ! Guarda miei piedi tutti sudati” disse Maruja , Teresa li guardò e dentro di se si mosse qualcosa che prontamente ignorò.Il resto della mattinata la passò a spolverare ma più che altro la passò insieme al padre. Maruja stava intenta a cucinare quando si voltò verso la finestra e notò Federica che la guardava. La giovane aveva passato le peggior notti facendo strani sogni e ripensando all’accaduto nello spizio si sentiva terribilmente eccitata, quando seppe che la madre avrebbe lavorato lì non resistette alla tentazione di spiare . Maruja gli fece segno di entrare, lo fece con molto silenzio non voleva farsi sentire dalla madre. ” che avere detto a te l’altro giorno ?” Chiese appena la ragazza entrò in cucina , ” mi scusi signora ” disse pronta Federica , ” niente scuse , ora avvisare tua madre” disse e fece cenno di andarsene , ” no la prego!” Disse Federica , ” tu essere solo bimba viziata” disse Maruja che le diede un ceffone facendola cadere a terra. ” la prego non l’avvisi” disse rialzandosi con le lacrime agli occhi , ” tu dovere essere punita!” Disse dura Maruja , ” lo so ! Ma la prego …non dica niente a mia madre!” Disse insistente Federica , ” allora io punire te ! Ma tu dovere un favore!” Disse Maruja , ” va bene !” Disse prontamente Federica , ” allora tu mettere mani sul tavolo” disse Maruja , Federica le mise e in un attimo gliele bacchettò con un legnetto . Non seppe quanto tempo la colpì ma quando smise aveva le mani viola , ” ringraziare!” Disse Maruja , ” la ringrazio signora!” Disse Federica , ” tua madre non avere detto come ringraziare le persone?” Chiese Maruja , la guardò e disse ” baciare mani !” , Federica la guardò e vedendo che era seria chinò il viso e baciò le mani di Maruja, ” bene ora tu andare via ! Tornare lunedì per il favore” disse quella , ” signora , io il lunedì sto a scuola” nemmeno il tempo di terminare la frase che gli assestò una bacchettata sul sedere , ” tu volere che tua madre sapere?” Chiese Maruja , ” no signora!” Rispose Federica dolorante , ” allora venire ” e la portò fuori appena in tempo. Teresa non si accorse di niente ma vide Maruja estremamente felice e cordiale , tanto che la invitò a prendere un caffè .Il pomeriggio fu così noioso che Teresa ebbe il tempo di finire un libro , accompagnò il padre per una passeggiata e poi lo portò a letto, salutò Maruja dandole la buonanotte . Teresa accolse il lunedì in maniera annoiata , era paradossale ma la domenica era stata quasi divertente , aveva aiutato Maruja a sistemare le camere e a preparare i pasti e aveva notato che ,nonostante l’aspetto anche quella aveva una simpatia particolare, ora che era a casa senza far niente tornava a pensare alle sue sensazioni e aveva scoperto che rendersi utile la eccitava terribilmente .Federica era riuscita a convincere la sorella che un suo amico l’avrebbe portata a scuola, appena la vide salire sul pullman quasi corse allo spizio . Suonò il campanello e fu aperto , si diresse alla cucina e li trovò Maruja , la stava aspettando, ” essere in ritardo” disse , ” mi scusi ! Dovevo aspettare mia sorella che se ne andasse !” Disse Federica , ” tu avere sorella?” Chiese maliziosa Maruja , ” si ! ” rispose irritata Federica , che provò quasi gelosia , ” bene… Tu volere che lei sapere di tua assenza da scuola?” Chiese Maruja , Federica rimase di sasso , quella donna l’aveva appena incastrata , ” no signora ” , ” tu essere ragazza fortunata , io sapere mantenere segreti ma tu in debito con me , ora pensare al favore” disse Maruja , ” cosa posso fare ?” Chiese Federica , ” oggi Sara venire tardi , avere avvisato tua madre però essere te disposta , fare il suo lavoro … Iniziare a lavare i piatti !” E subito Federica si mise al lavoro sentendo su di se gli occhi di Maruja. Pulì così bene i piatti che sembravano nuovi , Maruja li osservò e disse ” sicura di non volere un futuro da lavapiatti ?” , ” no signora! Mi piace studiare ” rispose Federica , ” e invece te toccare lavare ” poi prese i piatti e ci sputò sopra , ” ripulire!” E gli diede uno schiaffo , Federica si sentì avvampare , ma non era rabbia . Passò altri minuti a lavare, ormai le mani erano screpolate quando terminò , Maruja li controllò e chiese ” tu volere studiare ?” , ” si signora!” Rispose Federica , quella sorrise e ri-sputò nei piatti , ” lavare!” E gli ridiede uno schiaffo, Federica quasi pianse e si rimise all’opera. Passarono altri minuti e finalmente con le mani ormai lesse pulì l’ultimo piatto, Maruja si riavvicinò e chiese ” tu volere ancora studiare?” , ” no signora!” Rispose Federica , ” cosa volere ?” Chiese Maruja , possibile che quella donna aveva capito le sue voglie ? è così rispose ” vorrei trovarmi un lavoro semplice ma ben pagato” , ” questa essere risposta… Lavare piatti essere lavoro semplice vero?” Chiese Maruja , ” si signora!” Rispose Federica , ” tu quindi volere fare lavapiatti?” Chiese Maruja insistente , ” non lo so signora !” Rispose sincera Federica , Maruja sorrise e chiese” cosa volere fare ? Lavavetri ? Bene ! Prendere straccio e spolverare vetri!” E gli lanciò uno straccio , Federica lo prese e iniziò a pulire i vetri della cucina , ormai tremava tutta , temeva e venerava quella donna e non sapeva neanche lei il perché .Passò non so quanto tempo attaccata ai vetri ma quando terminò trovò Maruja seduta ,che aveva terminato il pranzo per gli anziani , la guardò e gli chiese ” tu avere terminato ?” , ” si signora !” Rispose Federica , “essere più capace di tua madre ! Ora tu dovere tornare a casa vero? ” chiese Maruja , ” si signora ” rispose Federica , ” tu però se andare , dovere a me un debito e altro favore, tu sapere vero?” Chiese Maruja , ” si signora!… Ma devo proprio andare!” Disse Federica , ” tu tornare qui domenica ! ” era un ordine non una richiesta, Federica la guardò e rispose ” va bene!” , ” prima per ripagare tuo debito baciare miei piedi!” Disse Maruja mostrando i suoi piedi , Federica li guardò erano neri dallo sporco ma si inchinò fino a terra e li baciò sporcandosi il volto . Quando rientrò a casa era così stanca che appena toccò il letto si addormentò come un sasso. Il resto della settimana passò in maniera tranquilla per Federica , riuscì a falsificare una giustificazione e ad evitare domande dalla sorella è appena finiva i compiti ripensava a quel lunedì come qualcosa di tremendamente eccitante , ormai gli capitava ogni tanto di sognarsi mentre su ordine di Maruja lavava per terra o lavava i piatti nuda . Teresa invece ormai non vedeva l’ora di andare a trovare il padre per rendersi utile. Era venerdì pomeriggio e Teresa finito di leggere un buon libro , si vestì di tutto punto e andò allo spizio . Mentre suonava il campanello notò che gli tremavano le gambe , appena entrò si diresse in cucina dove trovò Maruja, ” Teresa ! Che fare qui ? Tu sapere che orario di visita essere terminato ” disse quella , ” ehm sì è vero! Mi sono dimenticata” finse Teresa, la verità era che si voleva rendere utile, Maruja la guardò e chiese ” visto che tu essere qui , potere fare un favore ?” , accolse la domanda con un fremito e rispose ” certo!” , ” in scantinato esserci una scopa può prendere ?” Chiese Maruja , ” ma figurati” e fece per andare quando ” ah io consigliare di togliere tue scarpe buone , essere molto sporco ” , Teresa si tolse i tacchi color panna e a piedi scalzi scese nello scantinato. Aprì la porta e si trovò una stanza con a terra un po’ di fango e sporcizia , le pareti erano piene di muffa e il tutto puzzava di stantio , vide in fondo una scopa nuova , attraversò la stanza , la prese e se ne andò in fretta. Quando riemerse era tutta sporca , i piedi erano neri , gli sembrava di essere diventata Maruja , quando la vide quella disse ” io detto te !” , ” già , ma come mai è messo così ?” Chiese Teresa , ” io abitare lì , avere vitto e alloggio gratis , mia alternativa essere camper , non essere gradevole ma almeno io dormire al sicuro ” disse Maruja prendendo la scopa, Teresa la guardò e pensò che era veramente fortunata e doveva assolutamente condividere questa con quella donna aiutandola. ” mi dispiace ! ” riuscì a dire Teresa , ” non essere colpa tua! Tu non dovete andare adesso?” Chiese Maruja , ” permettimi di aiutarti !” Disse Teresa , ” be’ tu non avere tuoi indumenti , non potere!” Disse dura Maruja , ” ci sarà qualcosa che posso fare no?” Chiese Teresa , Maruja la guardò e disse ” se tu insistere …tu potere dare sistemata a scantinato ma se tu non volere sporcare tuoi vestiti togliere ” , Teresa la guardò , non aveva intenzione di ri-scendere in quella topaia e tanto meno andarci mezza nuda ,allo stesso tempo, sapeva che Maruja l’avrebbe cacciata se avesse rifiutato . Si tolse il vestito e lo piegò sulla sedia , prese una scopa e scese , le pareva un incubo essere tornata li , cercò di fare qualcosa , rifece il letto , spazzò per terra e tolse la polvere dal tavolo , ormai era più sporca che pulita , aveva la biancheria nera e si iniziava a sentire umiliata , improvvisamente la porta si aprì ed entrò Maruja.” tu avere fatto bel lavoro” e non riuscì a togliere il sorriso vedendo quella donna in quella condizione , ” si sono riuscita a fare qualcosa ” rispose Teresa , ” tu però non avere dedicato tempo a mie cose ” disse dura Maruja , e prese un paio di scarpe vecchie e logore e le buttò a terra , ” fare lavori a metà ?” Chiese , Teresa rimase in silenzio , ” se lavorare così io non avere bisogno di tuo aiuto” disse dura Maruja , Teresa la guardò e disse ” scusa , cosa posso fare ?” Chiese , Maruja sorrise , era il momento di umiliare quella donna , ” chinare e pulire con tuo straccio” disse Maruja, Teresa scese e toccando con il corpo il pavimento iniziò a pulire quelle scarpe sotto allo sguardo di Maruja . Restò in quel modo tanto tempo e quando si alzò ormai la biancheria era intrisa di fanghiglia , pose le scarpe a Maruja che la guardò , i suoi occhi erano profondi e improvvisamente si ritrovò a baciarla .Grazie alla sua stazza , anche se più bassa , Maruja prese il sopravvento , la buttò a terra e infilò la mano dentro l’intimo di Teresa e iniziò a masturbarla , in poco tempo quella aveva ormai perso la presa ed era in balia di Maruja , che ormai la palpava e la mordicchiava da per tutto , ad un certo punto le mise pure un dito nel culo e il cervello di Teresa andò in palla , ormai ansimava solamente ,Maruja per concludere infilò altre dita nella vagina di Teresa e iniziò a penetrarla così velocemente che quella dopo poco venne . Teresa quando si riprese , si ritrovò distesa sul pavimento completamente nuda e ormai sporca , risalì le scale sperando che Sara non fosse arrivata , entrò in cucina dove trovò Maruja che stava tranquillamente lavando i piatti , ” Maruja ?” Disse Teresa , ” o tu svegliare finalmente , essere quasi sera!” Disse Maruja, ” dove sono i miei vestiti ?” Chiese , ” io lavato !, stare ad asciugare!” Disse Maruja , Teresa guardò fuori e vide i suoi indumenti stesi , si girò e Maruja la stava toccando , ” b-basta!” Disse , ma quella insisté e disse ” tu volere questo vero?” , con un solo dito la penetrava e pian piano le sue gambe si allargavano , ” oddio…” Riuscì solo a dire e Maruja tolse il dito e disse “tu essere durata poco !” , era venuta di nuovo , guardò Maruja e non sapeva cosa dire , quella le diede uno schiaffo sul culo e disse ” tu dovere fare qualcosa per me !” , Teresa già si stava preoccupando , ” prendere tuoi vestiti così io stirarli” . Teresa uscì da quello spizio così lavata e profumata che quasi aveva dimenticato quanto era sporca prima .

Questo racconto di è stato letto 4 6 1 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.