Il master del sexyshop 3. le prime foto sexy

Scritto da , il 2019-10-18, genere dominazione


Quella sera ero molto titubante: se avevamo giocato con la fantasia ora si trattava di metterle in pratica. Aprii la scatola: i sandali rossi zeppe e con tacchi a spillo di almeno dodici centimetri. Non ero certo un feticista ma la immaginai calzare quei sandali e non riusci fare a meno di provare una perversa eccitazione. Sfogliai le foto e solo pensando che le potesse imitare immaginai quanto si potesse sentire offesa a pensare di imitarle, un vero oltraggio al pudore di Silvia, ma la mia attenzione si polarizzò su tre in particolare dove la modella nuda solo con calze e reggicalze posava come una troia in un ascensore e la stessa modella mentre si fumava una sigaretta seduta gambe larghe con il sesso ben in mostra seduta sui gradini vicino all’ascensore. Ma la più degradante in ginocchio con un collare al collo agganciato ad un guinzaglio con la modella che teneva la sua estremità offrendo l’altro capo ad un invisibile padrone. Non sapevo cosa fare. Nascosi le foto, ma decisi di lasciare la scatola aperta ed il pacchetto con il resto degli acquisti sul letto, restando ad aspettarla nella sala.
Ritornò dalla camera con il sacchetto del sexy shop aperto, seccata e con voce decisa “Cos’è questa roba e dove l’hai presa? Non penserai per caso che me la metta, vero?”.
Una bella risposta veramente, da spezzare ogni desiderio.
“Dopo la serata precedente pensavo….” mi aveva decisamente preso alla sprovvista così dopo un attimo di smarrimento indeciso se lasciar perdere, pensai di andare invece al contrattacco.
“….oltre a lasciarti guardare vestita in quel modo mi sembrava fossero adatti per il tuo nuovo lavoro in quel locale..” e lasciai la frase in sospeso sperando che fosse lei a riprendere il gioco che avevamo iniziato.
Mi alzai evitando di aggiungere altro e mi infilai in bagno sotto la doccia. Non immaginavo cosa sarebbe successo, tuttavia il sasso l’avevo gettato, ora spettava solo a lei volere o no continuare. Tornai in camera. La luce era spenta e Silvia si era già rintanata a letto in uno dei suoi pigiamini contro ogni tentazione. Che delusione. Le girai le spalle.
Silvia allungò una mano tentando un timido abbraccio che non ricambiai. Lei sospirò e si girò dall’altra parte.

Avevo esagerato, mi venne da pensare, tentati di prendere sonno chiedendomi se fosse stato il caso di chiudere la serata così drasticamente.
La sentii alzarsi e dirigersi nel salone e per qualche minuto non la sentii più poi spense la luce e mi chiese se potessi raggiungerla. Visto che non le risposi mi chiamò una seconda volta. Per evitare di continuare in quel modo tutta la notte la raggiunsi al buio. Arrivato nel salone accesi la luce. Silvia era seduta sulla poltrona indossando la sottoveste nera, le gambe affusolate nelle calze nere calzando i sandali rossi. Mi accolse con un sorriso quasi forzato. Restai a guardarla in silenzio.
Intravidi i capezzoli retti sotto la stoffa della sottoveste. Un effetto legato alla sollecitazione della stoffa od altrimenti avrei dovuto pensare che stesse provando un minimo di piacere.

“ E’ così che mi vuoi?”
“ e secondo te?” le chiesi bruscamente.
Lei facendosi seria quasi balbettando continuò con malizia accavallando le gambe.
Un’occasione come quella valeva la pena di gestirla nel modo migliore ed i suggerimenti di Sacha caddero alla perfezione. Ero eccitatissimo. La incitai a scoprirsi di più. Le scivolò la spallina della sottoveste, lasciandole un seno semiscoperto, cercò di riaccomodare la spallina, la fermai dicendole che era troppo sexy. Sollevò l’orlo della sottoveste mostrando le cosce nude e la pelle delle gambe velate dalle calze nere.
“ti piaccio così - disse con voce più sexy – cosa vuoi che faccia ora?”.
Un invito. Non ci potevo credere.
Ripensai a Sacha a quella sua richiesta di lasciare che lui si occupasse di lei “hai ragione, guardala e dimmi ti sembra … una…. puttana” mi ripetevo mentalmente quasi desiderando che fosse realmente li con noi .
Come mi aveva raccontato di quelle signore per bene offerte dai loro mariti a veri e propri master per farne delle docili mogli sottomesse, schiave di padroni pervertiti e di seguito offerte come prostitute. Vederla trasformata in modo indecente , come le aveva chiesto Vito, schiava del desiderio di uno sconosciuto ed offerta come la sua puttana privata nel suo locale? Era quello che volevo? Assolutamente no , ma immaginarlo mi eccitava. Quei pensieri mi facevano paura ma non riuscivo a togliermeli dalla testa . Silvia non avrebbe mai giocato un ruolo che non le potesse appartenere, ma a quel punto cosa avevo da perdere? Mi buttai .
Accesi lo stereo, abbassai le luci. Le chiesi di aspettarmi e tornai da lei con la macchina fotografica.
Le scattai una foto improvvisamente. Silvia si fece seria “Cosa fai? mi vergogno a lasciarmi fotografare vestita in questo modo”
“Non devi fare nulla, lasciati solo fotografare .Sei bellissima , troppo arrapante” la adulai “sono delle foto della spogliarellista e da mostrare ai clienti del locale di Vito ” e ne scattai un’altra serie.

“Smettila, pensa se le vedesse qualcuno” fu la sua flebile opposizione. Una considerazione che mi sembrava inutile, geloso com’ero l’avrei voluta solo per me, eppure non potei fare a meno di pensare a Sacha e cosa avrebbe detto vedendola. Così quella sua richiesta piena di vergogna e timore scatenò la mia voglia di mostrarla veramente e di poterla offrire a Sacha, pensando a cosa avrebbe detto se , come la sua amica Lorella, avessi lasciato le foto a Sacha per esibirla in quell’album a chissà quali sconosciuti.

Continuai a scattare altre foto ed iniziai ad immaginare di trasformarla come mi aveva suggerito Sacha. Ora non era più il serio avvocato, la moglie casta e irreprensibile, avrei voluto vederla abbandonarsi interamente in un pose volgari .
E se Silvia si fosse veramente trovata ad essere obbligata ad esibirsi in pose così oscene davanti a Sacha?
Ripensai a quelle foto che Sacha mi aveva proposto da utilizzare come modello. Ero tentato di proporgliele, ma erano decisamente volgari,anche se pensarla sempre più indecente mi procurava ulteriore eccitazione. La volevo così e la parola puttana mi frullava dentro e più me la ripetevo più le chiedevo di osare.
“ Ti piacerebbe lasciarti guardare mentre vai ingiro vestita da zoccola?”
Silvia scosse la testa .
“Avanti lasciati andare, sei ancora troppo seria, ti voglio più puttana” le dissi continuando a scattarle foto.
Silvia non sembrò risentirsi per come l’avevo chiamata.
Immortalai quel suo stupore in un’altra foto.

“prometti che non le farai vedere a nessuno”
“e se anche fosse? Non volevi sentirti gli occhi addosso?”
“e se anche fosse cosa?” mi ripetè rimuginando quella frase e come vinta dalla paura aggiunse “Non scherzare, non puoi pensare che qualcuno mi veda vestita così…. come ti è venuto in mente”.
Quella sua insistente paura finiva per eccitarmi ancora di più “Ti ho fatta vestire così come mi ha chiesto Sacha” dissi brutalmente ma anche sicuro di aumentare la nostra eccitazione.
Silvia fece un passo indietro “cosa stai dicendo, chi è Sacha?”
Ormai mi stavo facendo coinvolgere da quel gioco e senza ritegno mi lanciai “Il proprietario del sexy shop che mi ha venduto il tuo completino sexy e vuole vedere come ti sta e che mi ha promesso di occuparsi della tua trasformazione per accompagnarti da Vito”
Silvia si irrigidì “Smettila di scherzare”
“non sto scherzando” dissi serio sentendomi ancor più eccitato nel vedere la sua reazione e leggerle negli occhi un mix di stupore paura e desiderio.
“Non può essere vero,non puoi aver accettato una cosa del genere. Vuoi mostrarmi ad uno sconosciuto seminuda sei pazzo?”.
“Certo, pazzo di quanto sei sexy e….. – anche se titubante mi lanciai nell’ultima provocazione – e vuole che tu ti metta in posa come queste modelle”
Estrassi le foto che mi aveva passato Sacha.

Solo per un attimo pensai di essere stato eccessivo invece Silvia riprese sorprendendomi “non puoi pensarlo veramente, sono tua moglie, non sai neppure chi è ….ho una reputazione, dimmi che non è vero! E poi - fece scorrere le foto che avrebbe dovuto copiare - guarda sono una più volgare dell’altra”
Sentii il mio sesso irrigidirsi. Aveva ragione le foto che Sacha aveva scelto erano decisamente volgari, solo in calze e reggicalze pose in cui non si celava nulla. “dovrei assumere atteggiamenti non solo sconvenienti ma da puttana. Non puoi pensare veramente che lo faccia, guarda..” e mi sbattè di nuovo sotto il naso le foto.
Si arrestò improvvisamente.La sollecitai “Io sono certo che lo farai così come avresti voluto esibirti nel locale di Vito” Tacque come se avessi toccato un tasto che per lei era veramente tabù
“Non solo – feci la voce bassa e misteriosa – ma mi piace guardardi così sensuale sapendo che ti stai esibendo per uno sconosciuto a cui ora e in qualunque altro momento e qualunque siano le sue richieste, tu dovrai dire solo si e nient’altro”.
Silvia si mostrò perplessa e la sua sicurezza sembrava traballare.

“Allora? Se continuiamo dovrai fare tutto ciò che ti chiede. Sei disposta a seguire i suoi ordini?” Quella parola eccessiva mi faceva rabbrividire, facile aspettarsi un diniego, invece fu il contrario.
Alzò la testa annuendo “ma dici veramente?”
Annuì. Le chiesi di continuare e lei non se lo fece ripetere sollevò. facendolo svolazzare , il bordo della sottoveste. “sono abbastanza volgare? E’ così che mi vuoi?”
“non io, ma Sacha ”.
Silvia sollevò la spallina della sottoveste che le aveva momentaneamente scoperto una tetta.
Non disse altro, mi sorrise.
Ripensai a Sacha ed a quanto avesse saputo intuire i segreti di mia moglie meglio di me. Ma la mia curiosità si spinse oltre volevo sapere “ Non mi sarei aspettato vederti cedere così facilmente. Accetteresti veramente di offrirti così al primo sconosciuto?” Volevo solo metterla alla prova, avere la certezza che il gioco restasse solo tra di noi.
“non so…. Ti amo troppo , farei qualunque cosa per eccitarti sempre di più, voglio che tu mi desideri follemente. Io sto provando ad offrirmi a te completamente ma mi piace sentirmi desiderata. Mi volevi più sconcia e indecente e mi stai guardando non come moglie ma come una ……” si fermò come inibita.
La presi per un braccio facendola sollevare e stringendola a me; accarezzai le tette sentendo l’eccitazione spargersi nel suo corpo arrivare alla punta dei suoi capezzoli. Appoggiai le mie labbra sulle sue. Si sciolse e le nostre lingue si unirono. Le appoggiai una mano sul culo e senza remore mi spinsi a ricercare il suo sesso. Aveva indossato anche il perizoma. Tentò di allontanarsi ma fui più rapido e riuscii a cogliere l’umido della stoffa sopra il suo sesso. Non le diedi il tempo di reagire diversamente. La strinsi ancora di più a me ed indietreggiai. “non smettere continua ad accarezzarmi” la voce di mia moglie mi riportò alla realtà. Se quella era la sua reazione alla vergogna di essere scoperta mi sentii autorizzato a continuare.
Riportai la mano sul suo culetto e poi sulla sua fighetta sempre più fradicia di umori. Si stava eccitando. Incredibile. Cosa le era successo? Per gioco aveva accettato che la chiamassi puttana e sembrava che si stesse eccitando all’idea che qualcuno la potesse vedere vestita in quel modo ed ancor peggio posare in quegli atteggiamenti postribolari.

“ora spogliati e lasciati fotografare come ti ha chiesto Sacha” le chiesi con la gola secca. Sicuramente Silvia pensava ancora che fosse una fantasia mentre io turbato geloso ed eccitato sapevo bene che quello che le stavo chiedendo era realtà.
Sentii le parole di Sacha risuonarmi in testa “una donna per bene … che gode ad essere umiliata e dominata da un padrone che la sappia spingere verso ciò che da sempre l'ha disgustata a tutte quelle oscenità lontane dal suo mondo, scoprendo il gusto perverso della sottomissione.”
“Sei pronta ad accettare tutte le sue richiesta?”
“Non capisco , stai scherzando vero?”
Serio le dissi che non ero mai stato così convinto.
Silvia scosse la testa.
“devo smettere?” le chiesi.Scosse il capo.
“Ma se continui ora dovrai accettare qualunque cosa ti verrà chiesta?”
Senza parlare fece cenno di si.

“Non sai quanto mi ecciti” continuai
“… ma… ma.. pensi che si accontenterebbe di vedere le foto solo lui?” mi chiese lasciandomi sconcertato. Non solo stava accettando un ruolo che non le apparteneva ma sembrava eccitarsi all’idea che potessi mostrare veramente le sue foto ad uno sconosciuto. Forse era un gioco che recitava per tenera alta la tensione erotica.
Scossi le spalle come se non sapessi darle una risposta ma con il solo intento di aumentare la sua vergogna.
“ma metti che le veda qualcun altro – ora l’idea non sembrava più intimorirla solo preoccuparla - …non voglio correre il rischio di essere riconosciuta”. Si vergognava ma aveva accettato l’idea di lasciare che uno sconosciuto la potesse vedere in quelle pose postribolari a condizione che non venisse riconosciuta.
L’orlo della sottoveste era quasi a filo del bordo della calza. Le appoggiai le mani sui fianchi e sollevando il bordo della sottoveste scivolai con le mani prima sulle calze poi sulla pelle nuda mentre mi stavo arrapando sempre più. Le baciai un lobo dell’orecchio, vidi la sua pelle accapponarsi. Mi stava facendo eccitare esageratamente La strinsi per le spalle facendole sentire il vigore del mio sesso contro la sua pelle “Pronta ad osare di più , a mostrarti impudicamente in mezzo ad altra gente che ti possa ammirare. Sei pronta?”
“Sono tua e non di altri, mi vergognerei a morte se tu mostrassi le foto a qualcunaltro, immagina come potrebbe ricattarmi o chiedermi chissà cosa”
“non so, ora deciderà solo Sacha ” le sussurrai “ ... e magari lui saprà cosa chiederti ancora di più e magari chiederti di cambiare il modo di vestirti, usare abiti fascianti, mini gonne come questa sera calze e reggicalze indipendentemente dalla lunghezza delle gonne
“Smettila adesso mi fai paura”
La baciai e le accarezzai di nuovo il sesso la sua eccitazione era incontenibile. Spinsi la mano a piatto sollecitando con un dito il clitoride che già sentivo gonfio “Immagino cosa potrebbe dirti : avvocato ha un bel culo, delle belle gambe ed un bel paio di tette, perché nasconderle - le sussurrai con voce roca fantasticando con le malsane idee che Vito le aveva detto - farebbe un figurone nel mio locale ”. Silvia sussultò.
“ma sei scemo? io, io, non riuscirei mai a fare una cosa del genere”
“ ….queste foto saranno un buon biglietto da visita per capire se sei adatta per quel localino quindi adesso sollevati la sottoveste” le chiesi sottovoce. La tempestavo di foto.
La guardavo mentre si scopriva sempre più .
“girati - le bisbigliai – facciamo vedere a Sacha quanto è bello il tuo culo”.
Senza ribellarsi lo fece, si girò. Scattai altre foto.

“Ma aspetta, sollevati il bordo della sottoveste”
Silvia titubante lo fece lentamente fino a scoprirsi le cosce nude mettendo in bella mostra il reggicalze che mordeva il bordo delle calze. “Di più – la incitai - sollevalo di più. Calze e reggicalze fanno proprio puttana.”
Silvia non reagì.
Ero eccitato, non mi fermai. “ avanti puttana – rincarai la dose – Sacha mi ha chiesto di non farti più indossare mutandine sotto i tuoi abiti”
Silvia scosse la testa “non far finta di non capire ti devi togliere il tanga”
“ma resto nuda” fu la sua ingenua risposta.
“e allora, sono foto di nudo queste” le risposi banalmente mentre le scattai l’ennesima serie di flash.
Silvia si sfilò lentamente il minuscolo tanga come le avevo ordinato.
Le appoggiai una mano sulla spalla sfilandole la spallina della sottoveste lasciandole in bella vista una tetta gonfia ed il capezzolo ritto e teso. “Così sei perfetta il tuo abbigliamento è tanto indecente da non passare inosservato penso che Sacha sarà soddisfatto. Allora possiamo fare le foto che ti ha chiesto?”
Silvia mormorò un sospiroso si, allungò la mano sul mazzo di foto, ma divenne titubante: “mi vergogno , mi fai sentire sporca, smettiamo ” sussurrò quasi ansimante, restò immobile “ma se poso in questo modo, giurami che non le mostri a nessuno…”balbettò.
“ Te l’ho già detto gli lascerò queste foto perché facia di te la sua schiava e la sua puttana – la vidi cambiare l’espressione del volto , ma non per questo mi fermai preso com’ero da quella frenesia - ha un album dove tiene foto di signore per bene come te che ha trascinato nella perversione , mostrerà le tue foto a chi vorrà e alla fine anche a Vito”
Provai a rifotografarla, ma Silvia corse nell’altra stanza.
Avevo esagerato, era stato molto eccitante ma mi ero spinto troppo avanti. Restai per un attimo amareggiato di quella mia stupida fantasia. Come avrei potuto pensare che mia moglie si lasciasse trascinare dall’idea che suo marito avesse ceduto a delle simili proposte di uno sconosciuto.


Ero assorto nei pensieri più torbidi e lei ricomparve, nuda, solo calze e reggicalze e tacchi a spillo, truccata pesantemente come quelle modelle.
Guardò la prima foto e la imitò :gambe larghe e sesso esposto mentre con una mano se lo accarezzava, piegata con il suo culetto per aria e le mani appoggiate sulle chiappe allargando la veduta sul suo buchetto quasi invogliasse a penetrarla. ed iniziò a proporsi come le modelle. Era incredibile come si stesse trasformando.
Avevo davanti a me mia moglie come l’avevo sempre desiderata
Presi la macchina fotografica e capii che si sarebbe lasciata fare anche le altre foto. Fu una delizia spingerla a mostrarsi impudicamente. Bocca socchiusa mani che sorreggevano le tette offrendole in mostra all’obiettivo. Le mie mani che si immortalavano ad apprezzare le tette come se fosse una mercanzia offerta. Ed ancora più eccitante metterle il collare del nostro cane al collo e tenerla al guinzaglio.
A fatica trattenevo la mia eccitazione, ma completai in qualche modo il servizio. Scaricai le foto e rivedendole le trovai ancora di più volgari.
“mi vergogno a morte, non avrei mai pensato di esserne capace” mi disse. La abbracciai mentre restava seduta davanti al computer. “cosa puoi pensare di me?” mi chiese senza staccare lo sguardo dalle foto. Mi appoggiai spingendo il mio sesso contro la sua pelle facendole capire quanto mi avesse eccitato.

Iniziai ad accarezzarla. Seppe solo tirar fuori monosillabi “Ma … ma hai visto sembro una ….” Si arrestò quasi facendo fatica a dire quello che sembrava. Io non dissi nulla , vidi la sua pelle raggrinzire in preda a dei brividi ed i capezzoli indurirsi. Portai la mano sul suo sesso eripresi ad accarezzarla. Alla faccia del pudore, era completamente eccitata. Non mi feci scappare l’occasione e ripresi la frase che aveva lasciato in sospeso.
“sembri veramente una puttana , aveva ragione Vito” e spinsi la mano sulla sua fessura grondante ricercando il punto dove sapevo avrebbe goduto di più . Silvia taceva e spinse il suo pube verso le mie dita.
“Io ti ho chiesto di fare due foto e tu ti sei fermata ed è bastata una richiesta di uno sconosciuto per lasciarti fotografare come una volgare battona – provai ad essere cattivo – guardati, non l’avrei mai detto – la stavo masturbando senza che lei si ribellasse anzi stava godendo sempre più .Mi fermai e lei mi chiese di continuare ad accarezzarla.
La baciai stringendola con la voglia di potermi unire a lei ma la perversione delle ultime due foto di Sacha mi spinsero a volere di più. Le indicai le foto.

“ma vuoi davvero che esca sul pianerottolo?” mi chiese quasi impaurita.
Non le dico nulla e mi alzo avvicinandomi alla porta. Silvia scuote la testa e poi si alza raggiungendomi.
Le prendo una mano e gliela guido sulla maniglia.
Mi supplica “non puoi volerlo?”
“infatti le foto sono come le vuole Sacha è lui che lo vuole” Socchiudo la porta e non si ribella. Mi ripete che ha paura, la sento tremare.
“ma, pensa se salisse qualcuno cosa penserebbe di vedermi la fuori”
Ormai senza ritegno non sono più disposto a tornare indietro “Penserebbe che razza di puttana abbiamo come vicina?”
Silvia si gira verso di me e cerca le mie labbra, la bacio e le accarezzo le tette. Riprendo la digitale e le scatto un’altra serie di foto. E mentre lei inebetita si lascia fotografare come la puttana che sta accompagnando il cliente dopo la marchetta, io socchiudo ancora di più la porta. Lei guarda il corridoio buio e vuoto. Balbetta qualcosa ed io spalanco completamente la porta.
“Avanti cosa aspetti, sai come devi metterti in posa” Se arrivasse qualcuno in quel momento si troverebbe la seria professionista che conosce come mai avrebbe immaginato vedere e addio reputazione. Eppure nessuno dei due si ferma a riflettere. Silvia si avventura sulla soglia della porta.
“Adesso ti metti in posa davanti come se stessi aspettando che qualcuno ti apra la porta e non solo a metà corridoio accendi pure la luce”.
La luce che esce dalla nostra casa la illumina solo parzialmente. Riesco ad apprezzare il suo culo che obbligato dai tacchi alti ondeggia sempre più volgarmente. “Sei una puttana meravigliosa “ le sussurro e le scatto una prima foto . Il flash illumina il pianerottolo. Ora è il mio cuore che ha delle forti palpitazioni. Silvia è ferma a metà corridoio. Non posso crederci, accende la luce ed avanza fino alla porta del vicino. Inizio a fotografarla. Ora come una professionista assume pose inequivocabili ed indecenti. Si appoggia alla porta e si struscia contro. Mi sta facendo impazzire, non mi sarei mai aspettato una reazione del genere. Si siede sui gradini ed allarga le gambe offrendo il suo sesso. La fotografo più volte per non perdere l’attimo. Schiaccio il pulsante dell’ascensore che raggiunge il nostro pianerottolo. Si apre , lei mi guarda e sculettando entra offrendomi il bellissimo culo che immortalo e poi girandosi verso di me. Poi improvvisamente qualcuno chiama l’ascensore . Le porte stanno per chiudersi con mia moglie nuda con quel collare al collo indossando solo calze e reggicalze. Riesco fortunatamente con rapido riflesso a bloccare le porte e trascinare fuori Silvia. Rientro in casa e lei mi segue. Sentiamo l’ascensore avviare la sua corsa. Silvia corre verso di me. Le blocco la porta. Ha voluto giocare pesante ora la terrò in tensione io. Mi implora di farla entrare. Con l’orecchio sento l’ascensore salire,sta arrivando al nostro piano. Attendo che l’ascensore si blocchi e solo un’attimo prima che si apra la porta la trascino all’interno. Sta tremando. La abbraccio e lei cerca prima di respringermi poi si incolla a me e con una furia selvaggia inizia a baciarmi.
Mi slaccio il braghetto e faccio fuoriuscire il mio sesso eretto. Sembra assatanata. Ma sento che è la sera in cui potrei infrangere un altro tabù. La prendo per le spalle e la spingo in ginocchio davanti a me. Le sto sbattendo il sesso in faccia. Era di sasso. “avanti fammi vedere che sai fare la puttana” le dissi volgarmente .
“non l’ho mai fatto, lo sai, non voglio”
“ non fare la schizzinosa apri la bocca e succhiamelo” le comando volgarmente.
Cerca di opporre una minima resistenza girando il volto dall’altra parte. Ma ormai l’aria era satura di quella perversità che ci aveva avvolto. Trattata con così tanta insolenza lei si stava eccitando sempre più ,ed io scoprivo un suo aspetto di sottomissione che non era mai emerso.
“avanti prendilo in bocca”. Ed il cazzo le sfiora la pelle delle guancia. L’eccitazione sale. Sembra non volere ma il suo respiro è più pesante .
Mi guarda cerca di alzarsi. La bacio e le accarezzo il sesso madido. La spingo nuovamente ad inginocchiarsi davanti alla mia verga sempre più tesa che ora punta ora sulle sue labbra senza che ne possa ormai evitare il contatto.
La sua resistenza cede lentamente, le sue labbra bollono e lentamente lascia che il sesso le sfiori la bocca. Chiude gli occhi forse per cercare di nascondere quel pudore che ormai non aveva più e lascia un gemito di piacere prima che le labbra si schiudano e senza opporre la minima resistenza si lasci penetrare la bocca. Non la guido lascio che le sue labbra e la sua saliva avvolgano il glande già inumidito da un’iniziale secrezione per tutto il tempo per cui era stato estremamente sollecitato. Non aveva mai avuto un rapporto orale e rispetto a quello che avevo provato in altre occasioni era diverso, più lento, quasi fosse titubante . Sentivo le sole labbra scivolare lentamente in un movimento dolce ed estremamente delicato, fino a quando la vidi portarsi le mani sul suo sesso ed accarezzarsi. A quel punto iniziò un crescendo che mi obbligò a tenerla per la testa ed indirizzare i movimenti in modo più ordinato. Il mio sesso sbatteva sulle sue guance. Silvia ansimava . Ero teso allo spasimo, non volevo che finisse , ma la voglia era troppa,avrei voluto entrare nel suo sesso e crogiolarmi nella sua calda vagina ma entrambi ci lasciammo andare. Non riuscii a trattenermi e le scaricai in bocca tutta la mia eccitazione. Lei si scostò quasi schifata e parte del getto le finì sulla faccia. La fermo ma ho ancora la forza di inginocchiarmi davanti a lei, spingerla per terra , e portarla ad aprire le gambe. Si appoggia con le mani sul pavimento e con un’erezione che sta scemando riesco ancora a penetrarla con una facilità estrema tanto è dilatata. Non avevo mai provato nulla di simile. Fu come una doppia eiaculazione che si protrasse scotendomi di brividi tanto intensi da farmi sussultare. Silvia si lasciò andare sul pavimento ed insieme abbracciati ci lasciammo invadere da un nuovo e mai provato orgasmo.


silvia potrà capire che anche nella realtà il gioco continua solo se lo condivide con il marito e con Sacha.
Commenti liberi anche su serendipi@libero.it

Questo racconto di è stato letto 3 8 5 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.