L'organizzatrice di eventi 2- Parigi

Scritto da , il 2020-01-15, genere etero

Dopo l'incontro in Florida e che ho già descritto in un precedente racconto, ancora mi sembrava strano che Nadine avesse accettato di rivederci.
Sembrava che la nostra fosse stata solo la pazzia di una notte, invece ci saremmo incontrati di nuovo. Volevo farle passare due giorni speciali.

Prenotai un piccolo hotel, in Notre Dame, di fronte alla famosa cattedrale.
La posizione è ottima, l’atmosfera carina. Ti mandano una email non appena hai prenotato per offrirti alcuni servizi aggiuntivi interessanti.
Io chiesi di farci trovare in camera una bottiglia di champagne, che lei adora.
Avrei lavorato fino alle 17, così le avevo dato indicazioni per raggiungere l’hotel da sola. Facile, visto che è proprio dinnanzi alla fermata della RER che collega direttamente l’aeroporto con il centro città.

Arrivò infatti prima di me ma non salì in camera.
Lasciò il bagaglio in reception e andò a farsi un giretto nei dintorni.
Ci sincronizzammo bene, così la incontrai proprio davanti all’ingresso mentre rientrava. Ci baciammo, ma notai un po’ di imbarazzo da parte sua.
In camera fu felice di scoprire lo champagne, che aprimmo subito davanti alla finestra spalancata che affaccia sui piccoli ristorantini del quartiere latino e su Notre Dame. Era molto sexy, e mi aveva fatto venire una voglia matta di fare l’amore.
Sembrava però non essere dell’umore adatto, così ci limitammo a baciarci un po’.
In realtà era anche abbastanza tardi e io avevo prenotato una cena al Kong, un ristorante non molto distante e famoso per la cupola panoramica.
Lei non lo sapeva, le avevo solo detto di portare un vestito da sera.
Il posto è piuttosto elegante.

Uscimmo a farci una passeggiata per la città, con lei che mi tempestava di domande per sapere cosa avremmo fatto dopo.
Lasciai trapelare qualcosa, giusto per torturarla un po’ di più, ma non troppo.
Il primo a rimanere sorpreso all’arrivo al ristorante, per dirla tutta, fui io.
Fummo accolti infatti da una ragazza da infarto, elegantissima e davvero sexy.
Le sue colleghe non erano da meno e feci fatica a non distrarmi.
Quando arrivammo al nostro tavolo fu invece Nadine ad impazzire.
Io ne ero ovviamente all’oscuro, ma in quella sala avevano girato un episodio di Sex and the City, una delle sue serie preferite.
Andò letteralmente fuori di testa e iniziò a mandare foto a tutte le sue amiche.
Dopo una buona cena ed una bottiglia di Champagne rosè, terminammo la serata passeggiando mano nella mano sul lungosenna.
Sembravamo davvero una coppia di innamorati.
Tornammo in hotel, dove lei volle un’altra bottiglia di champagne. La terza della giornata.

Era un po’ brilla, decisamente allegra.
Ne bevemmo un paio di calici, poi lei si avvicinò al mio orecchio e mi sussurrò
- Ti voglio. Ti voglio adesso
Mi spinse verso il letto, facendomi cadere, sdraiato.
Poi si allontanò e, continuando a guardarmi, si sfilò le spalline e lascò cadere a terra il vestito nero rimanendo in reggiseno, mutandine, autoreggenti e tacchi.
Iniziò a togliersi il reggiseno.
Mentre lo faceva aveva un sorrisetto malizioso che mi stava facendo impazzire, e si vedeva che si stava divertendo a fare quello spogliarello solo per me.
Lo stavo trovando davvero eccitante e credo che a lei questo piacesse molto.
Mi lanciò il reggiseno in faccia, per poi girarsi e piegarsi in avanti, appoggiarsi con le mani al piccolo tavolino della stanza.
Faceva ondeggiare il culo davanti ai miei occhi, rendendo difficile mantenere il controllo.
Avevo iniziato a spogliarmi anche io, ed ora ero sul letto con solo i boxer, che tradivano la mia eccitazione.
Continuando a muoversi, faceva correre le mani sulle gambe e sulle natiche, finchè non iniziò ad abbassarsi gli slip.
Ora indossava solo tacchi ed autoreggenti.
Le gambe oscenamente aperte.
Si piegò ancora di più, ormai appoggiata con il busto al tavolino.

La sua mano destra si stava dando da fare, e vedevo le sue dita entrare ed uscire dalla sua figa depilata.
Stava iniziando ad ansimare
- Vieni qui... mettimelo dentro... adesso...
Mi alzai dal letto togliendomi i boxer e mi avvicinai, appoggiandole il cazzo all’ apertura tra le natiche
- Prendo i preservativi... aspetta un attimo..
- No... mettimelo dentro subito... ti prego...scopami forte....
Non me lo feci ripetere.
Scivolai facilmente in quella figa fradicia, continuando a darle colpi lenti e profondi. Lei continuava a ripetere la stessa parola, con decisione
- Scopami... scopami... scopami...
Non resistetti a lungo.

Non appena sentii l’orgasmo avvicinarsi uscii e le venni sulla schiena.
Avevamo entrambi il fiatone.
La abbracciai da dietro e rimanemmo così per qualche istante, in quella posizione scomodissima, ad ascoltare i nostri respiri.
-Non sei venuto dentro, vero?
- No, non ti preoccupare. Anche se è stato difficile smettere così.
- Vero che domani mi scopi ancora così?
La baciai sul collo, mentre la mia mano le sfiorava le grandi labbra.
Rimanemmo a Parigi solo due giorni, ma furono molto intensi.


m.amorini@email.it

Questo racconto di è stato letto 1 2 8 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.