(Orgasmo di donna) Bloom

Scritto da , il 2020-02-01, genere pulp

Non so perché qualcuno dovrebbe essere interessato alla mia storia.
Chi viene su questo sito probabilmente cerca altre cose, altre situazioni.
Ma mi è stato detto che scrivere mi avrebbe fatto bene.
E allora scrivo.

Il primo psicologo da cui sono stata pensava lo prendessi in giro.
Mi ha detto una cosa tipo “signorina, lei dovrebbe farsi meno canne”.
E mentre lo diceva aveva una faccia strizzata, da prete stitico.
Ho avuto una gran voglia di graffiargliela quella faccia di merda.
Io non ho mai fumato in vita mia.
Il fumo fa male al sesso e io, questo, non posso permettermelo.
Il secondo psicologo mi ha presa “sul serio”.
Ha detto che secondo lui il mio può essere definito un “super potere”.
Super.
Potere.
Quale cazzo di medico userebbe mai una definizione simile?
Mi ha fatto ancora più rabbia. Cosa sei? Un mistico o un coglione?
Il mio non è super potere, la mia è una condanna.
Nei fumetti del cazzo i super poteri sono cose belle, abilità speciali.
C’è chi li usa per salvare il mondo.
A me basterebbe salvare me stessa.
Del mondo, francamente, non saprei che farmene.
Il terzo psicologo era una donna.
Una donna bellissima.
“signorina Serena, provi a scrivere quello che le succede, provi a raccontarlo a qualcuno”.
E allora scrivo.
L’unica cosa buffa di questa storia è il mio nome.
Per fortuna nessuno mi chiama mai così.
Il fatto è che raramente mi rivolgono la parola.
Quando andavo a scuola mi chiamavano tutti per cognome.
Desideri.
Desideri va bene, desiderare di essere serena è più semplice che esserlo davvero.
Sembra un cazzo di gioco di parole ma in questo caso funziona.
Mio nonno mi chiamava sempre Serena la sirena.
Diceva che ero bellissima, che avevo il mare negli occhi.
Non sono più bellissima.
Non sono più neanche una donna.
Ho smesso di esserlo tanto tempo fa.
Io odio essere una donna.
C’è un’altra cosa che mi ha detto la dottoressa “non è colpa sua signorina”.
Non è colpa mia.
Non vado più da quella psicologa.
Ho perso un altro lavoro e non posso più permettermela.
Negli ultimi dieci anni ho cambiato lavoro 27 volte.
I numeri sono importanti, segnano il passo delle nostre sofferenze.
A volte mi cacciano dal lavoro per come mi vesto.
“Perché non si veste da donna?”.
Perché io odio, essere donna.
Più spesso invece mi cacciano perché faccio tardi.
La notte, faccio sempre tardi.

Non so perché qualcuno dovrebbe essere interessato a questa storia.
Ma è la mia storia.
E anche se vi sembrerà assurda, io la scrivo lo stesso.
“assurdo” è una bella parola per allontanare qualcosa che non conosciamo.
Questa è la mia storia.
E se non credete alle mie parole, sinceramente, non me ne fotte un cazzo.
Sono convinta che neanche tutti quei dottori mi abbiano mai davvero creduta.
Ma mi hanno detto che scriverla, mi avrebbe fatto comunque bene.

Vi piacciono i tramonti?
Quando ero piccola abitavo in una casa con grandi finestre.
Mi ricordo certe esplosioni di rosso che riempivano tutta la stanza.
Ero già una fottuta bimbetta sensibile.
Ogni tanto, in mezzo a tutto quel rosso, mi commuovevo.
Senza sapere perché.
I traumi infantili possono scavare abissi incredibilmente profondi.
Ma questa è un’altra storia.
Una storia che non ho voglia di raccontare.

Adesso, comunque, li odio i tramonti.
E so anche perché.
Quando il sole inizia a scendere e il cielo sfuma io sto male.
Non tutti i giorni, ma quasi.
Immaginate di sentire chiaramente il suono del vostro cuore che rallenta.
Un rimbombo sordo dentro il petto che perde il ritmo.
Come un motore sbilenco che si sta spegnendo.
Come vi sentireste?
Andreste nel panico? Cerchereste un dottore?
Vi sdraiereste a terra in attesa di soccorso?
Io non faccio più nessuna di queste cose.
Sono assuefatta ormai al mio cuore che rallenta.
Lui sta per morire e io, per salvarlo, posso fare solo una cosa.
Non lo faccio tutti i giorni, ma quasi.

Sono quasi le sei di sera.
Il sole ha iniziato il suo lento suicidio, gronda sangue nel cielo.
E per salvarlo devo usare il mio “super potere”.

Arrivare a casa è sempre la cosa più difficile.
Devo correre eppure il mio corpo perde forza a ogni passo.
Per fortuna, vestita così, nessuno mi ferma per strada.
Fondamentalmente non si accorgono neanche della mia presenza.
Ma se ne accorgeranno dopo, alcuni di loro lo faranno.
Entro in questa topaia di casa e devo resistere.
Non devo svenire.
Devo resistere o il sole morirà.
Devo resistere oppure sarò io, a morire.
L’istinto alla sopravvivenza è una cosa che contraddistingue la nostra specie.
Ognuno lo mette in pratica a suo modo.
C’è chi sfugge alla morte continuando ad accumulare denaro.
Ci sono quelli che puntano tutto sulla famiglia, sui figli, sull’affetto.
Poi ci sono quelli che vanno in chiesa.
Quanto mi stanno sul cazzo!
No, tranquilli.
Non urterò la vostra “sensibilità” parlando male di dio.
Ma voi non urtate la mia intelligenza parlandone bene.
Per sopravvivere io, comunque, faccio altro.
Non tutti i giorni.
Ma quasi.
Mi chiudo la porta alle spalle e inizio immediatamente a spogliarmi.
Un velo appiccicoso di sudore si stende sul mio corpo, tremo.
Tremo e so solo una cosa: sto per morire.
Allora corro, cazzo, voi che fareste al posto mio?
Corro senza forze. Col cuore che perde colpi.
Quando sono nuda entro in bagno.
Mi stendo nella vasca vuota.
Incrostata di chiazze marroni.
Guardo il mio corpo scheletrico, il ventre ingoiato dalle costole.
Le gambe lunghe, senza più linee curve.
L’acqua calda me l’hanno staccata mesi fa.
E comunque non devo fare il bagno.
Devo calmarmi adesso, smetterla di tremare.
Devo calmarmi o non ce la farò mai.
Stai calma.
Stai.
Calma.
Chiudi gli occhi.
Sai già come si fa.
L’hai fatto così tante volte.
Concentrati sul respiro.
Non come quei cazzoni che fanno meditazione.
No.
Concentrati sul respiro e preparati al tuffo.

“tuffo” è una mia idea.
L’ho inventato io.
È come lo chiamo io.
La prima sensazione è la vertigine di un equilibrio precario.
Su un trampolino tra la vita e la morte.
Un trampolino altissimo, di quelli che fanno paura.
Se resto sopra muoio.
E allora mi tuffo.
Qualcosa mi ingoia, mi risucchia e mi cancella da me stessa.
Entro in una specie di trance acquatica.
La vasca è ancora vuota.
La uso per attutire i suoni.
Mi hanno già cacciata da troppe case per colpa dei suoni.
Aspetto.
Passano minuti che sembrano passi pesanti.
Poi qualcosa succede.

Come uno spiraglio di luce che affiora da lontano.
Apro gli occhi senza aprirli.
Mi risveglio in un altro posto.
Il primo pensiero è sempre lo stesso.
“speriamo sia un bel posto”.
“speriamo di essere caduta dentro una donna che ha una vita migliore della mia”.
Una bella casa.
Delle persone che mi vogliono bene.
Ma questo buffo pensiero dura poco.
Poi mi ricordo perché sono qui.
Apro gli occhi senza aprirli.
Lì sbatto più volte.
Metto a fuoco luci a cui non sono abituata.
Riemergo da non so dove e lascio che l’aria nuova mi riempia i polmoni.
Mi guardo attorno, devo capire al più presto dove sono.
E chi, sono.
Ho poco tempo.
Sbatto le palpebre e riconosco una bella camera, arredata con cura.
Sono fortunata, penso.
C’è uno specchio da quella parte, ci guardo dentro.
Eccomi.
Stavolta sono una signora sui cinquant’anni.
Una bella signora direi.
Bionda.
Con un bel paio di tette.
Sembro una specie di Barbie che si è sposata col suo chirurgo estetico.
Per non so quanto tempo questo sarà il mio corpo.
Lo abiterò.
Sono in vestaglia quindi dovrei essere a casa “mia”.
Col tempo sono diventata un bravissimo investigatore.
Devo capire tutto e capirlo presto.
Così poi posso agire.
Dettagli, oggetti, odori, suoni.
Ogni cosa parla, basta saperla ascoltare.
Ora so chi sono e dove sono.
Adesso mi serve un uomo.

Mi incammino verso una grande porta finestra.
Ho delle pantofoline di pelo dal tacco alto.
C’è gente che le indossa davvero, cose del genere.
Apro la finestra e il sole mi acceca.
C’è un grande giardino, una piscina.
Sono una coi soldi, penso.
Poi lo vedo.
Sta potando delle siepi.
Non so chi tu sia.
Ma ho bisogno di te, adesso.
Provo a fargli un cenno con la mano.
Azzardo anche un “yuu-uuu” che mi pare adatto al personaggio.
Mi guarda e si avvicina al balcone.
“Signora mi chiamava?”.
Non è mio marito cazzo, potrebbe essere più difficile del previsto.
“Sì caro, ho bisogno di.. te, puoi salire un attimo?”.
Poi lo vedo entrare dentro casa, ho poco tempo.
Mi tolgo tutto quello che ho addosso e poi rimetto solo la vestaglia.
La apro appena, in modo da far vedere un po’ le tette.
Dovrebbe funzionare.
Fa’ che non sia impotente, ti prego.

Quando entra mi guarda e sgrana gli occhi.
Gli piace la signora. Chissà da quanto tempo.
Forse sto per realizzare un suo sogno.
Magari è il sogno di entrambi.
Ho poco tempo.
Mi slaccio appena la vestaglia.
Non ho peli fra le cosce.
E lui me la guarda.
“mi fai un po’ di compagnia?”.
Che frase idiota.
Ma è questo che vogliono.
Ai maschi piace, una donna stupida e facile.
Non a tutti.
Ma con tutti funziona.
Ti piace la passera depilata della signora Barbie?
Questo avrei dovuto dirgli.
Poi mi è addosso, si impossessa subito di questi grossi meloni.
Li stringe con le mani, scende a leccarli.
La lingua avida scorre sulla pelle liscia.
Eccitati, così, da bravo.
Mi servi bello carico.
Ho imparato che l’uomo deve essere sempre ben arrapato.
Altrimenti non riesce a darmi quello che voglio.
Allungo una mano, gli sbottono i pantaloni.
Il suo sudore mi avvolge.
Chissà da quanto tempo era sotto al sole.
Gli afferro il cazzo e lo agito, mi serve duro.
Sono io che lo faccio.
Ma è la signora che si muove, come una marionetta.
Guardo la sua mano curata che tocca l’uccello di questo sconosciuto.
Dovrebbe ringraziarmi, il mondo.
Forse sono davvero, un super eroe.
Sei pronto?
Tolgo la vestaglia e la lascio cadere.
Mi volto e gli do il mio culo burroso.
Salvami per favore.

Le regole del gioco sono di una semplicità quasi imbarazzante.
Se riesce a farmi venire l’incubo finisce.
Mi risveglio dentro la mia vasca.
Se invece viene prima di me faccio un altro tuffo.
E entro in una donna diversa.
Vado avanti finché qualcuno non mi fa godere.
Una volta ho dovuto fare 17 tuffi prima di raggiungere l’orgasmo.
17.
I numeri sono importanti.
È stata una delle serate più brutte della mia vita.
Ma di belle non ne ricordo poi così tante.
Eccolo che mi penetra la fica.
Dai, stronzo, fatti valere.
E non azzardarti a sborrare.
Mi pompa con rabbia.
Schiaffeggiami il culo stronzo, così.
Fa dei grugniti da porco.
Minuti come sassi pesanti.
Tutti addosso, tutti dentro.
Dai maiale, resisti, penso dentro di me.
Ma il maiale, non ce la fa.
Con un verso più forte mi scarica dentro tutto il suo lurido piacere.
E per me inizia un altro giro di giostra.

Si fa buio in un istante, torno sul mio trampolino.
Echi lontani, come versi di gabbiani.
Una vibrazione nelle orecchie.
Come un elastico che si tende.
E senza pensarci prendo fiato, mi tuffo ancora.
Speriamo sia una bella casa.

Non è una casa.
Sembra più.. una classe!
Mappe geografiche sulle pareti.
Sono in una scuola.
E da dove sono direi che sono l’insegnate.
Cazzo!
Non ho specchi e non posso guardarmi, non so come sono.
Fa’ che io sia bella, bella e desiderabile.
Ho bisogno di un uomo.
Davanti a me ci sono solo ragazzini, merda!
Mi guardano, forse aspettano che io continui la mia lezione.
Ma ho altro da fare adesso.
“scusate ragazzi, vado un attimo in bagno”.
Per quanto possibile provo sempre a essere educata.
Non voglio rovinare la vita di nessuno.
Non sempre ci riesco.

Esco dalla classe e inizio a girare per i corridoi.
Non c’è nessuno, sono tutti a lezione.
C’è solo una vecchia bidella.
Potrei fare con lei?
No, non posso, funziona solo con gli uomini.
Il mio super potere se ne sbatte delle mie preferenze sessuali.
Ammesso che io ne abbia.
Il tempo sta passando troppo in fretta, torno in classe.
Non ho scelta.
Scruto i marmocchi.
Scelgo quello che mi sembra il più grande, lo indico.
“tu, vieni con me”.
Mi dispiace, mi dispiace tanto.
Mi faccio seguire in bagno e adesso devo inventarmi qualcosa.
Mi guardo allo specchio camminando, adesso so chi sono.
Sono più grande di quello che pensassi.
Ho begli occhi dietro gli occhiali, almeno quello.
Non ho niente di anche lontanamente sensuale addosso.
Un triste tailleur marrone.
Dovrebbero vietarlo, il marrone.
Sarà dura.
Fa’ che abbia una cotta per la sua insegnante.
“ho visto come mi guardi!” dico un po’ incerta.
Lui non dice niente, non si capisce neanche se è sorpreso.
“devo farti una domanda e voglio che tu sia sincero”.
Annuisce.
“hai mai scopato?”.
Non mi è venuto niente di meglio.
Il ragazzino annuisce, di nuovo.
Grazie, non so chi devo ringraziare ma grazie, davvero!
“vuoi scopare con me?” gli dice adesso la sua professoressa.
Ci pensa.
Che cazzo pensi ragazzino, pensa a quanti potrai raccontarlo, dopo.
Sarai il più figo cazzone di tutta la tua scuola di merda.
Abbassa quella testa, annuisci per dio.
E io non ho tempo, il sole sta calando.
Prima che arrivi il buio io, devo venire!
Quanto può essere difficile trovare un maschio che ti faccia godere?
Allungo una mano e gliela metto sul cavallo dei pantaloni.
È duro!
Stai calma, non te lo perdere, fallo arrapare.
Mi inginocchio, lo sbottono.
I ragazzini si lavano poco, sempre troppo poco.
Infilo una mano e gli tiro fuori il cazzo.
Voglio che mi guardi.
Voglio che mi guardi mentre mi lecco il palmo della mano.
Hai visto quanto è zoccola la tua professoressa?
Ti piace la tua professoressa?
Poi me lo metto in bocca.
Scusa ragazzino.
Non è colpa mia.
Lo dice anche la mia psicologa.
Me lo sento crescere in bocca, dai che gli piace.
Ho imparato a essere così brava in tutti questi anni di tuffi.
L’ho fatto rizzare a certi ruderi umani, che non avete idea.
Sto spompinando un adolescente nel cesso di una scuola.
Non voglio ovviamente.
Ma non ho scelta.
La cosa più stronza è che deve piacermi, devo godere, altrimenti è tutto inutile.
Quindi mi concentro.
Immagino di essere in un porno.
Uno di quei porno squallidi, senza trama.
Non ho tempo, per la trama.
Adesso è bello duro.
Mi alzo e mi abbasso i pantaloni, poi mi piego in avanti.
È la posizione più pratica, quando si ha fretta.
“scopami” gli dico.
Lui non si muove.
Mi afferro i glutei con le mani, li apro.
“scopa la tua professoressa, vuoi?”.
Si avvicina, piano.
Dai, ragazzino, sbrigati.
Quando lo sento che mi sfiora con la cappella lo prendo in mano.
E me lo infilo dentro.
Dai ragazzino, fai il bravo.
Sarai il più figo della scuola.
Non sei neanche brutto, ti farai tutte le tue compagne di classe.
Mi muovo io, mi scopo da sola.
Bravo, ragazzino.
Magari ti sei masturbato stamattina.
Magari duri di più.
Ecco che.
Lo sento che arriva da lontano, è il mio orgasmo.
La mia salvezza.
Sei bravo ragazzino.
Continua così.
Scopati la tua brutta insegnante.
Magari la denunceranno, la licenzieranno.
E mi dispiace, cristo se mi dispiace.
Ma non è colpa mia.
Poi viene.
Porca maledetta puttana, viene.
E io scompaio di nuovo.

So cosa state pensando.
Che sdraiata nella mia vasca sono semplicemente in preda a delle strane allucinazioni.
Che tutte queste cose le sto, banalmente, immaginando.
Allora sentite qua, cazzoni.
Una volta ho fatto un tuffo dentro una suora.
Ho aperto gli occhi (senza aprirli) e mi sono ritrovata in una specie di convento.
Un luogo orribile.
Con la solita frenesia addosso non ho trovato niente di meglio di un vecchio frate.
“suor caterina cosa fa?” lo ripeteva sempre.
“suor caterina è peccato, non si può” e intanto si faceva succhiare il cazzo.
È stato bravo però, mi ha fatta venire, mi ha liberata.
Forse la situazione era così assurda da riuscire a eccitare perfino me.
Beh, dopo qualche mese ho letto una notizia sul giornale.
Una suora rimasta inspiegabilmente incinta, forse l’avete letto anche voi.
Ho fatto i calcoli e i tempi erano perfetti.
Sapete come si chiamava la suora?

Dite che è solo una coincidenza?

Ho quel ronzio nelle orecchie, un’apnea dei sensi.
I gabbiani straziati, sembra annuncino la morte.
Non la mia, non stasera.
Mi sto tuffando ancora.
Spero sia una bella casa.

Stavolta però è un boschetto tutto verde e silenzioso.
Mi guardo attorno, c’è un uomo accanto a me che legge il giornale.
Avrà più di quarant’anni.
Speriamo sia mio marito.
Guardo i miei piedi, ho le gambe nude.
Sono delle belle gambe.
Poi vedo un cellulare, non so il pin ovviamente.
Ma provo a specchiarmi sulla superficie lucida.
Cristo.
Sono una ragazzina.
Ti prego, no.
Mi riguardo le gambe, non sembrano gambe da bambina.
Sono lunghe e morbide.
Ma non voglio, io non voglio.
Tutto, ma non questo.
“che fai?” mi chiede all’improvviso e io non ho tempo.
“devo fare la pipì” dico deglutendo a fatica.
“puoi andare dietro l’albero”.
“mi accompagni per favore?”.
Improvvisare, ho imparato a farlo in mille situazioni.
“vuoi aspettare che torni la zia”.
“mi scappa, accompagnami per favore”.

Poi siamo già dietro l’albero, lui si volta per non guardare.
Se non lo faccio almeno venire non posso fare un altro tuffo.
Rischio di restare bloccata qui.
Rischio di non svegliarmi più.
Non so neanche chi è quell’uomo che non mi guarda mentre piscio.
“puoi voltarti adesso”.
E mi guarda.
Accovacciata, con le cosce larghe, il sesso dentro i suoi occhi.
Mi invento uno sguardo provocante.
Allungo una mano e la faccio scivolare tra le labbra umide.
Fa’ che gli piaccia, almeno un po’.
Sei mio padre? Sei mio zio?
Chiunque tu sia scopami ti prego.
Salvami.
Lui si avvicina, senza dire niente.
Io mi alzo, dai che mi vuole.
Poi sento il fuoco sulla faccia.
Come uno sparo.
Uno schiaffo fortissimo, l’ha preso lei ma l’ho sentito io.
Che faccio adesso?

Poi mi si avventa addosso.
Si guarda attorno, non c’è nessuno.
“sei solo una troietta”.
E in questo momento è la cosa più bella che potesse dirmi.
Mi salverai?
Poi mi afferra, mi volta.
Mi alza la gonna e inizia a sculacciarmi.
Va bene stronzo, fammi male se è questo che ti piace.
Poi liberami per favore.
I colpi si fanno sempre più forti.
Provo ad allungare una mano, voglio la mia parte.
Ma lui mi ferma, mi colpisce ancora.
Cado a terra e lo guardo.
È irriconoscibile.
Ha una mano sui pantaloni, li apre.
Ti prego, ti prego!
Lo tira fuori e inizia a masturbarsi.
Provo a rialzarmi ma mi ributta giù.
Ti prego, no.
“sei solo una troietta!”.
Potrei toccarmi da sola.
Ma non funzionerebbe.
Anche questo, non funziona mai.
Ti prego.
Ti prego.
Quando i primi schizzi mi colpiscono le gambe lo guardo negli occhi.
Sembra un mostro.
E sta piangendo.
E non è gioia la sua.
Poi tutto sparisce.
Ancora.

Quante volte posso morire in una sola serata?
Non so più cos’è l’umiliazione. Non so più cos’è il desiderio.
Non ho voglia di fare l’amore da anni.
Non so neanche cos’è, l’amore.
Forse è questo che urlano quei dannati gabbiani.
Prima del prossimo tuffo.

Rumore di automobili.
Una grande strada.
Sono in una piazzola e sono terribilmente stanca.
Ho degli stivali rossi ai piedi che mi arrivano alle ginocchia.
Sono una puttana, lo capisco subito.
Le puttane le vogliono tutti per fortuna.
Quasi tutti.

C’è un grosso camion parcheggiato.
Mi avvicino col cuore stretto in un pugno.
So anche correre coi tacchi ormai, quante donne lo sanno fare?
Busso.
Lo sportello si apre.
“vuoi farti un giro gratis?”.
“mi prendi per il culo?” dice una specie di orco da dentro.
“no, oggi.. è il mio compleanno e.. offro io”.
Non facessi questa vita di merda potrei fare l’attrice.
“salta su, stellina”.

Mentre mi arrampico guardo lo specchietto.
Ho una parrucca bionda in testa e un trucco orrendo.
Non sono brutta, sotto a quella maschera.
Per fortuna non sono brutta.
Che cazzo di consolazione.
Lui mi ha già messo le manone sul culo.
Violentami grassone, tu non sai quanto ne ho bisogno.
Poi mi alza come un fuscello.
Mi mette sopra di lui.
Apre quella caverna che ha al posto della bocca e mi bacia.
Io ci sto ovviamente.
Vorrei dirvi che mi fa schifo.
Ma siete mai stati sospesi tra la vita e la morte?
Voi cosa scegliereste?
Faccio tutto quello che vuoi tu grassone.
“ehi Angelo, guarda cosa abbiamo qui”.
La tendina si apre e spunta fuori un ragazzo più giovane, coi riccioli neri.
“non ti dispiace vero se ci divertiamo in tre?” dice il grassone.
No che non mi dispiace.
Due uomini durano di più, di solito.
Allungo una mano verso il tipo giovane, è in mutande, forse dormiva.
L’altro sotto di me si sbottona, mi sposta le mutande ed è già dentro.
Mi scopa.
E io tocco il cazzo dell’altro, “avvicinati” gli dico.
Poi me lo metto in bocca.
Iniziano a sbattermi così, senza neanche pensare a qualcosa che assomigli a un preliminare.
Meglio così, mi dico, non ho tempo.
Sono una puttana, posso comportarmi come tale.
Nessuno mi giudicherà male.
Un cazzo in bocca e uno fra le cosce.
Ho fatto di peggio, credetemi.
Sto attenta col giovane, non voglio che venga presto.
Lo eccito senza mandarlo in orbita.
Sto attenta.
Il grassone mi solleva e mi mette sull’altro sedile, a quattro zampe.
Mi punta il buco del culo e dico “no”, col culo non funziona, non riesco a venire.
Lui si mette a ridere.
Bastardo.
“aspetta” gli dico “aspetta un attimo..”
“qui c’è posto per entrambi” gli dico allargando le cosce.
I due si scambiano uno sguardo d’intesa.
D’altronde, è il mio compleanno.
È un po’ scomoda la situazione, il ragazzo coi ricci si infila sotto di me.
Quando l’altro si adagia sulla mia schiena mi sento schiacciata.
Schiacciata fra i loro corpi.
Poi mi entrano dentro, uno alla volta.
Mi lascio andare, regalo a questi sconosciuti il corpo di una donna che non conosco.
Purché mi liberino.
Il viso del più giovane proprio davanti al mio.
Lo guardo negli occhi mentre il suo amico si serve.
Mi vuoi? Dimmi che mi vuoi.
Ti prego.
“sei bellissima” dice con un filo di voce.
Non lo dice a me, lo dice a lei.
Anche tu sei bello.
“fammi godere” provo a dirgli con un filo di voce.
Ti prego.
Vorrei dirgli chi sono, vorrei raccontargli cosa sta succedendo davvero.
Ma una volta ci ho provato e quello si è spaventato, mi ha preso per pazza.
È scappato.
Non scappare, Angelo.
Non sono una pazza, sono solo una puttana.
La tua, puttana.
Lui sorride e aumenta il ritmo da sotto.
Si alternano nei colpi, come nella guida al loro camion.
Sei bello, Angelo.
In questa storia i nomi non sono mai casuali.
Il caso non esiste.
Lo guardo dritto negli occhi il mio angelo.
Qualcosa mi sale da dentro, come il vento caldo che annuncia lo tsunami.
Anche lui inizia a gemere.
Il grassone fa versi da orco e inizia a bestemmiare furiosamente.
Tra un cristo e l’altro ci tiene a ricordarmi il lavoro che faccio.
Se uno dei due viene prima di me dovrò ricominciare da capo.
Aspettami, Angelo.
Sto godendo, saranno i tuoi occhi.
Aspettami.
Non lasciarmi.
Poi una grande onda arriva da lontano, mi sento sollevare, tutto si fa buio di nuovo.
La risacca di un grande oceano nero.

Il mio corpo nella vasca è in preda alle convulsioni.
Mi dimeno come fossi epilettica.
Do dei colpi così forti che mi riempio le gambe di lividi.
Sto dando alla luce me stessa, ancora una volta.
Eccolo.
Eccolo che arriva.
Senza che mi sia toccata.
È la parte più dolorosa ma poi tutto andrà bene.
Tutto, andrà bene.
Uno spruzzo mi parte dalla fica, un geyser violento.
E urlo, urlo forte, non posso farne a meno.
Urlo come se mi stessero strappano le viscere.
Non c’è niente, in tutto questo, che sia piacere.
È come morire ogni sera per poi rinascere.
Non posso farne a meno.
Due, tre, quattro, cinque schizzi potentissimi.
Un idrante fra le gambe.
Non è un semplice squirting.
Li ho visti quei video dove le ragazze zampillano i loro orgasmi.
Quando io vengo è come se mi uscisse un demone dal corpo.
Sembra un esorcismo.
Dovrei farlo anche io uno di quei video.
La brutta ragazza che squirta nella sua vasca da bagno.
Verrebbero in tanti a vedermi.
Il corpo continua a tremare, è come se quell’esplosione avesse ridato il giusto tempo al mio cuore.
Sono sfinita.
E come sempre mi addormento.
Spossata e inerme.
Forse questo è il momento più bello.
Per questo le mattina non voglio mai svegliarmi.
Se il sole sorge prima o poi dovrà anche tramontare.
E io li odio, i tramonti.

Ho iniziato a fare i “tuffi” quando avevo 13 anni.
Ne sono passati più di 20.
Ho provato a fare un calcolo una volta.
Non succede tutti i giorni ma quasi.
Più di un tuffo ogni sera fino a che non vengo.
Il totale fa più di 4000.
I numeri sono maledettamente importanti.
Sono stata 4000 donne diverse e ho devastato la vita di molte di loro.
Avete mai sentito di una donna che all’improvviso ha iniziato a fare cose strane?
Eravate con lei quando è successo?
Allora forse ci conosciamo.
Voi non lo sapete ma ci conosciamo.

Non sono una donna.
Non lo sono più da un sacco di tempo.
dio odia le donne.
Le ha punite escludendo il loro piacere dalla procreazione.
Ci avete mai pensato?
Per fare i figli non serve l’orgasmo di una donna.
Basta quello di un maschio.
Bella stronzata, eh?
Sono io dio!
Sono un super eroe.
Sono il mostro femmina che succhia via i vostri piaceri.
E poi li vomita dalla fica.
Io sono la muffa umida che insozza le pareti delle vostre vite.
Lo so che non dipende da me.
Ma non riesco a non sentirmi terribilmente in colpa.
Forse, molto semplicemente, in questo strazio di mondo esiste il bene.
Ed esiste il male.
È una questione di equilibrio.
Se state leggendo queste righe sappiate che la mia è una richiesta d’aiuto.
Graffiata con le unghie sullo schermo di un pc.
Non l’ho voluto io il mio potere.
Non so come è successo e non so come si ferma questa dannata.. cosa.
So solo che non ne posso più.

Perché?
Perché proprio a me?

Io..
Io sono Serena la sirena.
E ho il mare negli occhi.

Questo racconto di è stato letto 2 4 2 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.