Ho fatto felice un senzatetto

Scritto da , il 2019-11-15, genere etero

Da alcune settimane, io e mio marito non ci vediamo spesso a casa. Avendo lui un' agenzia di investigazioni private è spesso fuori casa per lavoro e, quando torna a casa, è notte inoltrata e io sto già dormendo. Io invece sono impegnata tutto il giorno con il mio nuovo lavoro di area manager aziendale e supervisore dei direttori di filiale. Questa mattina, dopo aver controllato il lavoro di un direttore di filiale, decido
di andare a mangiare qualcosa in un fast food della zona. Mentre cammino per strada, alcuni uomini, distanti qualche centinaio di metri, mi sorridono e, da lontano, mi fanno qualche complimento per la mia eleganza. Mi guardo ed effettivamente oggi sono più attraente del solito. Ho fatto scendere i miei lunghi capelli castani sulle spalle. Ho indosso una camicetta rosa,
con aperti i primi bottoni,
un reggiseno bianco di pizzo che si intravede dalla scollatura della camicetta, e una minigonna scura che mi lascia scoperte metà cosce.
Scarpe con tacco alto completano il mio abbigliamento di oggi. Sto per entrare dentro al fast food, quando vedo un giovane con barba lunga, appoggiato alla vetrina del negozio. Il giovane ha indosso una maglietta macchiata, jeans strappati al ginocchio e scarpe da tennis logore. Emana un cattivo odore. Capisco subito che è un senzatetto. Ho compassione per lui. Forse ha bisogno di mangiare, penso tra me. Mi avvicino e allungo la mia mano per dargli alcune monete ma lui rifiuta con sdegno il mio denaro. "Non voglio elemosine. Voglio solo ritornare a lavorare.." mi risponde. Il suo aspetto e la sua voce mi sembrano stranamente familiari ma non perdo tempo a pensarci perchè ho fame e voglio andare subito a mangiare qualcosa. Entro nel fast food, ordino, prendo il piatto, lo metto su un vassoio e vado ad appoggiarmi su un banco, in un angolo del negozio. Sto mangiando in piedi, quando un uomo, ben vestito, si avvicina, mi saluta e appoggia la sua mano sulla mia coscia. Sto per tirargli uno schiaffo, ma lui blocca subito il mio braccio alzato ed io non riesco a colpirlo. "Mi scuso tanto per averla toccata ma lei è una bellissima donna e non ho resistito. Mi scuso ancora, non succederà più" mi dice l' uomo. Dall' aspetto è un bel uomo ma il suo comportamento inappropriato mi ha infastidito molto. Mangio velocemente ed esco il prima possibile dal fast food. Mentre cammino sul marciapiede, guardo sulla mia agenda, per verificare se ho altri impegni di lavoro e non mi accorgo che qualcuno si trova subito dietro di me. Quando sento una mano che mi accarezza il sedere e una lingua che scorre sul mio orecchio, io faccio cadere a terra l'agenda e, senza voltarmi, tiro immediatamente un calcio dietro di me. Ma non riesco a colpire lo sconosciuto assalitore. Il tizio, da dietro, mi afferra per le braccia e mi fa girare verso di lui. È ancora l' uomo ben vestito del fast food. Mi tiene stretta tra le sue braccia. Cerco di liberarmi dalla sua stretta ma non ci riesco.
L' uomo avvicina il suo viso al mio con l'intenzione di baciarmi sulle labbra. Ma non riesce a baciarmi perchè un colpo ben assestato alla sua nuca lo fa cadere a terra privo di sensi. È il giovane senza fissa dimora ad averlo colpito con un bastone. "Ti ringrazio. Sei arrivato giusto in tempo.
Quel tizio non è riuscito a baciarmi sulle labbra. Mi hai salvata!" gli dico ad alta voce. Il senzatetto sta per andarsene via, quando io lo afferro per un braccio. "Aspetta non andartene così presto. Io posso aiutarti a trovare un lavoro. Se vuoi, posso farti assumere dall'azienda in cui lavoro" gli dico. "Hai qualche moneta?" mi risponde il senza fissa dimora.
"Perche' adesso vuoi i soldi e prima invece no?" gli domando incuriosita. "Perchè devo chiamare i poliziotti da un telefono pubblico e farli venire qui' per arrestare quest' uomo" mi risponde.
"Io ti do' i soldi, ma dopo che la polizia avrà arrestato questo sconosciuto che è ancora svenuto, tu verrai a casa mia a farti una doccia e rifletterai sulla mia offerta di lavoro. Siamo d'accordo?" gli domando.
Il senzatetto fa un cenno di assenso con la testa. Dopo che i poliziotti hanno arrestato l'uomo ben vestito, io prendo per mano il giovane senza fissa dimora e lo conduco a casa mia.
La sua mano stringe con forza la mia ed io inizio ad eccitarmi. Appena entrati in casa, gli indico il bagno. Lui va in bagno a lavarsi. Mio marito non è ancora rientrato, meglio così, potro' parlare a lungo con il giovane. E forse fare anche altro..Devo confessare che quel senzatetto mi sta eccitando molto. Dal bagno sento il giovane cantare. Ha una bella voce intonata. La sua canzone mi eccita ancora di più. Con una scusa qualsiasi entro nel bagno e lo vedo, nudo, gocciolante. Quel giovane è muscoloso, ha spalle larghe e, soprattutto, ha un membro lungo e duro. Il suo pene in erezione somiglia molto a quello di mio marito. Ma sono talmente presa dall'eccitazione che non ci presto attenzione.
Afferro, con entrambe le mie mani, il suo grosso membro ed inizio a massaggiarlo. Le mie mani stringono l'asta e la punta del suo membro e lui inizia ad ansimare. "Cara, devo dirti qualcosa.." vuole dirmi il giovane. Ma io non lo ascolto e continuo a massaggiare il suo pene. Voglio far godere quel giovane senzatetto. Voglio renderlo felice. Se lo merita.
Dopo il massaggio con le mani, schiudo le labbra e avvicino la mia bocca alla punta del suo pene. Ho appena appoggiato le mie labbra sul suo glande, quando lui mi afferra per le braccia e mi fa rialzare. "Cara, cosa stai facendo? Sono tuo marito, guardami bene"mi dice lui. Subito dopo, passa una mano sulla sua faccia e si strappa i peli della barba dal viso. Ora, finalmente, lo riconosco. È mio marito, Gianfranco. "Esmeralda, adesso che mi hai riconosciuto. Continua a fare quello che stavi facendo" mi dice, Gianfranco, dopo avermi baciato sulle labbra. Io mi abbasso e succhio avidamente il pene di mio marito. Dopo averlo leccato per bene, lo infilo tutto in bocca. Poi, Gianfranco mi rialza e mi bacia nuovamente sulle labbra. Io infilo la mia lingua nella sua bocca. Le nostre lingue si uniscono, si intrecciano. Poi mio marito mi prende in braccio e mi porta in camera da letto. Mi fa stendere supina sul letto. Mi spoglia completamente e quando sono nuda mi bacia avidamente i seni e mi accarezza in mezzo alle cosce. Io tremo per la forte eccitazione e avvolgo le mie gambe dietro la sua schiena. Gianfranco allarga le mie cosce e infila il suo pene dentro di me. Mio marito ruota il suo membro dentro la mia vagina ed io grido per la gioia. Bacio con passione mio marito Gianfranco sulle labbra. Gianfranco affonda in profondità dentro di me ed io ho l'orgasmo. Mio marito continua a spingere dentro di me e poco dopo anche lui ha l'orgasmo e il suo sperma scorre copioso dentro di me.
Io e Gianfranco ci baciamo sulla bocca e rimaniamo abbracciati per tutta la notte.
Domani è un altro giorno.

Questo racconto di è stato letto 5 3 5 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.