Il gigante, la bambina, il suo gioco

Scritto da , il 2019-12-31, genere esibizionismo

Là fuori, un numero pressoché infinito di lucine intermittenti penzola dai balconi, distese di lucciole isteriche, assetate di corrente elettrica. Il cielo terso del nord prova a dire la sua sparpagliando stelle a caso sulla superficie lucida del suo specchio nero. Le montagne silenziose assistono al duello luminoso sotto una densa, candida coperta di neve soffice.
Dentro la grande casa, invece, la sfida si gioca tutta tra differenti forme del concetto di calore.
Quello del camino, vivo e scintillante, che scoppietta imperioso al centro della sala. Il calore umano degli invitati, vestiti a festa; amici, parenti o semplici conoscenti che dopo una grande mangiata si sciolgono in chiacchiere attendendo la mezzanotte.
E poi c’è lei, fiamma lucente per gli occhi di tutti, se ne sta in piedi, con un flûte di bollicine fra le mani affusolate, ogni volta che sorride le sue labbra rosse sciolgono il cuore di uno degli uomini presenti.
I capelli ramati stavolta sono sciolti, diabolica criniera a incorniciare il volto da angelo. L’abbigliamento, sapientemente selezionato, è un inno all’audacia femminile, provocante e malizioso.
Quel vestitino è in realtà una camicia a quadri, neri e rossi, appena più lunga del normale, stretta in vita da una grande cintura di cuoio scuro. I bottoni si schiudono su un delicato décolleté che pare offrirsi generoso allo slalom degli sguardi. Le gambe, abbondantemente scoperte dalla camicia di flanella, brillano sinuose accarezzate dal nylon chiaro dei collant che scivolano dentro un paio di stivali di pelle, dal tacco basso. Strategia della seduzione nata femmina che furbamente si divide fra i contrasti del look da boscaiolo e i dettagli raffinati della Donna.
Ogni volta che si muove, il suo piccolo corpo tende la stoffa a scacchi della camicia e le sue forme appaiono evidenti, morbide e burrose per istanti di apnea che sembrano interminabili.
Quando qualcuno le si avvicina si mostra gentile, raggiante, si perde in chiacchiere assolutamente banali senza risparmiare un lieve baluginio delle ciglia che pare una promessa d’amore, non c’è dubbio che sia lei la vera attrazione della serata. Più di un uomo spera in cuor suo che l’anno che sta per iniziare possa avere in serbo qualcosa di simile a quella giovane ragazza in camicia. Le donne, invece, la osservano con invidia, tra i ricordi passati di quando anche il loro corpo destava tutto questo interesse.
Il tallone lievemente sollevato, la posa involontaria da fotomodella, l’aria leonina: per tenerle testa ci sono in questo momento ben tre uomini che provano ad attirare la sua attenzione chiacchierando di argomenti assolutamente futili.
Una vibrazione impercettibile del suo smartphone, stretto nell’altra mano, la avverte che qualcuno le ha appena inviato un messaggio.
«Scusatemi» dice agli sconosciuti davanti a lei e, lasciando scorrere il pollice sullo schermo, lo fa illuminare.
[Allora? Come ti senti?] le ha appena scritto Lui.
Gli occhi di lei si accendono di malizia e, sorridendo più forte, inizia a digitare la sua risposta: [Sto bene ma mi sento un tantino osservata].
Giusto qualche istante d’attesa prima che il progresso informatico le consegni una nuova missiva, in tempo reale: [Era quello che volevo] scrive il vero artefice di questa insolita serata. [Fatti un giro – aggiunge Lui – lascia che tutti ti guardino].
La ragazza in camicia distoglie gli occhi dallo schermo e li lascia vagare nella sala, come per scegliere il momento più adatto alla sua sfilata.
Poi si muove.
Come un’apparizione al rallentatore.
Abbandona il bicchiere su un ripiano di legno e spostando il peso del corpo sulla gamba sinistra raccoglie le poche energie necessarie a inscenare una delle danze più antiche e letali che esistano: il valzer della Donna che cammina.
Lo strusciare delle cosce, una contro l’altra, produce uno strofinio ruvido di nylon impercettibile che pare un rimbombo nelle orecchie tese dei maschi che chiudono gli occhi su un abisso di disperazione. Alcuni piegano appena il collo, lasciano cadere lo sguardo sulla sua schiena che si allontana e fanno un grande sospiro quando inquadrano le sue natiche che ondeggiano accarezzate dalla stoffa a quadri. Troppo corta è quella camicia per non sperare di scorgere qualcosa in più del suo corpo ad ogni passo felino. Pochi metri per incrociare diagonalmente il grande salone, arrivare al tavolo delle bevande e prendere un altro bicchiere fra le mani. Puntuale come un servo l’immancabile sconosciuto sguscia fuori dall’ombra con un sorriso maliardo e osa rivolgerle la parola: «Un po’ di vino?».
«Grazie!» dice lei accecandolo con un altro sorriso, poi allunga la mano e attende che lui faccia il suo dovere.
Ora, il servo fedele, fissa il bicchiere vuoto, delicatamente sorretto da una candida manina, i suoi occhi si lasciano incendiare dal rosso laccato delle unghie affilate, da qualche parte dentro il suo cuore qualcuno sta ululando immaginando i graffi che quelle unghie da gatta potrebbero lasciare nell’oasi violenta del piacere.
Quando il bicchiere è ormai pieno lei gli dà il colpo di grazia strizzando un occhio a mo’ di ringraziamento ricolmo di malizia. Poi lo abbandona, fa il percorso alla rovescia e torna a sorseggiare le sue bollicine in quell’angolo seminascosto in cui tutti possono ammirarla.
Di nuovo il telefono fra le mani, di nuovo il saltellare delle sue dita a indagare reazioni del suo invisibile compagno di giochi [Direi che adesso non c’è più dubbio sul fatto che tutti mi abbiano vista per bene].
[E la cosa ti fa piacere? Lo hai sentito il loro desiderio intrufolarsi sotto la tua camicetta?].
[Hai fatto un’ottima scelta con questo vestitino, sta riscuotendo un grande successo].
Ogni uomo che la osserva illuminarsi con il piccolo schermo del telefonino muore dalla voglia di sapere chi o cosa continui ad attirare la sua attenzione in quel modo, nei suoi occhi verdi brillano fili elettrici di una qualche, segreta, passione.
[Alza gli occhi – insiste lui – guardali tutti e ascolta il suono soffocato della loro eccitazione, tu lo sai che ognuno di loro ti desidera!].
Lei esegue, totalmente rapita da quel gioco misterioso e si sente mangiare dai presenti, qualcuno accenna un piccolo gesto col bicchiere, quasi a proporle un brindisi a distanza, l’unico fugace contatto concesso in mezzo a quella selva di intrusi, dio quanto pagherebbero per essere da soli con lei.
[Secondo me si stanno facendo tutti la stessa identica domanda] scrive ora il suo interlocutore.
[Quale?] chiede lei accarezzandosi distratta una coscia con le unghie, come a grattarsi via qualche invisibile fastidio.
[Si stanno chiedendo cosa c’è sotto la tua bella camicia!].
Lei si lascia scappare una risata più forte che per un istante zittisce il mormorio degli invitati, poi si copre la bocca con la mano, consapevole di aver attirato ulteriormente l’attenzione. I suoi denti bianchi iniziano a torturare le labbra perché in questa sfida non vuole essere di certo lei la prima a tirarsi indietro. Prende il telefono e digita una dichiarazione di guerra: [Vuoi che faccia qualcosa per togliere loro il dubbio?].
[Senza esagerare – puntualizza lui prontamente – non voglio farti fare la figura della poco di buono con tutti].
[E allora?] chiede lei col cuore che batte.
[Scegli].
La ragazza in camicia si ridesta un attimo, qualcuno sta parlando lì di fronte a lei, più che altro sta interrompendo la sua bollente conversazione. Sbriga con il nuovo arrivato un paio di convenevoli, giusto per non essere scortese, gli concede anche un piccolissimo bacio di vetro, nel cin cin fra i due bicchieri pieni, poi lascia intendere che ha qualcosa di molto più urgente da risolvere.
[Cosa devo scegliere?] scrive appena è di nuovo libera, adesso pervasa da un’agitazione che è il preambolo di una irresistibile scia di eccitazione.
[Scegli il fortunato, unico e solo, a cui mostrare quello che hai sotto la camicia].
Una frase che scivola come una goccia bollente sul filo teso della schiena e si perde, colando lungo le sue belle gambe. Il brivido pare quasi ustionarla e il solo pensiero di eseguire questo nuovo “compito” le fa brillare di più gli occhi.
[Te la senti?] continua lui, che non le farebbe mai fare niente che possa metterla a disagio.
Lei deglutisce forte e affilando le labbra in una smorfia diabolica inizia a guardarsi intorno, incrocia i soliti sguardi, le solite espressioni lussuriose, chi prova a colpirla dandosi un tono da uomo intelligente, chi invece non resiste alla tentazione di mostrarsi assolutamente eccitato digrignando i denti a bocca chiusa.
Poi lo vede.
Situazione perfetta, un vuoto di scena che aspetta solo di essere riempito dal suo corpo.
Il tempo di prendere di nuovo il telefono e digitare semplicemente un [Vado!] prima di incamminarsi per una nuova conturbante sfilata.
A pochi metri da lei c’è un tipo dalla faccia buona, grandi occhiali da ragioniere e un buffo riporto di capelli in testa. Non è di certo attraente ma pare decisamente innocuo, un omino perfetto a cui affidare un simile segreto. Mentre lei cammina il ragioniere la osserva e pare incredulo, inizia ad agitarsi, possibile che quella leonessa si stia dirigendo proprio verso di lui?
La leonessa lo scarta poco prima di raggiungerlo e si accoscia, proprio lì di fronte, per accarezzare un grosso cucciolo di Pastore Maremmano che sonnecchia accanto al divano.
Nell’abbassarsi ruota appena le gambe, orientandole proprio verso il ragioniere col riporto. Gli occhi dell’uomo sembrano ingigantirsi per l’inaspettato spettacolo della camicia che si solleva appena mostrando un’ampia porzione della coscia velata dalla calza.
«Ma quanto sei bello!» dice lei al cucciolo che si ridesta dal suo torpore, si solleva sulle zampe e si lancia fra le braccia della ragazza, anche lui maschio fra i maschi non riesce proprio a resisterle.
Lei pare sbilanciarsi sotto il peso dell’animale e per non franare a terra si scompone per un istante, allargando le gambe proprio davanti agli occhiali spessi di quello sconosciuto fortunato.
Dalla sua posizione solo lui ha potuto godere di quella visione improvvisa, le ginocchia che si dividono, le cosce che si separano invitando lo sguardo a precipitare lì, dove la sua carne si fa più intima, vertigine disperata che in poche frazioni di secondo regala allo spettatore il più bello spettacolo della sua vita.
Il collant ha un buco, proprio al centro, un grande foro circolare che incornicia maliziosamente un sesso glabro, liscio e arrossato, libero da qualsiasi indumento intimo femminile. In rapida successione di fotogrammi le labbra della fica sembrano schiudersi, per via del movimento, come un bacio umido che si apre in un dolce sussurro d’amore.
Mentre la serata prosegue la festa si macchia di un delitto: un ragioniere è stato appena assassinato nel salone della baita di montagna, sembra una trama da giallo alla Agatha Christie ma in realtà è solo il risultato di un indecente gioco erotico. Il mandante resta nascosto dietro i suoi spietati messaggi, la ragazza killer si rialza dopo aver fatto un’altra coccola al suo nuovo amico peloso e la vittima, ancora agonizzante a bocca aperta, ha il volto trasfigurato dalla sorpresa. Quell’immagine fugace lo tormenterà per il resto della sua vita, accompagnata da un dubbio decisamente assurdo: quella bellezza in camicia ci sta provando con me?
Una domanda che solo un folle potrebbe farsi, un uomo smarrito per la via delicata che dalle cosce spalancate precipita nel sogno elicoidale di un viaggio allucinato fra le carni intime di quella giovane donna. Come un povero cristo condannato a vivere per sempre tra realtà e sogno infinito: si immagina piccolissimo a lanciarsi in mezzo a quelle gambe indecentemente spalancate, sempre più vicino alla deliziosa fica fradicia di quella sconosciuta.
Proverà a raccontarlo ai suoi colleghi d’ufficio, quando gli chiederanno com’è andato il capodanno, c’era una donna, una donna bellissima coi capelli rossi che mi ha sbattuto la passera in faccia ma nessuno, ovviamente, gli crederà mai.
La rossa senza mutandine è già scomparsa, tornata sculettando dall’altra parte della stanza, ha già il telefono fra le mani e qualche goccia dei suoi umori scivola lungo le cosce rosate, stupita lei per prima della propria sfacciataggine ma, lo ha fatto per lui, per lui farebbe tutto.
[Come ti sei sentita?] ha già scritto l’uomo invisibile.
[Bellissima – risponde lei eccitata – mi sono sentita porca e bellissima!].
[Già, ma forse potresti osare un po’ di più].
Un po’ di più? Cos’altro può fare più di così? Si può immaginare qualcosa di più scabroso del mostrare la propria intimità a un totale e improbabile sconosciuto?
[Potresti mostrare il mio regalo di natale].
Ecco cos’altro potrebbe fare la bella ragazza con la camicia, ora, il livello della sfida si alza decisamente.
È una strana partita, questa; un gioco d’azzardo in cui l’unico obiettivo pare quello di rilanciare in continuazione e il premio finale è lo stesso per tutti: la trasgressione. Una roulette impazzita che ha perso le sue tessere colorate, finite evidentemente tutte addosso a quella benedetta camicia.
Lei è incredula, continua a rileggere il messaggio senza riuscire a chiudere la bocca, davvero lui vuole questo? È laggiù che vuole portarla?
[Tu sei pazzo] scrive lei con le guance arrossate.
[Non lo siamo entrambi?] risponde lui.
Sì, a raccontarla per bene tutta questa storia c’è davvero da chiedersi chi sia il più pazzo fra i due, in questo incendio costante che è il loro assurdo rapporto. Le strade semplici, d’altronde, sono fatte per le passioni banali e assolutamente innocue. La pazzia incandescente del vero desiderio invece ha la forza dirompente per sovvertire qualsiasi regola ed è proprio di questa fame di rivoluzione che si nutre, illogica, immorale, spietata e accecante. Solo chi non l’ha mai provata non può, in nessun modo, capire.
L’idea di spingersi così in là si impossessa di quella ragazza dai capelli rossi, eccola che scivola via, entrando dentro una delle camere da letto.
Il ragioniere, sempre lui, non ha più smesso di guardarla e, ancora schiavo della sua ipnosi, compie l’azzardo di seguirla fin dentro quella stanza.
Lei è lì dentro che pensa al da farsi, come può esaudire questa ennesima richiesta del suo uomo misterioso? Quando la porta si apre dietro le sue spalle si sorprende lei stessa di quanto al destino piaccia favorire le trame più assurde: quel buffo uomo coi capelli appiccicati al cranio pelato sta per godersi un’altra incredibile sorpresa.
«Buonasera» dice lei col più scarlatto dei sorrisi. Il ragioniere affida la sua risposta a un borbottio incomprensibile che potrebbe essere un “salve” o anche un “lei è davvero un gran pezzo di fica”. Chi può dirlo?
C’è un letto a castello in quella camera che forse un tempo ospitava dei bambini, lei guarda la piccola scaletta in legno che sale sul materasso e pensa che quella è l’unica occasione che ha per soddisfare le proprie voglie e quelle del suo compare.
«Mi tiene un attimo la scala, per favore?».
«La.. scala?» ripete il ragioniere il cui cuore sta correndo maratone assolutamente inaspettate fino a poche ore prima, non riesce neanche più a ricordare chi diamine lo abbia invitato a questa festa!
«Sì – lo incalza lei – devo prendere una.. cosa.. lassù e non vorrei cadere».
I loro respiri si fanno pesanti, due totali sconosciuti buttati l’uno in pasto all’altra per un capriccio, un gioco di fuoco che sta per incendiare ogni cosa in quella cameretta da bambini. Su una parete c’è una vecchia foto incorniciata: una ragazzina sorridente, coi capelli tutti rossi se ne sta in braccio a una donna. Bellissima.
Chissà cosa pensano, entrambe, di quello che succede dentro questa casa.
Senza attendere risposta, la ragazza in camicia si gira di spalle e inizia a salire i gradini, il suono dei suoi stivali rimbomba nelle orecchie del povero ragioniere che si avvicina al letto, seguendo il lento issarsi di quel corpo da schianto. I fianchi si aprono rotondi su culo deliziosamente procace.
Lui scuote la testa, come a dire: no, i miei colleghi non crederanno neanche a questo.
Quando la ragazza raggiunge l’ultimo gradino e si piega in avanti, spingendo in fuori il fondoschiena; l’uomo dabbasso non ha che da alzare il viso, lentamente, ormai consapevole dell’assenza di biancheria intima sotto quella camicia, già convinto di ritrovarsi davanti agli occhi l’altra faccia della medaglia dello spettacolo a cui ha assistito solo pochi minuti prima.
Ma ciò che vede lo sorprende, accecando i suoi occhi disperati, scendendo giù fino a trapassargli il cuore, ottenendo il risultato di gonfiargli i pantaloni come mai gli era successo finora.
Lungo la via velata delle gambe, unite fra loro, oltre il foro rotondo delle calze chiare, le bianche natiche di quella ragazzina appaiono in tutto il loro splendore ma è lì, al centro, che qualcosa sfugge a qualsiasi previsione. Ne è quasi spaventato.
In quel paradiso di carni esposte brillano le mille sfaccettature di un piccolo diamante, il pomello di un raffinato ed elegante plug anale, il regalo di natale che lei indossa dall’inizio di questa serata, piccolissimo cuneo d’acciaio lucente che proprio l’uomo misterioso ha provveduto a infilare prima della festa.
Il ragioniere passerà alla storia come l’unica vittima di romanzo giallo ad essere stata uccisa per due volte nella stessa sera. I suoi occhi si riempiono di piccole crepe rosse e un piccolo filo di bava pende dalle sue labbra spalancate, cose del genere, lui, le aveva sentite raccontare solo da certi suoi colleghi che si professano aggiornatissimi sulle moderne diavolerie sessuali. Perché mai quella bella ragazza a un gioiello infilato nell’ano? Lui non può saperlo ma quell’oggetto è stato il pegno da pagare in cambio della festa organizzata, ogni cosa lo è, il vestito, le calze e l’assenza di biancheria intima. Lei ha insistito per riportare un po’ di vita dentro a quella vecchia baita e il suo uomo misterioso ha accettato, ma solo ad alcune, particolari, condizioni.
D’improvviso qualcuno bussa alla porta e una voce, profonda, esclama: «È quasi ora, vi aspettiamo fuori!».
Lei scende rapida la scaletta e non riesce a esimersi dallo stampare un bacio a labbra strette sulla guancia del povero piccolo ragioniere, poi gli dice solo «Grazie!» e si affretta a raggiungere gli altri.
Sul grande terrazzo sono tutti in fervida attesa, lei nota una grande schiena robusta, familiare e si infila a fatica fra i corpi degli invitati per raggiungere quell’uomo dall’aria rude, occhi verde brillante e la barba incolta, appena macchiata di bianco.
«Tutto bene?» bisbiglia lui senza smettere di fissare l’oscurità.
Lei alza gli occhi al cielo, divertita dalla sua improvvisa premura, poi piega il collo per sussurrare all’uomo «Ti sei divertito?».
Lui accenna un lieve sorriso, muove una mano dietro la schiena della ragazza e la lascia scivolare verso il basso, oltrepassando il bordo della camicetta. Qui, le sue dita, raggiungono il gioiello conficcato in quel culo delizioso e iniziano a giocarci, facendolo roteare, provando quasi a sfilarlo, per poi spingerlo, ancora più in fondo. Nel trambusto della festa nessuno si accorge del lungo gemito appena uscito dalla bocca della ragazza coi capelli rossi.
«Secondo me tu ti sei divertita molto di più».
In quel preciso istante tutti gli invitati iniziano a dare numeri alla rovescia, desiderosi di lasciarsi alle spalle l’ennesimo grigio anno povero di forti emozioni.
Il vecchio uomo sfiora le natiche nude della giovane ragazza «Hai freddo?» le chiede tornando a preoccuparsi per lei. Anche stavolta, la ragazza, risponde con una nuova provocazione.
«Non vedo l’ora che se ne vadano tutti, sono eccitatissima!».
Lui si volta adesso, la guarda, la linea felina del profilo, pare abbia rubato le luci misteriose della luna. Il suo cuore di uomo si stringe d’improvviso, strozzato da un sentimento assurdo e incomprensibile, qualcosa per cui, ne è certo, non esiste ancora un nome.
«Anche io» le dice senza smettere di torturarle il culo.
Quasi a cercare conferma di quella frase lei abbassa una mano nel buio e la porta contro il cavallo dei pantaloni dell’uomo con la barba.
Proprio in quel momento tutti gli invitati pronunciano ad alta voce il tanto agognato “zero” che accende speranze di vita nuova nel cuore illuso di ogni essere umano, in cielo esplodono giganteschi fiori scintillanti mentre la ragazza stringe le dita intorno al grosso cazzo del suo amante, un paio di carezze delicate a saggiare la fantastica erezione che lo tortura da ore ormai, poi si avvicina di nuovo al suo viso, si volta, anche lei, e i loro occhi verdi si specchiano, accesi da una folle emozione. Lei muove piano le labbra, alitando un lieve: «Buon anno, papà!».

Questo racconto di è stato letto 4 1 0 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.