E la chiamano estate (Toccami)

Scritto da , il 2019-09-01, genere etero

[vuoi davvero sapere come prosegue questa storia?]


Il signor Innocenzi si alza in piedi, fra le vampe del più cocente imbarazzo. È stato appena colto, completamente nudo, a masturbarsi sul letto della sua vicina di casa.
Vorrebbe scusarsi, ma le parole gli muoiono in gola, vorrebbe sparire, dileguarsi come un illusionista, sa che lei adesso si metterà a urlare, gli dirà che è un porco schifoso, chiamerà la polizia e lo arresteranno.
Niente di tutto questo, però, succede in quella camera da letto.
Lei se ne sta poggiata allo stipite della porta, le braccia conserte e lo guarda. Lo guarda con un’espressione del volto che non può essere fraintesa: sta sorridendo. Per niente spaventata appare avvolta da una luce quasi mistica, forse ancora più bella di quanto lui abbia mai immaginato. Lo guarda e sorride. Poi parla:
«Mi scusi, non volevo spaventarla».
È lei che si sta scusando? Lui strabuzza gli occhi incredulo, sempre in assoluto e colpevole silenzio.
«Forse è colpa mia – continua lei con quella voce da sirena – in questi giorni ho un po’ esagerato».
Ecco la conferma, lei sa, ha sempre saputo! Maleducata e meravigliosa, al suo sorriso si perdona tutto.
«Vede, caro signore, il fatto è che, a me, piace essere guardata».
Poi si muove, cammina per la stanza, leggera come una ninfa delle acque, si guarda attorno, si avvicina a un vecchio stereo e, semplicemente sfiorandolo, gli dà vita.
Lui la segue con lo sguardo, quella donna non si muove, danza. Oscilla nel mondo dispensando femminilità. Dalle casse del vecchio stereo fluisce il suono dei violini che riempie ogni cosa.
«Le piace questa canzone?» dice lei ondeggiando.
Guglielmo annuisce, ancora nudo, con le mani a coprire la sua indecente erezione.
«Perché non balliamo?» si illumina lei, come a fare il verso a uno dei racconti più celebri di Raymond Carver, già, perché non balliamo?
Ora lui deglutisce forte, trova assurdo quello che sta succedendo, si chiede addirittura se ha capito bene, se per caso sia riuscito davvero a sparire e lei stia parlando a qualcun altro, magari a uno dei suoi marinai tatuati.
Ma non c’è nessuno su questa nave dondolante, nessuno a parte lui, il mozzo di bordo a cui è stato appena proposto di diventare capitano, anche solo per un giorno. Il giorno più bello della sua vita. Abbassa lo sguardo su di sé, come a dire che forse il suo abbigliamento è poco adatto a un ballo da crociera.
Lei piega appena la testa e gli regala il diamante di una risata cristallina «Ha ragione, dobbiamo assolutamente rimediare».
Il signor Guglielmo Innocenzi gode di ottima salute, in quasi cinquant’anni il suo cuore mai ha mostrato segni di cedimento. Fino a oggi. Nel momento esatto in cui quella donna, davanti ai suoi occhi, inizia lentamente a denudarsi. Potesse farlo ora un esame cardiologico, scoprirebbe di essere nel bel mezzo di un dolcissimo infarto.
Ma per ballare con quella splendida creatura, val la pena anche di crepare.
Ora, lei, si lascia ammirare vestita solo di morbida seduzione, una pagina nuda, che alternando i passi si avvicina, come in un sussurro di Charles Baudelaire: Un angelo o una sirena, fata dagli occhi di velluto, ritmo, profumo, luce, mia unica regina!
«Permette?» gli dice tendendo le mani. Lui scioglie l’intreccio dal suo pube, libero di mostrarsi uomo al cospetto di cotanta donna. Si avvicinano, con passi sempre più piccoli, scivolano uno dentro l’altra e, in quell’abbraccio, iniziano a danzare.

La stanza gira, una vertigine ubriaca di poesia, che si scioglie nella penombra di quella camera da letto. Proprio al centro un uomo e una donna si tengono fra di loro, legati dalla incredibile magia del caso, che li ha portati a ballare insieme, completamente nudi, senza conoscere l’uno il nome dell’altra.
Il signor Innocenzi vorrebbe dire tante cose, adesso. Ma teme che anche il più piccolo sussurro possa guastare l’atmosfera di questo momento incredibile.
Lui la guarda e lei non la smette di sorridere. Perché sorridi sempre, donna di luce, perché? Sei felice? O è forse il mio corpo nudo che ti piega le labbra in quel modo così bello?
Melville me l’aveva detto, mi aveva messo in guardia: Un sorriso è il mezzo scelto per ogni ambiguità.
Qualunque sia il motivo non smettere, continua a mostrarmi i denti bianchi perché quando ridi io mi sento piccolissimo e fortissimo nello stesso momento, quando ridi, tu, io sono vivo!
«È stanco?» lo sorprende lei quasi sussurrando.
Lui vorrebbe dire che no, non è affatto stanco, che sente scorrere in corpo un’energia tale che potrebbe ballare su una nave che fa il giro del mondo, senza smetterla fino alla fine del viaggio.
«Venga qui – continua lei – si stenda».
Guglielmo si lascia scivolare sul letto di quella donna, senza smettere di guardarla, i seni gonfi, materni, adagiati su un corpo snello e delicato. La meraviglia riflessa nei suoi occhi, che brillano di emozione, come candele mosse dal vento.
La guarda avvicinarsi al letto, con movenze feline, si stende su un fianco, proprio accanto a lui.
Poi muove una delle sue incantevoli mani, con le lunghe unghie dipinte. La stende sul suo petto di uomo, iniziando ad accarezzarlo, lentamente.
Sospira ora il signor Innocenzi, mentre la mano si muove verso il basso, gli graffia delicatamente la pancia e scende più giù, ad accogliere la sua irruente virilità.
Poi danza, al ritmo del suo cuore eccitato.

Chiudi gli occhi, signore mio.
Torna a essere bambino in questa atmosfera dorata da Mille e una notte.
Qui, stesa accanto a te, c’è la tua Shahrazād, pronta a incantarti con un’altra delle sue storie. Una Novella fra le più antiche del mondo, un richiamo che viene dal passato, si muove fra le dita affusolate, strette intorno al tuo sesso vigoroso.
Chiudi gli occhi, signore bambino e annega nel piacere più dolce che c’è, il lento incedere della mia mano, ora, su di te, sorriso di donna che ti coccola, nel prestigio solenne di una sontuosa pippa.
Il signor Innocenzi geme, ad alta voce adesso, libera l’eco di un Nettuno dio degli abissi, sul letto impazzito dell’oceano.
Fra le gambe le scosse si fanno rapide, gli strizzano i coglioni e lo portano a spruzzare tutto il suo animalesco piacere, come non avesse mai fine, come stesse svuotando tutto il proprio corpo nella sborrata più forte e più bella di tutta la sua vita.

Ride ora, il bambino uomo, ride ubriaco di piacere e apre gli occhi, solo adesso lo fa. Non c’è nessuno in quella stanza, si è perso in un sogno meraviglioso. Ha dato vita e voce a quella donna che in pochi giorni ha saputo stravolgerlo per poi riportarlo alla vita.
Non leggerò mai più niente, pensa, niente che non sia una donna, la più bella storia fra le storie.
Adesso si alza dal letto, stanco e felice, ha la mano sporca e scopre anche di aver macchiato il letto di quella sconosciuta.
Forse il vino, forse la canna, l’orgasmo o più semplicemente la sua nuova aura di follia, decide di lasciare tutto così, perché in quelle macchie di piacere vede il ringraziamento più intenso che può donare a quella donna. Tu mi hai distrutto, tu mi hai salvato, ogni goccia su questo letto ti appartiene.
Poi si rimette l’accappatoio, fa tutto il percorso alla rovescia, chiude le persiane e in un oplà è di nuovo a casa sua.
Sotto la doccia avviene un’ultima cosa decisamente insolita: si mette a cantare. Quel vecchio dolce brano che parla d’estate, in un mare infinito di violini.

[fine?]

































No.
Non del tutto almeno.
So bene quanto sarebbe romantico lasciarlo così, il nostro uomo, con il ricordo scabroso di un’estate che non dimenticherà mai.
Anche a livello narrativo, sarebbe un finale davvero perfetto, me ne rendo conto.
La verità, però, è che c’è ancora qualcos’altro da raccontare. Qualcosa che porterà questa vicenda a un epilogo diverso. Ci ho pensato a lungo e alla fine ho deciso di pubblicare anche questa parte, come fosse un nuovo finale.
Lascio al lettore la possibilità di decidere quale delle due versioni preferisce.
State pensando che è strano? Che una cosa del genere non si può fare?
Allora vi regalo l’ultima citazione, che arriva alla fine della lunga serie di frasi che ci ha accompagnato nel corso di questa storia:

“Io scrivo. E con le parole posso fare tutto ciò che voglio. Posso piegare il tempo e lo spazio, sovvertire le regole di qualsiasi morale, impiccare i giusti e celebrare i mostri. Nelle mie storie, io, sono dio.”
Magari non proprio umile ma ammetterete che è terribilmente efficace. Di chi è questa frase? Questo no, non ve lo dico.


Lunedì notte
La notte dell’estate è una grande vestaglia nera, traforata di stelle, distesa su ogni cosa. Talvolta alza un poco la gonna e lascia filtrare un alito malizioso di vento, che è sollievo per il sonno dei vacanzieri.
Sul lungomare, i più giovani, godono degli ultimi scampoli della bella stagione. Si ritrovano al bar per interminabili aperitivi che spesso si protraggono fino a notte fonda. D’estate, l’alcol scivola con troppa facilità giù per le gole secche, perdere il conto dei bicchieri è decisamente frequente.
I due appartamenti gemelli, a quest’ora, sono invece avvolti da un silenzio quasi assoluto. Solo le cicale, lì fuori, sembra abbiano improvvisamente un sacco di cose da dirsi.
Il signor Innocenzi è steso nel suo letto, sta sognando qualcosa di bello, evidentemente, perché ha il volto sereno, disteso e rilassato.
D’un tratto però, qualcosa disturba il suo sogno, un rumore secco e legnoso, qualcosa come di passi, incerti e claudicanti.
Subito si ridesta, si alza seduto sul letto, gli occhi ancora stropicciati dal sonno. Le orecchie tese, ormai allenate a frugare l’aria in cerca di musica, non riescono a restituirgli un’immagine adatta a quel suono affaticato. Ora i colpi si placano e al loro posto sente il tintinnare di un mazzo di chiavi.
Decide di alzarsi, arriva scalzo fino alla porta di casa e chiude un occhio, usando l’altro per sbirciare il suo pianerottolo. Attraverso la lente tonda dello spioncino vede una donna, di spalle, sta provando a infilare la chiave nella toppa, con insolita fatica.
È la sua vicina di casa, indossa un delizioso vestito turchese con decorazioni geometriche eleganti e un po’ retrò. Ora la sente, pare bisbigliare qualcosa come parlasse da sola, la chiave le cade dalla mano e lei scoppia a ridere.
Meno azzurra del solito, la sua voce risuona impastata, stranamente accartocciata.
Compie un altro grande sforzo per piegarsi e raccogliere il mazzo di chiavi, prova a infilarlo, di nuovo e di nuovo questo cade a terra.
Adesso sbuffa, infastidita, si accoscia svelando l’incanto di un paio di sandali rossi dal tacco estremamente sottile.
Quando riesce finalmente a fare centro gira la chiave e biascica qualcosa, qualcosa come un “e che cazzo!” poi scoppia ancora a ridere e sparisce dentro casa, barcollando vistosamente.
Il signor Innocenzi ha seguito tutta la scena a bocca aperta, gli sfugge ancora il motivo di quell’atteggiamento insolito e piuttosto clownesco.
C’è qualcosa però che adesso lo colpisce, il riflesso argentato delle chiavi, rimaste conficcate nella porta di casa.
“Uh”, sospira stupito, poi si guarda attorno come cercasse consigli sul da farsi. Torna a sbirciare e il mazzo di chiavi è ancora lì, in silenziosa attesa.
Potrebbe essere un occasione per.. dimostrarsi cortesi con quella ragazza sbadata. Uscire un attimo, giusto un secondo, recuperare quel groviglio d’argento e riconsegnarlo alla legittima proprietaria. Più che altro è per una questione di sicurezza, in questo momento chiunque potrebbe entrare in quella casa e.. c’è certa gente in giro!
No?
Guglielmo esce sul pianerottolo in preda a uno strano nervosismo. Questo ennesimo fuori programma ha strade sconosciute, sta per incontrarla?
Allunga la mano verso le chiavi, le accarezza, lasciandole tintinnare fra le dita, poi le afferra, ruota il polso e la serratura fa clac.
Quando entra in quella casa viene inghiottito da un buio fitto appena macchiato dalla luce che filtra dalle finestre. Riconosce un piccolo tavolino lì in basso su cui abbandona il mazzo di chiavi. Sa bene che ora dovrebbe fare dietrofront e tornare al suo sogno lasciato a metà, che la sua visita di cortesia è già conclusa.
Forse dovrei andarmene pensa, poi però qualcosa cattura la sua attenzione, il profilo di una gamba distesa che spunta da dietro la parete, un polpaccio affusolato che scivola nella vertigine di un tacco sottile.
Lui fa un passo, col cuore che pompa a un ritmo forsennato, poi ne fa un altro, un altro ancora e infine la vede.
Abbandonata sul divano, ancora vestita, sembra sia svenuta, come una bella addormentata in un bosco oscuro, dai cui alberi pendono calici di spritz.
Dovrei proprio andarmene.

Lei gli dà la schiena, anche stavolta, come ogni volta, il viso affondato sui morbidi cuscini del piccolo divano, la posa scomposta di chi è letteralmente crollato sul primo giaciglio disponibile.
Il signor Innocenzi si ritrova di nuovo in una situazione che non conosce, cosa deve fare? Forse quella ragazza sta male? Forse ha bisogno d’aiuto?
Non sa, evidentemente, che un buon sonno è la cura migliore dopo una sbronza colossale.
Si avvicina a quella venere addormentata, allunga una mano tremante e le sfiora una spalla. Lei non reagisce. È la prima volta che tocca quella pelle di seta.
Sì.
Dovrei decisamente andarmene. Continua a ripeterlo, come una litania.

Prova con un’altra carezza, più intensa, indugia con la mano e attende una sua risposta, un segno, un urlo magari, qualcosa che gli faccia capire che deve fermarsi.
Ma nessuno lo ferma.
La sua mano scivola ora, lungo la schiena coperta dalla sottile stoffa del vestito, si perde nelle sensazioni tattili di quel corpo sodo e caldo.
Quando arriva all’altezza della vita si blocca, fa un lunghissimo sospiro, attende inutilmente che lei si ridesti.
Si è accorta che sono qui? Mi sente?
Senza attendere risposte che nessuno gli darà lascia cadere la sua mano sul culo rotondo della sua vicina di casa. L’estasi del contatto lo pervade, neanche nei suoi sogni più belli avrebbe mai immaginato di poter toccare liberamente un corpo così perfetto.
Si guarda attorno, mentre lo fa, come avesse il presentimento di essere improvvisamente finito in uno strano racconto, sente migliaia di occhi che leggono ogni suo movimento.
Dovrei andarmene?

Stia tranquillo, noi continueremo a osservarla senza ovviamente poter intervenire. D’altronde, la narrazione, è una sorta di dittatura. Lei però, è davvero sicuro di quello che sta facendo?

Gli occhi di Guglielmo ondeggiano indecisi sul corpo inerme della sua dirimpettaia e nella penombra riconoscono qualcosa che il suo cuore brama da giorni ormai: la sagoma affusolata di un piede femminile, fasciato dai lacci di un sandalo elegante.
Dovrei?

Quell’immagine lo tormenta da giorni, da quando li ha visti la prima volta agitarsi su quel balcone. Lo stomaco si fa gabbia per farfalle leggere, dalle ali terribilmente affilate. Quei piedi sono gioia e maledizione. Ora, però, può finalmente affrontarli.
Si piega su sé stesso l’uomo di carta, come fosse un origami, avvolge il polpaccio con le mani, lo trova incredibilmente tonico. La carne di una Donna, nome proprio che esige la maiuscola.
Dal polpaccio scivola in basso, fa conoscenza con le linee arcuate di quella caviglia incredibilmente sottile, una geometria solida che gli azzera la salivazione.
Infine, sprofonda in paradiso. Il tallone gli appare levigato, estremamente liscio, come fosse stato lavorato dal più abile degli artigiani. Afferra il laccetto del sandalo, deglutisce forte e poi lo sfila, con un movimento estremamente piccolo.
Afferra con delicatezza quel piede abbronzato, se lo porta davanti agli occhi, un odore familiare lo avvolge, terribilmente più intenso di tutto quello che ha sniffato via dalle sue scarpe.
Quale assoluta meraviglia gli brilla negli occhi adesso, disperato e commosso, eccitato come un ragazzino. Non è vero, si ripete, non può essere, è solo un altro sogno. Un sogno bellissimo.
Dovrei?

Sì..
Devo assolutamente.

Sta lentamente mutando in qualcosa che non ha mai neanche immaginato di poter essere.
Un dolcissimo depravato, che adesso spalanca la bocca e inizia a leccare il piede accaldato di quella donna. Il sale gli brucia la lingua.
Di nuovo lei pare agitarsi, ridacchia, forse per il solletico. Lui si blocca di colpo, con la punta della lingua ancora poggiata sul tallone della sua vicina di casa. Quando lei sprofonda di nuovo nel suo sonno alcolico lui tira un grande sospiro e riprende la degustazione. Morbosa, deliziosa tortura di sapori speziati e profumi pungenti, il paradiso dei suoi sensi ubriachi.

Quando alza lo sguardo però, un’ombra rotonda gli eclissa lo sguardo, capisce che il paradiso è un posto senza limiti.
Risale lungo la gamba, lentamente, senza mai staccare la lingua, ci lascia sopra una scia brillante di saliva.
Poi si infila sotto la gonna, stringe forte i denti, la fronte imperlata di sudore, cosa fa signor Innocenzi? Cosa diamine sta facendo?

Si sente improvvisamente mancare, nell’estasi odorosa che sa di intimità violata, non resiste alla tentazione di darle tanti piccoli baci, baci che diventano morsi delicati, morsi che mettono fame e fame che lo obbliga a darsi di nuovo da fare con la lingua.
Continuerebbe a leccarle il culo per sempre. Con la febbre alta di chi sta scoprendo piaceri immensi, benedetti dal dio della lussuria, se ne esiste uno.
Forse è proprio quel dio a guidargli le mani ora, a fargli afferrare il bordo del perizoma, a convincerlo che può abbassarlo, piano, fino alle ginocchia. Poi la stessa voce gli dice di prendere il vestito e sollevarlo, con la medesima cura.
Anche le farfalle, dentro la sua pancia, sospirano estasiate.
Un roseo mappamondo nudo, di pelle tesa, gli si presenta davanti agli occhi, diviso da un solco infinito. Lui inizia ad accarezzarlo con le dita, come tracciasse le rotte di viaggi meravigliosi.
Quando il suo girovagare giunge al centro del mondo sente un calore più intenso sotto ai polpastrelli, percorre prima la linea verticale della vagina, salendo, quasi sfiorandola, poi arriva allo scrigno bruno.
Un insieme che richiama alla mente la lettera “i”.
“I”, come?
Si rigira questa ennesima stupida domanda nella testa quando, come un bambino curioso, preme il dito sul puntino di quella “i”, lo sente aprirsi, si sente risucchiare da quello che è sicuramente il più folle dei suoi pensieri. Proprio in quel momento il dio della lussuria gli suggerisce il mistero che inizia proprio con quella lettera. Guglielmo sente la frustata di una folgorazione, come se quella fosse la risposta alle innumerevoli domande che si è fatto in questi giorni.
Si alza in piedi, come un automa, guarda quel culo nudo con occhi che non sono più i suoi. Poi va in bagno, in quel bagno che ormai conosce fin troppo bene.
Quando riappare tiene in una mano un grosso flacone di liquido ambrato. Di nuovo cade in ginocchio, accecato dalla furia della passione, si abbassa le mutande lasciando saltare fuori un’erezione marmorea, quasi dolorosa.
Resta così per un attimo, col cazzo dritto puntato contro quella splendida ragazza seminuda. Fermami, adesso.
Fermami, fermatemi, io, da solo, non ci riesco.
Prende il flacone, toglie il tappo e si versa una noce d’olio nel palmo della mano. Poi l’avvicina alle natiche semi aperte, proprio lì, in mezzo, nel centro della sua inarrestabile ossessione, senza più ricordarsi chi è, si è perso definitivamente, smarrito in un labirinto in cui la ragione e la morale sono concetti del tutto evanescenti.
Si spaventa adesso, perché quella ragazza si muove di nuovo, alza la testa, si volta e lo guarda dritto in faccia.

È la prima volta che succede, da quando questa follia è iniziata, solo ora lui intravede nel buio le fattezze di un viso candido e sensuale, un’anima che vive di contrasti, una bambina già donna, di una bellezza che toglie il fiato. Un’onda di capelli le accarezza la fronte.
Gli occhi stretti come fessure, spenti dal sonno etilico, pare lo guardi senza vederlo, senza riconoscerlo, senza forse neanche capire cosa stia realmente succedendo in casa sua.
Poi si mette a ridere.
Perché ridi ancora, donna delle tenebre, perché? Sei felice? O è forse il mio corpo nudo che ti piega le labbra in quel modo così bello?
La ragazza ubriaca tende una mano, raggiunge il volto del signor Innocenzi, non si capisce se voglia dargli uno schiaffo o fargli una carezza, comunque lo manca, più volte, muovendo solo aria davanti al suo viso.
Quanto basta per sbrodolare un’altra deliziosa risata da clown e poi franare di nuovo sul divano.
Il signor Guglielmo Innocenzi giurerà, un giorno, di aver decifrato, fra i rantoli di quella risata, una frase chiara, un vecchio motto latino di Orazio: Carpe diem.
Adesso si afferra il cazzo, lo accarezza un paio di volte con la mano unta e poi lo avvicina al culo di quella ragazza, la cappella preme sulla sua intimità, ne avverte il calore, ne sente la resistenza.
Poi,
con lentezza disperata,
spinge il bacino,
iniziando a schiuderla.
La sua carne sparisce, un centimetro alla volta, ingoiata da quel corpo che tanto lo ha fatto impazzire in questi giorni. Sembra non finire mai, tra scosse di scandaloso piacere che gli stringono il sesso.
Quando è ormai completamente prigioniero di quella donna le afferra i fianchi e inizia a muoversi.
Lei si lamenta. Muove le mani lasciandole scorrere sul divano, artiglia i cuscini con le unghie rosse e inizia a stringerli forte. Chissà cosa le dice ora il suo cervello annebbiato, chissà se capisce che il suo sconosciuto vicino di casa la sta violentando nel cuore della notte, forse lo sogna, mescola fantasia e realtà e il suo lamento roco si scioglie in un verso che pare davvero un gemito di piacere.
Guglielmo è allo sbando, la sbatte forte nel culo chiudendo un cerchio che li ha visti giocare per giorni, in bilico, sul filo sottile del desiderio.
Si guarda fra le gambe e vede il suo sesso sparire e riapparire in fotogrammi sempre più rapidi, l’immagine lo eccita, si muove come un animale, vorrebbe entrarle dentro e restare lì per sempre.
I suoi colpi si fanno più forti, avanti e indietro, la carne di quella donna stretta intorno al cazzo, dentro e fuori, col cuore che inizia a battere improvvisamente troppo forte, avanti e indietro, le scosse iniziano a incendiargli il basso ventre, dentro e fuori, ha l’impressione che lei stia accompagnando il movimento, in quella danza folle che adesso, lo porta a esplodere.
Il cazzo si tende, come una corda, spruzzando anche l’anima dentro il culo di quella bellissima donna, lui si sente morire, come inghiottito dalle onde della notte. Il mare nero, fuori dalla finestra, assiste inerme a quell’esplosione che schizza come un fuoco d’artificio, c’è solo l’urlo di quell’uomo a graffiare il cielo di questa indimenticabile, folle, estate.

Respiro, adesso. Ho un gran bisogno d’aria.
È una scena strana, lo so. Una scena di fronte alla quale, forse, non si sa bene come sentirsi.
Forse è ancor più strano immaginare che io la stia scrivendo proprio qui, in spiaggia, col mare azzurro davanti agli occhi, sotto un bianco ombrellone.
A qualche metro da me, c’è una famigliola che l’anno scorso è stata involontaria protagonista di un altro mio racconto estivo. Ogni tanto mi è capitato di chiedermi come sarebbe stato, per loro, ritrovarsi fra le righe di una storia erotica, pubblicata sul web.
Questa estate, nell’appartamento accanto al mio, c’è un signore che avrà almeno dieci anni più di me. È un tipo silenzioso, non l’ho mai visto in spiaggia.
Una sera, mentre mi lasciavo accarezzare dall’aria fresca del balcone, l’ho visto che leggeva un libro. Ci siamo scambiati un breve sorriso e forse in quel gesto piccolo ho acceso la lampadina su una nuova storia.
Chissà come reagirebbe leggendo questo racconto.
In ogni caso, lo ringrazio, lui non lo sa ma ha reso più intensa la mia estate.

Il signor Guglielmo Innocenzi, invece, ripartirà dalla piccola località estiva nel cuore della notte, subito dopo quell’amplesso così brutale. Uscirà dal corpo di quella sconosciuta, dalla sua casa e anche dalla sua vita.
Il ritorno nella grande città sarà più difficile del solito, troverà faticoso riprendere le sue vecchie abitudini senza respirare continuamente un senso di ansia e di apprensione.
Ogni volta che sentirà un rumore, fuori dalla porta, immaginerà che la polizia sia venuto a prenderlo, dopo che quella ragazza lo ha denunciato.
Continuerà a chiedersi cosa abbia pensato, lei, al suo risveglio. Se davvero non si è accorta di niente. È veramente possibile?
Altre volte, la mente di Guglielmo si perderà in strane fantasie, sogni alternativi in cui quella ragazza vuole rivederlo, si mette magari a cercarlo e sia lei a presentarsi alla sua porta, col suo sorriso acceso.
È questo contrasto di pensieri che lo animerà da dentro nel preciso istante in cui, qualcuno, busserà un giorno alla sua porta.
Lui farà quei pochi passi senza quasi respirare, afferrerà la maniglia, ruoterà il polso e la serratura farà clac.
Quando aprirà la porta il suo viso si scioglierà in una maschera di assoluto stupore.
Poi abbasserà lo sguardo.
E i suoi occhi si riempiranno di rosso.

Questo racconto di è stato letto 3 0 5 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.