Un imprevisto e un piacevole incontro

Scritto da , il 2019-11-26, genere tradimenti

È una giornata fredda e piovosa. Ho l'auto che non parte nonostante i miei ripetuti tentativi di metterla in moto. Pazienza, prenderò l'autobus. Mi incammino verso la fermata dell'autobus.
Quando raggiungo la fermata dell'autobus, non vedo nessuno ad aspettare il mezzo pubblico.
Che strano, penso. Nel frattempo, un auto passa velocemente vicino a me e schizza l'acqua di una pozzanghera sulla mia gonna.
Questa proprio non ci voleva, odio presentarmi disordinata ad un impegno di lavoro. Urlo contro quell'automobilista maleducato. Ma subito me ne pento perchè l'auto sta tornando a marcia indietro verso di me. Per evitare guai, mi metto a correre in direzione opposta. Riesco ad entrare in una strada privata con accesso vietato alle auto. L'auto si ferma proprio davanti al cartello di divieto. L'automobilista si sporge dal finestrino della sua macchina.
Si scusa per avermi bagnata e se ne va. Ho fatto tutta questa corsa inutilmente. Quel tizio voleva solo scusarsi. Controllo l'olorogio. Sono in ritardo. Non sapendo se l'autobus arriverà oppure no, decido di procedere da sola, correndo verso la nuova filiale dell'azienda. Sono l'area manager e devo essere in filiale per controllare che tutti i dipendenti stiano facendo correttamente il loro lavoro. Alterno la corsa ad una rapida camminata ma il tempo scorre e sono sempre più in ritardo. Senza rendermene conto, appoggio male un piede dentro una pozzanghera e la caviglia si gira in modo innaturale. Grido per il dolore e cado rovinosamente a terra. L'ombrello mi sfugge di mano, cade anch'esso a terra e si rompe il manico. Non so più cosa fare. Sto per mettermi a piangere quando vedo un ragazzo, accorrere in mio aiuto. Lui è di media statura. Porta gli occhiali. Ha capelli corti e tirati all'indietro.
Ha indosso un camice bianco e un distintivo. È un farmacista.
"Signora, come sta? Non riesce a muovere il piede? La copro con il mio impermeabile. Non si muova, mentre io vado in farmacia a prendere una pomata anti dolorifica" mi dice il dottore. Non faccio in tempo a ringraziarlo che lui è già di ritorno con la pomata.
Il dottore mi spalma, delicatamente, la pomata sulla caviglia e io mi sento già meglio. Quel ragazzo, un po' mi eccita. Alzo leggermente la mia gonna per lasciare intravedere le mie cosce. "Grazie" gli dico e lo bacio sulla guancia. Lui mi sorride e appoggia, per un attimo, la sua mano sulla mia coscia. Io ricambio il sorriso.
Un istante dopo,sono già in piedi. Ma ormai è molto difficile, per me, raggiungere a piedi la filiale. Chiamo mio marito. Dopo alcuni minuti di attesa, mio marito risponde così "Cara Esmeralda. Non posso proprio accompagnarti nella tua filiale perchè adesso ho molto lavoro da fare e dopo devo andare a vedere la partita di champions con gli amici. Tornerò a casa questa sera sul tardi". Dopo aver detto queste parole, chiude subito la conversazione, senza darmi neanche il tempo di rispondere.
Arrabbiata con mio marito, sto per chiamare un taxi ma il farmacista interviene e si offre lui di accompagnarmi.
"Ti ringrazio ma non devi lavorare?" gli domando. "Non preoccuparti. Siamo in tre che lavoriamo in questa piccola Farmacia. Domani farò qualche ora di lavoro in più per recuperare. Adesso, però, dimmi dove devo accompagnarti con la mia auto" mi risponde prontamente il dottore. Dopo avergli dato le indicazioni, lui mi fa salire lentamente sulla sua auto. Subito dopo,
accende il motore e accellera per raggiungere velocemente la mia filiale. Mentre guida, io gli accarezzo una gamba e gli sorrido. La sua guida veloce mi fa recuperare tanto tempo e riesco ad entrare in filiale quasi in orario. "Ti ringrazio molto. Sono in debito con te" gli dico. "Ti aspetto qui. Quando avrai finito, ti porterò a casa mia e ti farò mangiare, per cena, la migliore parmigiana di tutto il paese. Preparata da me, ovviamente" mi risponde. Accetto, volentieri, il suo invito ed entro velocemente nella filiale.
Dopo molte ore passate a controllare il lavoro dei dipendenti, finalmente arriva la fine della mia giornata lavorativa. Esco dalla filiale e, subito, salgo sull'auto del farmacista. "Ti ho aspettato per tante ore. Merito un bacio?" mi dice il dottore.
Io gli sorrido e sto per baciarlo sulla guancia ma lui inclina rapidamente la testa e riesce ad appoggiare le sue labbra sulle mie. Una forte eccitazione, mi scuote tutta. Lo abbraccio e premo con forza le mie labbra sopra le sue.
Poi, lui accende la sua auto e mi porta velocemente a casa sua. La parmigiana, a dire il vero, è un po' collosa ma la mangio lo stesso per non offenderlo. Poi, tutto succede in un attimo. Il farmacista mi prende in braccio, mi bacia sulla bocca e mi porta in camera sua. Mi fa sdraiare, supina, sul suo letto e inizia a spogliarmi. Dopo avermi tolto la camicetta e il reggiseno,
mi morde i capezzoli. Io grido per l'eccitazione. Lui infila la sua lingua nella mia bocca.
Io intreccio subito la mia lingua con la sua. Le nostre lingue rimangono unite e intrecciate, mentre io abbasso la cerniera dei suoi pantaloni e prendo in mano il suo membro.
Lui allarga le mie gambe.
Indossa velocemente un preservativo. Infila il suo membro dentro la mia figa.
Grido ancora per la gioia. Mentre lui affonda, dapprima lentamente, poi, sempre più velocemente, dentro di me.
I suoi affondi imperiosi dentro la mia figa, mi fanno sussultare in continuazione.
Sto per avere un orgasmo e bacio il farmacista sulla bocca. Ma, improvvisamente, lui si ferma. Mette la sua testa in mezzo alle mie cosce e strofina la sua lingua sulle mie piccole labbra e sul mio clitoride.
I movimenti frenetici della sua lingua sulle mie parti intime, mi eccitano ancora di più.
"Ti voglio ancora dentro di me.
Penetrami subito" lo supplico.
Lui si ferma, mi bacia sulla bocca ed esce dalla camera. Sono sorpresa e rimango in attesa. Dopo qualche minuto, eccolo che ritorna.
Il farmacista si sdraia sopra di me e infila nuovamente il suo pene dentro la mia figa.
I suoi affondi sono più violenti. Sento il suo pene toccare il mio utero e io
grido per il piacere. Poi,si stacca da me. Si mette un sottile strato di crema sulle dita e mi massaggia l'ano.
Io tremo per l'emozione.
Quando avverto che il suo membro vuole penetrare dentro il mio orifizio anale, lo afferro con entrambe le mie mani e lo allontano da me.
"Mi dispiace ma non voglio che mi penetri dentro l'ano.
La penetrazione dentro al mio orifizio anale, può farla solo mio marito" dico al giovane farmacista. "Peccato, ti avrei fatto godere moltissimo. A proposito, io mi chiamo Gianfranco" mi risponde il dottore. "È incredibile. Gianfranco è anche il nome di mio marito" gli rispondo, sorpresa. "Bene. Allora fai conto che io sia tuo marito" mi risponde prontamente. Subito dopo, mi bacia sulla bocca mentre con un colpo infila il suo membro dentro il mio orifizio anale. All'inizio sento dolore, ma, poi, i suoi ripetuti affondi dentro al mio ano mi procurano solo piacere.
Io intreccio la mia lingua con la sua e allargo,ancora di più, le mie cosce, per permettergli di penetrare in profondità dentro al mio ano. Un affondo profondo e violento del suo pene dentro al mio orifizio anale mi provoca un forte orgasmo. Le mie secrezioni bagnano completamente il membro protetto del giovane farmacista. Lui affonda, ancora un paio di volte, dentro al mio ano, e poi ha anche lui l'orgasmo. Il preservativo regge bene e tutto il suo sperma rimane contenuto dentro al suo preservativo. "Questa notte rimani a dormire con me nel mio letto" mi dice il farmacista. Io gli sorrido e controllo il mio cellulare. Nessun messaggio da parte di mio marito. "Va bene, caro dottor Gianfranco" gli rispondo. Poi, bacio con passione il farmacista, Gianfranco, sulle labbra.
Il farmacista mi abbraccia e dormiamo, abbracciati, tutta la notte. Domani è un altro giorno.

Questo racconto di è stato letto 5 2 9 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.