La scala verso il paradiso

Scritto da , il 2019-12-17, genere etero

5.la scala verso il paradiso

È ormai l’ora di rientrare, il sole cala verso le montagne donando al paesaggio quell’incantata luce calda che i fotografi chiamano “ora d’oro”. I due giovani si attardano seduti sulle rocce lambite da deboli onde di risacca, che fanno da accompagnamento sonoro alle loro chiacchiere leggere, appena sussurrate a fior di labbra, miste a risa e piccoli baci. A guardarli sembrano una coppia collaudata dal tempo, e non due sconosciuti che non sanno neppure i loro reciproci nomi.

“Vorrei che questo giorno non finisse mai” le sussurra lui in un orecchio, il suo respiro le solletica il collo e lei ha un piccolo brivido.

“Ehi! Hai una missione da compiere!” risponde lei tuffandosi fra le sue braccia con un allegro gridolino. Si inchiodano gli occhi negli occhi prima di riallacciarsi in un lungo caldo bacio, da cui lui si stacca a fatica: “hai ragione, è ora di andare”.

Radunano tutte le loro cose e si avviano verso l’auto che li condurrà all’albergo.

Lei lo accompagna davanti all’entrata, lo saluta e rientra a casa per prepararsi per la serata, lui prende possesso della camera, si spoglia e si infila sotto la doccia, frastornato, eccitato e pensieroso.

Non vede l’ora di rivederla, hanno appuntamento per una cena a due e vuole prepararsi al meglio per esaudire la sua fantasia, anche se continua a temere per quel che potrebbe accadere. In fin dei conti lei gli piace molto, sente di essere legato a lei ma quell’incontro dovrà durare solo il tempo di questo weekend, come da accordi, niente strascichi, nessuna relazione a distanza. E quello che lei gli ha chiesto è assai rischioso per la buona riuscita di questo accordo.

Si rade, si veste con cura, riordina un poco la stanza e sistema la scatola dei profilattici sul comodino insieme a una confezione di fazzoletti di carta. Poi si occupa di scegliere un po’di buona musica di sottofondo… qualcosa di classico… mmm… ok, i Led Zeppelin possono creare la giusta atmosfera. Dà un’ultima occhiata alla stanza, prima di uscire e richiudersi la porta dietro di sé. Lei lo raggiungerà al ristorante.

Lei nel frattempo è rientrata a casa, ancora eccitata per tutte le emozioni della giornata. Farsi fotografare completamente nuda è stato elettrizzante, e poi quello che lui le ha fatto con la lingua… che sensazione travolgente, ancora le gambe le tremano al pensiero e lei si sente languida e molle.

Vuole farsi bella per lui: sceglie con cura la biancheria e gli abiti, indossa un paio di tacchi alti che le donano un’andatura sinuosa, e raccoglie i lunghi riccioli lasciando scoperto il collo.

La cena scorre piacevolmente, complice del buon vino rosso morbido che carezza loro il palato e scioglie ogni residuo di inibizione, finché lui si alza, la conduce in camera tenendola per mano, e chiude la porta.

“Spogliati” le dice, ancora in piedi davanti al letto.

Continua ad ammirarla, e i suoi sguardi sembrano carezze sulla pelle di lei che si solleva in tanti piccoli bulbi di eccitazione.

“Ti è piaciuto quello che abbiamo fatto questo pomeriggio?” le chiede sfilandosi lentamente la giacca.

“Si”, risponde lei in un sussurro, in piedi, nuda in mezzo alla stanza, inchiodata ai suoi occhi e incapace di muoversi.

“Ti è piaciuto farti guardare?”

Lei annuisce, deglutendo, un brivido le scorre lungo la schiena. Lui sbottona i polsini della camicia.

Si avvicina a lei e inizia a scorrere con le dita lungo tutto il suo corpo, lentamente, provocandole brividi caldi sempre più intensi.

“Ti è piaciuta la mia lingua sul tuo corpo?” Si sfila la camicia mostrando il suo petto largo, una leggera peluria riccioluta che prosegue con una riga dritta fino a scomparire nella cintura, le braccia ampie, muscolose, e il serpente che avvolge con le sue spire il braccio sinistro, poggiandosi con la sua lingua biforcuta proprio sulla spalla.

“Vuoi che lo rifaccia?”

Lei avvampa, le guance si imporporano rendendo la sua espressione deliziosamente provocante.

“Si.”

Lui le cinge la nuca, attirandola a sé, e ricomincia la danza delle lingue che si inseguono e si esplorano, con urgenza e passione. Finiscono sul letto, le mani scivolano sui corpi sempre più eccitati. Lui si sfila i pantaloni, iniziando a distribuire una lunga scia di baci dal collo fino ai seni, torturando i bei capezzoli scuri con la lingua e con piccoli delicati morsi.

“Non vedo l’ora di vederti godere per me”

Quando affonda il viso tra le sue cosce, lei soffoca un grido, rovesciando la testa indietro sui cuscini. Ma stavolta la sua lingua rimane solo per pochi istanti, infatti con un sorriso sornione si solleva, e senza smettere di guardarla negli occhi inizia a toccarla con entrambe le mani: un dito circuisce il clitoride con lunghi movimenti circolari, altre dita esplorano le grandi labbra per tutta la loro lunghezza, aprendo delicatamente la fessura già fradicia di eccitazione. Torna con le labbra a baciare i seni e un attimo dopo avvolge di nuovo la sua bocca al clitoride, succhiando e leccando con perizia. Lentamente indice e medio affondano in lei, che geme e scalcia, scossa da tremiti dalla testa ai piedi, mentre lui le uncina le carni con le dita. I suoi movimenti sono lenti ma sicuri, vuole portarla al limite per poi tirarsi indietro, più e più volte, fino a farla impazzire.

“Ora sarai mia” le sussurra, e lei ansima di piacere.

“Cosa vuoi che faccia? Devi chiedermelo” lei lo guarda, la bocca dischiusa, gli occhi annebbiati dal desiderio, e ansimando risponde “prendimi…”

“Non ti ho sentito… cosa devo fare? Dimmelo…” la tortura, continuando a muovere le mani su di lei come un pianista esperto esegue la sua sinfonia preferita.

“Sverginami”.

A quel punto lui sorride, prende uno degli incarti argentati dalla scatola e lo strappa con i denti, senza mai perdere il contatto con i suoi occhi imploranti si infila velocemente il profilattico e si sistema tra le sue cosce, indirizzando la sua piena potenza verso la fessura di lei.

“Adesso” le sussurra all’orecchio, e spinge dentro la sua carne morbida, con lentezza esasperante, un centimetro per volta, mentre gli occhi di lei si spalancano e le si mozza il respiro in gola per la sensazione nuova e prepotente di sentirsi invadere dentro.

“Sto scardinando la porta del paradiso…”

Prende possesso della sua bocca, mentre modula la potenza dei suoi affondi per darle il massimo del piacere: la sua missione è donarle un’esperienza indimenticabile.

I suoi occhi si perdono in quelli di lei… non credeva di poter provare un’emozione così devastante: il legame tra loro è troppo pericoloso, e lui ci è sprofondato dentro senza sapere come uscirne, forse non ne vuole proprio uscire… Le sue labbra si muovono autonomamente pronunciando una frase che non proviene certo dalla sua mente conscia: “ti prego, pronuncia il mio nome… Simone… mi chiamo Simone…”

“…Si…Simone… Ah!” grida lei in preda agli spasmi dell’orgasmo che montano come ondate calde.

“E ora dimmi il tuo…”

“Adele…”

“Oh… Adele…” sospira artigliando le sue carni per non perdere l’equilibrio mentre le contrazioni di godimento di lei lo avvolgono, quasi stritolandolo e portandolo al punto di non ritorno: l’orgasmo lo squassa dal profondo, lasciandolo inerme e abbandonato sul corpo di lei.

Si addormentano così, pelle su pelle, e l’indomani mattina al risveglio Simone non c’è più, sul letto sfatto solo il suo profumo, e sul cuscino una mela rossa con il segno del suo morso.

Questo racconto di è stato letto 1 9 0 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.