E la chiamano estate (Assaggiami)

Scritto da , il 2019-08-27, genere feticismo

[dove eravamo rimasti?]

Si parlava dell’estate, la stagione più calda, che ci porta a essere tutti terribilmente disinibiti. Le donne soprattutto, sembra vengano colte da un’improvvisa voglia di spogliarsi e andarsene in giro con aria maliziosamente distratta, libere di indossare un numero di capi d’abbigliamento che non supera mai le dita di una mano. Se possibile anche meno.
In casa poi, quel numero si azzera con sorprendente facilità. Quando un alito di vento benedetto entra dalla finestra è un piacere farsi trovare completamente nude.
C’è qualcuno sul balcone accanto a quello del signor Innocenzi, qualcuno senza vestiti addosso.
Quel qualcuno, però, è un uomo.

Un uomo dall’aspetto piuttosto rude, le spalle larghe coperte da certi grossi tatuaggi, la barba folta, sembra uscito fuori da un romanzo di Conrad.
Il signor Innocenzi istintivamente si ritira, fa un passo indietro e urta qualcosa. Il rumore desta l’attenzione di quello sconosciuto che si volta e lo vede, avvolto nell’oscurità.
Il marinaio tatuato ora si mostra completamente, fra le gambe ha una specie di cordone da barca che pende rilassato verso il basso. Un organo sessuale che pare la versione in scala del suo proprietario: grosso e prepotente. Anche in queste condizioni è decisamente notevole pensa il nostro protagonista.
I due si scambiano un cenno di saluto, come fosse il primo timido contatto tra un colonizzatore e un indigeno, che non ha nessun problema a esibire tutta la sua virile nudità.
Qualcosa poi richiama l’attenzione di quel selvaggio, una voce femminile che bisbiglia da dentro l’appartamento. Lui si volta, si avvicina alla porta finestra e risponde a bassa voce. I due ridono sommessamente. Di cosa?
Il signor Innocenzi abbassa appena lo sguardo e vede distintamente una mano sbucare fuori dalla finestra, una mano dalle dita lunghe e affusolate, con unghie laccate di rosso. La mano si chiude intorno al grosso uccello dell’uomo tatuato, gli fa un paio di carezze e poi lo trascina dentro casa.
Ha inizio un nuovo spettacolo musicale.
Concerto grosso per voci ambo sessi che praticano la via del piacere.
Lo spettacolo inizia con un introduzione silenziosa, rigata dal suono di qualche altra risata. Ancora? Ma cosa c’è da ridere?
Poi parte la musica vera e propria, un richiamo da foresta pluviale, gemito roco e tumultuoso di uomo che gode.
Perché solo lui? Perché lei non dice niente? Forse lui non è poi così bravo. Lei sta zitta? Non prova piacere? Non può usare la bocca?
“Ah!” pensa Guglielmo all’improvviso, ingenuamente solo ora intuisce il motivo di quel silenzio.
Un po’ ci rimane male, prova una strana forma di gelosia primordiale. Poi però, il suo cervello si mette improvvisamente in moto, le sinapsi si illuminano e iniziano a disegnare l’immagine da cui proviene il gemito di quel maschio con la barba.
Come quando legge uno dei suoi libri, lascia che la sua fantasia inventi i mondi suggeriti dalle parole scritte, in questo caso da quei suoni così evidenti.
La vede.
Quella ragazza incredibile, completamente nuda, giù sulle ginocchia, il volto sempre offuscato, sempre avvolto dal mistero.
Vede però le sue labbra, dipinte dall’immancabile rosso, dischiuse da quel grosso cazzo che scivola dentro la sua bocca. Carne da succhiare, carne da gustare e assaporare. Golosa femmina impegnata nella soave arte del pompino.
Rientra in casa quasi barcollando, si avvicina alla parete che lo divide da quello spettacolo di orale indecenza carnale. Poggia il suo orecchio contro il muro, come il più meschino degli spioni.
La musica è sempre quella. Un grugnito smorzato che ogni tanto articola parole come “brava”, “sei brava”, “sì”, “sì”, “così!”.
Il signor Innocenzi ingoia i propri respiri, quelle parole sussurrate svelano nuove preziose intimità della sua misteriosa vicina di casa. Brava – ripete nella sua testa, come per incitarla – brava, non fermarti! Guglielmo non resiste alla tentazione di slacciarsi i pantaloni e lasciarli cadere sulle gambe, poi fa lo stesso con le mutande. Si afferra il sesso con la mano e inizia ad accarezzarlo dolcemente, come fosse preda di una bocca affamata. Quella, bocca.
Si inserisce in quell’immagine sognata, ne diventa il fortunato protagonista, più quel marinaio geme, più lui prova piacere. Senza fretta stavolta, la sua mano danza al ritmo dei suoi vicini di casa.
Quando la musica si fa più intensa lui chiude gli occhi e sogna, vede una lingua vorace sgusciare fuori da quella bocca sensuale e iniziare a percorrere l’asta turgida, parte dal basso, scivola fino alla cappella violacea, qui si ferma un po’ con un movimento ondulatorio che sembra voglia lucidarla.
Poi scende di nuovo, si perde fra i testicoli gonfi, ci gioca, ne accoglie uno fra le labbra e inizia a succhiarlo con incredibile maestria.
Brava – ripete il signor Innocenzi, non conosce più altre parole – brava.. brava.. – come fosse un mantra – tu.. sei.. bravissima.
Ripensa al cazzo enorme di quella bestia maschio e si scioglie in un lunghissimo sospiro silenzioso, galoppano cavalli selvaggi dentro al suo petto, corrono su praterie infinite, liberi come il vento.
Un istante di quiete lo sorprende, lui ferma la mano, attende.
Ed eccola ora, la voce del mare. Ululato di sirena sbattuta dalle onde più azzurre: ora, sta godendo anche lei.
Il nostro spione non può sapere cosa stia davvero succedendo in quella casa ma ha la libertà di deciderlo, di inventarsi un mondo tutto suo in cui il piacere ha un suo canale ben definito.
Prende il suo telefonino, cerca quella fotografia meravigliosa, di nuovo la ingigantisce e la porta davanti agli occhi. Piccolissimo scrigno da violare, adesso, qui, in questo incredibile momento.
Di nuovo la “vede”, piegata in una quadrupedia quasi animale, le cosce tese, il culo procace. Il marinaio dietro di lei, si fa strada fra le sue natiche, la penetra per la via più indecente. Poi inizia a muoversi, dentro il suo corpo. Le grosse tette danzano, madide di sudore.
I colpi, di là, si fanno più forti. Le voci più alte, torrenti di vocali ansimate, ringhiate, sussurrate.
Un amplesso brutale, con tre inaspettati protagonisti, che godono contemporaneamente. Sempre più forte, sempre più dentro, nelle viscere di quella donna che non la smette di urlare quanto le piace.
Il terzo incomodo sente tutto, partecipa a suo modo, calibrando il ritmo della mano con quello dei due giovani animali.
La foto sempre vicino agli occhi, dentro agli occhi, dentro la testa: studio anatomico di una sodomizzazione violenta che adesso, lo porta ad esplodere.
Gode il signor Guglielmo Innocenzi, quasi cinquant’anni e un passione smodata per la letteratura, soprattutto quella più alta, gode trasfigurato da un piacere che forse mai aveva conosciuto, il telefono gli cade dalla mano e inizia a schizzare tutto il suo piacere imbrattando la parete della vecchia casa di famiglia. Un boato di vulcano a riposo da troppo tempo si scioglie nella sua gola e lo porta a ruggire forte, forse un po’ troppo forte.
Dall’altra parte del muro, di colpo, tutto tace.
L’hanno sentito?
Lui questo non lo sa ma improvvisamente si sente di troppo in mezzo a quella tempesta, ricorda di essere un uomo più adatto alle sale di lettura che non al mare aperto della passione.
Si rialza i pantaloni camminando all’indietro, quasi vorrebbe scusarsi, fa una breve e silenziosissima pausa in bagno e va a nascondersi nel suo letto.
C’è ancora qualche rumore soffocato che arriva dall’altra casa, stanno ancora ridendo? Per quanto ne avranno ancora?
Guglielmo è sfinito, per lui la traversata marittima può finire qui. Chiude gli occhi provando a distrarsi, si ripete mentalmente quegli splendidi tre versi del Quasimodo a cui la sua mente sconvolta fa una piccolissima e involontaria modifica.
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un turgido e possente raggio di sole:
ed è subito sera.

Buonanotte, signor Innocenzi.




Domenica
Dopo aver scritto un racconto ero sempre vuoto e triste e felice insieme, come avessi fatto l’amore.
Queste parole le ha scritte quel pazzo di Ernest Hemingway e, se ci pensate, descrivono molto bene quello che succede qui dentro.
Lo avete mai avuto un orgasmo leggendo un racconto di questo sito? È una domanda sciocca, lo so ma quello che voglio farvi balenare davanti agli occhi è la prospettiva, tremendamente poetica, di aver fatto in quel modo l’amore con chi, quelle parole, le ha scritte.
Scommetto che state sorridendo e che sia soprattutto l’uso della parola “amore” a divertirvi così tanto. Ammettere di essersi fatti una scopata con un autrice o un autore senza volto è decisamente meno imbarazzante (ma io eviterei comunque di farlo sapere a vostra moglie(o a vostro marito)).
Pensate però, per un attimo, a quanti ingredienti segreti gli autori nascondono nelle loro storie. Desideri, ossessioni, esperienze vissute o anche solo immaginate, fantasie che non avrebbero mai il coraggio di confidare a qualcuno.
Questo cambia un po’ il senso dei vostri orgasmi, no?

È un po’ quello che ieri sera è successo al protagonista di questa mia storia, autore, attore e spettatore del racconto erotico avvenuto in quei due appartamenti speculari, divisi solo da una sottile parete.
È già mattina da un pezzo ma lui è ancora nel suo letto col corpo stirato da una stanchezza infinita. La passione è una fatica a cui davvero non era abituato.
Gli occhi oscillano nel buio, ogni volta che si posano da qualche parte ci trovano le linee luminose di un conturbante corpo femminile. Poi scappano, di nuovo, come mosche spaventate, senza più pace.
Due giorni sono bastati a disfare la matassa della sua vita, piegata ora dalla delicata potenza di un’erotica ossessione. Chi è quella donna? Cosa farà ancora? Quando? Perché?
Non ha più lucidità per farsi queste inutili domande. A cosa servono?
Il suo sguardo inquieto inquadra ora la pila di libri lì di fianco, amanti traditi che lo puniscono con l’onta del silenzio, come donne offese.
Una vita passata a lasciarsi cullare dalle parole scritte dai più grandi autori. Mondi sconosciuti, battaglie epiche, amori disperati, immaginati dalla comoda platea della propria poltrona.
Cosa succede se a un certo punto ti ritrovi a essere il personaggio di un racconto? Corpo di carne che improvvisamente si fa fragile, percorso da emozioni sconosciute, schiacciato fino a diventare un Uomo di carta.
Perché?
Perché proprio a me?
Basta.
È tempo di alzarsi da quel letto sudicio, tempo di provare a recuperare un po’ della propria dignità.
Non c’è più la ritmica scansione di un orario nella sua casa, non ci sono più il giorno o la notte, c’è solo un tempo che oscilla sul metronomo della vita di quella sconosciuta.
Il signor Guglielmo Innocenzi si alza dal letto e il primo pensiero che riesce a comporre è: sarà in casa adesso?
Si dirige subito in balcone, riprende la sua posizione seminascosta, da piccola vedetta lombarda.
Non vede niente.
Non sente niente.
Chissà che ore sono, magari dorme.
Si sente quasi sollevato, trotterella verso il bagno, ha un disperato bisogno di una doccia.

Indossato il suo accappatoio giallo torna in cucina e il primo passo che fa per ricostruire la propria vita è la preparazione di un buon caffè.
L’abitudine è un movimento che porta serenità, decide di uscire a berlo sul suo balcone così, in accappatoio. Libero di godere anche lui dell’agiatezza della stagione estiva. Un leggero soffio di vento si infila sotto l’indumento, accarezzandogli dolcemente i testicoli ancora umidi di doccia.
E se per caso se la ritrova davanti?
Pazienza, dice l’uomo di cultura, vorrà dire che ci saluteremo, con cortesia, come si usa tra persone per bene.
Eccolo lì fuori, ad affrontare il sole, armato di tazzina e di un sorriso tagliente, sembra il Grande Gatsby.
Un occhio fisso sulla linea del mare e l’altro sul balcone accanto al suo. Non che sia strabico, s’intende, è solo che, nonostante questa sua nuova presunta sicurezza, quel balcone continua a essere magnete per la sua curiosità.
Non c’è nessuno, lì, adesso.
Le persiane accostate, come il dorso di un libro aperto, silenzio.
Il signor Innocenzi si scopre improvvisamente libero e quello che fa è intonare un motivetto, fischiando con le labbra unite a mo’ di bacio.
Magari adesso mi sente, mi sente ed esce fuori, incuriosita da questa melodia d’aria spensierata. Buongiorno signorina, sa, mi andava di fischiettare.
Tutto tace.
Lui fischia più forte poi ci aggiunge un paio di colpi di tosse, così, tanto per non aver più dubbi ma ancora una volta, nessuno pare accorgersi della sua presenza.
C’è un’idea che sta prendendo piede nella sua testa, un cosa piuttosto folle, ancora poco chiara anche per lui eppure già terribilmente minacciosa.
Abbandona la tazzina ancora piena su un piccolo tavolino di legno e si guarda attorno, cerca qualcosa. Si illumina quando il suo sguardo si posa su un paio di propri calzini, appollaiati su un filo come piccoli passerotti di cotone.
Può succedere, no?
È del tutto normale. Quante volte sarà capitato che il vento dispettoso porti via la biancheria e la depositi sul terrazzino del vicino?
Guglielmo prende uno dei suoi calzini e lo lancia sul balcone adiacente al suo. Poi torna a guardare il mare, con uno sguardo che vorrebbe esprimere la più placida indifferenza.
Il suo occhio destro fa di nuovo quella rotazione innaturale, magari adesso esce, esce e mi restituisce ciò che mi appartiene.
Quel calzino è mio, dice a se stesso quasi indignato, non può tenerselo, è un furto! Io l’ho comprato con i miei soldi e se proprio non vuole restituirmelo..
allora andrò a riprendermelo da solo!

La ricerca della propria dignità è durata appena mezz’ora. Il tempo di una doccia, la preparazione di un caffè che anche oggi si raffredderà nella più totale solitudine. C’è un uomo lassù, un uomo con un buffo accappatoio giallo. Sta scavalcando la piccola balaustra che divide il suo balcone da quello della sua bella vicina di casa. Ha un disperato bisogno di recuperare il suo prezioso calzino di cotone.
Un agente segreto. Un avventuriero. Un killer. Un personaggio da libro giallo (come il suo accappatoio) con lo stomaco stritolato dalla fottuta paura di essere visto da qualcuno e denunciato per violazione di domicilio.
Le gambe gli tremano, il cuore sembra un pugno stretto nella gola, si guarda attorno senza saper bene cosa fare, si ritrova ebbro di una incredibile trasgressione. Oplà, con un salto decisamente poco atletico, il nostro uomo, raggiunge la terra promessa.

Ecco il lettino da mare che ha accolto le morbide forme di quella donna, assorta nella lettura. Ecco il filo teso con l’immancabile costume steso ad asciugare: uno striminzito bikini a righe, bianche. E rosse. Lo sfiora con le dita, si lasciare accarezzare dalle stoffa leggera, mossa dal vento. Poi si volta.
Ecco il suo balcone, proprio lì, specchio improvviso che gli rimanda la propria immagine di spione nascosto dalla porta finestra.
Davvero lei non si è accorta della sua presenza?
Chissà.

E infine.
Ecco le serrande socchiuse, portale magico verso la dimensione misteriosa dell’intimità di quella sconosciuta. Le ante si danno la mano attraverso un piccolo gancio di ferro, basterebbe infilarci la mano, un movimento veloce e incredibilmente piccolo. Basterebbe riuscire a respirare, anche solo per un momento.
Carpe diem – diceva Orazio.
Afferra il giorno, cogli l’attimo perché non ci sarà un altro giorno come questo. Un motto che, spesso, torna in mente a chi sta per fare una cazzata.
Il signor Guglielmo Innocenzi afferra il suo attimo fuggente, infila la mano fra le persiane e accede nella dimora di quella donna conturbante.
Come un esploratore che mette piede per la prima volta in un tempio ancora vergine. Passi lenti, quasi strusciati. Occhi spalancati, ladri e curiosi, ogni cosa, lì dentro, brilla di assoluta meraviglia.
L’appartamento è l’esatta copia del suo, ad eccezione dei mobili ovviamente, che qui tradiscono una certa impersonalità. Arredamento minimale, per vacanzieri che non hanno necessità di godere della casa in un certo modo. Molto meglio trascorrere il tempo sulla spiaggia dorata.
Un piccolo divano si presenta davanti ai suoi occhi e qui arriva la prima sorpresa, il pavimento è pieno di scarpe, abbandonate alla rinfusa.
Lui si accoscia, come su di un campo fiorito, e le osserva con immenso stupore, ognuna di quelle suole è stata calpestata da quei piedi incantevoli. Raccoglie un sandalo basso, con intrecci di cuoio e perline colorate, lo tiene fra le mani come fosse una reliquia. Nelle sue geometrie di seduzione ritrova tracce di una femminilità semplice eppure elegante, raffinata. Ripensa a quei piedi nudi che ondeggiavano sotto al sole cocente, la pelle elastica, rossastra, arricciata in piccolissime pieghe delicate, le linee morbide e sensuali, lo smalto da Donna, dipinto con estrema cura. Non resiste alla tentazione di avvicinare la suola al naso e aspirare forte.
C’è un ricordo di mare, qualcosa che sa di sabbia cristallina e sudore, sale su sale in un enfasi odorosa che lo stordisce. Si volta e trova ad attenderlo un’altra meraviglia: una zeppa di legno dal tacco vertiginoso. La prende fra le mani tremanti e ripete la stessa operazione, una nuova ondata di fragranza femmina lo avvolge. Tic-toc fa il suo cervello, tic-toc di passi legnosi, incedere di donna che sfila ancheggiando sul lungomare. Il suo istinto gli dice che può permettersi un passo in più, carpe diem! Tira fuori la lingua e assaggia la suola impregnata dai piedi accaldati della sua vicina di casa.
Il signor Innocenzi non ha mai pensato a sé stesso come a un feticista, non ha schemi da seguire, risponde solo a un processo chimico che sublima i suoi azzardi in scintille di piacere, quel sapore pungente gli causa un’erezione marmorea che spunta fra le tese dell’accappatoio, come l’uccello di un orologio a cucù. Si guarda attorno, colto da inutile imbarazzo, scusate, pare dire ai mobili silenziosi, non è colpa mia.
Il terzo incredibile passo da fare, su questa strada tortuosa, è quello di prendere quella scarpa elegante e infilarci dentro il proprio sesso.
Chiude gli occhi e pensa: qui dove era quel piede divino, adesso c’è il mio pisello. Un operazione matematica che lo porta a immaginare un contatto che, ovviamente, non c’è mai stato. Afferra la bella scarpa fra le mani, inizia a muoverla avanti e indietro, lasciando scivolare il legno anatomico sui testicoli. Lo infiamma il desiderio di entrare il più possibile nell’intimità di quella dea femmina. Con l’istinto morboso e blasfemo di sporcarla, in qualche modo. Quando si guarda fra le gambe pensa che quel contatto, in qualche modo, avverrà. Una piccola goccia di liquido pre-spermatico è rimasta proprio lì, sulla suola levigata.
Lei indosserà le sue scarpe e chiuderà il cerchio trovandoci dentro tracce invisibili del passaggio del suo vicino di casa. Se ne accorgerà?
Forse aveva ragione Erasmo da Rotterdam quando diceva che l'unico fatto certo è che senza il condimento della follia non può esistere piacere alcuno.
Guglielmo potrebbe venire così, in preda a questa sgangherata, infantile, follia ma sa che il suo viaggio, è ancora molto lungo.
Chissà, che fine ha fatto, il viaggio che doveva riportarlo alla sua dignità.
Si sfila la bella scarpa dalle gambe e riprende a guardarsi intorno, la sua attenzione è catturata ora da due calici da vino che contengono il resto di un liquido rossastro.
Gli torna in mente il marinaio, coi suoi tatuaggi, l’uomo a cui ieri sera ha sottratto il piacere. Guarda i bicchieri e scopre che uno dei due ha tracce di rossetto sul bordo. Seguendo un assurdo ragionamento, molto simile a quello ideato per le scarpe, porta il bicchiere alla bocca e poggia le labbra sullo stampo lasciato dalla sua vicina di casa. Un bacio. Forse il bacio non dato più forte che si possa immaginare. Si scola quel resto di vino e pensa che è buono, che quella ragazza sa bere, le piace. Prende l’altro bicchiere e svuota anche quello.
C’è anche un posacenere, lì, accanto ai bicchieri. È pieno di certe sigarette bruciacchiate col filtro di carta. Sono tutte rigate di rossetto. Gradisce un altro bacio, sir?
Prende la più lunga tra le dita, la infila fra le labbra, l’accende. La prima boccata lo strangola, causandogli un colpo di tosse, con la seconda ci va leggero. Un aroma ruvido, come di salvia, gli avvolge la lingua. Con la terza e la quarta boccata gli viene una gran voglia di ridere.
Il tempo scorre a velocità impossibili da decifrare, è lì dentro già da un pezzo ormai, si issa su piedi improvvisamente incerti, va verso la piccola cucina e inizia una nuova indagine.
Stoviglie sporche, abbandonate nel lavandino, coppie di piatti e posate, la “loro” cena pensa il signor Innocenzi. Poi apre gli sportelli e fa conoscenza con quella donna attraverso le sue abitudini alimentari.
Roba sana, cereali, frutta, prodotti biologici: ecco come fa ad essere così bella!
Nascosta in un angolo trova una tavoletta di cioccolata aperta, traccia golosa di chi, comunque, non sa resistere al piacere.
Guglielmo la morde e trova molto azzeccato l’abbinamento col vino rosso, ne vuole ancora. Torna in salotto e non trova la bottiglia, si ferma a pensare, dove può essere?
Senza pensarci troppo si incammina verso un’altra stanza piena di sorprese: il bagno. Si mette a guardarlo con attenzione, sa che dall’altra parte del muro c’è casa sua, ricorda di aver ascoltato musiche diverse provenienti da questo ambiente misterioso. Immaginarsi mentre spia la sua vicina in bagno gli scioglie un’altra risatina.
Ecco il lavandino, lo specchio fortunato che può guardare ogni giorno il volto di quella sconosciuta, una piccola mensola piena di prodotti di bellezza, i trucchi magici di una donna che sa come essere attraente. Nota un grosso flacone dal contenuto ambrato, lo apre e annusa. Un dolce profumo di mandorle lo avvolge, aroma di donna, fragranza mielosa di femmina. Ne versa un po’ sulla mano e lo scopre unto e gelatinoso, un olio, lo stesso olio che usa per accarezzarsi il corpo nudo, magari dopo una giornata di sole.
Il suo nuovo azzardo è afferrare il proprio sesso con quella mano unta e iniziare ad accarezzarsi dolcemente. È lei che lo fa, è la sua mano quella che gli scivola sulla pelle tesa.
Di nuovo sente che questa carezza potrebbe condurlo a esplodere di piacere ma, pur nel bel mezzo della più grossa follia della sua vita, trova la lucidità di autodisciplinarsi, non vuole sprecare niente di questo giorno così bello. Forse, azzarda, il più bello della sua vita.
Abbandona il flacone ma non il suo sesso, continua a masturbarsi lentamente mentre si avvicina al bidè, resta perplesso nel trovarci sopra un rasoio, lo afferra e accarezzando le lame le trova ancora umide. Non ha tempo di chiedersi a cosa serva quell’oggetto, la sua attenzione viene catturata da qualcos’altro, uno scrigno incredibilmente prezioso: la cesta dei panni sporchi.
Adesso cade in ginocchio, l’uomo di cultura fattosi porco depravato, avverte una sorta di tachicardia elettrica e inizia a frugare la biancheria usata della sua vicina di casa. Piccole canottiere, minuscoli pantaloncini, gli abiti delle donne appaiono tutti incredibilmente striminziti quando sono svuotati del loro corpo formoso.
Avverte una scossa ancora più grande quando afferra con la mano un delicato paio di piccolissime mutandine nere.
Il primo pensiero che passa per la testa a un uomo poco avvezzo alla seduzione femminile è: ma cosa ci copre con questa roba qui? Poco, signor Innocenzi, davvero molto poco. Quel minuscolo triangolino di stoffa è stato pensato per sedurre e mi pare che ci stia ampiamente riuscendo.
Quando lo porta al naso inizia ad avere allucinazioni da LSD. Forse la primavera è venuta a fare una visita fuori stagione portando con se una scia di dolce, leggerissima, intimità floreale. Il signor Innocenzi è in estasi, continua ad aspirare forte, vorrebbe quell’essenza tutta dentro di sé, delirante e lisergico dichiara a sé stesso che l’Odore della fica è il libro più bello che gli sia mai capitato fra le mani.
Si alza con quel piccolo fiore nero stretto nel pugno e sa che non lo restituirà mai più, è suo adesso, come fosse l’anello magico del più famoso romanzo di J.R.R. Tolkien, quel perizoma, è il suo “tesoro”.
Il furto è solo il più piccolo dei reati che sta commettendo, ora entra in camera da letto e le gambe diventano molli.
Se quella fosse la scena di un delitto l’investigatore non avrebbe nessun dubbio a dichiarare che, lì dentro, due persone hanno mescolato i propri corpi, divorandosi in preda a una passione feroce. Quella camera racconta l’epopea di una grandiosa scopata.
Il letto è ancora sfatto, travolto da una qualche tempesta, i vestiti giacciono abbandonati senza nessuna cura. Sul comodino, accanto a una scatola di preservativi, c’è una bottiglia di vino rosso mezza vuota.
Ecco dov’era, sentenzia il nostro detective, l’afferra e se la scola come se quella fosse la sua parte nell’amplesso della notte scorsa. In fondo, ha partecipato anche lui.
Poi spalanca l’accappatoio, lo lascia scivolare a terra e scopre una nuova emozione, adesso è completamente nudo nella stanza più intima di quella casa. Chissà quante volte, anche lei, è stata lì dentro senza vestiti addosso.
Il signor Innocenzi si allunga su quel letto sfatto e concede al suo naso il lusso di prendersi tutto quello che trova, un misto di odori indecifrabili, l’anima acre del sesso. Allarga le braccia ora, si muove come un bambino che gioca sulla neve candida, ride, morde le lenzuola, struscia il suo sesso duro sul letto. Forse sta davvero impazzendo.
Adesso si volta e fissa il soffitto, lo stesso che guarda anche lei, ogni mattina, appena si sveglia.
Guglielmo decide, in un istante, che è qui che si lascerà bruciare dal piacere.
In una mano tiene ancora le mutandine nere, le porta al viso, le bacia, le infila dentro la bocca. L’altra raggiunge il suo cazzo, ormai congestionato dalla continua stimolazione, che punta verso l’alto.
Il letto prende a cigolare e in quel dondolio gli rimanda le immagini sognate di quella donna e del suo marinaio tatuato.
Chiude gli occhi adesso, naufrago disperso, sul mare mosso della sua perdizione.

La voce azzurra dell’oceano, improvvisamente, lo sorprende.
«Che diamine sta facendo?».


[vuoi sapere cosa succede dopo?]

Questo racconto di è stato letto 3 4 8 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.